Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Lorenzo Marone. Autore di successo, ha pubblicato La tentazione di essere felici che ha ispirato un film, La tenerezza, con regia di Gianni Amelio, La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi, 2016), Magari domani resto (Feltrinelli, 2017) Premio Selezione Bancarella 2017, Un ragazzo normale (Feltrinelli 2018), Premio Giancarlo Siani, la raccolta Cara Napoli (Feltrinelli, 2018), Tutto sarà perfetto (Feltrinelli 2019), il saggio per Einaudi Inventario di un cuore in allarme (2020), e La donna degli alberi (Feltrinelli 2020).
Romana Petri vive tra Roma e Lisbona. Editrice, traduttrice e critica letteraria, collabora con «ttl La Stampa», il «Venerdì di Repubblica», «Corriere della Sera» e «Il Messaggero». Considerata dalla critica come una delle migliori autrici italiane contemporanee, ha scritto tra romanzi e raccolte di racconti ben 23 libri. Ha ottenuto prestigiosi premi e riconoscimenti, tra i quali il Premio Mondello, il Rapallo-Carige e il Grinzane Cavour. È stata inoltre finalista due volte al Premio Strega. Tra i suoi libri più conosciuti Figlio del lupo e l'ultimo uscito: La Rappresentazione.
Ariase Barretta. È nato in un quartiere popolare di Napoli. Si è laureato all’Istituto Orientale, per poi proseguire gli studi presso le università di Modena, Barcellona e Madrid. Alla passione per la scrittura ha sempre affiancato quella per la musica, dedicandosi allo studio della teoria musicale, del pianoforte e della composizione corale presso i conservatori di Salerno e Benevento. Ha lavorato come redattore e traduttore per numerosi network televisivi italiani e internazionali e per varie case editrici. Il suo ultimo romanzo è Cantico dell'Abisso.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Daniela Vasarri
Titolo: Così a settembre
Genere Sentimentale
Lettori 383 2 1
Così a settembre
Tutto rimane sospeso nell'aria: i nostri pensieri che non sono diventati parole, che abbiamo scelto di non esternare per mille ragioni, ma esistono e non si cancellano. Si chiamano ricordi.
A volte solo errori.

Ottobre. La vendemmia è terminata, ancora oggi il vino, frutto dell'ingegno dell'uomo grazie alla bontà della natura, rimane una raffinatezza che può donare gioia a chi sa centellinarlo, facendone argomento di conversazione modaiola, un fiore all'occhiello per stupire, per emergere, per arricchirsi, per conquistare. Ma per chi non sa cogliere il suo beneficio può rivelarsi un prolungato piacere con cui annientarsi. Ma anche un'amara consolazione.

- Sa cosa mi piacerebbe fare con lei adesso? Aprire una buona bottiglia di buon vino, riempire due calici di quelli che ti imbarazzano nel tenerli tra le mani, che ti fanno sentire potente e... -
Rido per interrompere quel tentativo di seduzione mal riuscito. Come sono goffi gli uomini certe volte, e anche presuntuosi se ci penso bene. S'illudono che siano sufficienti due stupide moine per attirarci a loro, giusto il tempo di aver vuotato un calice. Avrei potuto offendermi, risentirmi di tanta spregiudicatezza nel considerarmi la distrazione di un calice, ma ridendo ho accondisceso, involontariamente. Ho prestato il fianco rivelando una falla nella mia persona. Quella falla eri tu?
Il mio interlocutore non demorde, ha interpretato il mio sorriso come temevo, un assenso a sconfinare dal suo territorio di caccia. Che importa? Quel termine anglosassone, flirtare, è, oltre che adattissimo per il suo suono, innocuo, richiama un gioco insomma, il cui inizio è sconosciuto, come fosse un atteggiamento innato, naturale. Gli animali ce lo insegnano, senza troppe storie mettono in atto quanto è in loro potere per poter conquistare, circuire l'oggetto del loro desiderio. Esibizione di colori, suoni, muscoli ma, a differenza di noi umani, non si preoccupano se possano oppure no proporsi, incuranti delle conseguenze. Ma in fondo è davvero un intrattenimento, forse il più intrigante da sempre, di certo ciò che resta, unico ricordo piacevole anche quando una storia finisce.
Si china a raccogliermi un foglio caduto dalla mia scrivania, ottimo espediente per avvicinarsi e mettersi nella condizione di farsi ringraziare.
- Accidenti! - penso ma lo ringrazio vittima del mio istinto educato, facendo trapelare un impercettibile stupore per la sua gentilezza.
Mi accorgo che Anna, dall'ufficio di fronte ha osservato la scena e ha di certo colto il mio attimo di defaillance. Da domani non smetterà di tenermi gli occhi puntati addosso quando lui si ripresenterà.
Il signore Corrado Stoppa non ci pensa nemmeno ad andarsene, ora che è riuscito a farmi arrossire (ma sarò poi arrossita o è solo una mia impressione?) ma io mi riprendo, come se uscissi da una di quelle vignette dei fotoromanzi, mi irrigidisco quel tanto che basta ad accampare una scusa con lui.
- Mi scusi, ma ora ho mille cose da sbrigare, al vino ci penseremo un'altra volta! -
No, non posso credere a me stessa, perché mai ho pronunciato quella frase, quale altra volta, quale vino? Ora davvero mi sento avvampare e non dipende da uno sbalzo della temperatura, vorrei riavvolgere il nastro di questa breve conversazione con lui, controllo se Anna mi abbia per caso sentita, (quanto siamo insicuri davanti al parere degli estranei) ma mi tranquillizzo vedendo che è al telefono, meglio, almeno questa mia debolezza non la potrà usare per sogghignare tra sé e magari divulgarla in giro. Le persone ingrandiscono sempre quando addirittura non inventano storie. Infamare è una delle attività umane meglio riuscite, da sempre. Odio il pettegolezzo, è la parte cattiva del giudizio. Quello che fa rabbia è che non sono stata nemmeno sgarbata con lui accomiatandolo, e no, che cavolo, gli ho fatto una promessa implicita, come potrebbe sentirsi offeso? Vulnerabile, troppo vulnerabile, una stupida donna vulnerabile. Ecco quello che sono.
Cerco la concentrazione perduta, il lavoro è sempre stato l'elemento bilanciatore della mia vita, qui mi realizzo (a proposito cosa significa sentirsi realizzata? Non è ancora il tempo per darsi risposte, che forse non verranno mai, né tantomeno la circostanza per ritrovare una motivazione a immergermi di nuovo tra le mie carte). Il resto della giornata vola, come se qualcuno avesse aperto questa grande finestra per fare entrare più aria possibile e portarsi via i minuti, le ore, ed arrivare prima al momento del rientro a casa. Guardo l'orologio giù in strada in modo diverso, non sto rimuginando, come faccio di solito giunta a questo punto del percorso, a ciò che mi resta da fare tra le nostre pareti, le lancette quaggiù mi sembrano si siano cristallizzate, quasi avessero voluto fermarsi sulla giornata odierna. Una vetrina rimanda la mia figura, che intravedo di sfuggita.
- Non male - penso ma poi tiro dritto come se la mia immagine non mi appartenesse o non volessi crederle.
Un giovane uomo mi lancia un'occhiata, gli giro nervosamente le spalle, spazientita questa volta. Ma dentro di me avverto una sottile euforia. Uno strattone dell'autobus che ha dovuto evitare un anziano in bicicletta perchè ha mal calcolato la sua pedalata ed ha attraversato l'incrocio, interrompe la mia leggerezza.
- Una frenata, ecco cosa mi ci vuole! - mi auguro.
Raccolgo confusamente dei buoni motivi per cancellare quei minuscoli e infidi spunti di tentazione ma, con mio grande disappunto, mi accorgo che non funziona.
Il giardino che circonda la nostra abitazione è apprezzato da molti, e questo grazie anche al tuo lavoro paziente e costante. Le ortensie azzurre, che tanto hai faticato perché si tingessero così, mi sembrano smorte oggi, come pure l'acero cinese, delicato e prezioso. Quanto ti ho fatto impazzire perché tu lo piantassi proprio lì, sfidando la luce del sole inadatta, ma solo perché io lo vedessi al mattino aprendo le persiane. E a riempirti la testa di fengshui e altre tecniche per te incomprensibili, ma che, pur di accontentarmi, hai seguito in fiducia.
La nostra casa, una tra le molte del quartiere, ben curata ma anonima, facilmente confondibile con altre, contenitore di una storia comune, mi appare sulla destra appena superato il rondò. Proprio quella piccola aiuola che, fresca di costruzione, ho semidistrutta una sera, rientrando tardi dal lavoro e dimentica che il municipio l'avesse terminata il giorno prima. Da allora la tua fiducia nella mia guida ha iniziato ad assottigliarsi, le discussioni si sono moltiplicate e la mia consapevolezza che fosse meglio, da lì in poi, che guidassi sempre tu. Molto più comodo, in fondo, ma anche molto più frustrante per me. Sono arrivata al punto che, se rimanessi sola, riempirei il garage di libri, butterei fuori tutte le vernici che utilizzi per il tuo collezionismo accumulate sugli scaffali come fossero oggetti preziosi, assieme all'auto e con il loro ricavato mi permetterei uno di quei viaggi che non hai voluto fare perché non di tuo interesse. Mentre la sua sagoma si fa più vicina, tuttavia ne ammiro la sobrietà, ricordo che i suoi colori pastello ci hanno trovati d'accordo, e quei piccoli particolari, dalla cassetta per la posta allo zerbino, ai vasi di coccio, ci hanno costretto a girare per giorni, cercando e scegliendo tra quelli più inconsueti perché dessero quel tocco di originalità in contrasto all'anonimato edilizio. E' incredibile però accorgersi che tutto, superato il primo momento di entusiasmo nel quale l'oggetto rappresenta una novità, col tempo si affievolisca e, diventando parte di noi, sembri perdere valore e consistenza, si appiattisca quasi a scomparire al nostro sguardo. E' così anche per l'amore? E' stato così anche per te nei miei confronti? Sempre più spesso ho avuto il timore di avere, ai tuoi occhi, la stessa consistenza e importanza di uno di quegli oggetti che un tempo avevi cercato nei mercatini dell'antiquariato, accarezzato e analizzata la loro autenticità ed esposto, fiero, in quella parte di libreria che mi hai sottratto, ma che una volta acquisiti consideri una parte di te, di cui non curarsene più.
Daniela Vasarri
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto