Writer Officina Magazine
Ultime Interviste
Margherita Giacobino, scrittrice, saggista, giornalista e traduttrice, si è laureata in Lettere Moderne e vive a Torino. Dopo la pubblicazione nel 1993 del suo primo romanzo Un'americana a Parigi, edito con lo pseudonimo di Elinor Rigby, ha abbandonato il proprio lavoro per dedicarsi a tempo pieno alla scrittura. Nel 2015 comincia la collaborazione con Mondadori, col romanzo Ritratto di famiglia con bambina grassa, per poi continuare con Il prezzo del sogno, L'Età ridicola e Il tuo sguardo su di me.
Mariano Sabatini (Roma, 18 marzo 1971) è un giornalista, conduttore radiofonico e scrittore. Ha iniziato a lavorare nel 1992 come cronista per una testata romana. Due anni dopo viene chiamato da Luciano Rispoli a sostituire un autore del Tappeto Volante su Telemontecarlo. Da allora ha proseguito parallelamente l'attività giornalistica e quella di autore televisivo. I suoi ultimi romanzi sono: L'inganno dell'ippocastano e Primo venne Caino, con protagonista il giornalista investigatore Leo Maliverno.
Mauro Santomauro è nato nel 1949 ed è stato farmacista della Serenissima, salendo alla ribalta delle cronache quando rinunciò a trasferire la sua farmacia in terraferma. Nella sua vita è stato chimico, distillatore, imprenditore e contadino. Si è divertito come giocatore e poi allenatore di baseball, ma è stato anche batterista in un settetto jazz. Ha pilotato aerei da turismo e ha praticato immersioni subacquee. La sua vera passione è il buon cibo. Vive con la moglie e i due figli a Treviso.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Ego Sum, ovvero l'Ego d'Autore nella sua eterna e complessa contraddizione. Ma quanto conta davvero la personalità dello scrittore nel successo dei suoi testi? E quanto pesa la sua immagine pubblica sul piatto della bilancia che lo porta a scalare il gradimento del pubblico? È davvero possibile scindere autore e testo, senza pregiudicarne irrimediabilmente il successo?
Lupus In Fabula, analisi del protagonista negativo nella scrittura antica e moderna, interpretando le favole di Esopo nel contesto della letteratura. "È questa figura che ha il compito di rendere una trama davvero interessante. Non è la tragedia in sé che tiene attanagliati i lettori davanti al nostro libro, ma l'attesa che si manifesti."
Home
Magazine
Writer Officina
Autore: Gabriele Poli
Titolo: Il tesoro di Tupac Amaru
Genere Romnzo Storico
Lettori 489 5 1
Il tesoro di Tupac Amaru
Niedzica, 9 novembre 1989
Quel mese toccava a lui il turno al castello. Era arrivato a Niedzica da una settimana, insediandosi nella piccola foresteria del maniero: una semplice stanza con caminetto che fungeva da camera, cucina e salotto e un bagno alquanto spartano, per raggiungere il quale doveva uscire alle intemperie e percorrere il breve porticato che dal portone d'entrata portava verso l'antica cappella diroccata. Per i pasti doveva arrangiarsi, cuocendo verze e bietole con qualche salsiccia che un donnone ruspante e antipatico gli portava ogni pomeriggio, prima che calasse il sole.
Tuttavia, Marek Kovalsky non si lamentava, anzi si sentiva importante per l'incarico di fiducia che il preside della facoltà gli aveva affidato. Studente dell'ultimo anno di archeologia presso l'università Jagellonica di Cracovia, Marek amava la storia del paese e si sentiva orgoglioso quando poteva sfoggiare le sue notevoli conoscenze.
Al momento di ricevere l'incarico, pensò solo ad approfondire le nozioni sulla storia di Niedzica e del suo castello, felice dell'opportunità che gli si presentava. Purtroppo, in quella prima settimana trascorsa al castello come guardiano-guida turistica non aveva avuto molte occasioni per mettere in mostra il suo sapere, anzi nessuna, se si eccettuavano le due classi di scolaretti, accompagnate dalle maestre, provenienti dalla scuola del villaggio che stava sotto alla rocca.
“Good morning!”, esclamò ravviandosi i capelli; una piuma di gallina, uscita dal cuscino durante la notte, gli cadde sulle spalle. Marek la spazzolò via, sorridendo imbarazzato, ma felice per la visita insperata.
“Buongiorno”, rispose Fabris.
“Italian?”, chiese lo studente. “Benvenuto al castello”, proseguì in inglese. “Lei è il primo forestiero questa settimana e l'unico italiano da molti anni”.
“Grazie, lei è il guardiano?”.
“Per servirla; guardiano e guida, sono tutto per lei”, sorrise il ragazzo.
“Sono fortunato ad avere incontrato una persona con la quale poter parlare senza problemi”.
Alex spiegò al giovane il motivo della visita e Marek si sentì utile ed importante: poteva far sfoggio di tutte le conoscenze e per giunta con uno studioso occidentale.
“Purtroppo, come può notare, il castello è ridotto piuttosto male; d'altronde mancano i fondi per effettuare un buon restauro, ma qualcosa è possibile visitare, per farsi un'idea di come fosse in origine. Converrà con me, signor Fabris, che sarebbe meglio chiamarlo maniero, per le dimensioni ridotte. Nonostante ciò, la storia che racchiude è affascinante”, iniziò a raccontare il polacco.
“Ecco, quello ad esempio è il punto dove fu ritrovato il famoso quipu”, proseguì indicando la soglia davanti alla porta d'entrata della cappella, “e all'interno si trova la tomba di famiglia con, forse, le spoglie di Dama Umina. Dico forse perché non ne abbiamo la certezza: la tomba contiene diversi scheletri e non possiamo ancora sapere a chi in realtà appartengano”.
“Aspetta, Marek”, lo fermò Alex passando al tono confidenziale, “non riesco a seguirti. Chi era Dama Umina? Le uniche cose che so riguardano la scoperta del quipu e il deputato Benesz, niente altro. Quindi, per favore, raccontami con pazienza tutto quello che sai, senza tralasciare nulla”.
“Oh, scusi, mi lascio troppo spesso prendere dall'entusiasmo, dimenticando che chi viene qui in visita non può conoscere la storia della famiglia Benesz Berzeviczy”, arrossì lo studente.
“Non ti preoccupare, sono certo che tu sappia fare molto bene il tuo lavoro; ma ora racconta, mi interessa tutto ciò che riguarda Niedzica”, lo tranquillizzò Alex.
Marek prese a narrare l'evoluzione delle vicende, sin da quando, nel 1325, un certo Jan Berzeviczy costruì il maniero sopra alle rovine di una rocca più antica e di seguito tutti i proprietari che si avvicendarono fino al 1796 e poi oltre, per arrivare al 31 luglio del 1946, giorno del ritrovamento del quipu.
“Così, Sebastian Benesz era l'antenato del deputato, ma come fai a sapere che morì nel 1796?”, chiese Fabris.
Kovalsky gonfiò il petto e ammiccò: “Se vorrà fermarsi qui fino a sera, quando terminerà l'orario di visita, le farò vedere una cosa”, rispose.
“Va bene, tempo ne ho. Ma ora dimmi tutto quello che sai di Sebastian e Umina, la cosa mi intriga”.
“Purtroppo, non si sa molto. Sebastian era un nobile minore che viveva nel maniero assieme alla famiglia, ma quando era ancora molto giovane, si suppone che avesse circa vent'anni, lasciò tutto e se ne andò in Perù dove visse a lungo, si sposò, ebbe una figlia, Dama Umina, poi tornò a Niedzica dove entrambi morirono di morte violenta, sembra. Umina aveva a sua volta un figlio, del quale non si ebbe più notizia fino al 1946”.
“Che accadde in quell'anno?”
“Andrzej Benesz, il presidente del Partito Democratico, volle andare a fondo nella ricerca della sua discendenza. Il nonno gli aveva raccontato che, da parte di padre, discendevano da un'antica stirpe peruviana, così il deputato si mise alla ricerca delle origini e alla fine fu premiato. Negli archivi della chiesa di Santa Croce, a Cracovia, trovò l'atto di adozione del suo antenato Antonio, figlio di Umina. E questo è tutto quello che sappiamo”.
“Un momento”, commentò Alex aggrottando la fronte, “il ritrovamento dell'atto di adozione ha svelato il segreto della discendenza, ma questo non spiega da dove esca il quipu”.
“Giusto! Dimenticavo di dirle che in calce al documento di adozione c'era una frase scritta in una lingua sconosciuta. Il compagno Benesz a quel punto ha immaginato che si trattasse dell'idioma parlato dai suoi antenati peruviani e ha avuto ragione. Fatta tradurre, la frase rivelava che sotto alla soglia della cappella del castello era nascosto qualcosa di importante. Fu così che il deputato scoprì il quipu che, pare, custodisca il segreto, una specie di mappa per trovare un misterioso tesoro degli inca, scomparso diversi secoli fa”.
“Esiste da qualche parte copia di quel documento o almeno la frase nella lingua peruviana?”
“Certo!”, rispose Marek con orgoglio. “É nei miei appunti di università che ho portato con me qui a Niedzica. Ora le faccio vedere la frase”.
Tumpa hatunruku kan huch'uy pacha ñawpaq punku manqus wasi pukar: qualcosa di importante si trova sotto terra davanti alla porta della chiesa del castello, tradusse mentalmente Alex che ben conosceva la lingua andina. Una frase quechua scritta duecento anni fa su un documento polacco a Cracovia, rimuginava l'italiano fra sé, il quipu, la frase, il tipo che lascia la Polonia e se ne va in Perù. Non possono essere frutto di fantasia di un deputato mitomane: la frase è davvero scritta in quechua. Dubito che in Polonia vi sia qualcuno che conosca la lingua degli Inca e dubito anche che prima del 1946 qualcuno qui, come in tutta Europa, d'altronde, sapesse cosa fosse un quipu. Non sono fandonie; con ogni probabilità, nei racconti vi saranno esagerazioni o cose inventate, ma la radice è di certo autentica. Sono poche le cose che non conosco sul Perù e questa mi è del tutto nuova. Meni merita una cena; mi affascina questa storia e devo tutto a lui.
“Signor Fabris, scusi, signor Fabris”, alzò la voce Kovalsky.
“Sì? Ah, scusami, Marek, mi ero perso in fantasticherie”, rispose Alex sorridendo. “É tutto molto interessante, ti ringrazio. Ora manca solo la visita misteriosa che faremo più tardi. Ma non possiamo farla adesso?”
“Mi dispiace, signore, ma non potrò muovermi di qui fino alle cinque del pomeriggio, quando terminerà l'orario di visita, anche se non credo che ci sarà molta ressa nelle prossime ore”, rise lo studente. “Si ricordi di procurarsi un paio di torce elettriche, perché dove andremo non c'é illuminazione. Ma intanto, non desidera visitare il resto del maniero?”.
“Sì, visitiamolo”, rispose Fabris senza voglia. Ormai il suo interesse aveva preso una certa via e la visita di ruderi, per quanto antichi, non lo attirava, ma d'altronde doveva pur ammazzare il tempo in attesa della chiusura del castello.
Gabriele Poli
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto