Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Raul Montanari è autore di 17 libri di successo. Vive a Milano, dove tiene dal ‘99 corsi di scrittura creativa fra i più quotati a livello nazionale. Collabora con i principali editori italiani e ha pubblicato numerose traduzioni dalle lingue classiche e moderne. Dal 2008 al 2016 ha diretto il festival letterario Presente Prossimo. Nel 2012 ha ricevuto l'Ambrogino d'oro, il massimo riconoscimento istituzionale della città di Milano. Nel maggio del 2021 è uscito per Baldini+Castoldi la sua ultima opera: Il vizio della solitudine.
Patrizia Rinaldi si è laureata in Filosofia all'Università di Napoli Federico II e ha seguito un corso di specializzazione di scrittura teatrale. Vive a Napoli, dove scrive e si occupa della formazione dei ragazzi grazie ai laboratori di lettura e scrittura, insieme ad Associazioni Onlus operanti nei quartieri cosiddetti "a rischio". Dopo la pubblicazione dei romanzi "Ma già prima di giugno" e "La figlia maschio" è tornata a raccontare la storia di "Blanca", una poliziotta ipovedente da cui è stata tratta una fiction televisiva in sei puntate, che andrà in onda su RAI 1 alla fine di novembre.
Cinzia Tani è giornalista e scrittrice, autrice e conduttrice radiotelevisiva. Dopo la maturità classica consegue la laurea in Lettere Moderne e il diploma come interprete e traduttrice di lingua inglese, francese e spagnola. Debutta nel 1987 come scrittrice con il libro “Sognando California” con cui vince il Premio Scanno. Notata dalla RAI, entra nella tv di stato come inviata di Mixer. In seguito debutta come autrice e conduttrice di alcuni programmi tv: “Chi è di scena”, “L’occhio sul cinema”, “Il caffè”, “Italia mia benché” e “Delitti“. Il suo ultimo romanzo è "L'ultimo boia". .
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Recensioni
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Marco Milani

Nasco a Como il 5 maggio 1964. Residente a Stienta, provincia di Rovigo. E-writer e scrittore principalmente di science-fiction, fantastic e horror. Tra i fondatori del movimento Connettivista (con Sandro Battisti e Giovanni De Matteo) e della rivista NeXT. Fino al 2013 editore e curatore con EDS e webmaster di DOMIST - Letteratura e Pace, nel cui ambito ha collaborato con varie associazioni, editori, e-zines e siti. Finalista Premio Urania 2017 (Stacho Kuzbic. Il Viaggiatore – Watson Edizioni 2019). Premio Kipple 2014 (Blake Blade – Kipple Officina Libraria 2015) e finalista 2017 (Numero 10 – Kipple O.L. 2017). Finalista Premio ShortKipple 2020 (Tutte le ferite del mondo – Kipple O.L. 2021). Adoro Tolkien, Zelazny, Asimov, Brooks, Conforti, King, Barker e Lovecraft. Oltre alla narrativa bazzico costantemente tra testi di ufologia, misteri, archeologia spaziale, parapsicologia, storia alternativa. Sono fanatico di musica, specialmente hard & metal e dei favolosi gruppi big rock di qualche anno fa. Tutto ciò che è alternativo, diverso, orientale o fuori norma rientra nel mio ambito d'azione e di stile di vita, tanto da farmi diventare maestro di arti marziali e reikista.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorto di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Marco Milani: Partiamo da lontano. Più che un ‘accorgersi' propendo sia un qualcosa che c'è sempre stato, con modalità diverse in base all'età e in uno spettro artistico alquanto ampio, che nel tempo si è evoluto fino al momento in cui l'idea di proporre al mondo ‘cose mie scritte' ha preso forma. Quindi se vogliamo dargli una datazione restiamo a cavallo tra i due ultimi secoli, con i primi approdi in rete, nuove conoscenze in ambito, collaborazioni, e tutto il resto che ne consegue.

Writer Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Marco Milani: Parecchi a dire il vero. Stranamente, non con la voglia di seguire o imitare il percorso di quegli autori fantastici e geniali che hanno scritto cose forse irraggiungibili nella loro originalità e dato il via a generi e filoni che continuano a stupirmi, ma il contrario: leggendo invece autori che, nella loro noiosa ‘inconsistenza', hanno pubblicato e soprattutto venduto, facendomi nascere un pensiero alquanto perverso: se scrivono e pubblicano loro, io, sono sicuro di poter fare meglio.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Marco Milani: Certamente. Il mio primo libro era una raccolta di racconti. Lo proposi ad alcuni editori e pubblicai con la prima (e unica) che mi rispose: Prospettiva editrice. Buona prima esperienza che mi fatto entrare in ottica ‘autore' e mettere le prime basi per poi diventare anche editore.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Marco Milani: Sì, senza alcun dubbio è una delle vie percorribili. L'editoria italiana meriterebbe un discorso a parte, in tutte le sue varianti e sfaccettature nelle maggior parte dei casi negative. Amazon è una possibilità, per una serietà di rapporto con gli autori che da noi europei non esiste se non per pochissime realtà editoriali. Non che Amazon sia perfetto, però un autore che infine si ritrova per le mani un buon ‘prodotto' se la può giocare.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionato? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Marco Milani: Risposta ovvia è: tutti. Però la coscienza di riconoscere la produzione di opere migliori di altre ovviamente c'è. Ho un preferito: Ptaxghu6, un romanzo del 2010 scritto a quattro mani con il mio brother letterario di sempre Sandro Battisti, connubio proseguito e tutt'ora in auge su più fronti. I due seguiti del romanzo, L'Ologramma Sommariano e Terra di Sommaria, usciranno prossimamente per Kipple Officina Libraria.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Marco Milani: Modalità precise non ce ne sono. Di solito i racconti sono istintivi, o appunti datati (idea o titolo) che a un certo punto prendono un senso. Per i romanzi si tratta invece di affrontare complessità di situazioni e personaggi, schemi e scalette strada facendo diventano quasi d'obbligo. Il resto è molta ricerca, a rendere ‘realizzabile e coerente' (specie in SF) ogni idea con i relativi sviluppi narrativi.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Marco Milani: Ne ho un paio in cantiere. Uno del mio genere primario, ovvero fantascienza, in cui sono arrivato oltre la metà stesura (l'ho iniziato una quindicina di anni fa) ma in compenso il resto ultimamente l'ho abbozzato fino alla fine e manca solo il tempo per sviluppare e incastrare. L'altro è recentissimo ed è il mio primo tentativo su un giallo, che è avanti bene ma va un po' a rilento poiché non sono abituato a lavorare sul ‘reale' e quindi è più il tempo passo in ricerche e studi. Conto di finirli entrambi in sei/otto mesi.

Writer Officina: Perché hai scelto la fantascienza piuttosto che un altro genere?

Marco Milani: Sono nato con la testa tra le nuvole e lì sono rimasto. La mia mente viaggia naturalmente su tutto ciò che è fuori norma, per luoghi inventati e situazioni anomale. Accetto la realtà, ovviamente, ma appena posso mi trasferisco nelle mie di ‘Realtà'. Scrivere fantascienza o altre varianti in ‘fanta' è la logica conseguenza.

Writer Officina: La scrittura ha una forte valenza terapeutica. Confermi?

Marco Milani: Confermo, riconfermo e sottoscrivo. Nel mio caso posso affermare in assoluta certezza che scrivere mi ha fatto risparmiare migliaia di euro in sessioni psichiatriche.

Writer Officina: Che consigli daresti, basati sulla tua esperienza, a chi come te voglia intraprendere la via della scrittura?

Marco Milani: Prima di iniziare a scrivere, leggere. Poi scrivere sempre (continuando a leggere e studiare), senza ulteriori fini che non siano la scrittura in sé. Il resto è un'altra storia, verrà con le sue gambe se deve succedere.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
61 visualizzazioni