Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Raul Montanari è autore di 17 libri di successo. Vive a Milano, dove tiene dal ‘99 corsi di scrittura creativa fra i più quotati a livello nazionale. Collabora con i principali editori italiani e ha pubblicato numerose traduzioni dalle lingue classiche e moderne. Dal 2008 al 2016 ha diretto il festival letterario Presente Prossimo. Nel 2012 ha ricevuto l'Ambrogino d'oro, il massimo riconoscimento istituzionale della città di Milano. Nel maggio del 2021 è uscito per Baldini+Castoldi la sua ultima opera: Il vizio della solitudine.
Patrizia Rinaldi si è laureata in Filosofia all'Università di Napoli Federico II e ha seguito un corso di specializzazione di scrittura teatrale. Vive a Napoli, dove scrive e si occupa della formazione dei ragazzi grazie ai laboratori di lettura e scrittura, insieme ad Associazioni Onlus operanti nei quartieri cosiddetti "a rischio". Dopo la pubblicazione dei romanzi "Ma già prima di giugno" e "La figlia maschio" è tornata a raccontare la storia di "Blanca", una poliziotta ipovedente da cui è stata tratta una fiction televisiva in sei puntate, che andrà in onda su RAI 1 alla fine di novembre.
Cinzia Tani è giornalista e scrittrice, autrice e conduttrice radiotelevisiva. Dopo la maturità classica consegue la laurea in Lettere Moderne e il diploma come interprete e traduttrice di lingua inglese, francese e spagnola. Debutta nel 1987 come scrittrice con il libro “Sognando California” con cui vince il Premio Scanno. Notata dalla RAI, entra nella tv di stato come inviata di Mixer. In seguito debutta come autrice e conduttrice di alcuni programmi tv: “Chi è di scena”, “L’occhio sul cinema”, “Il caffè”, “Italia mia benché” e “Delitti“. Il suo ultimo romanzo è "L'ultimo boia". .
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Recensioni
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Nina Camelia
Titolo: rehaBáthory
Genere Saggio Storico
Lettori 304 1 1
rehaBáthory
Ho avuto il piacere e l'onore di leggere questo testo prima della sua pubblicazione, insieme all'onere di dare un riscontro non tanto sui contenuti (mi fido del metodo scientifico adottato da Nina Camelia), quanto sull'organicità e la fruibilità del testo.
Devo ammettere che, da quando l'ho visto la prima volta alla sua versione definitiva, c'è stato un gran lavoro di “taglio e cucito”, una mano sartoriale che ha risistemato ogni parte del già corposo e articolato documento che mi era stato affidato in qualcosa fatto su misura ed elegante nell'aspetto. Ogni sua parte calza a pennello nell'insieme di questo che è un vero e proprio saggio su un argomento di cui tanti si sono dilettati a scrivere, ma pochi hanno voluto cercare la realtà dei fatti.
Lo ammetto: la figura della Contessa sanguinaria, che è stata divulgata in vari modi (cinema, libri... e perfino in giochi per PC – è inconsapevolmente in Diablo II che l'ho “conosciuta” per la prima volta) stuzzica l'appetito morboso che c'è in ciascuno di noi, ma questo non significa che una storia più vera ed accurata dei fatti possa essere meno interessante. Senza contare che sia la natura umana che ha spinto a divulgare simili fantasie, sia i motivi concreti che hanno creato il movente per farlo, ci dovrebbero far rabbrividire ben più della stessa storia romanzata che si è tramandata per generazioni.
I tempi in cui è vissuta Erzsébet Báthory, con ogni probabilità, non erano pronti per una simile figura di donna intelligente, emancipata e dall'indubbio fascino e capacità di governare su vasti possedimenti e averi. Ed è stata proprio questa sua presenza scomoda e ingombrante, specie nel momento in cui si è trovata a dover far fronte da sola alla gestione di un simile fardello, a renderla vulnerabile e a consentire a maldicenze e infamie di pioverle addosso come il sangue di cui volevano far credere si nutrisse.
Questo breve saggio fa bene il suo lavoro, identificando con logica e imparzialità, le leggende e i miti nati attorno alla figura di questa donna e distinguendoli dalle realtà storiche dei carteggi degli Archivi di Stato ungheresi; smentendo la fantasia dei “sentito dire” con la vera sete di controllo e potere che ha portato al processo; lasciando al lettore la possibilità di scegliere da che parte stare, ma senza lesinare fatti e dicerie, così che si possa ben comprendere dove finisce la menzogna e inizia la verità.
Non credo ci sia bisogno di aggiungere altro a quanto detto, preciso solo che, dopo la prima lettura del testo, mi è venuta voglia di scrivere un breve racconto per far rivivere il mito della contessa Erzsébet Báthory e quindi, per gentile concessione dell'autrice Nina Camelia, dopo il testo da lei proposto, troverete questa storiella che spero sia degna di quanto raccontato.
(Alessandro Gianesini)

Il vampiresco è uno dei business più proficui. Si conta che dal 1930 siano stati realizzati circa centocinquanta film dal titolo “Dracula” e almeno altri quattrocento con tema vampiri.
Hollywood ha scoperto che la maggior parte dei racconti horror, così violentemente affascinanti, provengono dall'Ungheria, dalla Slovacchia e dalla Romania. Il fortunato film “Hostel” di Eli Roth e i suoi sequel, per esempio, furono girati interamente a Bratislava.
Probabilmente, esiste un elemento strutturale relativo al fanta¬stico che tradizionalmente include miti e leggende, che piano si è infiltrato nella cultura mainstream sottoforma di video games, televisione etc., compreso anche il grande affare del mondo dei giochi per bambini.
Il tema dell'orrifico raccapricciante mette in scena le paure primordiali e i tabù impronunciabili.
Al contempo, il morboso attaccamento al genere incarna le fantasie più represse: il terribile, il cannibale, la sete di sangue, il sadomasochismo; e giustifica l'attrazione popolare verso i personaggi crudeli. Il bisogno della catarsi per l'uomo è fisiologico e redentivo. Ma c'è di più: tra le righe letterarie, possiamo delineare la co¬struzione metaforica dell'Europa dell'Est, rimasta sempre ai margini più cupi delle mire egemoniche delle potenti famiglie d'Occidente.
Così, attraverso certe forme d'arte, la negatività della resistenza all'occupazione militare, politica, culturale e religiosa di quelle Regioni è stata trasformata in mostruosità psicologica.
L'Ungheria, la Polonia, la Slovacchia e la Romania conservano, come sappiamo, nell'immaginario collettivo, la loro caratteristica oscura e una sinistra reputazione, ma pure offrono al pubblico un eccitante e affascinante panorama, sebbene perverso.
Erzsébet Báthory, la contessa sanguinaria, è una delle più famose vampiresse della storia. È spesso ricondotta a Vlad Tepes, detto l'Impalatore, il quale però non è tanto famoso per essere stato un bevitore di sangue; piuttosto e soprattutto per i metodi con cui uccideva i suoi oppositori. La Contessa è, invece, ricordata come torturatrice, assassina e mangiatrice di carne umana: una pazza che amava il sangue.
Come sappiamo dai fatti storici, Erzsébet (1560-1614) è stata tra i più influenti membri dei Báthory, una prestigiosa e potente famiglia ungherese dell'epoca, la quale ha dato alla Transilvania prima un principe e poi un re di Polonia e Ungheria.
Si tramanda che la sua vedovanza la vide coinvolta in fatti di vampirismo, tortura, promiscuità sessuale e lesbismo, licantropia, stregoneria, cannibalismo e magia nera. Un bell'archivio di vizi, non c'è che dire. Un inebriante mix di bellezza, sofisticatezza e crudeltà estreme che hanno posto le basi per tutte quelle manipolazioni letterarie pruriginose che piacciono tanto.
Riconosciuta come la serial killer più prolifica della storia dell'intera umanità, Erzsébet Báthory è stata accusata dai suoi diffamatori (e dagli scrittori e registi che nei secoli successivi hanno “sciacallato” sul suo nome) di essere crudele oltremodo, di brutalizzare giovani vergini, staccando brandelli di carne a morsi, coi suoi stessi denti, dai corpi ancora palpitanti e di bagnarsi nel loro sangue per preservare intatte bellezza e giovinezza.
Tuttavia, la storia del bagno di sangue risulta essere, con ogni evidenza, immediatamente non autentica. Piuttosto, pare estrapolata da una fonte ungherese del 1729, Tragica Historia, opera del gesuita Laszlo Túróczy. Addirittura, un secolo dopo la sua morte!
Ai tempi, la mania dei vampiri impazzava lungo tutta l'Europa e si faceva un gran parlare di quella infame sanguinaria a cui piaceva fare il bagno nel sangue delle sue vittime per conservare la bellezza e sconfiggere la morte. Bellezza e Morte, d'altronde, sono due concetti che il mito e la letteratura hanno messo, non senza ragione, insieme. Afrodite, dea della bellezza col suo fidato Eros, paladino dell'amore carnale e Ade, Signore del regno della morte, Thanatos.

Questo libro è un piccolo saggio sulla riabilitazione di Erszébet Báthory, controverso personaggio strappato alla cronaca storica per essere consegnato, damnatio memoriae, al folklore e alla letteratura di genere horror-vampiresco.
La contessa sanguinaria è, infatti, il nome col quale la protagonista del libro è ricordata e raccontata: assassina seriale, torturatrice, cannibale, vampira, licantropa, strega e perversa. Moltissime altre sono state le pesanti colpe, recuperate dagli anfratti più oscuri e dagli abissi più spaventosi della psiche collettiva, ipnotizzata dalla propaganda cattolica, a lei attribuite come manovra strategica per estrometterla dalle sue enormi ricchezze e risorse economiche e politiche e per costruire la più eclatante farsa giudiziaria della storia.
Il mio lavoro, sulla scia dei recenti studi di due storici ungheresi citati nello scritto, e basato sui libri di Kimberly L. Craft, mira a riscattare la figura mettendo in risalto le molteplici contraddizioni tra quel poco di storia che emerge dallo scarsissimo ma significativo materiale originale degli archivi della famiglia Báthory- Nadasdy e lo svolgimento dei due procedimenti legali pieni di gravi violazioni, decisive manipolazioni dell'opinione pubblica del tempo e lo stile di vita della Contessa, ricostruito attraverso una cinquantina di lettere personali tradotte dalla Craft in inglese dall'ungherese (un paio della quali da me tradotte in italiano e inserite nel corpo del testo).
Alla fine del saggio, al lettore saranno state date nuove coordinate storiche e culturali per farsi un'idea più oggettiva di come possono essere andati realmente i fatti; è comunque lasciata aperta la possibilità di scegliere da che parte stare.
Nina Camelia
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto