Writer Officina Magazine
Ultime Interviste
Mariano Sabatini (Roma, 18 marzo 1971) è un giornalista, conduttore radiofonico e scrittore. Ha iniziato a lavorare nel 1992 come cronista per una testata romana. Due anni dopo viene chiamato da Luciano Rispoli a sostituire un autore del Tappeto Volante su Telemontecarlo. Da allora ha proseguito parallelamente l'attività giornalistica e quella di autore televisivo. I suoi ultimi romanzi sono: L'inganno dell'ippocastano e Primo venne Caino, con protagonista il giornalista investigatore Leo Maliverno.
Mauro Santomauro è nato nel 1949 ed è stato farmacista della Serenissima, salendo alla ribalta delle cronache quando rinunciò a trasferire la sua farmacia in terraferma. Nella sua vita è stato chimico, distillatore, imprenditore e contadino. Si è divertito come giocatore e poi allenatore di baseball, ma è stato anche batterista in un settetto jazz. Ha pilotato aerei da turismo e ha praticato immersioni subacquee. La sua vera passione è il buon cibo. Vive con la moglie e i due figli a Treviso.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Ego Sum, ovvero l'Ego d'Autore nella sua eterna e complessa contraddizione. Ma quanto conta davvero la personalità dello scrittore nel successo dei suoi testi? E quanto pesa la sua immagine pubblica sul piatto della bilancia che lo porta a scalare il gradimento del pubblico? È davvero possibile scindere autore e testo, senza pregiudicarne irrimediabilmente il successo?
Lupus In Fabula, analisi del protagonista negativo nella scrittura antica e moderna, interpretando le favole di Esopo nel contesto della letteratura. "È questa figura che ha il compito di rendere una trama davvero interessante. Non è la tragedia in sé che tiene attanagliati i lettori davanti al nostro libro, ma l'attesa che si manifesti."
Home
Magazine
Writer Officina
Autore: Izabel Nevsky
Titolo: Menage a Trois
Genere Erotico
Lettori 2122 12 9
Menage a Trois
Ambra entrò in quel bar per puro caso. Doveva soltanto colmare il tempo che mancava all'appuntamento, una decina di minuti che invece le cambiarono la vita. Non poteva sapere quanto il caso, a volte, decide per noi, e nemmeno ebbe il sospetto che lo sguardo ammiccante del cameriere potesse andare al di là di ogni immaginazione.

Era abituata a certe occhiate profonde, quelle che vanno oltre la barriera degli abiti aderenti, ma l'impudenza di quel ragazzo sfiorò la maleducazione: - Aspetta qualcuno? - la interrogò.

- Un caffè schiumato, - rispose con freddezza - e niente altro!

Di colpo si rese conto di essere l'unica cliente alle undici del mattino, una situazione alquanto strana che la portò a domandarsi se fosse a causa del cattivo servizio o di chissà che altro. La spiegazione arrivò poco più tardi dal suo commercialista, quando gli spiegò la sensazione di disagio che aveva appena provato in quel contesto.

- Sono più di trent'anni che ho lo studio proprio di fronte, - esordì - e fino a qualche mese fa c'era il vecchio gestore, un caro amico. Poi ha dovuto vendere, come tanti, e la nuova proprietà ha puntato su una clientela diversa.

- Per la verità, - obiettò Ambra - non ho visto nessun cliente.

-Arrivano la sera, dopo una certa ora, - abbassò repentinamente il tono di voce - si dice che sia un luogo di appuntamenti.

- Prostituzione quindi? - commentò - Qui in pieno centro? E la polizia non interviene?

- No..no... - si affrettò a spiegare il commercialista, sempre più misterioso - ci vanno quelle persone che frequentano uno di quei siti internet di incontri, mio figlio mi ha detto il nome ma sinceramente non lo ricordo.

Quando Ambra lasciò lo studio, ripassò davanti allo stesso bar, ne annotò il nome e, appena salita sul tram, effettuò una ricerca su Google. Non ci volle molto a trovare il legame con un noto portale per single, più difficili furono i suoi tentativi di leggere gli annunci, protetti da una password. Per appagare la propria curiosità, si sarebbe necessariamente dovuto iscrivere.

Lo fece la sera stessa, con un nome di fantasia e un indirizzo email aperto per l'occasione, ma ancora una volta il sistema non ne volle sapere di concederle il libero accesso ai profili. Non che le interessasse più di tanto, voleva solo capire che razza di persone utilizzano un sito internet per cercare un partner. Dopo un'ora di tentativi, comprese che avrebbe dovuto postare almeno una fotografia, altrimenti non sarebbe potuta andare oltre. Cercò qualche immagine anonima da vari portali stranieri e ne scelse una che, in qualche modo, poteva rappresentarla. Da quell'istante, le si aprì un mondo misterioso e sconosciuto.

Era diverso da Facebook, dove comunque gli uomini diventavano ben presto degli spasimanti, qui l'anonimato li spingeva ad essere più arditi, più sicuri di sé, più diretti e senza condizionamenti. Sebbene l'approccio appariva comunque elegante, lasciava trasparire il sapore del proibito e si rivelò decisamente stuzzicante, specialmente per lei che aveva avuto una vita sessuale morigerata e poco intrigante.

Fu questa considerazione e la certezza di non incontrare mai nessuno ad indurla al gioco. Così cominciò a chattare con diversi uomini finché, in piena notte, ne apparve uno più interessante di altri. Si presentò come Greg e fu subito chiaro che fosse un fans sfegatato del famoso dott. House.

- Perché? - gli chiese Ambra.

- Perché mi ritrovo nel suo carattere guascone, - rispose - e, come lui, non sono interessato ad una relazione seria.

- Quindi, - lo incalzò - cosa cerchi qui?

- Prima dimmelo tu, - digitò velocemente - e ti risponderò con la mia abituale e spudorata faccia tosta.

- Io non cerco nulla, - rispose Ambra - sono capitata per sbaglio al Love Bar e mi sono lasciata incuriosire dai legami con questo sito.

- Quindi non ti interessa conoscere nessuno?

- Assolutamente no! Ora dimmi cosa ci fai tu qui.

Greg lasciò passare diversi interminabili minuti, poi la liquidò freddamente:- Allora non ho tempo da perdere con te.

Pur sapendo che era solo uno stupido sconosciuto, quelle parole la toccarono profondamente, ma trovò la forza di rispondergli: - Il tuo tempo probabilmente ha poco valore se lo sprechi a cercare una donna su internet. A quale scopo poi?

La risposta arrivò la mattina successiva: - Per scopare!

Già, doveva capire subito che il senso di un sito online di incontri non era certo per trovare l'anima gemella, ma un'ammissione così diretta le pareva proprio inopportuna. - Sei patetico e infantile, - digitò con rabbia - non troverai mai nessuna donna che accetterebbe di uscire con uno come te.

Per tutta la giornata attese inutilmente la sua risposta. Non che fosse importante continuare la discussione, voleva semplicemente capire fino a che punto si potesse essere così beceri per procurarsi del sesso gratuitamente.

Greg si fece vivo a notte inoltrata. Appena la vibrazione dello smartphone frullò sul comodino, Ambra si svegliò di soprassalto e afferrò il telefono con trepidazione. Sul display comparve una frase che la scosse come una frustata: - Se sei davvero tu quella della foto, vuoi scopare con me e con un mio amico?

Se da un lato si sentiva oltraggiata da quella proposta così assurda e provocatoria, dall'altro si chiese quale sarebbe stata la reazione di Greg di fronte ad una foto vera.- Non sono quella dell'immagine del profilo, - rispose, senza riflettere - ma ci assomiglio molto.

- Anch'io sono molto simile a Greg House, ti piace come tipo?

- Qui tutti possiamo bluffare a nostro piacimento, per questo hai il coraggio di lasciarti andare in qualsiasi provocazione.

- Infatti il Love Bar serve ad accorciare le distanze. Ti va di prendere un caffè con me domani, dopo pranzo?

Non avrebbe mai accettato l'offerta, ne era più che certa, ma la sua sicurezza andò a sfaldarsi lentamente il mattino successivo. Rispose di sì col proposito di spiare il locale da fuori così da verificare chi fosse quest'uomo strafottente e allo stesso tempo stuzzicante. Era convinta che si trattasse di uno sfigato come tanti, abituato a nascondersi dietro un computer per masturbarsi, chattando con chiunque gli concedesse la minima attenzione, ma quando fu nei pressi del locale, fu presa dal panico. Era in anticipo, come sempre, così suonò al citofono del commercialista con la scusa di aver dimenticato un documento. Data l'ora, non rispose nessuno e si sentì persa, senza una qualsiasi copertura che spiegasse la propria presenza sul posto.

Decise di andarsene, ma non ne fu capace. Allora attraversò la strada e camminò sul marciapiedi, passando davanti alla vetrina del bar. Lui era lì, lo riconobbe dalla barba corta e dalla mascella squadrata, così somigliante all'attore del famoso telefilm. Non poteva tornare sui propri passi per non rischiare di scoprirsi, per non ritrovarsi faccia a faccia con quello che, nonostante le apparenze, poteva essere un maniaco della peggior specie.

Continuò per la propria strada senza voltarsi, finché non si sentì chiamare Leila, il nome che aveva usato per la registrazione nel sito. Rallentò il passo e cercò ripetutamente il coraggio di voltarsi. Greg la inseguì fino a raggiungerla:- Allora non vuoi proprio accettare il mio invito per un caffè?

- Non in quel bar! - gli rispose, perdendosi nel suoi occhi azzurro cielo.

- Ce n'è un altro più avanti, girato l'angolo, - la rassicurò - ce la fai a raggiungerlo con quei tacchi?

Gli sorrise, inspiegabilmente gli sorrise. Era un bell'uomo, educato, elegante, affascinante. Perché mai usava un sito di incontri e si comportava in quel modo così volgare? La prese sotto braccio e lei gli sorrise ancora. Quando si sedettero al tavolino, restarono in silenzio a guardarsi intensamente.

- Sono sposato, - esordì Greg, rispondendo alla domanda che Ambra aveva solo pensato di fargli - sto bene con mia moglie e non cerco una storia d'amore.

- Anch'io, - gli mentì, tacendogli di aver appena vissuto un travagliato divorzio - e non cerco né una storia d'amore e tanto meno di sesso.

- Però sei venuta all'appuntamento...

- ...per curiosità, - lo interruppe - solo per curiosità.

- Hai soddisfatto la tua curiosità?

- Non ancora, - abbozzò l'ennesimo sorriso - mi piacerebbe scoprire cosa cerchi e perché ti sei divertito a buttarmi lì quella provocazione.

- Quale provocazione?

- Non mettermi in imbarazzo, - arrossì - mi riferisco alla proposta indecente dell'altra notte.

- E' semplicemente quello che cerco! - ammise.

Ambra scosse ripetutamente il capo: - Ti sembra normale chiedere ad una donna che non conosci di venire a letto con te e con un tuo amico?

- Mia moglie non accetterebbe mai, - esclamò, con una calma disarmante - e questo tipo di trasgressione mi attira da impazzire.
Izabel Nevsky
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto