Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Riccardo Bruni, da un piccolo sito web negli anni 90, su cui pubblicava i primi racconti, fino ad arrivare alla presentazione del suo romanzo "La notte delle Falene" al Premio Strega. Ha partecipato a vari progetti collettivi, tra cui YouCrime di Rizzoli, in collaborazione con il Corriere della Sera. Scrive sul quotidiano La Nazione, su Giallorama.it, di cui è uno dei fondatori, e collabora con varie realtà del web, tra cui Toscanalibri.it. In questa intervista racconta la sua storia a Writer Officina.
Oriana Fallaci, l'intervista impossibile a una scrittrice mai morta. Prima di approdare al romanzo e al libro, Oriana Fallaci si dedicò prevalentemente alla scrittura giornalistica, quella che di fatto le ha poi regalato la fama internazionale. Una fama ben meritata, perché a lei si devono memorabili reportages e interviste, indispensabili analisi di alcuni eventi di momenti di storia contemporanea. La raccolta delle sue grandi interviste con i potenti della Terra venne poi inglobata nel libro "Intervista con la storia".
Vito Catalano è nato a Palermo nel 1979. Da anni Lavora ai documenti d'archivio del nonno, Leonardo Sciascia. In una vita fra Italia e Polonia (dove per anni ha tenuto lezioni di scrittura italiana agli studenti di Linguistica Applicata dell'Università di Varsavia), ha pubblicato numerosi articoli sui quotidiani Il Messaggero, Il Riformista, La Sicilia e quattro romanzi: L'orma del lupo (Avagliano editore 2010), La sciabola spezzata (Rubbettino 2013), Il pugnale di Toledo (Avagliano editore 2016), La notte della colpa (Lisciani Libri 2019).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Jordi Díez Rojas
Titolo: Il pendolo di Dio
Genere Thriller Storico
Lettori 928 17 40
Il pendolo di Dio
Finalmente, alle prime luci dell'alba, tutto era pronto per dare inizio all'asta.
Arrivai per primo all'Hotel Arts, mi registrai alla reception con un nome scelto per l'occasione e salii in camera, da solo. Avevano prenotato una suite in un hotel così rinomato per rendere più difficile l'identificazione nel caso in cui qualcosa non andasse come previsto.
Verificai il numero della camera sulla targhetta accanto alla porta, diedi uno sguardo in direzione dei corridoi e, quando fui sicuro che nessuno mi aveva seguito, introdussi la scheda magnetica nell'apposita fessura. Dopo aver sentito un leggero "click", spinsi la pesante porta ed entrai. Una fredda lampada di design illuminò il corridoio fino al locale principale, lo attraversai e appoggiai le due valigette con le apparecchiature sul pavimento di legno. Osservai la stanza dove mi trovavo: era spaziosa, con due porte accostate (immaginai fossero quelle della stanza da bagno e della camera da letto), e una grande vetrata frontale celata da una tenda coprente. La scostai, e la vista a perdita d'occhio sul Mar Mediterraneo mi calmò un poco, per la prima volta nelle ultime quarantotto ore.
Estrassi il personal computer dalla sua valigetta, lo sistemai su uno dei tavolini ed eseguii le operazioni necessarie per collegarmi alla rete wi-fi dell'hotel. Dopo aver digitato le password, la comparsa dell'icona di un minuscolo lucchetto sullo schermo del pc mi confermò la connessione protetta; a quel punto, estrassi un secondo monitor dall'altra valigetta, lo collegai come "periferica" al mio pc e lo collocai su un tavolo laterale davanti al quale sistemai due poltrone, in modo che i due ospiti, che mi avevano promesso di essere presenti, potessero seguire l'asta senza dovermi salire sulle spalle.
Avevo passato quasi tutta la notte a linkare le fotografie, i testi e i prezzi del catalogo alla banca dati che mi aveva fatto avere Martí in un file a parte, ma adesso era tutto pronto.
Dato che avevo un paio d'ore libere prima di mezzogiorno, quando tutto sarebbe iniziato sul serio, ne approfittai per fare una colazione leggera, servendomi dal generoso minibar. Mentre finivo l'ultimo sorso di spremuta, suonarono alla porta. Aprii, ed entrarono padre Carles, che forse non era né padre né Carles, e il signor Navarro, del quale ero sicuro che il nome fosse falso. Diedi loro il benvenuto. Mancava poco più di un'ora all'inizio dell'asta, e non ne facemmo cenno fino a trenta minuti prima dell'apertura. A quel punto, risposi ad alcune loro domande relative alla fase preparatoria, spiegando loro per sommi capi le procedure di pagamento, e le modalità delle offerte e delle rinunce, se ce ne fossero state. Gli oggetti all'asta erano predisposti, una volta chiuse le offerte e verificati i pagamenti, per essere associati ad un numero segreto che sarebbe stato consegnato al compratore, il quale se ne sarebbe servito per farsi recapitare l'ordine in qualche luogo sicuro. Mi garantirono che tutti i compratori erano già stati avvisati.
Per accedere al sito dell'asta non serviva alcuna password, come spiegai loro, in quanto l'indirizzo IP della pagina era noto solo a coloro a cui era stato comunicato; in seguito, sarebbe sparito per sempre. Il server di accesso si trovava ad Andorra, il data base era invece ospitato da un server canadese. Un lavoro eccellente, opera di Martí. Se si fosse trattato di qualcosa di permanente, le misure di sicurezza sarebbero state maggiori, ma trattandosi di un evento unico e di brevissima durata, non c'era bisogno d'altro. Sembrava che i miei ospiti fossero convinti, ma anche nervosi. Erano le dodici meno dieci: in quel momento sentii il desiderio di staccare tutto e sparire, ma ormai era troppo tardi, la prima richiesta di collegamento lampeggiava sui monitor. Ci guardammo tutti e tre, e io mi misi al mio posto, alla tastiera. Padre Carles e il signor Navarro si sistemarono davanti all'altro monitor. Per garantire la sicurezza e l'anonimato dei compratori, conoscevamo solo il loro nome in codice. Alla prima richiesta se ne aggiunsero altre dodici, e all'ora prevista, mezzogiorno in punto, tredici sconosciuti diedero inizio all'asta dei quarantasette oggetti rubati al passato. Per lo più si trattava di rotoli di pergamena o piccole effigi di vergini e santi, anche qualche dipinto di piccole dimensioni. Immaginai che gli articoli all'asta fossero stati selezionati più per la facilità di trasporto che per il loro presunto valore.
Quasi tutte le offerte vennero definite più o meno all'inizio. Immaginai che i collezionisti, di cui non conoscevo assolutamente nulla, sapessero già quale o quali dei pezzi fossero di loro interesse. In ogni modo, avevo previsto un protocollo nel caso che qualche pezzo fosse oggetto di più offerte durante gli ultimi due minuti dell'asta: semplicemente che questa venisse prolungata di due minuti per volta, finché la vendita fosse stata conclusa.
Se —con un po' di fortuna —questo non fosse successo, fra soli cinque minuti avrei verificato i pagamenti, il programma avrebbe inviato i codici necessari a ritirare la merce, e tanti saluti. Tutta la faccenda sarebbe finita nel cestino dei rifiuti della mia memoria. Mi sudavano le mani, e non vedevo l'ora che tutto fosse finito. Improvvisamente, un bagliore sullo schermo annunciò l'offerta quasi simultanea di due compratori per lo stesso articolo, un foglio di pergamena scritto su ambo i lati e tinto in color porpora. La fotografia, grande meno di un centimetro sullo schermo, lasciava intravedere una pagina antica con delle miniature disegnate sui margini.
Il primo compratore, che si presentò come [Capillus], fece una prima offerta di centomila euro. Guardai con la coda dell'occhio i miei due compagni di stanza e li vidi tesi: con le mani stringevano i braccioli delle loro sedie, le punte delle dita bianche per la pressione contro il legno imbottito, e la fronte imperlata di sudore. Degli altri pezzi all'asta, quello di maggior valore aveva raggiunto appena i quindicimila euro: una statua della Madonna con il Bambino in legno policromo, alta circa quaranta centimetri e datata 1566. Ma centomila euro era troppo. Stavamo ancora cercando di riprenderci dallo shock di quella cifra, che l'altro cliente, che si era presentato come [Conversum], fece l'offerta che poi sarebbe stata quella definitiva: un milione di euro.
Due minuti più tardi, la pagina si scollegò, e sia l'indirizzo IP che i dati di tutti i partecipanti si cancellarono automaticamente dal server. Solo la finestra collegata alla Svizzera rimase attiva, con un saldo lampeggiante di un milione e trecento trentasettemila euro.
Il signor Navarro si alzò, respirò profondamente e prima di uscire dalla stanza aveva già il cellulare attaccato all'orecchio. Aveva la camicia appiccicata alla schiena per il sudore e i pantaloni gli scendevano in modo ridicolo a metà delle natiche. Il padre lo seguì con lo sguardo, che poi rivolse verso di me; sembrava più sereno del suo compagno, e mi chiese se avevo bisogno di aiuto per scollegare e riporre tutte le apparecchiature. Lo ringraziai dell'offerta, ma declinai. Desideravo solo che se ne andassero al più presto. Mi strinse la mano ed uscì.
I raggi del sole che entravano dalle ampie vetrate attraversarono impunemente la tensione accumulata in due ore e mezza, ora tutta concentrata su un freddo monitor, segnato da una cifra scandalosa.
In quel momento, ricordai la copertina rossa e nera del vecchio libro di mio padre e capii, ormai definitivamente, che avevo commesso un grave errore accettando quel lavoro. Uno in più, da aggiungere alla lista della mia vita.
Jordi Díez Rojas
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto