Writer Officina Magazine
Ultime Interviste
Piergiorgio Pulixi fa parte del collettivo di scrittura Mama Sabot, creato da Massimo Carlotto, di cui è allievo. Insieme allo stesso Carlotto e ai Sabot, ha pubblicato diversi titoli a partire da Perdas de Fogu, per poi continuare con L’albero di microchip, Un amore sporco (nel trittico Donne a perdere) e Padre nostro. Nel 2009 inizia la saga poliziesca di Biagio Mazzeo con il noir Una brutta storia, proseguita con La notte delle pantere e Per sempre.
Younis Tawfik (Mossul, 1957) è un giornalista e scrittore iracheno naturalizzato italiano. In Iraq ha ottenuto nel 1978 il Premio di Poesia Nazionale. Vive in esilio in Italia dal 1979. Nel 1986 ha conseguito la laurea in Lettere all'università di Torino. È noto al pubblico televisivo per alcune partecipazioni a programmi di approfondimento giornalistico, quali L'infedele di Gad Lerner, e altri. Con il suo romanzo d'esordio "La Straniera" ha vinto numerosi premi.
Ilaria Tuti. Appassionata di pittura, nel tempo libero ha fatto l’illustratrice per una piccola casa editrice. Nel 2014 ha pubblicato il thriller Fiori sopra l’inferno. Il secondo romanzo, Ninfa dormiente, è del 2019. Entrambi vedono come protagonisti il commissario Teresa Battaglia. Con Fiore di roccia, e attraverso la voce di Agata Primus, Ilaria Tuti celebra un vero e proprio atto d’amore per le sue montagne, dando vita a una storia profonda e autentica, illuminata dalla sensibilità di un’autrice matura e generosa.
Ultimi Articoli
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Ego Sum, ovvero l'Ego d'Autore nella sua eterna e complessa contraddizione. Ma quanto conta davvero la personalità dello scrittore nel successo dei suoi testi? E quanto pesa la sua immagine pubblica sul piatto della bilancia che lo porta a scalare il gradimento del pubblico? È davvero possibile scindere autore e testo, senza pregiudicarne irrimediabilmente il successo?
Lupus In Fabula, analisi del protagonista negativo nella scrittura antica e moderna, interpretando le favole di Esopo nel contesto della letteratura. "È questa figura che ha il compito di rendere una trama davvero interessante. Non è la tragedia in sé che tiene attanagliati i lettori davanti al nostro libro, ma l'attesa che si manifesti."
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Home
Magazine
Autori di Writer Officina

Laura Donghi

Mi chiamo Laura, ho 38 anni e sono nata e cresciuta a Treviglio, una piccola cittadina della provincia di Bergamo, dove vivo tuttora con la mia famiglia. Ho trascorso un'infanzia serena e tranquilla con i miei genitori e mio fratello maggiore, sebbene le nostre disponibilità economiche fossero ridotte ed ho iniziato a lavorare sin da giovanissima per pagarmi gli studi. A 23 anni ho riscattato il rimpianto di un Erasmus mancato con l'esperienza di ragazza alla pari a Londra e non posso far altro che ammettere quanto quell'esperienza mi abbia aiutata a crescere ed abbia forgiato ancora più l'evoluzione della mia persona. Pochissimi anni dopo ho conosciuto il mio attuale compagno nel bar dove lavoravo per pagarmi gli studi, esattamente come la protagonista del mio romanzo. Scrivo per passione (una passione di vecchissima data) e lavoro come Export Area Manager presso un'azienda dolciaria bergamasca.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorto di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Laura Donghi: Sinceramente non ricordo un momento specifico. Credo che questa passione fosse innata perché la lettura mi ha sempre incuriosito ed altrettanto la scrittura, basti pensare ai mille diari segreti che ho scritto negli anni!

Writer OfficinaWriter Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Laura Donghi: I love shopping di Sophie Kinsella (romanticismo ed ironia, è questo il mio genere).


Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Laura Donghi: No, l'ho auto-pubblicato su Amazon KDP.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Laura Donghi: Sicuramente è una buona palestra perché insegna l'arte dell'arrangiarsi.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionato? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Laura Donghi: Ad oggi ne ho scritto uno solo (il secondo è in corso d'opera). Riporto la trama: “Questo libro narra la storia di Sara, una ragazza caparbia e al contempo sognatrice e di Paolo, un ragazzo posato ma determinato. Lei barista, lui avventore. La storia ruota intorno al bar di paese, dove Sara lavora per pagarsi gli studi e dove Paolo trascorre le serate in compagnia dei suoi amici. Quando finalmente Sara riceve una vera e propria proposta di lavoro, le viene offerta la possibilità di trasferirsi a Parigi. Vanessa, la sua migliore amica, non ha mai avuto dubbi ma lei sarà davvero disposta a mollare tutto e andare? Ma poi, tutto cosa?”.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Laura Donghi: Scrivo d'istinto e nel bel mezzo dell'opera tiro le somme, creo uno schema (per evitare di perdermi i pezzi ma soprattutto di confondermi con le date) e mi annoto eventuali argomenti che voglio approfondire.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Laura Donghi: Sì, sto scrivendo il sequel del primo romanzo, rigorosamente auto-concludente come il primo, perché non voglio che il lettore sia obbligato a leggerli entrambi per capirne il senso.

Writer Officina: Cosa c'è di te nel tuo romanzo?

Laura Donghi: Nel mio libro c'è molta vita vissuta, condita con tanta ironia ed emozioni perché per quanto la penna andasse quasi da sola, ripescando aneddoti dalla mia memoria, il mio intento principale è sempre stato far sorridere ed a volte anche commuovere ma sempre col sorriso. Il mio libro vuole essere una lettura leggera, scorrevole e divertente.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto