Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Daria Giuffra

Sono nata all'Isola d'Elba nel maggio del 1983. Ho studiato Media e Giornalismo all'Università degli Studi di Firenze, adesso vivo a Porto Azzurro dove gestisco la mia azienda di cosmetica naturale. Durante l'infanzia ho iniziato a divorare libri di diversi generi e a inventare storie, entrambe cose che faccio tuttora. Ho molti interessi, nutro una grande passione per la storia antica (in particolare quella egizia), amo visceralmente la musica (dalla classica al rock) e ho un legame forte con la natura. Un'attività che mi dona gioia profonda è viaggiare. Ho sempre colto al volo la possibilità di scoprire posti nuovi, sia all'estero che nel nostro bel paese. I miei compagni di avventure sono Alessandro, mio marito, e Giulia, mia figlia che ha appena compiuto sei anni e ha lo spirito e la curiosità di una vera esploratrice.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorta di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Daria Giuffra: Credo di aver preso consapevolezza di questa passione tra la fine delle scuole elementari e l'inizio delle medie. In quel periodo leggevo tanto, mi perdevo per ore e ore tra le pagine dei libri presi in prestito in biblioteca, infiniti mondi fantastici nascevano nella mia mente e io mi lasciavo trasportare e coinvolgere dalla narrazione. Contestualmente iniziai a mettere su carta dei racconti brevi che avevano come protagonisti degli animali parlanti. La scrittura si rivelò da subito un mezzo potente e terapeutico, mi aiutava a esternare quei pensieri che, dato il mio carattere introverso, non riuscivo a comunicare in altri modi.

Writer OfficinaWriter Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Daria Giuffra: In realtà i libri che ho più amato sono proprio quelli che hanno insinuato in me il dubbio di lasciar perdere la scrittura... tra i miei titoli preferiti ci sono Il Signore degli Anelli di J. R. R.Tolkien, Un uomo di Oriana Fallaci e Il deserto dei Tartari di Dino Buzzati, lavori in cui ho trovato una luce di genialità.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Daria Giuffra: Per entrambi i miei libri ho scelto la via dell'autopubblicazione senza contattare alcun Editore. Ho pubblicato solo un racconto breve con una casa editrice (Giraldi) dopo aver partecipato a un concorso.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Daria Giuffra: Sicuramente sì. Tra gli aspetti più interessanti ci sono: la libertà di gestire in autonomia il tipo di piano promozionale da attuare e poter scegliere il prezzo di vendita dei propri lavori. Anche le royalty sono vantaggiose. Ovviamente esiste il rovescio della medaglia, tutti quei particolari che sarebbero a carico dell'Editore (grafica, editing, correzione bozze) diventano una responsabilità dell'autore stesso. Un buon romanzo con una brutta copertina, editato male e trascurato nelle correzioni finirebbe inevitabilmente a scomparire nel calderone di Amazon.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionata? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Daria Giuffra: Sono affezionata a entrambi i miei romanzi, ma se proprio devo sceglierne uno allora dico l'ultimo, Ci si può solo perdere, pubblicato solo pochi giorni fa. Si tratta di una storia sul coraggio di cambiare. Luca, il protagonista, è incastrato in una vita apparentemente perfetta, ha un buon lavoro, una bella casa e una fidanzata carina e affidabile. Nonostante ciò sente di non essere felice e di aver perso di vista le proprie aspirazioni. Un giorno decide di prendere in mano la situazione e compie d'istinto un gesto un po' folle che lo aiuterà a rimettere in discussione il suo futuro. Firenze, Parigi e lo Yucatán fanno da scenario al racconto. La musica rappresenta una fedele compagna di viaggio che aiuterà il protagonista a percorrere il suo cammino.

Writer Officina: Quali sono le difficoltà che hai incontrato nello scrivere questa storia?

Daria Giuffra: Scrivere la storia è risultato semplice, ciò che si è rivelato più arduo è stato stravolgere la linea temporale quando avevo già concluso la stesura e parte della revisione del testo. Le vicende narrate avrebbero dovuto riferirsi al periodo tra l'agosto 2020 e il marzo 2021. I temi principali (viaggi, incontri, concerti) tuttavia non erano compatibili con la pandemia che stavamo vivendo. Ho deciso di spostare la cronologia in avanti di due anni e fare qualche accenno al virus.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Daria Giuffra: Nel primo romanzo a tema storico ho dovuto ovviamente documentarmi e riportare in modo fedele le notizie conosciute, ma nelle parti inventate non riesco a seguire schemi, vince sempre l'istinto.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Daria Giuffra: In questi giorni mi sto dedicando alla promozione di “Ci si può solo perdere” ma ho già in testa un'idea per il prossimo progetto letterario. Vorrei raccontare una storia vera legata alla figura di un mio bisnonno. Io purtroppo non l'ho mai conosciuto, ma da bambina tra gli oggetti dei miei genitori sono stata attratta da quella che inizialmente mi sembrava una moneta, poi rivelatasi una medaglia d'oro al valor militare. Nonno Peppino era stato spedito al fronte giovanissimo, nel 1915. Durante un'operazione nella quale erano stati uccisi tutti i suoi compagni, era riuscito a rovesciare la sorte a suo favore facendo molti prigionieri tra gli austriaci. Nonostante si fosse distinto per audacia e scaltrezza, non esitò in seguito a condannare aspramente la guerra. In vecchiaia sviluppò una forte sintonia con la natura e gli animali, ad agosto nella sua campagna coltivata disseminava il terreno di piattini pieni d'acqua dove si abbeveravano anche i serpenti. Quando qualche parente si lamentava a riguardo lui rispondeva: “Sono creature di Dio, hanno anche loro il diritto di vivere.”

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
878 visualizzazioni