Gold 13 Romanzi di [] .: Writer Officina :.
 
Luana Troncanetti
La cuoca Narrativa
Storia di un terremoto. Nunzia. Sento una voce d'uomo. Giovane, attaccata a due braccia nascoste nel buio. Sento puzza di distruzione, sento la gamba destra morta. Forse sono morta tutta, penso. E invece no. Le orecchie, almeno quelle, sono vive. - Signora, mi chiamo Fausto... Signora, per favore, mi risponda! - Rispondere non posso. Sbarro gli occhi, si riempiono di polvere. Bruciano, li sigillo con lo scatto rapido delle galline. ...
Arsenio Siani
Le nostre tracce Drammatico
Il mostro è lì, nell'ombra, solo un rantolo mi comunica che è ancora vivo. Ha picchiato mia madre, quel cane, poi si è scolato una bottiglia di gin ed è crollato come tutte le sere, stanco ed ubriaco. Stanco della vita, che secondo lui non merita di essere vissuta. Ma allora perché non la fa finita e basta? Perché questa arrogante pretesa di contaminare anche noi col suo male di vivere? Sta lentamente abbandonando la vita e vuole trascinarci g...
Giuseppe Storti
Il tempo fermo Narrativa
Anatomia di un incontro per caso. In un giorno qualunque, di una vita sospesa, accade qualcosa di nuovo. Eppure la strada percorsa era sempre la stessa. Carlo era un abitudinario cronico. Nelle sue orecchie ronzavano le parole della mamma: non cambiare mai la strada vecchia con la nuova. Sua madre era per lui, un'ombra interna che lo guidava sempre. Eppure in quel giorno qualunque di una vita sospesa di un tempo fermo, ecco l'incedere improvvi...
Antonella Alboni
L'eredità McFarland Contemporaneo Saga
Un anno a Kinnaber Vol.1 L'aereo toccò terra con un pessimo atterraggio. A Edimburgo tirava vento e avevano ballato per tutto il volo. Capitava spesso da quelle parti. Nessuno la stava aspettando e dovette affittare un'auto. Non aveva creduto opportuno farsi venire a prendere, a Kinnaber avevano da fare. Suo padre era morto, l'aveva saputo poche ore prima da una telefonata di Mary. Lo aveva trovato lei, quello stesso mattino, nel suo letto. N...
Concettina Costa
Rosa Romanzo
Il cambiamento. Ma il peggio per Rosa doveva ancora venire. Salvatore correva nel vento, come tutti i giorni, per le strette strade del paese, quel paese sempre uguale che conosceva così bene da percorrerlo ad occhi chiusi: le porte accostate, i muri bianchi di calcinaccio, ad ogni uscio una sedia e, sulla finestra, i peperoncini rossi di Sicilia. Dappertutto catini pieni di basilico e prezzemolo e, sul finire di un viottolo, la fontana, dove i ...
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Recensioni
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Biblioteca di Writer Officina

Dedicato a chi vuole sognare, dedicato a chi crede in se stesso e vuole incantare il mondo con le parole. Dedicato ai ribelli e ai sognatori, dedicato a chi non si arrende davanti a un rifiuto e vuole continuare a dipingere la vita con mille colori. Questo è il luogo di tutti, un acro di terra sconsacrata, dove ognuno può coltivare i propri sogni, affinché si realizzino e non abbiano padroni. Questo è il luogo dei folli che vogliono cambiare il mondo e ci riescono davvero, questa è l'ultima speranza di chi vuole nascere mille volte e non morire mai...

Abel Wakaam