Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Gustavo Vitali

Sono nato a Milano il 4 agosto. Non dico l'anno perché al riguardo sono un tantino ritrosetto. Da quarant'anni vivo nella bergamasca dove mi sono sposato con due figli, Federico e Claudio.
Istruzione: liceo scientifico e scienze politiche. Nessuna lode particolare: “È un ragazzo intelligente, ma non si applica abbastanza!” l'invariabile, ancorché poco appagante, giudizio dei miei insegnanti. Cosicché anni dopo la tesi di laurea è finita in soffitta, complice l'attività di famiglia, poi mia, dalla quale sono stato risucchiato. Ho anche fondato e diretto per una dozzina d'anni una rivista di settore,
Passioni: il volo in parapendio ultima in ordine di tempo, cosa che mi ha portato a ricoprire da anni il ruolo di ufficio stampa nella FIVL (Associazione Nazionale Italiana Volo Libero – parapendio e deltaplano).
Ovvio che non è stata la passione per il volo a spingermi a scrivere “Il Signore di Notte”, un giallo ambientato nella Venezia dei dogi! Lo è stata, invece, quella per la storia, da sempre. Ricordo che da ragazzino preferivo i sussidiari ai fumetti e leggevo la storia antica come fosse un romanzo d'avventura. Il vizio è rimasto in giovinezza e poi oltre, fino a oggi. Però come sia sorto l'interesse per la storia dell'antica Serenissima in particolare non saprei dire. Fatto sta che ho cominciato a leggere autori come Alvise Zorzi e altri storici che si sono occupati della sua storia lunga undici, forse tredici secoli.
Quindi sono un lettore a senso unico: storia e ancora storia con qualche deviazione per la letteratura gialla. Classici quanto basta: I Promessi Sposi e I Miserabili (in francese!) me li hanno fatti ingozzare al liceo insieme a qualche cantico della Divina Commedia da recitare poi a memoria. Scampato all'Orlando Furioso. Poi ho affrontato Addio alle Armi, ma ho resistito solo fino a metà del libro, ancora meno Guerra e Pace. Divorati Granzotto, Spinosa, Mark Smith e altri.
Congiunto alla passione per la storia, il vizio di non saper trattenere la penna dalla carta o i ditini dalla Olivetti Lettera 32 ai tempi, poi dalla tastiera fin dagli anni '70, quando i personal computer costavano un botto.
Ecco perché “Il Signore di Notte” è insieme un racconto giallo con brevi riferimenti storici, una trama inventata, ma i personaggi sono vissuti davvero nel 1605, l'epoca dove l'ho ambientato.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorto di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Gustavo Vitali : Non c'è stato un momento particolare, perché, come detto poc'anzi, leggo quasi esclusivamente libri di storia fin da ragazzo e la passione per la storia e per i libri di storia mi è sempre stata congenita.

Writer Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Gustavo Vitali : No, nessun libro in particolare. Sicuramente hanno influito i libri di Granzotto, quello su Annibale in particolare, e ancora di più La Repubblica del Leone e La Vita Quotidiana a Venezia nel Secolo di Tiziano di Alvise Zorzi, per quanto riguarda la storia dell'antica Serenissima.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Gustavo Vitali : No. Un editore non l'ho mai neppure cercato. In compenso ho avuto due proposte che ho entrambe rifiutato.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Gustavo Vitali : Penso di sì,a patto di sostenere la pubblicazione con varie iniziative a partire dai social e dai contatti con i media. Per quanto mi riguarda ho ottenuto buoni risultati.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionato? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Gustavo Vitali : Per ora ne ho scritto uno solo, Il Signore di Notte, un giallo nella Venezia del 1605.
Si tratta delle vicissitudini di un magistrato alla caccia di un assassino tra uno e più omicidi. Un particolare è che i personaggi principali del libro sono realmente vissuti all'epoca e incastrati in una storia di fantasia. Sono molto affezionato a questo libro in quanto è costato molto lavoro di documentazione e ricerche sul campo, oltre che presso l'Archivio di Stato di Venezia e varie biblioteche.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Gustavo Vitali : Uno schema prefissato direi di no. Però qualche nota al riguardo mi è servita. Sicuramente nel libro di cui sopra ho dovuto prendere innumerevoli appunti dalla consultazione di testi e documenti. Poi la storia l'ho scritta quasi d'istinto aggiustandola addosso ai vari personaggi recuperati dal reale. Di certo le descrizioni di questi ultimi e i rispettivi caratteri sono stati scritti d'istinto.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Gustavo Vitali : Ho in ballo due idee: una è ancora un giallo storico che riguarda l'antica Venezia. In particolare la storia vera di una galea che nel 1509, richiamata d'urgenza in patria durante la guerra della Lega di Cambrai, navigò da Southampton in Inghilterra fino a Otranto in Puglia in un solo mese, un vero record per quei tempi e quelle navi.
L'altra è un altro giallo ambientato nell'estate del 1945. Uno scrittore si trova suo malgrado a indagare sulla morte di una donna coinvolta in una relazione omosessuale con una ragazza più giovane a sua volta scomparsa. Ci saranno vari personaggi come il partigiano vendicativo che vorrebbe continuare la guerra civile e sogna un'Italia comunista, il fascista che teme ritorsioni per il suo passato e altri ancora. In questo caso trama e personaggi saranno entrambi di fantasia.

Writer Officina: Perché hai scelto il thriller piuttosto che un altro genere?

Gustavo Vitali : Perché, oltre ai libri di storia, sono anche attratto dalla letteratura gialla, sebbene abbondantemente sostituita da serie TV e quant'altro.

Writer Officina: Hai fatto dei corsi?

Gustavo Vitali : No.

Writer Officina: Quali sono le difficoltà che hai incontrato?

Gustavo Vitali : Come già detto, ho speso molto tempo in ricerche sul campo per trovare i luoghi dove i personaggi erano vissuti nel 1605. Altro tempo è stato impiegato a documentarmi e leggere libri e documenti vari. La bibliografia in coda al volume consta di ben cinque pagine. In pratica potrei dire di aver impiegato più giorni a leggere che non a scrivere.

Writer Officina: Cosa vorresti che le persone dicessero del tuo romanzo?

Gustavo Vitali : Tutto il meglio possibile e nelle recensioni qualcuno lo ha anche detto.

Writer Officina: Che consigli daresti , basati sulla tua esperienza, a chi come te voglia intraprendere la via della scrittura?

Gustavo Vitali : Avendo scritto un solo libro, non mi reputo all'altezza di dare consigli. Magari riceverli, questo sì!

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
46 visualizzazioni