Writer Officina - Blog
Scrittori si nasce

Miei cari scrittori... siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta.
Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
E forse proprio per questo non vogliamo essere trattati come studenti a cui inculcare il senso comune della retta via. Ripudiamo i dotti e i maestri, non perché disconosciamo la loro sapienza, ma per la voglia e l'imperioso intento di superarli in scaltrezza e affinare la somma capacità di affabulare le genti. Non imponeteci il credo comune, non indirizzateci verso la strada maestra, perché non siamo disposti a seguire le orme di chi ci ha preceduto, ma vogliamo segnare il solco di un pensiero non comune. E non importa se ci credete folli, non importa se sorridete al nostro passaggio, non abbiamo bisogno di alcun permesso per dipingere le pareti di una stanza che ci avete imposto sempre dello stesso colore.

Siamo scrittori, sì... per nascita e non perché investiti da un tocco divino, sono le storie di notte a cercarci e non possiamo far altro che raggruppare le parole. E non diteci che siamo diamanti grezzi, pronti per essere raffinati dal genio della lampada. Non seguiamo le mode e nemmeno il pifferaio di turno, noi siamo incantatori di serpenti alati e ripudiamo le magie degli altri. Non ci nascondiamo dietro una maschera e affrontiamo di petto ogni nemico dall'armatura lucente per ribadire, se mai ce ne fosse ancora bisogno, che essere liberi significa non dipendere da nessuno, tanto meno di chi ci impedisce di raccontare al mondo il nostro verbo.

Siamo scrittori, ci crediamo davvero, e nessuno può domare la nostra stupida follia creativa, imprigionandola nelle briglie ataviche dei poveri di spirito. Noi crediamo anche in ciò che non possiamo vedere, perché lo respiriamo ogni giorno, come l'aria, a pieni polmoni. E non provate a etichettarci, non paragonateci a chi insegue i mulini a vento, non cercate nemmeno di contrastare il nostro passo, perché siamo la brezza inquieta di questo nuovo e rivoluzionario cambiamento.

Siamo scrittori senza convenzioni, timidi, goliardici, a volte sconosciuti, ma combattivi e impertinenti. Non abbiamo timore del buio, perché è la mancanza di luce a ispirarci. Siano un "ensemble" di forza e passione, un impasto di pane fatto in casa, che non conosce altre mani se non quelle del mugnaio che ci ha infuso la vita. Siamo anime perse e pensieri sparsi, siamo esploratori del mondo sommerso e cacciatori di frodo, armati di lance dalla punta incantata, di una cintura di drago e una bisaccia di cuoio.

Samo scrittori senza catene, senza timori, senza padroni... siamo destinati a inseguire il fato per trasformarlo in caos e poi di nuovo in quiete. Lasciateci perdere, lasciateci vagare nel nostro mondo dal futuro incerto, siamo dotati di una bussola d'ottone e un sestante d'oro, seguiamo una mappa disegnata sulla pergamena e percorriamo cerchi concentrici fino ad arrivare al cuore.

Abel Wakaam
© Writer Officina
Lettori: 2532
Ultime interviste
Ariase Barretta Lorenzo Marone. Autore di successo, ha pubblicato La tentazione di essere felici che ha ispirato un film, La tenerezza, con regia di Gianni Amelio, La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi, 2016), Magari domani resto (Feltrinelli, 2017) Premio Selezione Bancarella 2017, Un ragazzo normale (Feltrinelli 2018), Premio Giancarlo Siani, la raccolta Cara Napoli (Feltrinelli, 2018), Tutto sarà perfetto (Feltrinelli 2019), il saggio per Einaudi Inventario di un cuore in allarme (2020), e La donna degli alberi (Feltrinelli 2020).
Romana Petri Romana Petri vive tra Roma e Lisbona. Editrice, traduttrice e critica letteraria, collabora con «ttl La Stampa», il «Venerdì di Repubblica», «Corriere della Sera» e «Il Messaggero». Considerata dalla critica come una delle migliori autrici italiane contemporanee, ha scritto tra romanzi e raccolte di racconti ben 23 libri. Ha ottenuto prestigiosi premi e riconoscimenti, tra i quali il Premio Mondello, il Rapallo-Carige e il Grinzane Cavour. È stata inoltre finalista due volte al Premio Strega. Tra i suoi libri più conosciuti Figlio del lupo e l'ultimo uscito: La Rappresentazione.
Ariase Barretta Ariase Barretta. È nato in un quartiere popolare di Napoli. Si è laureato all’Istituto Orientale, per poi proseguire gli studi presso le università di Modena, Barcellona e Madrid. Alla passione per la scrittura ha sempre affiancato quella per la musica, dedicandosi allo studio della teoria musicale, del pianoforte e della composizione corale presso i conservatori di Salerno e Benevento. Ha lavorato come redattore e traduttore per numerosi network televisivi italiani e internazionali e per varie case editrici. Il suo ultimo romanzo è Cantico dell'Abisso.
Altre interviste su Writer Officina Blog
Articoli
Scrittori si nasce Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Dialoghi e Menzogne Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?