Writer Officina - Scrittori Ribelli
Autori di Writer Officina
Monika Venusia

Scrivo da quando ero piccola, ho cominciato a dieci anni credo con romanzi che venivano fuori dalla mia fantasia e con i quali riempivo molti quaderni. Erano fondamentalmente romanzi d'amore anche se ero piccola. Non li ha letti nessuno chissà che fine hanno fatto adesso. Mi ricordo che andavo in vacanza e mi portavo un libro da leggere e un quaderno.Ogni momento era quello buono per prendere la penna e creare. Scrivere significa creare un'altra vita dal nulla ed è pura magia. Un giorno sono una ragazzina di 16 anni e un altro giorno sono un killer...Posso diventare una fata così come un vampiro. Mi immergo talmente ed ora è una parte di me. Riesco così ad avere molte sfaccettature che fanno parte di me. Nella vita faccio altro ma questa è la vita che vorrei: scrivere sempre.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorta di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Monika Venusia : Nel momento in cui ho cominciato a leggere Louisa May Alcott. Come detto prima verso i dieci anni, però anche se scrivevo non ho mai pubblicato nulla. Più andavo avanti e più mi appassionavo. Era una sorta di un mondo tutto mio dove nessuno poteva entrarvi e poi ad aprile di quest'anno sono stata contattata da una casa editrice che mi ha detto che la mia opera era così buona da volerne fare un ebook. Non me lo sarei mai immaginato. Scrivevo solo in un sito dove ci stavano persone come me che si esprimevano con le parole.

Writer OfficinaWriter Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Monika Venusia : Addirittura due: Come Cenere nel vento di Kathleen Erin Hogg Woodiwiss e Il Caleidoscopio di Danielle Steel.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Monika Venusia :In realtà io non l'ho proposto, l'editore mi ha trovato sul sito e mi ha contattato dicendo che la mia storia aveva del potenziale e che ne voleva fare un ebook e poi farne anche un libro cartaceo successivamente.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Monika Venusia :Direi di sì. Amazon ti da molte possibilità che da solo non si avrebbe.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionata? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Monika Venusia : Certo, per adesso ho pubblicato solo un libro ma per la fine dell'anno ne pubblicherò un altro. Nelle mie bozze ho altri sei libri da terminare. La mia opera Migliori amici per sempre parla di vita attuale, un modello famoso che ha tutto, che si innamora di una ragazzina semplice in una casa di moda. Lei è sempre stata protetta dai suoi genitori e dal suo migliore amico e all'improvviso si trova in un altro mondo e modo di pensare dove tutto è perfetto tutto è ricco tutto è potere ed incontra lui un uomo che viene attirato dalla sua purezza, un uomo ormai stanco di tutto, ex drogato, ex alcolizzato, ex puttaniere. Lei che non ha idea di nulla resterà così oppure verrà contaminata? La sua passione verrà contrastata dal suo amico o approvata? Lui l'uomo che si innamorerà di lei cercherà di fermarsi sapendo di poterla portare alla rovina oppure continua sperando che lei lo salvi?

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Monika Venusia : Io scrivo di istinto, certo mi scrivo qualche idea e qualche dettaglio, ma scrivo di istinto soprattutto.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Monika Venusia : Sì sto scrivendo un altro libro. Parla anche questo di una storia d'amore attuale, però non parla di moda, ma di un incontro in una terra stranieri di due ragazzi che cominciano a conoscersi anche se non parlano la stessa lingua e che poi per un equivoco lui la lascia facendola soffrire per incontrarsi nuovamente per caso in un pub dopo sei anni.

Writer Officina: Ritieni che la verosimiglianza sia importante oppure no visto che si tratta comunque di fiction?

Monika Venusia : Io ritengo che anche se è una fiction la verosomiglianza è importantissima, più si dettaglia più le persone sentono che è vero e si immergono nel personaggio. Riescono a capire e a vedere come li vedo e li capisco io.

Writer Officina: Per i personaggi hai fatto riferimento "magari in parte" a persone reali, oppure sono solo frutto della fantasia?

Monika Venusia : Frutto della mia fantasia e un tocco di realtà.

Writer Officina: Cosa c'è di te nel tuo romanzo?

Monika Venusia : Direi un bel po' della mia anima.

Writer Officina: Cosa vorresti che le persone dicessero del tuo romanzo?

Monika Venusia : Mi piacerebbe che dicessero che si sono immersi dentro la mia storia e che si sono sentiti contenti di averlo letto. Molte opere quando smetti di leggerle ti lasciano un vuoto ecco vorrei che le mie storie facessero questo effetto. Per ora le recensioni sono positive e questo mi fa contenta.

I miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
140 visualizzazioni
 
Ultime interviste
Lisa Ginzburg Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Divier Nelli Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Altre interviste su Writer Officina Blog
Articoli
Scrittori si nasce Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Dialoghi e Menzogne Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?