13 Romanzi di [Letteratura] .: Writer Officina :.
 
Antonella Sacco
Chiedi scusa Letteratura per Ragazzi
La Libroteca. La libreria di Olga non era molto grande, ma era in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza. Olga aveva acquistato la licenza dal precedente proprietario da una decina di anni e aveva trasformato completamente il locale. Per prima cosa aveva cambiato l'insegna in LIBROTECA; poi aveva acquistato da un rigattiere alcune vecchie librerie, le aveva restaurate e le aveva disposte nella stanza più interna (la Seconda Stanza), che ave...
Franco Mimmi
Una vecchiaia normale Letteratura
Solenne, il paffuto dirigente d'azienda congiunge le punte delle dita. - Rigore, - dice, - soprattutto rigore. - Socchiude gli occhi che scompaiono nelle palpebre grasse nelle guance grasse nella faccia grassa che da decenni resiste quasi al vertice, quasi al comando, senza pretendere il comando e senza infastidire il vertice, vicepresidente di legioni di presidenti e unico immutabile, imperturbabile, immarcescibile persino nella nuova st...
Elsa Zambonini Durul
Istanbul - il viaggio sospeso Thriller - letteratura ebraica
Alzo le palpebre irritata. Ieri sera non ho abbassato bene le persiane e una sottile lama di luce mi batte sul viso. Consulto la sveglia: non sono ancora le sette. Mi giro verso Emre, e per un po' contemplo sorridendo il suo viso addormentato e indifeso. Faccio una veloce disamina del programma di oggi e comincio a riconciliarmi con la giornata pensando che Giulia ha invitato me e Melisa nella sua casa estiva nel quartiere di Yeşilköy. Per m...
Ornella Stocco
La sposa in grigio perla Letteratura contemporanea
Quante cose erano accadute: la scoperta del tradimento di Daniele, il nuovo lavoro come segretaria, il conseguente prevedibile corteggiamento di Enrico, l'ingresso nella nuova casa, l'incontro con l'amore. Quello vero. Un figlio. Il matrimonio. Un sogno da realizzare. Enrico osservava la sua sposa, rapito da quel misto di grazia e sensualità. Apprezzava in silenzio ciò che aveva davanti agli occhi. Fece un cenno con il capo ma mai avrebbe dato...
Lorenzo Zucchi
Quante bandiere hai? Letteratura di Viaggio
Il tempo di realizzare non è ancora giunto quando il bus attraversa la spoglia pianura ucraina, inondata da una neve non più fresca, scandita dai sottopassaggi pedonali deserti che si susseguono numerosi ai bordi della strada. Non coinvolgerà nemmeno i primi condominii di periferia, la gente che scende alle fermate, il ponte sul Dnepr, la consapevolezza cartografica del Bulvar Tarasa Shevchenko, pure così a lungo immaginato. Saranno i primi passi...
Home
Magazine
Biblioteca di Writer Officina

Dedicato a chi vuole sognare, dedicato a chi crede in se stesso e vuole incantare il mondo con le parole. Dedicato ai ribelli e ai sognatori, dedicato a chi non si arrende davanti a un rifiuto e vuole continuare a dipingere la vita con mille colori. Questo è il luogo di tutti, un acro di terra sconsacrata, dove ognuno può coltivare i propri sogni, affinché si realizzino e non abbiano padroni. Questo è il luogo dei folli che vogliono cambiare il mondo e ci riescono davvero, questa è l'ultima speranza di chi vuole nascere mille volte e non morire mai...

Abel Wakaam