Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Alfonso Santamaria
Titolo: Non ho mai fatto male a nessuno
Genere Thriller Spiritualità Narrativa
Lettori 1494 15 15
Non ho mai fatto male a nessuno
- Lo sapevo che sarebbe finita così! Lo sapevo, lo sapevo! - continuavo a ripetermi mentre premevo sull'acceleratore. Mi aspettavano a Barletta per la prima docenza di un corso di formazione. E io ero partito dalla mia Cerignola in ritardo, come al solito. Ma il ritardo sarebbe stato l'ultimo dei miei problemi quel giorno. Perché quello era il giorno in cui tutto sarebbe cambiato. Per sempre, da un momento all'altro.
Non potevo ancora saperlo, perciò continuavo a preoccuparmi solo dell'orario, avendo come unico obiettivo quello di arrivare puntuale in aula. Il tachimetro della mia Alfa Romeo Giulietta segnava 160 Km/h. Se fossi riuscito a tenere quell'andatura, forse avrei sforato di soli dieci minuti, ma sarebbero stati sufficienti per iniziare in modo disastroso il mio primo giorno di lavoro.
Decisi di inviare un messaggio vocale alla responsabile dell'ente di formazione, mentre una pioggerillina iniziò a picchiettare sul parabrezza.
- Ciao Elena! Scusami, qui piove, e il traffico scorre lento. Probabilmente farò un po' di ritardo. Perdonami! -
- Il traffico... - , aggiunsi tra me e me. - Che scusa banale! Imbecille... -
Se Elena Sammarchi mi avesse visto parlare da solo, come ero solito fare quando mi trovavo sotto pressione, avrebbe intuito subito che sarebbe stato meglio se avesse scelto un
altro psicologo per il suo corso. E che dallo psicologo do￾vevo andarci io, come paziente.
Nel frattempo, grosse nubi nere avevano coperto il cielo e la pioggia aveva preso a cadere molto più copiosa. Accesi i fari, mentre un SUV mi sfrecciava accanto, scaricando
sulla mia macchina una quantità d'acqua che neanche all'autolavaggio.
Quando ebbe completato la manovra di sorpasso vidi una ‘P' palesarsi sul lunotto.
“Ah ecco! Ora si spiega!” pensai, tra un'imprecazione e l'altra.
Giunto in prossimità del curvone per Trinitapoli, tra lo scrosciare della pioggia e il fragore dei tuoni finalmente le mie orecchie ascoltarono qualcosa di piacevole: dal cellulare arrivò il suono dell'inno del mio amato Milan. Era la
notifica di un messaggio, di certo la risposta di Elena Sam￾marchi. Nella foga di capire che tipo di reazione avesse avuto, il telefono mi sfuggì di mano. Quando lo raccolsi e tornai con gli occhi sulla strada, d'istinto mi rizzai sul sedile, serrai gli occhi e con una brusca frenata inchiodai la
macchina a pochi centimetri dal SUV che mi aveva supe￾rato poco prima.
Il cuore mi batteva a mille mentre ristabilivo la distanza di sicurezza. Tutti quei segnali avrebbero dovuto convincermi a tornare indietro, ma proseguii.
Feci un lungo sospiro e, ancora scosso, ascoltai il messag￾gio vocale che avevo ricevuto poco prima: Dottor Brandi, i corsisti sono già tutti qui. Non voglio metterle fretta, ma aspet￾tiamo solo lei.
In quel momento mi apparve l'indicazione dell'uscita per la complanare.
Immaginai che scegliere la strada meno trafficata mi avrebbe fatto guadagnare minuti preziosi. Invece, presa l'uscita, mi resi subito conto che non avrei affatto guadagnato tempo. La stradina era allagata e invasa dal fango
sceso a rivoli dalla vicina campagna. Come se non bastasse, il navigatore, che fino a quel mo￾mento aveva funzionato alla perfezione, improvvisamente s'impallò. Mi dava ancora sulla superstrada. Non era la prima volta che mi creava problemi, ma in quell'occasione mi ritrovai impossibilitato a usare anche il navigatore del telefono, perché nel luogo in cui mi trovavo non c'era campo.
Non mi restava che affidarmi a Dio.
Peccato che Dio fosse troppo impegnato a inondare la strada.
I tergicristalli servivano ormai a ben poco. Erano le tre del pomeriggio e sembrava notte fonda. Nell'oscurità, sotto il diluvio, perso in una strada sconosciuta, allagata e con il navigatore in tilt, potevo solo sperare che non iniziasse a grandinare. E invece grandinò.
Non avevo altra scelta, dovevo fermarmi. Per una volta, sembrava essermi andata bene: oltre le grandi distese di ulivi, intravidi l'insegna di una stazione di servizio.
Avevo trovato riparo! O almeno così credevo..."
Spento il motore, fui accolto da una struttura dall'intonacatura scolorita e scrostata, con i vetri di un locale in frantumi. Una centralina elettrica era abbandonata a terra con
lo sportellino aperto e i fili che fuoriuscivano. A occhio e
croce, o la stazione di servizio era stata devastata dalla tempesta in corso, oppure la manutenzione non veniva fatta da secoli. Mi chiesi se fosse saggio lasciare la macchina sotto la tettoia composta da travi marce e penzolanti, così come l'insegna della compagnia petrolifera che dondolava con veemenza sotto le impetuose sferzate del vento. Mi avvicinai all'entrata facendo gli slalom tra le erbacce che proliferavano tutt'intorno alle pompe di benzina e si estendevano per l'intero spiazzo. L'unica cosa che mi portava a pensare che la stazione di servizio non fosse abbandonata era la luce accesa al suo interno. Nonostante l'enorme tettoia che avrebbe dovuto ripararmi nel breve tragitto dalla macchina all'entrata, il vento era così forte da scagliarmi addosso violenti fiotti d'acqua. In compenso, aveva almeno smesso di grandinare.
Entrai trafelato, fradicio e con la camicia sgualcita, ma mi sentii sollevato per essermi lasciato alle spalle tuoni e fulmini. Il locale, all'interno, era più piccolo di quanto mi sarei aspettato. Solo un bancone, che si estendeva lungo la stanza poco profonda. Al bar non c'era nessuno, come non c'era l'ombra di un benzinaio, né di personale di alcun tipo. Eravamo solo io, un neon ronzante che sfarfallava come se fossi in discoteca e, fuori, l'apocalisse. Lo ammetto, non ero mai stato un cuor di leone, perciò men che meno riuscivo a sentirmi tale in quel luogo spettrale. Mi schiarii un po' la voce e chiesi: - C'è nessuno? -
Mi rispose un tuono che fece vibrare i vetri. Pensai fosse il caso di mandare un altro messaggio a Elena Sammarchi, se non altro per avere un surrogato di compagnia in quel luogo sperduto nel mezzo del nulla. Ma niente, la connessione era ancora out.
- C'è nessuno? - domandai alzando il tono della voce.
Sembrava proprio che la stazione fosse deserta.
Provai a chiamare Ilaria per darle mie notizie. Avevo già pronta anche la battuta per sdrammatizzare: - Dici sempre che vorresti dei figli. Vedi che ho ragione io ad aspettare?
Se ne avessimo fatti, ora che mi colpirà un fulmine, sareb￾bero rimasti orfani - . Ma il telefono, oltre a essere senza connessione, aveva anche problemi di linea.
- Chiedo scusa, c'è nessu... -
- Prego! - esclamò un ragazzo, sbucando da uno stanzino che ipotizzai essere il bagno mentre si asciugava le mani.
- Oh ca...! -
Mi trattenni dal completare l'imprecazione. Cercai di dissimulare il terrore che mi aveva assalito e dissi: - Mi scusi, è che è spuntato così all'improvviso... Iniziavo a credere non ci fosse nessuno! -
Il ragazzo sorrise, ma rimase in silenzio con le braccia con￾serte dietro al bancone. Per uscire dall'imbarazzo di quel silenzio, continuai a parlare io: - Ora che mi ha fatto tana, se vuole mi nascondo io! -
Ok, la battuta non era stata delle migliori, ma avrebbe potuto fare finta di ridere per educazione.
- Si può avere un caffè? - chiesi con tono sommesso, nella speranza che almeno a quello avrebbe risposto.
- Subito, ma devo chiederle di indossare la mascherina - rispose lui, ancora con quell'aria sorniona. Accettai perché non mi andava di mettermi a litigare, ma fosse dipeso da me non mi sarei piegato all'ennesimo babbeo che temeva un virus inventato dalla TV un anno
prima.
Mentre il giovane barista maneggiava la macchina da caffè, lo osservai: capelli biondi, raccolti in una coda di cavallo, occhi verdi e sottili, spalle leggermente incurvate e fisico possente. I lineamenti, i movimenti e addirittura la voce sembravano appartenere a qualcuno che conoscevo da sempre.
- Il suo caffè! - mi disse, porgendomi la tazzina con fare risoluto.
- Grazie, ma diamoci del tu! Anche se mi rendo conto che potrei essere tuo padre! - gli proposi, esagerando per indagare sulla sua età.
- Addirittura mio padre! Non li dimostro, ma ho ventisette anni! - rispose lui, come se avesse intuito la mia curiosità.
Poi aggiunse: - Ne ho solo diciassette meno di te - .
Rimasi scosso. Come poteva sapere che ne avevo quarantaquattro?
- Senti, scusami, ma noi ci conosciamo? Fin dall'inizio ho avuto l'impressione che fosse così, e ora scopro che sai an￾che la mia età... -
- In un certo senso... -
La situazione avrebbe dovuto mettermi a disagio, ma il suo aspetto familiare aveva un che di innocuo. Di puro. Di fanciullesco. Ecco, era quella la parola giusta.
- Che significa che ci conosciamo “in un certo senso”? Sei di Cerignola anche tu? -
- Avrei potuto esserlo, Alfredo. -
Conosceva anche il mio nome!
Alfonso Santamaria
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto