Cristina Cassar Scalia

Nata a Noto nel 1977, vive ad Aci Castello dove esercita la professione di medico oftalmologo. Ha esordito nel 2014 con il romanzo La seconda estate (tradotto in Francia e insignito del Premio Capalbio Opera prima) al quale ha fatto seguito l'anno successivo Le stanze dello scirocco, ambientato in Sicilia. Nel 2018 con Sabbia nera ha virato al giallo, introducendo il personaggio del vicequestore Vanina Guarrasi della squadra mobile di Catania. I diritti del libro sono stati opzionati per il cinema e la televisione, e l'anno successivo ha ottenuto il Premio letterario Racalmare Leonardo Sciascia. Le indagini della Guarrasi sono proseguite nel 2019 con La logica della lampara e nel 2020 con La salita dei Saponari. Nei suoi romanzi, soprattutto in quelli con Vanina Guarrasi protagonista, la Sicilia è un anch'essa un elemento centrale, tanto da non apparire come un semplice sfondo delle vicende ma un vero e proprio personaggio, capace di esercitare una potente forza attrattiva nei confronti dei lettori. A luglio 2020 è uscito invece Tre passi per un delitto, scritto insieme a Maurizio de Giovanni e a Giancarlo De Cataldo.

Mentre Catania è avvolta da una pioggia di ceneri dell'Etna, nell'ala abbandonata di una villa signorile alle pendici del vulcano viene ritrovato un corpo di donna ormai mummificato dal tempo. Del caso è incaricato il vicequestore Giovanna Guarrasi, detta Vanina, trentanovenne palermitana trasferita alla Mobile di Catania. La casa è pressoché abbandonata dal 1959, solo Alfio Burrano, nipote del vecchio proprietario, ne occupa saltuariamente qualche stanza. Risalire all'identità del cadavere è complicato, e per riuscirci a Vanina servirà l'aiuto del commissario in pensione Biagio Patanè. I ricordi del vecchio poliziotto la costringeranno a indagare nel passato, conducendola al luogo dove l'intera vicenda ha avuto inizio: un rinomato bordello degli anni Cinquanta conosciuto come «il Valentino». Districandosi tra le ragnatele del tempo, il vicequestore svelerà una storia di avidità e risentimento che tutti credevano ormai sepolta per sempre, e che invece trascinerà con sé una striscia di sangue fino ai giorni nostri.

Un caso scabroso che richiede la cautela e la pazienza dei pescatori alla luce della lampara: come loro, il vicequestore Guarrasi sa bene che per far venire a galla i pesci bisogna aspettare, senza stancarsi. Sono le quattro e trenta del mattino. Dalla loro barca il dottor Manfredi Monterreale e Sante Tammaro, giornalista di un quotidiano online, intravedono sulla costa un uomo che trascina a fatica una grossa valigia e la getta fra gli scogli. Poche ore dopo il vicequestore Vanina Guarrasi riceve una chiamata anonima: una voce femminile riferisce di aver assistito all'uccisione di una ragazza avvenuta quella notte in un villino sul mare. Due fatti che si scoprono legati e danno il via a un'indagine assai più delicata del previsto.

Solo un caso molto complesso può distogliere, anche se per poco, il vicequestore Vanina Guarrasi dalla caccia ai propri fantasmi e riportarla in azione. Anzi, qualcosa di più di un caso: un intrigo internazionale all'ombra dell'Etna. Esteban Torres, cubano-americano con cittadinanza italiana e residenza in Svizzera, viene trovato morto nel parcheggio dell'aeroporto di Catania; qualcuno gli ha sparato al cuore. L'uomo ha un passato oscuro, e girano voci che avesse amicizie pericolose, interessi in attività poco pulite. Eppure le indagini sono completamente arenate: nessun indizio che riesca a sbloccarle. Questo finché a Taormina, dentro un pozzo nel giardino di un albergo, si scopre il cadavere di Roberta Geraci, detta «Bubi». Torres e Bubi si conoscevano. Molto bene. Con l'aiuto della sua squadra e dell'immancabile Biagio Patanè, commissario in pensione che non ha perso il fiuto, Vanina riporterà alla luce segreti che hanno origine in luoghi lontani. Ma non potrà dimenticare gli incubi che la seguono fin da quando viveva a Palermo. Questioni irrisolte che, ancora una volta, minacciano di metterla in pericolo.

Una giovane bellissima, che lavora nel mondo dell'arte, viene uccisa nel proprio appartamento a Roma. Tre personaggi coinvolti per ragioni diverse nell'omicidio forniscono la loro interpretazione dei fatti. Chi nasconde la verità. Chi la manipola. Chi sembra non curarsene. Il commissario Davide Brandi è un poliziotto molto abile, e molto ambizioso. E lui che conduce le indagini. A dargli la parola è Giancarlo De Cataldo. Marco Valerio Guerra è l'amante della vittima. Un uomo d'affari ricchissimo, potente, odiato. A dargli la parola è Maurizio De Giovanni. Anna Carla Santucci è la moglie di Guerra. Scoprire il tradimento del marito non l'ha stupita affatto. A darle la parola è Cristina Cassar Scalia. Le loro versioni non concordano. Ma tutte rappresentano un piccolo passo per arrivare alla soluzione del caso.

Abel Wakaam: Ciao Cristina, nel leggere i tuoi romanzi sembra di percepire il profumo della tua Terra. Il legame che stringe coi personaggi è una simbiosi che sai destreggiare con grande maestria, al punto che probabilmente le storie che racconti non potrebbero vivere altrove. Quanto è indissolubile il loro rapporto col territorio in cui li hai fatti nascere?

Cristina Cassar Scalia: La Sicilia è una protagonista dei miei libri. Non riesce a restare sullo sfondo, né a ricoprire un ruolo di semplice ambientazione. Si appropria della scena e la anima, a me non resta che seguirla.

Abel Wakaam: In Tre passi per un delitto ti sei confrontata con altri due autori: Maurizio De Giovanni e Giancarlo De Cataldo che, a capitoli alterni, hanno dato voce insieme a te ai tre personaggi principali. Questa scelta ha comportato un continuo confronto con loro, oppure vi siete scoperti strada facendo, adattandovi all'immaginario creativo di ognuno?

Cristina Cassar Scalia: Tre passi per un delitto nasce da un’idea di Giancarlo e di Maurizio, che poi hanno pensato di coinvolgermi. Abbiamo costruito insieme la trama, abbiamo creato ognuno il proprio personaggio e li abbiamo confrontati, ma abbiamo cercato di mantenere inalterati i nostri stili. Ci abbiamo lavorato a lungo, divertendoci anche molto.

Abel Wakaam: Nei tuoi libri precedenti, il vicequestore di Polizia si chiama Giovanna Guarrasi. Ama la buona cucina, adora leggere e predilige soprattutto i film ambientati in Sicilia. Si intuisce subito che non è la versione femminile del noto commissario di Vigata, ma è una poliziotta tosta, tenace, con un passato importante all'antimafia a Palermo e il costante impegno contro la criminalità milanese. Quanto è difficile dar vita a una figura di questo genere senza incorrere in scomodi paragoni?

Cristina Cassar Scalia: Ho creato Vanina a immagine e somiglianza della poliziotta che mi sarebbe piaciuto trovare in un libro. Le ho dato un passato ingombrante, è vero, ma mi è servito per raccontare un’epoca che non va dimenticata: quella delle stragi di mafia dei primi anni 90, di cui il padre di Vanina è una vittima. Con Montalbano non ha nulla in comune, ma essere paragonata al Maestro Camilleri è sempre un onore.

Abel Wakaam: Da Sabbia Nera: "Di scenari raccapriccianti, nella sua carriera, il vicequestore Giovanna Guarrasi ne aveva visti assai: uomini incaprettati e bruciati vivi, cadaveri cementati dentro un pilastro, gente sparata, accoltellata, strangolata e via dicendo. Ma l'immagine che le apparve quella sera si poteva descrivere solo con un termine, da lei vilipeso e definito "da romanzo gotico". Macabra. Abbandonato di sghimbescio sul pavimento di un montavivande di un metro e mezzo per un metro e mezzo, giaceva il corpo mummificato di una donna. Il capo, con ancora i resti di un foulard di seta, era piegato a novanta gradi su un cappotto di pelliccia che copriva un tailleur dal colore indistinguibile; appese al collo, tre collane di lunghezza diversa. Sparsi attorno al cadavere, una borsetta, un beauty case di quelli rigidi che si usavano una volta, una bottiglietta di colonia senza tappo e una scatola metallica che aveva tutte le sembianze di una cassetta di sicurezza". Per descrivere certe scene bisogna averle viste o studiate, oppure basta l'immaginazione per ricostruirle in un romanzo, senza perdere la loro cruda realtà?

Cristina Cassar Scalia: Immaginazione pura! Aiutata da una vita di letture e di film, sceneggiati (un tempo) e fiction (oggi) polizieschi .

Abel Wakaam: Nella Logica della lampara il vicequestore sembra accorgersi tardi della soluzione del mistero, come se tu avessi voluto posticipare un evento che i lettori avevano forse intuito in alcune pagine antecedenti. C'è un motivo specifico dietro questa scelta?

Cristina Cassar Scalia: No, la storia era architettata così fin dall’inizio.

Abel Wakaam: Se nei due romanzi precedenti l'evolversi della trama non ha mai abbandonato l'antica Trinacria, nella Salita dei Saponari hai voluto spingerti oltre oceano per trascinare il lettore in un tuffo nel passato. Ma, allo stesso tempo, hai districato il groviglio della matassa riconducendolo là dove tutto era partito. Personalmente adoro questi intrecci, e così la domanda appare scontata: la Sicilia era diventata troppo piccola per le sagaci intuizioni di Giovanna Guarrasi?

Cristina Cassar Scalia: No, no, la Sicilia non è mai troppo piccola! Mi piaceva raccontare una storia diversa, movimentare la vita di Vanina con un’indagine internazionale e la rivoluzione cubana mi ha sempre colpito, perciò ho deciso di sceglierla come punto di partenza per la storia.

Abel Wakaam: In Tre passi per un delitto avete saputo trasformare un'indagine ordinaria in un fatto davvero intrigante. Sembra quasi che abbiate voluto cercare il confronto tra di voi in una sorta di "partita a tre" in cui però alla fine vince la squadra. Il risutalto è sorprendente, a riprova che la collaborazione tra "grandi" produce sempre un prodotto eccellente. Oltre che un confronto, non avete mai avuto contrasti sulla stesura della trama?

Cristina Cassar Scalia: Nessun contrasto. Ci siamo calati nei nostri personaggi, narrandoli in prima persona, e poi li abbiamo messi insieme. Abbiamo però anche un grande editor, Francesco Colombo, che ci ha aiutato a finalizzare il progetto, questo va detto.

Abel Wakaam

© Writer Officina

Lettori: 2102

Home
Blog
Cristina Cassar Scalia