Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Grazia Verasani si diploma all'Accademia dell'arte drammatica all'età di vent'anni. Le sue prime esperienze avvengono col Teatro Stabile dell’Aquila e col Teatro Stabile di Torino. Dopo l'incontro con Tonino Guerra, che la incita a scrivere, nel 1987 pubblica alcuni dei suoi primi racconti grazie a Roberto Roversi, che definisce la sua scrittura "immaginifica". Il suo romanzo più conosciuto è "Quo vadis baby?" da cui è stato tratto il film omonimo, con la regia di Gabriele Salvadores. Nella sua ultima opera "Come la pioggia sul cellofan" continua a raccontare la storia di Giorgia Cantini.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
"I have a dream", ripeteva Martin Luther King Jr. il 28 agosto 1963 davanti al Lincoln Memorial di Washington. "Io ho un sogno" è parte integrante della speranza di ognuno di noi, perché senza sogni resteremmo schiavi delle convenzioni. E non importa quanto sia piccolo o grande un sogno, la questione basilare è non arrendersi mai.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Writer School
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Adelaide J. Pelliteri

Mi chiamo Adelaide e vivo a Palermo dal 15 agosto del 1961, giorno in cui sono nata. Quinta di cinque femmine, in casa non sono mai mancate fantasia prolifica e creatività pratica. Ho avuto la fortuna di giocare tantissimo con le mie sorelle e i bambini del vicinato nel giardino dietro casa. La passione per la scrittura, però, era già nel mio DNA; il mio bisnonno scriveva commedie popolari e poesie, una delle mie sorelle componeva canzoncine per le recite della scuola e mio nipote, agli esami di terza media, ha scritto un compito di italiano lungo tredici pagine senza andare fuori tema. Bene, ho presentato tutta la famiglia e così si è capito che alle radici ci tengo.
Ahimè, ho sposato un milanese che si lamenta sempre dell'inefficienza della mia città, ma nonostante ciò, dopo trentadue anni di vita insieme mi va ancora a genio. Non abbiamo avuto figli, ma non ci sono mancati gli impegni, gli interessi e i viaggi. Il vuoto in qualche modo andava riempito e non ci siamo fatti mancare nulla, perfino un incidente con tre giorni di coma, dopo i quali mio marito si è svegliato alquanto sbrindellato. Tutto, ringraziando Dio, è andato a posto dopo un anno e mezzo di convalescenza.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorta di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Adelaide J. Pellitteri: Avevo quattordici anni quando lessi il libro di Oriana Fallaci Lettera a un bambino mai nato, comprato dalla maggiore delle mie sorelle. Forse non era l'età giusta ma ricordo che lo apprezzai tantissimo. Mi piacque la musicalità delle frasi, la loro lunghezza, fu in quella occasione che scoprii l'importanza del ritmo nella narrazione. Oriana, da allora, è rimasta la mia scrittrice più amata.

Writer OfficinaWriter Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Adelaide J. Pellitteri: Dopo Oriana, dici? Sì, molti. Più che altro, hanno alimentato la voglia di migliorare. Potrei citare Le novelle del Verga, oppure Il sentiero dei nidi di ragno di Calvino, un racconto che non ho dimenticato mai più.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Adelaide J. Pellitteri: Finito il lavoro lo inviai al Premio Calvino, non arrivai nemmeno tra i finalisti, ma la scheda di lettura era molto incoraggiante, ci lavorai ancora un anno e poi contattai la Giulio Perrone Editore che aveva pubblicato diversi miei racconti su antologie a tema, ma venni dirottata su una loro Casa editrice satellite, L'Erudita. Sarò sempre grata per l'opportunità che mi ha dato, ma non posso dire di essere rimasta soddisfatta. Il libro si è classificato al secondo posto al Premio Nazionale Paolo Amato, è sono riuscita a proporlo in sedi di tutto prestigio (all'Auditorium della Rai di Palermo, alla Biblioteca A. Bombace della Regione Siciliana e a Palazzo delle Aquile, ed anche all'Ambrosianeum di Milano...), ma ho fatto tutto da sola.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Adelaide J. Pellitteri: Diciamo che ci sono tanti rischi, ma se si è in grado di immettere sul mercato un testo valido, passato dalle mani di un Editor professionista, allora ben venga. Ci sono molte Ce che, comunque, pubblicano testi illeggibili e che non pagano nemmeno le royalties; e allora la domanda nasce spontanea: conviene aspettare anni una risposta (che spesso nemmeno arriva) e rischiare che il testo, in ogni caso, non venga revisionato né sostenuto come dovrebbe?

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionata? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Adelaide J. Pellitteri: Il mio primo, e ad oggi unico libro, si intitola Donne fino a epoca contraria. È una raccolta di trentadue racconti che hanno come filo conduttore l'evoluzione della donna dalla rivoluzione del 68' fino a un futuro distopico e delirante. I racconti procedono lungo i decenni, partendo dalla donna da manifestazione sessantottina, passando per la donna vittima, proseguendo con la donna carnefice, fino ad arrivare alla donna che per legge non potrà più partorire i propri figli, grazie a distopici nuovi diritti civili ottenuti dalle donne stesse. È chiaro che porto le situazioni all'estremo intenzionalmente. Qualche femminista sfegatata ha espresso qualche dubbio (o meglio, mi puntato il dito contro), ma va bene così. Vuol dire che sono riuscita a scuotere qualche animo.
Qual è il succo di questo libro? - Ho l'impressione che la donna abbia vestito i panni da guerriera per conquistare il deserto. -

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Adelaide J. Pellitteri: Scrivendo racconti, particolarmente brevi, anzi brevissimi (che chiamo iceberg), fino ad oggi non ho sentito il bisogno di una scaletta.
I miei personaggi sono i più disparati, e tutto e nulla c'è di me in loro, diversamente dovrei andare in psicanalisi. Potrebbe sembrare, infatti, che cambi opinione in continuazione, che affermi tutto e il contrario di tutto, ma non sono mai io a dire la mia, sono sempre i personaggi a dire la loro.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Adelaide J. Pellitteri: Ho appena completato l'editing del mio nuovo e primo vero romanzo con una Editor professionista. La figlia italiana, questo è il titolo, ha già iniziato il suo viaggio verso la pubblicazione. L'ho spedito a una Casa Editrice e adesso mi tocca solo aspettare.
Il mio genere è il mainstream, ed è su questa scia che ho proseguito. Mi piace indagare sulla psicologia delle persone, interpretare le loro reazioni davanti agli eventi della vita. Sono un'attenta osservatrice della realtà, e questa, offre una gamma interminabile di personaggi, tutti da scoprire.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
355 visualizzazioni