Writer Officina - Blog
Dialoghi e Menzogne

Il passo dal cinema muto a quello sonoro ha trasformato la straordinaria mimica degli attori in parole. Ha dato voce ai sentimenti e ha concesso un'anima alle smorfie di dolore.
Prima di allora c'erano soltanto le tonalità della musica a sottolineare il dramma o la felicità di ogni scena.
Il cinema era ancora un susseguirsi di esperimenti, dal Kinetoscopio di Thomas Edison al Cinematografo dei Fratelli Lumière. Una strabiliante scatola magica in cui la luce prendeva vita e si trasformava sotto gli occhi increduli degli spettatori in una realtà raccontata.
Se vi soffermate un attimo su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?

Piccolo Principe: Vieni a giocare con me. Sono così triste!
Volpe: Non posso giocare con te, non sono addomesticata.
Piccolo Principe: Ah, Scusa! Che cosa vuol dire "addomesticare"?
Volpe: Vieni da lontano, tu! Che cosa cerchi?
Piccolo Principe: Cerco gli uomini. Che cosa vuol dire "addomesticare"?
Volpe: Gli uomini hanno dei fucili e cacciano. E’ molto noioso! Allevano anche delle galline. E’ il loro solo interesse. Tu cerchi delle galline?
Piccolo Principe: No! Cerco degli amici. Che cosa vuol dire "addomesticare"?
Volpe: E’ una cosa da tempo dimenticata! Vuol dire “creare legami”
Piccolo Principe: Creare legami?

Quindi la soluzione appare semplice, basta far parlare i nostri protagonisti tra di loro e il gioco è fatto! Prima di tutto dobbiamo comprendere che, oltre all’aspetto fisico e psicologico, il linguaggio è il terzo elemento che ci permette di conoscere e provare empatia per un particolare personaggio.
Se ne deduce che i nostri protagonisti non possano avere la stessa "voce" e nemmeno il medesimo comportamento, altrimenti tradirebbero la nostra ingombrante presenza in ognuno di loro. Attraverso l'inserimento di dialoghi si può aumentare la suspense, creare ritmo e movimentare la scena ma, soprattutto, è possibile raccontare delle spudorate menzogne.
L'autore no, lui non può mentire nel suo meticoloso resoconto dei fatti, ma le creature immaginarie a cui abbiamo dato vita devono avere gli stessi pregi e difetti delle persone che incontriamo tutti i giorni per strada e quindi anche infarcire i loro discorsi di spudorate menzogne, al fine di produrre nel lettore la speranza che vengano alla fine traditi dalle loro stesse parole.
Ma non solo, le descrizioni dei fatti, realizzata attraverso la loro "voce" può concedere un punto di osservazione diverso, come ci accade quando valutiamo un fatto accaduto esattamente all'opposto di come lo hanno recepito nostri amici. È in questo modo che si concretizza la "personalità" di ogni figura e le azioni, i movimenti, ne completano la caratterizzazione.
Il problema semmai è quello di imparare a gestire i dialoghi, affinché non siano puerili e di scarsa importanza.
Un'altro quesito riguarda la proporzione ideale tra descrizioni e dialoghi, ma per questo non credo che sussista una regola precisa. Personalmente preferisco un testo ricco di "parlato", perché mi aiuta a comprendere meglio il pensiero di chi lo anima, ma anche le descrizioni hanno la loro importanza.
La risposta giusta è: dipende.
Dipende dal genere, dipende dalla trama, dipende dalla capacità dell'autore di calarsi nelle rispettive parti, assumendone le vesti in toto, persino nella crudeltà. Probabilmente è più facile "essere buoni", piuttosto che incarnare la violenza, ma è la presenza del Lupus in Fabula a costruire il giusto equilibro nella storia.
Un trucco per affinare la caratterizzazione dei nostri personaggi può essere quella di "abbinarli" a qualcuno che conosciamo o di cui seguiamo le vicende sui Social. Sovrapporre le due figure in una sorta di collage editoriale può dare spesso dei risultati inaspettati.
In questo modo il burbero antagonista prende le fattezze dell'autista dell'autobus, su cui saliamo tutte le mattine, e di cui cogliamo le smorfie mentre impreca ai pedoni. Anche le chat possono essere una scuola naturale per cucire i dialoghi di una trama complessa e nello stesso modo possiamo attingere dalle piccole o grandi scaramucce che popolano i gruppi di letteratura su Facebook. Ma esistono i dialoghi perfetti? E quanto tempo serve a ognuno di noi per realizzarli?

Volpe: Non c’è niente di perfetto! La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline e gli uomini danno la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano e tutti gli uomini si assomigliano. E io perciò mi annoio. Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà come illuminata. Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra. Il tuo, invece, mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi, laggiù in fondo, dei campi di grano? Io non mangio il pane e il grano, per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla, e questo è triste! Ma tu hai i capelli color dell’oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano. Per favore addomesticami.
Piccolo Principe
: Volentieri, ma non ho molto tempo! Ho da conoscere degli amici e da scoprire molte cose!
Volpe: Non si conoscono che le cose che si addomesticano. Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma, siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico, addomesticami!
Piccolo Principe: Che bisogna fare?
Volpe: Bisogna essere molto pazienti. In principio, tu ti sederai un po’ lontano da me, così, nell’erba. Io ti guarderò con la coda dell’occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po’ più vicino. Poi il giorno dopo ancora più vicino, finché mi potrai toccare. Saremo diventati amici, non avremo più paura uno dell’altro, saremo felici di stare insieme.

Abel Wakaam
© Writer Officina
Lettori: 1924
Ultime interviste
Ariase Barretta Lorenzo Marone. Autore di successo, ha pubblicato La tentazione di essere felici che ha ispirato un film, La tenerezza, con regia di Gianni Amelio, La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi, 2016), Magari domani resto (Feltrinelli, 2017) Premio Selezione Bancarella 2017, Un ragazzo normale (Feltrinelli 2018), Premio Giancarlo Siani, la raccolta Cara Napoli (Feltrinelli, 2018), Tutto sarà perfetto (Feltrinelli 2019), il saggio per Einaudi Inventario di un cuore in allarme (2020), e La donna degli alberi (Feltrinelli 2020).
Romana Petri Romana Petri vive tra Roma e Lisbona. Editrice, traduttrice e critica letteraria, collabora con «ttl La Stampa», il «Venerdì di Repubblica», «Corriere della Sera» e «Il Messaggero». Considerata dalla critica come una delle migliori autrici italiane contemporanee, ha scritto tra romanzi e raccolte di racconti ben 23 libri. Ha ottenuto prestigiosi premi e riconoscimenti, tra i quali il Premio Mondello, il Rapallo-Carige e il Grinzane Cavour. È stata inoltre finalista due volte al Premio Strega. Tra i suoi libri più conosciuti Figlio del lupo e l'ultimo uscito: La Rappresentazione.
Ariase Barretta Ariase Barretta. È nato in un quartiere popolare di Napoli. Si è laureato all’Istituto Orientale, per poi proseguire gli studi presso le università di Modena, Barcellona e Madrid. Alla passione per la scrittura ha sempre affiancato quella per la musica, dedicandosi allo studio della teoria musicale, del pianoforte e della composizione corale presso i conservatori di Salerno e Benevento. Ha lavorato come redattore e traduttore per numerosi network televisivi italiani e internazionali e per varie case editrici. Il suo ultimo romanzo è Cantico dell'Abisso.
Altre interviste su Writer Officina Blog
Articoli
Scrittori si nasce Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Dialoghi e Menzogne Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?