Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Maristella Lippolis ha esordito nella narrativa pubblicando racconti sulla rivista Tuttestorie diretta da Maria Rosa Cutrufelli. Nel 1999, con la raccolta di racconti "La storia di un’altra" ha vinto il Premio Piero Chiara.
Seguono i romanzi "Il tempo dell’isola", "Adele né bella né brutta" (finalista al Premio Stresa 2008), "Una furtiva lacrima", "Raccontami tu", "Non ci salveranno i Melograni", "Abbi cura di te". È componente del direttivo nazionale della Società italiana delle Letterate. Il suo ultimo romanzo è "La notte dei bambini", edito da Vallecchi Firenze.
Salvatore Basile svolge attività di sceneggiatore dal 1992. Tra le sue sceneggiature ricordiamo: Ultimo, San Pietro, Cime tempestose, La cittadella, Sarò sempre tuo padre, L’uomo sbagliato, Fuga per la libertà, Giovanni Paolo II, Sotto copertura, Il sindaco pescatore, I fantasmi di Portopalo, Gli orologi del diavolo, La fuggitiva, Il Commissario Ricciardi. È ideatore di serie tv come: Il giudice Mastrangelo, Il Restauratore, Un passo dal cielo e Una pallottola nel cuore. Il suo ultimo romanzo "Cinquecento catenelle d’oro" è uscito con Garzanti ad aprile del 2022.
Patrizia Carrano è una giornalista, scrittrice, autrice radiofonica e sceneggiatrice televisiva italiana. Ha lavorato frequentemente anche ai microfoni di Radio2, e per Raiuno ha scritto alcune fiction di grande ascolto fra cui "Assunta Spina" e "Rebecca", ambedue con la regia di Riccardo Milani, e infine la serie "Butta la luna", con otto puntate dirette da Vittorio Sindoni. Dopo diversi libri che affrontano i temi della condizione femminile e quelli storici, si presenta al pubblico col suo ultimo romanzo, edito da Vallecchi Firenze: "La Bambina che mangiava i comunisti".
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy

Recensione di

Carmen Trigiante
Ombre

"Ombre" è un capolavoro di Arsenio Siani. Capolavoro lo scrivo con la maiuscola, perché l'autore dimostra, per l'ennesima volta, di superare se stesso, con la straordinaria arte di far penetrare l'anima dei suoi personaggi in quella del lettore. Ci si chiede spesso qual è la caratteristica di un'opera d'arte e quando essa possa definirsi tale. Ebbene, l'Arte è ciò che segna i tratti di un'epoca, che riesce a calzare a pennello sui drammi sociali, quelli intrisi di bellezza e autenticità, e, soprattutto, riesce a esprimere i sentimenti e le emozioni che ognuno di noi custodisce nel cuore, ma non ha gli strumenti per spiegare. Arsenio Siani dipinge un fantasy noir, lo chiamerei così. Ogni parola è perfettamente calzante al concetto che vuole rappresentare, è come un filo d'erba che concorre alla perfezione del totale. In questo romanzo c'è tutto: il dramma della solitudine, il disagio di un vivere sociale iniquo, il sarcasmo di chi ha affidato la vita alla quotidianità e cerca di sbarcare il lunario, la sfida contro se stessi e i condizionamenti psicologici derivanti dalle pressioni familiari. Soprattutto, c'è l'Amore: quella forza cosmica immensa, unica via d'uscita uscita che ci resta, in un mondo che si sgretola. Quell'energia segna la strada della felicità e, anche laddove porta all'inevitabile perdita, non è mai una sconfitta, anche contro la morte. Denso di contenuti psico-filosofici, il romanzo si attesta, a mio parere di filosofa, come uno dei più belli letti negli ultimi anni. Cito alcune frasi che ho sottolineato, per intensità, ma il testo è colmo di perle:
Non siamo altro che ombre, vaghiamo su questa terra desolata, affamati di amore, beltà, successo, soddisfazioni, gioia, ma non siamo altro che burattini, riflesso fasullo e deviante di chi gode bagnandosi alla calda luce della luna, proiettando la sbiadita figura della nostra esistenza sul palcoscenico di questo falso mondo".
L'autore distingue l'umanità in tre categorie. Egli, ne sono convinta, appartiene alla terza: quella di coloro che hanno un grande sogno, ma anche tanto talento e forza di volontà, per realizzarlo.
Che lo si prenda per un fantasy, o per un dramma psicologico che scava nelle viscere della coscienza, merita di essere letto.

Ombre in biblioteca
 
49 visualizzazioni