Writer Officina - Scrittori Ribelli
Autori di Writer Officina
Aurora Vasques

Mi chiamo Aurora e sono nata a Trieste il 20 febbraio 1991. Ho frequentato il liceo scientifico e una volta preso il diploma ho deciso di iniziare a lavorare per diventare indipendente. La mia più grande passione è la scrittura, seguita a ruota dalla lettura di libri di genere fantasy. Il 21 Settembre 2020 ho pubblicato il mio primo romanzo, "Le Terre di Irtemal: La Rinascita degli Elementi", primo volume di una trilogia fantasy, che tratta i temi della crescita interiore, della guerra e dell'oppressione causata da una dittatura. Non avrei mai pensato che un giorno una delle mie storie si sarebbe trasformata in una trilogia e, soprattutto, non credevo sarei mai riuscita a pubblicare. Fin da bambina mi sono divertita a scrivere storie e racconti, più o meno lunghi. Scrivere per me significa serenità. Adoro immergermi nelle storie che scrivo, immaginando nuovi mondi, personaggi sempre diversi e sfaccettati, creature immaginarie e storyline diverse e intrecciate tra loro. Nel mio futuro prevedo la pubblicazione del secondo e del terzo volume della mia trilogia e spero di riuscire a pubblicare anche le altre opere che ho in corso.
Amo viaggiare per il mondo e sperimentare sempre nuove cose. Ho una mente curiosa e amo ispirarmi ai miei viaggi per creare ambientazioni e caratterizzare i miei personaggi.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorta di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Aurora Vasques: Penso alle scuole medie. Fin da bambina ho sempre adorato leggere, ma mi sono appassionata alla lettura, e soprattutto al genere fantasy, quando in prima media lessi “Lo Hobbit” di Tolkien. Mi piacque così tanto che iniziai a ricercare soltanto libri di questo tipo.

Writer Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Aurora Vasques: Direi d sì, ma non soltanto uno. Sicuramente la saga di Harry Potter, che ho letto almeno una decina di volte, mi ha dato la spinta per tuffarmi nel mondo della scrittura, ma anche i libri di Tolkien, Trudi Canavan, Cassandra Clare e Cristopher Paolini mi sono stati di ispirazione.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore?

Aurora Vasques: Onestamente no. Ho riflettuto molto su cosa fare una volta conclusa l'ultima revisione del mio romanzo. Ho valutato attentamente le case editrici che avrebbero potuto scegliere di pubblicare un libro di genere fantasy, ma mi sono anche informata sull'andamento dell'editoria negli ultimi anni, concentrandomi sul 2020 e, vista la pandemia e i ritardi nelle pubblicazioni di autori importanti, ho deciso che fosse più pratico per me pubblicare in self con Amazon. Ovviamente mi sono affidata a una grafica per la realizzazione della copertina e mi sono fatta aiutare da molti beta reader e da un correttore di bozze per la correzione prima di pubblicare.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Aurora Vasques: Certo. Amazon fornisce molti strumenti utili per rifinire il proprio lavoro e anche mezzi per pubblicizzare il proprio libro sulla loro piattaforma.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionato? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Aurora Vasques: Avendone pubblicato soltanto uno la mia risposta è “Le Terre di Irtemal: La Rinascita degli Elementi”, ma credo che anche quando ne avrò pubblicati degli altri, al di fuori di questa prima trilogia, questo romanzo resterà comunque quello a cui sarò più legata perché tra le pagine c'è molto di me. Racconta del cambiamento interiore della protagonista, Kimberly, e della sua crescita spirituale. Lei si ritroverà in una realtà parallela, Irtemal, flagellata da una sanguinosa guerra che va avanti da secoli e che sembra non vedere mai una fine, dove l'oppressione di una dittatura secolare e la difficoltà di sopravvivere dignitosamente sono alla base della vita quotidiana dei suoi abitanti.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Aurora Vasques: Di solito per prima cosa imposto il primo capitolo, dopodiché definisco in linea generale la trama e poi mi tuffo nella scrittura. Dopo aver scritto almeno una decina di capitoli mi fermo a rileggere tutto quanto e correggo quello che non mi piace di questa prima bozza. A questo punto prendo una pausa dalla stesura e inizio a delineare il resto della storia, scrivendo una trama più approfondita e facendo uno schema dei fatti in ordine cronologico. In corso d'opera creo le schede dei personaggi con tanto di background e un glossario con nomi dei personaggi, luoghi, significato delle parole in altre lingue ed eventuali creature inventate da me, in modo da avere sempre sotto mano una breve descrizione di quello che ho scritto e non sbagliare se cito le stesse cose nei capitoli successivi.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro?

Aurora Vasques: Sto scrivendo il secondo volume de “Le Terre di Irtemal”. Causa problemi personali vado un po' a rilento ma conto di terminarlo e pubblicarlo entro la fine dell'anno.

Writer Officina: Perché hai scelto il fantasy piuttosto che un altro genere?

Aurora Vasques: Sono cresciuta leggendo molti libri, soprattutto grazie a mia madre, che mi ha trasmesso la passione per la lettura, e il genere fantasy è diventato una delle mia più grandi passioni. Ho letto decine e decine di libri di questo genere e ammiravo così tanto gli scrittori, capaci di creare con la loro mente storie fantastiche e ricche di dettagli che, senza rendermene conto, iniziai ad abbozzare la trama de “Le Terre di Irtemal” e a dedicarmi totalmente a questo genere.

Writer Officina: La scrittura ha una forte valenza terapeutica. Confermi?

Aurora Vasques: Assolutamente sì. Nei momenti peggiori quando non ho tempo di dedicarmi alla scrittura oppure non ho l'ispirazione per farlo il mio umore peggiora di molto. Mentre quando riesco a dedicarmi alla mia passione e perdermi fra le righe, mi sento più rilassata e felice.

I miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
1938 visualizzazioni
 
Ultime interviste
Erri De Luca Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Blog
Articoli
Scrittori si nasce Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Lettori OnLine