Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Riccardo Bruni, da un piccolo sito web negli anni 90, su cui pubblicava i primi racconti, fino ad arrivare alla presentazione del suo romanzo "La notte delle Falene" al Premio Strega. Ha partecipato a vari progetti collettivi, tra cui YouCrime di Rizzoli, in collaborazione con il Corriere della Sera. Scrive sul quotidiano La Nazione, su Giallorama.it, di cui è uno dei fondatori, e collabora con varie realtà del web, tra cui Toscanalibri.it. In questa intervista racconta la sua storia a Writer Officina.
Oriana Fallaci, l'intervista impossibile a una scrittrice mai morta. Prima di approdare al romanzo e al libro, Oriana Fallaci si dedicò prevalentemente alla scrittura giornalistica, quella che di fatto le ha poi regalato la fama internazionale. Una fama ben meritata, perché a lei si devono memorabili reportages e interviste, indispensabili analisi di alcuni eventi di momenti di storia contemporanea. La raccolta delle sue grandi interviste con i potenti della Terra venne poi inglobata nel libro "Intervista con la storia".
Vito Catalano è nato a Palermo nel 1979. Da anni Lavora ai documenti d'archivio del nonno, Leonardo Sciascia. In una vita fra Italia e Polonia (dove per anni ha tenuto lezioni di scrittura italiana agli studenti di Linguistica Applicata dell'Università di Varsavia), ha pubblicato numerosi articoli sui quotidiani Il Messaggero, Il Riformista, La Sicilia e quattro romanzi: L'orma del lupo (Avagliano editore 2010), La sciabola spezzata (Rubbettino 2013), Il pugnale di Toledo (Avagliano editore 2016), La notte della colpa (Lisciani Libri 2019).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Giuseppe Storti

Giurista di professione, Dirigente Consiglio regionale della Campania. Giornalista per passione. Iscritto all'Albo dei giornalisti, elenco pubblicisti della Campania dal 1982. Pratica con il “Mattino di Napoli”, per il quale sono stato collaboratore per decenni. Direttore del settimanale ““Casoria due” per otto anni, nonché di tanti altri periodici locali e regionali. Vasta e qualificata esperienza in materia di comunicazione istituzionale. Fondatore del “Giornale di Casoria” nel 2010. Appassionato e cultore di storia locale. Curo una pagina social ed un blog dedicato alla storia di Casoria, paese di nascita. Nel mese di Febbraio 2021 ho pubblicato per Guida Editore il libro “Il tempo fermo”. Amo la lettura: “Chi è analfabeta a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni. C'era quando Abele uccise Caino, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l'infinito.... perché la lettura è un'immortalità all'indietro.” Umberto Eco.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorto di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Giuseppe Storti: Direi da ragazzo. Sono figlio di un Professore di Latino e greco, poi Preside. In casa mia si respirava lettura e letteratura. Ho sempre avuto la passione per la scrittura e per la lettura. Quindi mi sembra quasi naturale rappresentare con la scrittura le proprie emozioni ed i propri pensieri.

Writer Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Giuseppe Storti: Tantissimi, non uno in particolare. Ad iniziare dai grandi classici della letteratura, L'Odissea di Omero, ed in particolare tutti i suoi poemi. Poi, i libri di Italo Svevo, con l'analisi introspettiva dei personaggi, quasi un voler scandagliare le loro anime, per far uscire fuori ogni loro e più intima emozione. Un po' la tecnica di scrittura che ho poi ripreso nel mio libro.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Giuseppe Storti: Semplicemente non ho avuto risposta. Altre riposte sono state negative. Quindi la chiamata dell'Editore Guida, e l'inizio di una avventura davvero esaltante e bella.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Giuseppe Storti: Sì, senz'altro. Anche se qualsiasi proposta editoriale va seriamente valutata. Bisogna contribuire ad incentivare la lettura. Leggere fa bene all'animo ed alla mente.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionato? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Giuseppe Storti: Senza dubbio Il tempo fermo, che è il primo scritto. Un libro denso di emozioni vissute, ma mai espresse, e che ora hanno preso vita in questo libro. Una sensazione bellissima, difficile da descrivere in maniera compiuta.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Giuseppe Storti: Risposta: scrivo d'istinto. Poi, rileggo e correggo. Ma, credo che i pensieri vadano subito espressi nello forma della scrittura, in quanto corrispondono ad emozioni sentite e vissute.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Giuseppe Storti: Risposta : No, ma ho già delle idee, delle sensazioni, che presto prenderanno forma nella scrittura. Il filone, è sempre quello delle emozioni e dei ricordi che ci ricordano chi siamo e da dove veniamo.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
346 visualizzazioni