Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
"I have a dream", ripeteva Martin Luther King Jr. il 28 agosto 1963 davanti al Lincoln Memorial di Washington. "Io ho un sogno" è parte integrante della speranza di ognuno di noi, perché senza sogni resteremmo schiavi delle convenzioni. E non importa quanto sia piccolo o grande un sogno, la questione basilare è non arrendersi mai.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Writer School
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Annalisa Scaglione

Sono nata e vissuta a Genova, dove ho studiato (diploma di maturità classica e laurea in Giurisprudenza, tutto con il massimo dei voti. Sono sempre stata diligente...). Dopo alcuni anni di esperienze professionali a Milano, dove ho lavorato nel marketing e relazioni esterne di due importanti società informatiche americane, sono rientrata in Liguria. Mare, vento e basilico sono gli elementi magici senza i quali mi sono accorta di non poter vivere. Dal 2000 conduco una vita “a misura d'uomo”, in provincia, con il mare sempre a portata di vista e di tuffo. Attualmente ho un marito, un cane e sono tutor specializzata in Disturbi Specifici di Apprendimento. Insomma, aiuto i ragazzi a studiare e cerco di renderli il più possibile autonomi. D'altronde studiare mi è sempre riuscito bene e cerco di trasmettere a chi seguo fiducia nelle proprie capacità, organizzazione e ottimismo.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorta di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Annalisa Scaglione: Prestissimo, direi dalle elementari, le medie al massimo. Leggere e scrivere, invece, sono amori nati ancora prima, intorno ai quattro anni. Quando ho capito come funzionava il “gioco”, e cioè che più lettere compongono una parola che corrisponde a un concetto, mi sono illuminata. Così mi hanno raccontato. E non ho più smesso.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Annalisa Scaglione: Sono esordiente nel 2020, con “La partita va giocata”, edito da Scatole Parlanti. Prima di proporlo a un editore, nell'ambito dell'evento Sugarpulp ho vinto uno speed-date letterario con una importante casa editrice, che ha richiesto il manoscritto. Dopo quasi un anno di attesa, mi hanno suggerito di testare il romanzo con una casa editrice medio-piccola. Ho mandato quindi il romanzo ad alcune selezionate case editrici e ho poi pubblicato con Scatole Parlanti. Dall'invio del manoscritto alla pubblicazione sono passati circa cinque mesi.

Writer Officina: Raccontaci quale è stata la scintilla che ha dato vita all'idea

Annalisa Scaglione: Si è trattato di un evento banale. Un giorno, a casa di mia madre, chiacchieriamo insieme e lei mi dice: - lo sai che vogliono vendere il campo della parrocchia di San... per farne un parcheggio? - . Da qui sono partita. Mi si è aperto uno scenario meraviglioso!

Writer Officina: Cosa hai voluto dire con la tua storia?

Annalisa Scaglione: L'ambientazione del romanzo in un piccolo paese di provincia mi ha permesso di mettere in luce molti meccanismi che fanno parte delle relazioni umane, laddove, in una piccola comunità, le maschere sociali sono ancora più evidenti. Il legame fra sovramondo e sottomondo della storia, fa emergere il contrasto fra il ruolo sociale dell'individuo e il suo personale agire interiore. Il calcio è la cornice tutta italiana (e non solo) entro la quale si svolge la trama.

Writer Officina: Cosa c'è di te nel tuo romanzo?

Annalisa Scaglione: Sono convinta che in ogni romanzo ci sia molto dell'autore. Non necessariamente in via diretta, ovvio. Le esperienze di amici e conoscenti, le frasi ascoltate alla cassa del supermercato, i ricordi infantili, i racconti e gli aneddoti di cui si è stati protagonisti o semplici ascoltatori. Tutto è esperienza personale e molto viene riversato in un romanzo, soprattutto se si tratta di narrativa contemporanea, non ascrivibile, quindi a uno specifico genere tradizionale. Come nel mio caso.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Annalisa Scaglione: Un po' e un po'. È fondamentale il canovaccio, lo scheletro per poter scrivere: dall'idea alla definizione dei personaggi, quello che voglio dire, le dinamiche principali. Poi molto avviene in corso di scrittura. I personaggi finiscono con il prendere vita propria, mi guidano loro verso sviluppi che inizialmente non avevo immaginato. E scrivere diventa un'avventura.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Annalisa Scaglione: Sto scrivendo, sì. Il nuovo romanzo è ancora ambientato a Crescobene e i personaggi sono più o meno gli stessi, con l'arrivo di un paio di interessanti new entry.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
80 visualizzazioni