Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Massimiliano Priore

Sono nato a Milano il 13 agosto del '74. Dopo la laurea in Filosofia ho seguito un corso per diventare redattore multimediale.
Nel 2004 ho iniziato a collaborare con Sprint e Sport, un settimanale che si occupa di calcio giovanile e dilettantistico. Sono rimasto lì una quindicina d'anni. Nel 2007 mi sono iscritto all'Albo dei Pubblicisti della Lombardia. Nel frattempo, ho collaborato con alcuni blog e giornali online e ne ho aperti anche di miei. Devo dire, però, che per me è sempre stato più facile stare dietro a quelli degli altri che ai miei. Tuttora mi occupo dei testi dei siti aziendali dei miei clienti. Oltre a fare il copywriter, ho lavorato in alcuni call center (in uno per più di quattro anni) e con i bambini. Per essere precisi, con i bambini ci lavoro ancora.

Writer Officice: Qual è stato il momento in cui ti sei accorto di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Massimiliano Priore: Non molto presto. Da piccolo mi piaceva consultare le enciclopedie, ma la letteratura non mi attirava molto. Credo che la folgorazione ci sia stata al Ginnasio quando ho scoperto Baudelaire.

Writer OfficinaWriter Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Massimiliano Priore: Ho iniziato a cimentarmi con la scrittura proprio dopo aver letto “I fiori del male”.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Massimiliano Priore : Sì, ho pubblicato. E poi mi ha contattato un'altra casa editrice per avermi nella sua scuderia.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Massimiliano Priore : Non mi esprimo perché conosco poco il fenomeno, anche perché non faccio molti acquisti su Internet, a parte i viaggi. Secondo me, devi essere bravo a promuoverti, se vuoi seguire questa strada e ammiro chi ci riesce.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionato? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Massimiliano Priore : Il libro cui sono più affezionato s'intitola “La maledizione dell'aquila”. Non è ancora uscito ed è su una piattaforma di crowdfunding, Bookroad, creata dalla mia casa editrice. Devo raggiungere il traguardo di 200 preordini. Di che cosa parla? Di calcio, inteso come passione e sogno, e come curiosità su questo sport, di amore, inteso anche come sacrificio, ma un sacrificio legato alla quotidianità, e di una cosa che mi ha molto colpito nei due viaggi che ho fatto in Lussemburgo e cioè la presenza di tantissimi portoghesi. Anche perché conosco abbastanza bene il portoghese.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Massimiliano Priore: Mi vengono le idee per le trame e io le scrivo, non necessariamente subito. Anzi, preferisco lasciar passare un po'di tempo. Poi, una volta che ho iniziato, le parti che ho già scritto mi suggeriscono come continuare. Ma capita anche che mi vengano delle idee che stanno bene in quel contesto e allora le inserisco.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Massimiliano Priore : Sì, sto scrivendo un libro. Ha degli elementi in comune con gli altri due: il realismo magico, alcuni luoghi e due personaggi, Alan e Rosalia, che sono presenti anche in “Hwelf, Storie di gufi e contesse”, il libro che è già stato pubblicato, e ne “La maledizione dell'aquila”.

Writer Officina: Raccontaci quale è stata la scintilla che ha dato vita all'idea

Massimiliano Priore: Ero a Lussemburgo, stavo facendo una passeggiata e ho visto un ragazzino con la maglia del Benfica che giocava a pallone da solo. Non del Real, non del Barcellona o del Bayern Monaco o del Paris Saint Germain, ma di una squadra che qui non ha più molto appeal. E questa è una.
L'altra è stata una domanda che mi sono posto qualche volta per gioco: che cosa succederebbe se una persona lasciasse davvero un annuncio su un muro e qualcuno la contattasse?

Writer Officina: Per i personaggi hai fatto riferimento – magari in parte – a persone reali oppure sono solo frutto della fantasia?

Massimiliano Priore: Un po' e un po'. Mi piace mettere insieme elementi di più persone, mischiarli, fare delle macedonie aggiungendo elementi di fantasia. Altri personaggi sono completamente inventati. Altri ancora sono ispirati a personaggi letterari. Per esempio, quando ho creato uno dei personaggi di “Hwelf” ho preso come modello Labbro Leporino di “Trilogia della città di K.”.

Writer Officina: Hai fatto dei corsi?

Massimiliano Priore: Quello di redattore multimediale e uno con un quotidiano di cronaca.

Writer Officina: Quali sono le difficoltà che hai incontrato?

Massimiliano Priore: L'unica è legata alla lunghezza: bisogna scrivere un testo abbastanza corposo senza allungare troppo il brodo, cioè senza fare troppe perifrasi e senza usare parole superflue. Poi, a me piace la sintesi e non amo usare troppe parole in più di quelle necessarie.

Writer Officina: Che consigli daresti, basati sulla tua esperienza, a chi come te voglia intraprendere la via della scrittura?

Massimiliano Priore: Curate la forma perché un bel contenuto non basta. Sembrerebbe scontato, ma non è così. Fate pratica. Non affidatevi solo all'ispirazione. Una buona parte del tempo che si impiega a scrivere un romanzo, ma anche un racconto, va via per il labor limae. Sappiate cambiare registro. Non scrivete in modo innaturale: ad esempio, salvo eccezioni, trovo innaturale lo schema aggettivo + sostantivo. Soprattutto nei dialoghi, domandatevi se nella vita reale parlereste in quel modo (o se qualcuno lo farebbe). Evitate le frasi fatte perché non si addicono a uno scrittore. E leggete. Il confronto con autori affermati non può che fare bene e leggendo i loro testi potete imparare molto.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
677 visualizzazioni