Writer Officina Magazine
Home
Magazine
Writer Officina
Autore: Adrian
Titolo: La tela del ragno nero
Genere Horror
Lettori 151
La tela del ragno nero

"Ehilà anselmo..già di ritorno dalle ferie?..
non dirmi che
la tu' pischella t'ha mollato per
qualche bel giovinastro" ,chiese sorridendo;
ennio l'usciere.


" ma piantala e fatti li affaracci tua..
..e butta quel sigaro!..
sempre a fumare sul lavoro...
..novità durante la mia assenza?".



"no, a parte che finalmente il
falegname l'ha poi riparato lo
scaffale numero 12 .
..l'era 5 mesi che lo si aspettava! ..
..ah gia ; la sono stati donati
alcuni libri da privati che la vanno
catalogati..li trovi sulla tu' scrivania".



"tutto qua?".


"bè piu o meno..la c'è ancora molto
fermento in paese per i delitti e la
sparizione di quei due tombaroli di
volterra".



"archeologi..non tombaroli ",lo corresse anselmo;
mentre posava il soprabito sulla
sua sedia.


".. la gente la continua a mormorare su
villa lamieri..la c'è molta paura in
giro..e la nebbia la appare sempre piu spesso..

..qualcuno l'ha pure rivisto il fantasma del
garibaldi nei pressi della
stazione!..io la sera,al buio,
quando la torno a casa l'ho sempre timore di
cacarmi sotto..

..se la dovessi rivedere l'aristide lamieri,
come la mi era capitato l'altra volta al
cimitero..non so
mica se non ci resto,stavolta!..giuro!".


"non preoccuparti ..l'hai sopportato la tu
socera per 30 anni..
..ormai la sopravvivi a tutto!".




"anselmo"..


"che la voi?"..


"ma c'omera a letto?...
l'era brava? ..lavorava bene di
bocca?".

l'usciere si beccò sul naso una
copia dell'eneide...
pesantemente rilegata.




"..maremma bucajola..che caratteraccio di
merda..ma la va fan culo va..
..guarda qua..
..la mi esce pure
sangue dalla narice" ,brontolò ennio; mentre
cercava la cassetta del
pronto soccorso nel corridoio.






stefania ,attese l'oscurità poi con una
cartina topografica dettagliata e
un binocolo a raggi infrarossi ,fornitole dal
suo "manesco" amico di rimini ,
raggiunse villa lamieri a piedi ,tagliando per i boschi ;
per evitare di farsi notare.

da giovane era stata una scout ed era
nata in campagna..aggirarsi
di notte tra alberi e cespugli per lei non
era certo un problema..si perdeva piu facilmente
quando era in città..

<< cazzo ,questa nebbia mette i brividi addosso..
com'è che circonda solo il parco e la villa??..
mai visto un fenomeno simile >>.

la donna si era appostata a una cinquantina di metri da
villa lamieri ; in un punto del parco da dove
con gli infrarossi riusciva ,nonostante la nebbia ad
avere una buona visuale.

<< sembrerebbe disabitata..luci spente..
..non i vede anima viva..
eppure quello schifoso traditore di adamo
potrebbe essere rintanato lì..
magari sta tirando su ,dalla cantina,
i reperti archeologici della necropoli..
diceva che il passaggio poteva essere lì
sotto..anche se il nonno di ricci non
aveva mai trovato l'ingresso >>.

stefania posò un attimo il binocolo e cercò il
pacchetto delle marlboro light nella borsa..

<< che stronza!..non ho portato l'accendino >>.

le venne da ridere quando notò poi, che invece, si era
ricordata di mettere in borsa il suo
vibratore..

<< brava stefy..e come la
accendi? con il vibro?..stronza!,stronza!...
e adesso invece di fumare che faccio ? ..
..mi masturbo per la gioia di qualche
gufo guardone?!!..stefania
sei proprio una stronza! >>.





la falsa medium rimase in cauta
osservazione per più di
un ora poi si decise ad agire..

con maestria riuscì a forzare e
ad aprire una finestra laterale;

il fratello era un abile scassinatore e le
aveva insegnato ,sin da piccola,
ad aprire ogni tipo di serratura con pochi
semplici utensili.



<< ok..nessun allarme è scattato..
..lo temevo ma dovevo correre il rischio >>.

dalla borsa prese la torcia e la sua beretta e
quindi penetrò nel buio di villa lamieri..

mentre perlustrava attentamente i locali della villa ;
stefania aveva come la sensazione di essere
osservata..e questo le creava tensione..

la luce della torcia illuminava ambienti arredati con
stile ma inequivocabilmente abbandonati da anni..

molte suppellettili erano coperte di lenzuola bianche..e
c'era un forte odore di polvere .

stefania ripensò all'informatore di adamo che
parlava di "abitatori"..tra cui la ragazza venuta a
volterra con il vecchio,da ricci..

le sembrava impossibile che qualcuno avesse
vissuto qui recentemente.

ad un tratto sentì un rumore alle sue spalle..

si voltò di scatto ,ma la torcia non illuminò che
i mobili e le pareti...eppure aveva sentito come
dei passi molto rapidi ..
passi simili a quelli di un bambino che
corre veloce...

<< cazzo stefy..non farti suggestionare,adesso>>.

la mano che impugnava la beretta le tremava..

di colpo,udì lo stesso rumore ,però questa
volta dalla direzione opposta ; si giro nuovamente di
scatto e questa volta la torcia illumino un
nano incappucciato in saio rosso con in mano una
scure che emanava riflessi
argentei a causa della
della luce artificiale..


la donna aprì il fuoco ;
sparò tre proiettili ..ma il nano restò
impassibile..limitandosi
a mugugnare parole incomprensibili che
sembravano pronunciate da qualcosa di inumano..


stefania terrorizzata si mise a correre,buttando a
terra alcune sedie..doveva uscire di li,subito..
sentiva che il nano la stava inseguendo..
..il cuore le stava scoppiando per il terrore.

la luce della torcià illuminò la finestra che
aveva aperto poco prima..forse era salva.

..con un salto felino la attraversò
atterrando sul porticato con il ginocchiò..

<< ahiaa..cazzo !!!" >>.

nonostante il dolore , la donna; zoppicando,
si mise a correre nel parco senza mai voltarsi.


..il ginocchio
le faceva molto male ma
l'adrenalina che aveva in corpo le
permise di ignorarlo.

sapeva che il nano con la scure la
stava seguendo;
doveva USCIRE da quella nebbia..
il suo sesto senso le diceva questo.






ormai ..era nel bosco..fuori dal parco di
villa lamieri e fuori dalla coltre biancastra..

si sentiva sicura..il nano non la seguiva più.

..stremata ,dolorante e spaventata a morte ;
stefania,si accasciò ad un tronco d'albero..

<< gli ho sparato 3 volte..non posso averlo mancato..
..eppure..non ha fatto una piega..ma che diavolo era
quel ..quel..essere ?? >>.


..si riposò solo pochi istanti poi si
rimise, con passo claudicante, in
cammino verso il
paese..

per fortuna non aveva perso la
borsa e aveva ancora la carta per orientarsi..

la luna brillava in cielo..e la nebbia di
villa lamieri ora era
lontana..con tutti i suoi misteri e
i suoi orrori...








CAPITOLO 19.

CHI è QUELLA DONNA?







il maresciallo era appoggiato, pensieroso e
intirizzito, a
una delle punto di servizio; parcheggiata davanti a
villa lamieri.



"nulla,maresciallo..i ragazzi la stanno
spulciando in tutta la villa ma
niente di strano..

..mobili coperti, un sacco di polvere ovunque e
nessun segno di recenti ospiti..lè veramente una
casa abbandonata da lungo tempo.
e nessun elemento
che la ci dia qualche idea di cosa la
sia accaduto ai due archeologi..

..perlomeno ora lè chiaro che
la forestiera la si è inventata
tutto..qui i lamieri non la ci
vivon più da un bel pò..

..a proposito;
l'anselmo lè rientrato in paese;
da solo però..
lo faccio convocare?".


Adrian
Biblioteca
Acquista
Contatto