Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Tiziana Mazza

Sono nata a Milano nel 1962 dove ho compiuto gli studi umanistici con indirizzo in lingue straniere. Ho lavorato per quindici anni nel settore delle televisioni private, per lo più come promoter video, in seguito ho aperto un'attività in proprio. Amo lo sport, il ballo e la lettura e mi piace cimentarmi in molteplici attività, decido così di frequentare un corso di scrittura creativa tenuto dalla mia amica scrittrice Stefania Convalle. In breve mi appassiono e partecipo a gare di scrittura sui blog on line e al Premio Letterario “Dentro l'amore”, dove nell'edizione 2017 ricevo la menzione per la poesia, e nel 2019 e 2020 mi qualifico entrambe le volte nella rosa dei finalisti. “Sulle tracce di Lucifero” è il mio primo romanzo, un giallo-rosa ambientato nel Triangolo Lariano, dove vivo attualmente.

Writer Officina: La tua passione per la scrittura come e quando nasce?

Tiziana Mazza: Quasi per caso. Nel 2015, complice Facebook, ritrovo una mia vecchia amica delle medie, Stefania Convalle. La incontro dopo quasi quarant'anni in occasione della presentazione di un suo libro nel corso della prima edizione del premio letterario “Dentro l'amore”, da lei stessa indetto. Mi innamoro della sua scrittura e da allora non mi sono più persa di vista con lei. Stefania è un vulcano di idee e nel suo blog “Dietro la porta di Stefi” indice sovente delle gare di scrittura a cui io partecipo quasi per gioco, ma che in breve mi fanno appassionare. Decido allora di affinare le mie armi iscrivendomi ai laboratori di scrittura che Stefania Convalle tiene on line. I suoi laboratori non sono convenzionali, ti insegnano a trasferire le emozioni sulla carta e a inseguire la tua unicità. E, così, eccomi qua a parlare del mio primo libro “Sulle tracce di Lucifero”.

Writer Officina: Come hai trovato il tuo editore?

Tiziana Mazza: Per me è stato facile. Nel 2017 Stefania Convalle decide di aprire una casa editrice, la Edizioni Convalle, ed è lei stessa a spronarmi a scrivere e a tenermi a battesimo scrivendomi la prefazione del mio primo libro: ”... leggere questo romanzo è fare una pausa, respirando la leggiadria dello stile di Tiziana Mazza. Uno stile fresco, quello che l'autrice possiede e mette in atto in questa opera prima. Ma questo è solo uno degli aspetti della sua scrittura. Tiziana è capace di passare dal dramma intenso all'ironia spensierata che troviamo a piene mani nel romanzo.”

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Tiziana Mazza: Scrivo d'istinto. Non preparo nessuna scaletta, mi siedo al computer e mi lascio trasportare dall'immaginazione e dall'emozione del momento. Magari con l'ausilio di una buona musica che mi fornisca l'ispirazione. Talvolta può capitare che mi venga un'idea mentre sto facendo qualcos'altro, da quello spunto parto a lavorare al mio scritto, ma non so come andrà a finire la storia fino alla fine; in un certo senso sono i personaggi a suggerirmelo e lo sviluppo è in continua evoluzione. Certo, in prossimità della fine, devo stare attenta a raccogliere tutti i fili affinché la conclusione abbia un senso.

Writer Officina: Perché hai scelto il giallo piuttosto che un altro genere?

Tiziana Mazza: Il giallo mi piace da sempre. Sono un'amante di Agatha Christie e della letteratura di genere. Tra gli scrittori attuali mi piace molto Andrea Vitali, in particolar modo l'ambientazione dei suoi romanzi, l'acume e l'ironia dei suoi personaggi. Comunque non amo molto parlare di generi, spesso i libri vanno oltre un incasellamento prestabilito e volerli etichettare per forza è un po' come ingabbiarli. Quando leggo mi piace spaziare fra le tipologie più diverse, l'importante è che il libro sia scritto bene e che mi trascini nella lettura e lo stesso quando scrivo: ho scritto racconti allegri, tristi, ironici, drammatici. Mi piace sperimentare.

Writer Officina: Per i personaggi hai fatto riferimento – magari in parte – a persone reali oppure sono solo frutto della fantasia?

Tiziana Mazza: I luoghi descritti nel mio romanzo sono reali, i personaggi principali di pura fantasia. Per quanto riguarda i personaggi secondari, i cosiddetti caratteristi, in alcuni casi ho tratto l'ispirazione da personaggi reali.

Writer Officina: La scrittura ha una forte valenza terapeutica. Confermi?

Tiziana Mazza: Direi di sì. Specialmente in un periodo come quello che stiamo vivendo, la scrittura può essere un'ancora di salvezza per non cadere nella depressione mettendo su carta tutte le proprie emozioni.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Tiziana Mazza: Sì, sto scrivendo un nuovo libro, più o meno dello stesso genere. Non è, comunque, un sequel. Diciamo che se “Sulle tracce di Lucifero” è un giallo-rosa, il nuovo romanzo sarà un po' più thriller. Non sarà una storia unica, sarà composto da tre racconti lunghi con protagonisti differenti, ma con un filo conduttore in comune.

Writer Officina: Cosa vorresti che le persone dicessero del tuo romanzo?

Tiziana Mazza: Ovviamente ognuno spera che il lettore apprezzi la propria opera, sarebbe ipocrita sostenere il contrario. Ma l'importante è ricevere dei feed-back dai lettori, vanno bene anche le critiche, purché siano costruttive. Quello che vorrei che dicessero del mio romanzo è che li ha intrattenuti piacevolmente, che hanno sorriso in sua compagnia e che hanno trovato la trama avvincente. Devo dire che finora ho avuto degli ottimi riscontri anche da parte di persone disinteressate che mi hanno confermato che ho centrato l'obiettivo: strappare un sorriso con l'ironia dei personaggi del romanzo.

Writer Officina: Che consigli daresti, basati sulla tua esperienza, a chi come te voglia intraprendere la via della scrittura?

Tiziana Mazza: Consiglierei loro di affinare il loro talento frequentando un laboratorio di scrittura creativa o leggendo qualche manuale in proposito; per esempio “Scrivere” di Edizioni Convalle che contiene dei suggerimenti su come approcciarsi al mondo della scrittura e valorizzare il proprio talento.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
2340 visualizzazioni