Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Lorenzo Marone. Autore di successo, ha pubblicato La tentazione di essere felici che ha ispirato un film, La tenerezza, con regia di Gianni Amelio, La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi, 2016), Magari domani resto (Feltrinelli, 2017) Premio Selezione Bancarella 2017, Un ragazzo normale (Feltrinelli 2018), Premio Giancarlo Siani, la raccolta Cara Napoli (Feltrinelli, 2018), Tutto sarà perfetto (Feltrinelli 2019), il saggio per Einaudi Inventario di un cuore in allarme (2020), e La donna degli alberi (Feltrinelli 2020).
Romana Petri vive tra Roma e Lisbona. Editrice, traduttrice e critica letteraria, collabora con «ttl La Stampa», il «Venerdì di Repubblica», «Corriere della Sera» e «Il Messaggero». Considerata dalla critica come una delle migliori autrici italiane contemporanee, ha scritto tra romanzi e raccolte di racconti ben 23 libri. Ha ottenuto prestigiosi premi e riconoscimenti, tra i quali il Premio Mondello, il Rapallo-Carige e il Grinzane Cavour. È stata inoltre finalista due volte al Premio Strega. Tra i suoi libri più conosciuti Figlio del lupo e l'ultimo uscito: La Rappresentazione.
Ariase Barretta. È nato in un quartiere popolare di Napoli. Si è laureato all’Istituto Orientale, per poi proseguire gli studi presso le università di Modena, Barcellona e Madrid. Alla passione per la scrittura ha sempre affiancato quella per la musica, dedicandosi allo studio della teoria musicale, del pianoforte e della composizione corale presso i conservatori di Salerno e Benevento. Ha lavorato come redattore e traduttore per numerosi network televisivi italiani e internazionali e per varie case editrici. Il suo ultimo romanzo è Cantico dell'Abisso.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Lorenzo Zucchi

Sono prima di tutto un grande appassionato di viaggi, che ho sempre cercato di portare avanti senza disprezzare mai nessuna destinazione, anzi collezionando bandiere, cioè stati. Amo tutto il pianeta e in ogni luogo trovo qualcosa di particolarmente bello da portare con me per sempre. Al momento ho visitato 120 paesi del mondo e spero di ripartire presto, COVID permettendo. Statistico di professione, sono nato a Parma 47 anni fa, ma vivo a Milano da quasi vent'anni. Mi piacciono l'architettura, l'urbanistica, il cinema, l'arte. Mi diletto a fare il fotografo amatoriale (nickname: il Fotografo Timido) seguendo la filosofia minimalista, che ho formato allenando l'occhio in svariati shooting solitari nella periferia di Milano, anche se ora scatto solo durante i miei viaggi, cercando sempre di cogliere un dettaglio astratto, un particolare che possa raccontare i luoghi che visito. Ho arricchito la copertina del mio primo libro con foto che vorrebbero assomigliare a bandiere o che comunque ne richiamano lo stile, per portare il messaggio che la Terra alla fine è un unico grande paese. Da anni nella bella stagione cammino a piedi nudi per strada, per libertà, comfort e stile cool, entrando in contatto con i luoghi in maniera intima e personale.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorto di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Lorenzo Zucchi: Forse l'ho sempre saputo, è stato un interesse che ho perseguito alacremente dai venti ai trenta, leggendo i grandi classici, dai russi agli americani. Più di recente focalizzo l'attenzione su letture finalizzate ad arricchire il bagaglio culturale dei miei viaggi.

Writer Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Lorenzo Zucchi: Molti libri mi hanno lasciato questa sensazione, da Luce d'agosto di Faulkner a I pascoli del cielo di Steinbeck. Ma in assoluto quello che più ha fatto nascere il mio ego scrittore è stato Sulla Strada di Kerouac, tanto che i miei primi racconti di viaggio sono stati quelli dei lunghi viaggi on the road.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Lorenzo Zucchi: Ho terminato Quante bandiere hai? nel corso del 2019 e l'ho immediatamente proposto ad Edizioni Underground?, che ha avuto ben pochi dubbi al riguardo, nonostante un lavoro di editing lungo, per verificare tutte le informazioni sui luoghi narrati nel libro.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Lorenzo Zucchi: Io ho scelto un'altra strada, la mia casa editrice è indipendente e al momento non lavora con Amazon. Sicuramente la cassa di risonanza del sito per antonomasia è maggiore, ma non basta. Meglio affidarlo a dei professionisti, anche se si perdono delle quote. Chi scrive per passione non lo fa certo per il guadagno.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionato? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Lorenzo Zucchi: Al momento è l'unico, quindi la risposta è semplice. QBH? è una raccolta di 50 racconti di viaggio attraverso 59 paesi dell'area Europa e Mediterraneo. Dalle strade tortuose dell'Albania ai palazzi imponenti dell'Ungheria, si parte per una lunga avventura che si può vivere tutta d'un fiato oppure a piccole dosi. Dal 1985 al 2017, le mie memorie di viaggio mescolano riflessioni, momenti di vita vissuta, descrizioni di persone e posti in un volume che rende al viaggio la sua missione primaria di apportatore di ossigeno. Narratori e stili diversi si alternano nel libro, dalle composizioni più lineari ai racconti scritti in puro stile ‘flusso di coscienza'.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Lorenzo Zucchi: Quando ho un'idea, ne prendo subito nota, specialmente sui titoli che devo dare ai miei racconti. Per il resto scrivo di getto, poi rileggo alla fine di ogni racconto.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Lorenzo Zucchi: Ho praticamente ultimato un nuovo libro, che sarà il secondo tomo di una trilogia dedicata ai miei viaggi. Scritto un po' più per il pubblico, rispetto al primo, ma senza snaturare lo stile.

Writer Officina: Cosa c'è di te nel tuo romanzo?

Lorenzo Zucchi: Molto, visto che narra vicende vissute in prima persona, e con grandi elucubrazioni cerebrali. A volte, però, mi camuffo tra i miei personaggi.

Writer Officina: Cosa vorresti che le persone dicessero del tuo romanzo?

Lorenzo Zucchi: Che hanno viaggiato leggendolo.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
204 visualizzazioni