Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
"I have a dream", ripeteva Martin Luther King Jr. il 28 agosto 1963 davanti al Lincoln Memorial di Washington. "Io ho un sogno" è parte integrante della speranza di ognuno di noi, perché senza sogni resteremmo schiavi delle convenzioni. E non importa quanto sia piccolo o grande un sogno, la questione basilare è non arrendersi mai.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Writer School
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Al Gallo
Titolo: P.T. Perdita di tempo
Genere Noir Poliziesco
Lettori 386 1 1
P.T. Perdita di tempo
Vista da lontano, la barca capovolta sembrava proprio una testuggine; i remi, pinne; lo scafo, il carapace.
Una gomena legava la prua alla staccionata che divideva i pontili dalla spiaggia libera. A prima vista, quella corda sembrava una precauzione inutile; ma, per quanto docile, la marea nella darsena poteva agitarsi all'improvviso e rastrellare ogni cosa, come il croupier un ricco piatto. A fine Ottobre, poteva succedere da un momento all'altro.
Erano le sette del mattino quando i due uomini giunsero alla darsena. Tolte le scarpe e appallottolati i calzini, si avventurarono sulla sabbia molliccia e sporca.
Avanzando piano, scansarono i troppi mozziconi, le ceneri lasciate dei falò, le bottiglie di plastica usate per travasare carburante, nonché le cacche dei cani, pietrificate dal Sole.
All'inizio della bella stagione, il lido era gremito di appassionati di pesca e lupi di mare, più o meno navigati. Ma l'estate era un ricordo lontano, e in giro non si vedeva nessuno.
Accovacciato sul predellino della roulotte che fungeva anche da ufficio della darsena, un marinaio scioglieva pigramente una cima. Stirò il collo sottile quando notò i due. Salutò amichevole quello che conosceva, quello più anziano, il proprietario della barca; al bizzarro accompagnatore, dedicò un'occhiatina veloce.
- Come butta, Capo Bennato? È un secolo che non la vedo: s'è fatto i soldi, eh? - disse ciarliero il marinaio.
- Magari! Dov'è la... bambina? -
- Al solito posto. L'ho tolta dalla rimessa per lei - rispose il marinaio, con un bel sorriso.
Bennato, da tutti chiamato rispettosamente Capo, strinse la mano dell'uomo e la colmò di una mancia. Il marinaio ringraziò con un cenno, e tornò a sgranare la corda simile a un penitente che scioglie un rosario.
Bennato si mosse verso lo spiazzo, sgambettando allegro; il compagno rimase indietro, soffiandosi congestionato: faceva caldo quel mattino. Si sfilò la camicia, annodando i risvolti in vita, e mostrando un ombelico sgraziato.
Il tizio era a dir poco stravagante: cranio rapato, sopracciglia ridotte a trattini; espressione torva da chitarrista in cerca della melodia sublime nascosta tra le corde. Che ci facesse con un austero funzionario di PS come Bennato, era un mistero.
Inforcò gli occhiali da sole sul naso. Poi sbuffò, con la rassegnazione di chi ha accettato un invito, ma se n'è già pentito. Iniziò a salire, ricalcando con puntiglio le orme dell'altro.
A metà, Bennato si voltò per incitarlo; sollevò il thermos e la busta delle esche, piegando il collo e lasciando intendere che pesavano.
Superato l'ultimo sbalzo, raggiunsero la barca, lasciandosi dietro la stessa coda di impronte.
- È peggio di come me la ricordassi! - sbottò il pelato.
Si tolse gli occhiali e scoccò un'occhiataccia alla barca. A dargli manforte, contribuiva la luce albina, che accentuava le incrostazioni e i rattoppi.
- Ma quanti anni ha ‘sta matusalemme? Coleremo a picco - profetizzò nefasto.
Bennato sorrideva quasi giunto fosse al capezzale di un moribondo, e l'avesse ritrovato miracolosamente ristabilito.
A lui, la barca piaceva proprio così: vissuta. Scrutò la bambina, e un vortice di ricordi lo catapultò indietro nel tempo.
Toccò lo scafo.
“Malmesso ma coriaceo” pensò. “Come me! Già... come me” sospirò affranto.
- Giriamola - disse, sciogliendo la cima.
Il pelato si mosse schiattato in corpo.
Capovolsero la barca senza difficoltà: era una piuma. Lo scheletro interno, però, riscattava il natante grazie all'ottima conservazione.
Bennato posò la borsa e le esche sotto la trave centrale. L'altro adagiò delicatamente la canna da pesca, ma tenne caparbiamente lo zainetto in spalla.
Sospinsero il legno a mare, agevolati dalla pendenza.
La barchetta vacillò sulle onde, restando a galla spavalda e smentendo i pronostici.
Il pelato applaudì ironico.
Bennato si issò a bordo. Fissò il viso pesto dell'altro. - Sei sicuro di... -
- Sì! - sclerò il pelato. - Sono qui, no? -
Cercò di issarsi a bordo anche lui, ma fallì, ritrovandosi in acqua fino alle ginocchia.
Bennato finse di non aver visto.
In barca, il pelato si strizzò i pantaloni. Barcollò sulla punta dei piedi, le braccia tese come un equilibrista, e poi si accoccolò.
Dallo zaino estrasse la crema solare e cominciò a impomatarsi la faccia come un clown. Si consolò, pensando: “Che giornata!”.
La temperatura gradevole, l'aria frizzante di salsedine e il mare oleoso la rendevano degna di Giugno.
E pensare che si era imbarcato in quell'uscita perché aveva perso la scommessa! Immaginare di divertirsi, sbatacchiati dalle onde e arrostiti dal Sole, sembrava impensabile. “Farò solo gettone di presenza!” meditò.
Bennato lo spiava. “L'importante – pensò - è che sei qui, con me!”.
Impugnò i remi.
Lui si divertiva – eccome! - costeggiando gli ultimi gommoni sonnacchiosi con gli scattanti motori tirati a bordo, protetti dalla copertina come purosangue arabi. Poi, manovrando un remo alla volta, dimostrava un'insospettata maestria. Ma, quando aveva spazio, tornava a darci dentro, vigoroso e sincronizzato, come se in vita sua non avesse fatto altro che remare e remare, scansando ostacoli più grandi di lui.
Immergeva i remi nelle acque stagnanti; sulle onde, macchie di cherosene; sotto, una busta di plastica si atteggiava a medusa.
All'uscita dalla rada, il mare aperto li aggredì. La barchetta assecondò la mareggiata, ancora più inconsistente al cospetto di un lussuoso yacht.
- Questo è di... l'avvocato dei cattivi... coso, come si chiama? - chiese invano Bennato.
L'altro tacque, fissando le onde con il viso impiastricciato di crema e come conseguenza, le occhiaie ancora più nere, da panda.
La sera prima, i festeggiamenti si erano protratti fino alle quattro del mattino, tra brindisi e barzellette sui carabinieri, i cugini rivali. Con un'ora scarsa di sonno, il pelato si sentiva come Hiroshima dopo l'atomica. Di solito, reggeva bene l'alcool ma...
Finita la festa, i quattro partecipanti non si reggevano in piedi.
Bennato aveva vomitato; lo spagnolo dell'Interpol si era messo a cantare Granada, accompagnato dal miagolio di un gatto in calore. Il giudice Pace blaterava: “Le baguettes... che schifo!”.
Una volante si era materializzata dal nulla, all'uscita del locale; qualcuno aveva chiamato il 113. Da ridere: i disturbatori erano tre poliziotti, e un magistrato!
Quelli della volante si erano limitati a distribuire raccomandazioni, a sollecitare prudenza al volante; ma poi i quattro avevano iniziato a cantare.
Gli agenti li avevano caricati nella pantera, decisi a scortarli e a raccontare, se necessario, una frottola in centrale.
Dietro stavano tutti stretti; il pelato aveva viaggiato in seno a Bennato.
Da quanto non si era divertito così, rifletté. Doveva ammetterlo: corrompere il barman era stato geniale. Adesso le foto dell'ebbro Bennato avrebbero fatto il giro della Questura tramite WhatsApp. Per non parlare della video-confessione del compito Pace, che non aveva risparmiato strali neanche al CSM.
“Ora che... perdita di tempo. Una vera p.t.” pensò.
- Ti avevo promesso di raccontarti la storia - esordì Bennato, i remi a mezz'aria. - E pensare che tutto è iniziato sul lettino del dentista del carcere... -
Il pelato grugnì indifferente.
- ...uno che si fa cavare i denti di bocca per non essere identificato, – riprese Bennato - è un pazzo o un dritto? -
“Ormai è storia - pensò il pelato. - E la storia, oltre ai prof e agli allievi, non se la fila più nessuno”. Indossò le lenti da sole, poi le cuffiette, e cercò il lato buono di quella noiosa barcheggiata. In breve, scivolò in un sonno di piombo.
Quando Bennato gettò l'ancora in mare, uno spruzzo d'acqua lo centrò, facendolo rinvenire di soprassalto, le gambe intrappolate sotto un'asse, l'auricolare attorcigliato al collo, gli occhiali di traverso sul naso a patata.
Stavolta Bennato rise di gusto. Anche il pelato rise, mentre si strofinava gli occhi come un marmocchio atterrito dal verso inatteso di un pupazzo.
“Identico a quando era piccolo” pensò Bennato, nostalgico...
Al Gallo
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto