Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Luigi Romolo Carrino è uno scrittore che ha affrontato nel suo percorso letterario tematiche sociali molto profonde. Il suo romanzo "Acqua storta" racconta per la prima volta l'omosessualità repressa del sistema mafioso attraverso gli occhi di un carcerato che, fra allucinazioni e ricordi, rivive il suo passato negli ultimi tre giorni di vita. In "Pozzoromolo" e in "Esercizi sulla madre", selezionati entrambi per il Premio Strega, tratta il tema dei manicomi.. Il suo ultimo libro è "Non è di maggio" edito da Arkadia.
Riccardo Bruni, da un piccolo sito web negli anni 90, su cui pubblicava i primi racconti, fino ad arrivare alla presentazione del suo romanzo "La notte delle Falene" al Premio Strega. Ha partecipato a vari progetti collettivi, tra cui YouCrime di Rizzoli, in collaborazione con il Corriere della Sera. Scrive sul quotidiano La Nazione, su Giallorama.it, di cui è uno dei fondatori, e collabora con varie realtà del web, tra cui Toscanalibri.it. In questa intervista racconta la sua storia a Writer Officina.
Oriana Fallaci, l'intervista impossibile a una scrittrice mai morta. Prima di approdare al romanzo e al libro, Oriana Fallaci si dedicò prevalentemente alla scrittura giornalistica, quella che di fatto le ha poi regalato la fama internazionale. Una fama ben meritata, perché a lei si devono memorabili reportages e interviste, indispensabili analisi di alcuni eventi di momenti di storia contemporanea. La raccolta delle sue grandi interviste con i potenti della Terra venne poi inglobata nel libro "Intervista con la storia".
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Dina Ravaglia

Credo di avere iniziato a raccontarmi storie prima ancora di saper scrivere, perciò fatico a descrivermi senza parlare di quello. È il mio modo per vivere altre vite diverse dalla mia, e paradossalmente moltiplica le mie possibilità di essere. Questa sensazione mi rende felice e si contrappone al lavoro che svolgo nella vita, un impiego da tecnico in un ente pubblico: credo che il mio equilibrio abbia bisogno di entrambe queste componenti, facendomi stare contemporaneamente in mille posti diversi e rendendomi quella che sono. Sì, il lavoro mi ha aiutato a radicarmi nella vita reale, mentre la scrittura me ne ha regalate altre, di vite, e mi ha permesso di non annoiarmi mai.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorta di aver sviluppato la passione per la scrittura?

Dina Ravaglia: Come accennato prima, l'ho capito quasi subito, da molto piccola. Sono stata una bambina solitaria fino a 6-7 anni, ed ero già abituata a inventarmi storie e personaggi. Tuttavia fino a circa 40 anni, pur avendo sempre scritto, non ho mai cercato di pubblicare niente, ritenendola un'attività soltanto mia, come una forma di autoterapia, sebbene non abbia mai scritto di me.

Writer Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Dina Ravaglia: Partendo dal periodo delle medie e superiori, quando ho iniziato a strutturare le mie storie in romanzi, direi sicuramente Jack Kerouac, Herman Hesse, Charles Baudelaire e i poeti simbolisti francesi, la fantascienza.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Dina Ravaglia: No, ho aspettato di avere scritto molti romanzi prima di arrivare a finirne uno con la sensazione che sì, forse poteva interessare anche agli altri. Allora ho iniziato a pubblicare.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Dina Ravaglia: Può darsi, ma occorre essere bravissimi nella fase di promozione. Personalmente ho preferito pubblicare con editori, perché mi interessa la valutazione del mio testo, mi conforta che sia stato in qualche modo scelto e approvato. Finora ho pubblicato sei romanzi, tre in seguito a concorsi letterari vinti, uno ("L'Isola degli internati"), uscito solo in ebook in quanto finalista a un premio letterario, recentemente l'ho autopubblicato su Amazon per avere anche la versione cartacea.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionata? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Dina Ravaglia: Tutti i miei romanzi sono parte di me e non ne rinnego nessuno, sono affezionata a ciascuno dei miei personaggi. Quattro su sei dei romanzi pubblicati sono ambientati durante o subito dopo la seconda guerra mondiale, uno è ambientato in epoca contemporanea e uno è di fantascienza, "Il Cuore Opposto". Riguardo a questo romanzo mi ha affascinato, oltre al lavoro su trama e personaggi, il processo di creare l'ambientazione, lo sforzo di pensare a un mondo "altro" che in qualche modo stesse in piedi.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Dina Ravaglia: Preparo uno schema della trama che si arricchisce mentre procedo nella stesura. Inoltre creo un file con tutte le informazioni relative a ogni personaggio. Però una volta creati questi due - binari - poi scrivo di getto e vado avanti come un treno.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro?
È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?


Dina Ravaglia: Ho tre inediti finiti e alcune idee da sviluppare; uno degli inediti è in corso di revisione. Fra le idee da sviluppare ho un altro romanzo storico e uno di fantascienza; gli inediti già finiti sono due romanzi ambientati ai giorni nostri e una saga familiare.

Writer Officina: Raccontaci quale è stata la scintilla che ha dato vita all'idea: come nasce, in genere, la tua ispirazione?

Dina Ravaglia: I luoghi spesso raccontano storie. Sono architetto, e spesso la mia ispirazione è nata proprio da lì: l'incontro con un luogo particolare, la stanza di una casa, un quartiere con una storia, i filari di pioppi della bassa dove abito, la desolazione di certa periferia. Sono molto portata a inseguire le suggestioni, e dopo il primo momento sono le storie a inseguire me, e non mi lasciano neanche quando ho finito di scriverle.

Writer Officina: Cosa vorresti che le persone dicessero dei tuoi romanzi?

Dina Ravaglia: Che pur non trattandosi di gialli o thriller sono altrettanto avvincenti. Che li hanno trovati intensi. Che hanno capito quello che volevo dire. Ecco, credo che la felicità dello scrivere stia tutta qui, nel rendersi conto di aver detto esattamente quello che si voleva dire.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
281 visualizzazioni