Writer Officina Magazine
Ultime Interviste
Margherita Giacobino, scrittrice, saggista, giornalista e traduttrice, si è laureata in Lettere Moderne e vive a Torino. Dopo la pubblicazione nel 1993 del suo primo romanzo Un'americana a Parigi, edito con lo pseudonimo di Elinor Rigby, ha abbandonato il proprio lavoro per dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. Nel 2015 comincia la collaborazione con Mondadori, col romanzo Ritratto di famiglia con bambina grassa, per poi continuare con Il prezzo del sogno, L'Età ridicola e Il tuo sguardo su di me.
Mariano Sabatini (Roma, 18 marzo 1971) è un giornalista, conduttore radiofonico e scrittore. Ha iniziato a lavorare nel 1992 come cronista per una testata romana. Due anni dopo viene chiamato da Luciano Rispoli a sostituire un autore del Tappeto Volante su Telemontecarlo. Da allora ha proseguito parallelamente l'attività giornalistica e quella di autore televisivo. I suoi ultimi romanzi sono: L'inganno dell'ippocastano e Primo venne Caino, con protagonista il giornalista investigatore Leo Maliverno.
Mauro Santomauro è nato nel 1949 ed è stato farmacista della Serenissima, salendo alla ribalta delle cronache quando rinunciò a trasferire la sua farmacia in terraferma. Nella sua vita è stato chimico, distillatore, imprenditore e contadino. Si è divertito come giocatore e poi allenatore di baseball, ma è stato anche batterista in un settetto jazz. Ha pilotato aerei da turismo e ha praticato immersioni subacquee. La sua vera passione è il buon cibo. Vive con la moglie e i due figli a Treviso.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Ego Sum, ovvero l'Ego d'Autore nella sua eterna e complessa contraddizione. Ma quanto conta davvero la personalità dello scrittore nel successo dei suoi testi? E quanto pesa la sua immagine pubblica sul piatto della bilancia che lo porta a scalare il gradimento del pubblico? È davvero possibile scindere autore e testo, senza pregiudicarne irrimediabilmente il successo?
Lupus In Fabula, analisi del protagonista negativo nella scrittura antica e moderna, interpretando le favole di Esopo nel contesto della letteratura. "È questa figura che ha il compito di rendere una trama davvero interessante. Non è la tragedia in sé che tiene attanagliati i lettori davanti al nostro libro, ma l'attesa che si manifesti."
Home
Magazine
Autori di Writer Officina

Daniela Vasarri

Mi ritengo una persona molto fortunata perché dopo molti anni nei quali ho esercitato una professione nel mondo dell'alta finanza e aver viaggiato parecchio, ho potuto dedicarmi alla vera e incontenibile passione per lo scrivere. Figurati che già al liceo i miei componimenti venivano appesi in bacheca e mia nonna mi chiedeva di scriverle i bigliettini di Natale perché” avevo fantasia e garbo”. Così, con la maturità ho partecipato ad un concorso con il primo libro, che si è qualificato al primo posto. Non ci credevo, peccato però che l'editore che avrebbe dovuto pubblicarlo si è dileguato. Ma non ho smesso di misurarmi in concorsi e contest, arrivando al numero di otto romanzi. Ho nel tempo acquisito un necessario distacco dall'ambizione e punto ormai soltanto a migliorarmi per lasciare a quei pochi lettori dei buoni prodotti. Mi piace consigliare chi esordisce con una prima opera ma anche scambiare opinioni con chi non è più un esordiente.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorto di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Daniela Vasarri: Già alle elementari, e ancora oggi la ritengo la migliore opportunità di farmi sentire bene.

Writer OfficinaWriter Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Daniela Vasarri: Moltissimi, però non ho mai dimenticato “la casa degli spiriti” di Allende.

Writer Officina: Hai fatto dei corsi??

Daniela Vasarri: No, ho seguito una giornata di presentazione ad un corso, forse nel futuro potrei farlo ma non è ancora maturata in me questa necessità.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Daniela Vasarri: Non ho idea, di certo offre l'opportunità a tutti di pubblicare, tuttavia ritengo quasi fondamentale che un libro debba essere vagliato da chi è esperto nel settore, un editor o comunque un editore appassionato che sappia muovere le dovute critiche.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionato? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Daniela Vasarri: a “Maeva, la benvenuta”. Perché è una storia che ho scritto di getto e il cui epilogo si è avverato proprio come io lo avevo ipotizzato, è stata una sorta di premonizione.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Daniela Vasarri:L'idea non nasce mai a tavolino, ma una volta entrata nella testa ha bisogno di essere indirizzata sulla carta, quindi sì, preparo uno schema iniziale, ritaglio i personaggi, gli ambienti, lasciando i colpi di scena liberi di presentarsi nel corso della stesura.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro?
È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?


Daniela Vasarri:: Ho iniziato da poco un romanzo che definirei intimista, io amo comunicare i sentimenti ed in particolare quelli femminili.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
103 visualizzazioni