Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Riccardo Bruni, da un piccolo sito web negli anni 90, su cui pubblicava i primi racconti, fino ad arrivare alla presentazione del suo romanzo "La notte delle Falene" al Premio Strega. Ha partecipato a vari progetti collettivi, tra cui YouCrime di Rizzoli, in collaborazione con il Corriere della Sera. Scrive sul quotidiano La Nazione, su Giallorama.it, di cui è uno dei fondatori, e collabora con varie realtà del web, tra cui Toscanalibri.it. In questa intervista racconta la sua storia a Writer Officina.
Oriana Fallaci, l'intervista impossibile a una scrittrice mai morta. Prima di approdare al romanzo e al libro, Oriana Fallaci si dedicò prevalentemente alla scrittura giornalistica, quella che di fatto le ha poi regalato la fama internazionale. Una fama ben meritata, perché a lei si devono memorabili reportages e interviste, indispensabili analisi di alcuni eventi di momenti di storia contemporanea. La raccolta delle sue grandi interviste con i potenti della Terra venne poi inglobata nel libro "Intervista con la storia".
Vito Catalano è nato a Palermo nel 1979. Da anni Lavora ai documenti d'archivio del nonno, Leonardo Sciascia. In una vita fra Italia e Polonia (dove per anni ha tenuto lezioni di scrittura italiana agli studenti di Linguistica Applicata dell'Università di Varsavia), ha pubblicato numerosi articoli sui quotidiani Il Messaggero, Il Riformista, La Sicilia e quattro romanzi: L'orma del lupo (Avagliano editore 2010), La sciabola spezzata (Rubbettino 2013), Il pugnale di Toledo (Avagliano editore 2016), La notte della colpa (Lisciani Libri 2019).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Daniele Marassi

Sono nato a Trieste il 20 luglio del 1987 e nella vita faccio il guardiafuochi, ovvero l'addetto antincendio portuale. Per approfondire la mia curiosità letteraria, ho frequentato il liceo classico, ma sono stato bocciato alla matura e non ho più ripetuto l'esame. Dopo questa delusione scolastica sono entrato nel mondo del lavoro: ho imparato il mestiere di pasticcere, che ho svolto per sette anni. Oltre che per la scrittura e la lettura, vado matto per la musica e tutti i suoi generi. Mi piace suonare la chitarra, sia quella acustica che quella elettrica, e cantare. Qualche anno fa, ho inciso con la mia band un disco, “Summer Memories”, di genere pop/rock. Amo gli animali e ho due gatti, Giulio e Calipso. Ho avuto un cane, un Golden Retriver di nome Teo, il mio migliore amico di sempre, che mi ha lasciato quest'estate all'età di quattordici anni. Sono una persona in continuo viaggio con la fantasia, qualsiasi situazione, potenzialmente, può diventare uno spunto per una storia nuova.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorto di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Daniele Marassi: Quando, a undici anni, mi sono imbattuto in una copia di It, di Stephen King, che conoscevo già per aver visto il trailer della miniserie TV quando ne avevo solo cinque. Ero nella libreria della Galleria Fenice di Trieste e dopo aver afferrato quel libro senza farmi vedere dai miei genitori, ho letto un piccolo estratto, che ho trovato davvero spaventoso: dopo un'alluvione, era stato ritrovato il corpo senza vita di un uomo, nella sua macchina. I pesci gli avevano divorato varie parti del corpo... Sconvolto, ho chiuso subito il libro e mi sono indirizzato verso i Piccoli Brividi, di R.L Stine, lettura più alla mia portata. Da quel giorno, ne ho letti almeno due alla settimana. Volevo “prepararmi” psicologicamente alla lettura di It, libro che continuava a stuzzicare la mia curiosità, in maniera quasi ossessiva. Lo avrei acquistato e letto appena tre anni dopo.

Writer OfficinaWriter Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Daniele Marassi: Il Pupazzo Parlante, della collana Piccoli Brividi di R.L. Stine. Dopo averlo letto, ho cominciato a scrivere racconti su pupazzi che prendono magicamente vita. Ne ho scritti a decine!

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Daniele Marassi: No. Le lunghe attese non fanno per me. Un professionista ha fatto un lungo lavoro di editing sul testo, poi, dopo la correzione della bozza, l'ho pubblicato su Amazon.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Daniele Marassi: Sicuramente. Se il testo viene prima valutato e “sistemato” da un professionista, se l'autore ha in mente una buona strategia di marketing e se non demorde se non vede i risultati arrivare subito, sicuramente avrà buone possibilità di emergere.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionato? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Daniele Marassi: A L'Ilv, il primo e unico romanzo che ho scritto (per il momento). È una storia dell'orrore, ma in essa non mancano tematiche come l'amore, l'amicizia “vera”, la speranza. Quello che voglio dire con il mio libro è “non lasciarti ingannare dalle apparenze”, “pensa a ciò che fai, alle tue azioni e alle possibili conseguenze che potranno avere”, “sii felice e apprezza quello che la vita ti ha dato”. Sono argomenti già visti e rivisti, ma sempre attuali. Io cerco di proporli in maniera “alternativa”.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Daniele Marassi: Inizialmente scrivo d'istinto, ispirato magari a un sogno che ho fatto. Poi, quando concludo la prima stesura, schematizzo la storia e la valuto in modo razionale. La modifico fino a quando non sento dentro di me, rileggendola, un senso di pace interiore.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Daniele Marassi: Adesso sto concludendo un racconto lungo, intitolato “La Fobia”, poi riprenderò la prima stesura del mio secondo romanzo, che ho dovuto momentaneamente accantonare a causa di impegni lavorativi.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
176 visualizzazioni