Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Chiara Priorini
Titolo: Otto Settimane e mezzo
Genere Satira - Humor
Lettori 1522 8 12
Otto Settimane e mezzo
Una quarantena di proposte ai tempi del coronavirus.

Correva l'anno 2020.... Eh si... è di per se una data che fa “paura” .... Quanti cambiamenti vi sono stati in quest'ultimo decennio... sono romana, classe '77, 42 anni da poco compiuti. Quando a Capodanno tutti si brindava al nuovo decennio, sperando di sfatare tutte le dicerie sull'anno bisestile... illusi... ma non lo sapevamo!
Noti astrologi si alternavano in TV a dire “quanto sarebbe stato bello il nuovo anno” illusi anche loro... Non appena affacciati ai primi di gennaio abbiamo, tanto per cominciar bene sfiorato la terza guerra mondiale... mica cazzi! A febbraio... e già qui avremmo dovuto forse capire l'antifona come se dice a Roma... un incendio di proporzioni bibliche ha devastato l'Australia, mandato in fumo ettari ed ettari di boschi e fauna locale e siamo stati tutti con il naso appiccicato agli schermi a chiederci come sarebbe finita, quale danno immane fosse per tutto il pianeta, mica solo pe l'australiani.... Ma per il mondo intero! Ancora non avevamo visto un cazzo! Ora con il senno di poi lo posso dì!
Fatevi due risate! Mentre ancora sui tg nazionali la notizia del momento era l'incendio, cominciavano a trapelare vaghe notizie, trafiletti d'epidemia... Io, che di norma c'ho l'occhio attento ho cominciato ad avere un po' d'ansia...eh si eh... epidemia? Dove... come quando... perché? Che vuol dire... dalla Cina con furore! Una cittadina, a noi ignoranti europei, per lo più sconosciuta... Whuan... dai... su... ma chi l'ha mai sentita Whuan!!!! Insomma da Whuan o meglio da un laboratorio collocato in tale cittadina pare essere sfuggito un virus, che ha poi ben pensato de fa il salto de specie animale/uomo... e certo figurate non poteva esse altrimenti! Comunque scene da film de fantascienza!
Gente con la mascherina, coi guanti, gente che collassa per le strade, medici tutti bardati che sembrano astronauti sulla luna che arrivano a caricà quei poracci sulle barelle... e un numero de contagiati e de morti sempre in crescita. Roba da non creder ai nostri stessi occhi, ma noi qui in Italia... semo sereni... i nostri amati politici che incitano a non fasse prende dal panico, dal razzismo...“Noi qui siamo sicuri” grida uno e allora l'altro, del partito opposto se fa fotografà mentre fa “L'aperitivo” dal cinese... che poi, ma chi l'ha mai fatto l'aperitivino dar cinese?!? Va beh... insomma tutti chi più chi meno a dire che da noi “la possibilità di contagio è remotissima”...“impossibile”... non si chiudono l'aerei ... non si fermano i voli... turisti cinesi a frotte vanno e vengono giacché, là in Cina, dovete sapere correva il “Capodanno” che non coincide con il nostro... dunque migliaia di cinesi che dall'Italia so partiti pe annà dai parenti loro e poi so tornati e che problema vuoi che sia!!!!!
Ebbene, pe falla corta, il contagio s'è allargato al mondo intero! Tutto il MONDO! Italia compresa ovviamente! Restrizioni e leggi create d'urgenza che c'hanno praticamente fatto diventà reclusi in casa! Non se po' uscì se non con l'autocertificazione che cambia un giorno si e l'altro pure! Negozi, bar, ristoranti, aerei, turismo sport, spettacoli, teatri, scuola, persino il calcio!!! Tutto fermo! Tutti a CASA! Tutti a ripete come un mantra “io resto a casa” ...eh si... a casa ci siamo rimasti tutti! Da marzo... ad ora, che sto a scrive sto libretto... e siamo a maggio! Hai capito si... la “remota possibilità” ... va beh... andiamo oltre!
 
Eh quindi? Direte voi... e quindi niente! Non se lavora, non se campa, non se esce, non se vedono lì parenti, né i nipoti... purtroppo è morta tanta tanta gente... se esce solo scaionati, con mascherina e guanti e che ce volete fà? Se tira a campà!

Mo... io non so mai stata una donna “mondana” che sia chiaro... so una persona normale che ha studiato, che s'è tirata su un lavoro e che con quello cerca de campà nel modo migliore possibile, mi occupo di Social... ossia gestisco i social per le aziende, i professionisti... e costruisco siti web... in parte so fortunata perché posso lavorare da casa, ma certo con tutte le aziende chiuse, l'uffici chiusi, con sto “tutti a casa”... scuole chiuse... didattica a distanza... insomma non è che me la passi alla grande pure io ecco... ma se tira avanti, d'altronde... la salute prima di tutto no?Ebbene, con sto tutti a casa appassionatamente che è successo? Eh... è facile capillo... un boom per Facebook!!! Eh ovvio no? Semo tutti dentro casa h24! Gente che cucina, che si guarda i tutorial pe fa le torte, gente che s'allena e cerca i tutorial per i glutei, gente che passa ore e ore e ore nei social network è la naturale conseguenza ... ed io che di social vivo... assisto a questo incremento esponenziale talmente improvviso che spesso persino Facebook svalvola... notifiche che non arrivano, o arrivano con ore di distanza per fa un esempio... ed è ovvio che c'è stato anche un incremento esponenziale di ...

“Richieste di Amicizia”...
Ora, dovete comprendere che l'uso che faccio io della piattaforma è orientato al Marketing è chiaro no... quindi DEVO accettare e richiedere amicizie per incrementare la mia “rete” di conoscenze, per avere più reaction... più commenti e più condivisioni... così che quando poi pubblico il post d'un mio eventuale cliente quello giovi della mia stessa ampia rete... insomma è un po' come fosse la farina per il fornaio d'accordo?
Fin qui tutto bene... arrivano richieste di amicizia in modo esponenziale appunto... e con loro... arrivano messaggi... via Messenger!

Ora io, come vi dicevo, non so una donna de monno! So una madre de famija! Ho due figli! C'ho quarantadue anni, non sono certo na' pischelletta strafighetta come se vedono su Instagram... ok? So una normale... ne bellissima, ma nemmeno da buttà via... na' sana via de mezzo... ecco... eppure aho, ve posso assicurà che neanche nel fior fiore della mia gioventù avrei mai potuto immaginare tutto sto successo...lì per lì... lo ammetto, so rimasta spiazzata...lusingata a volte, divertita magari ogni tanto perché, diciamocelo... siamo oneste, a noi donne ce piace piacè! È normale...Ma nun pensavo mai e poi mai d'avecce tutto st'incremento, tant'è che i primi messaggi ricevuti l'ho cancellati!!! Figurateve... rispondevo cordialmente “ Eh beh grazie, ma non mi interessa sono sposata” educata per come mi madre m'ha insegnato, magari con un mezzo sorrisetto sotto i baffi (che non c'ho è, sia chiaro, è un modo de dì) ma finiva là... poi ho cominciato a pensà... va beh ma forse è il caso che blocco e così oggi, che ho deciso de raccontavve st'avventura sperando de strappavve un sorriso... mi spiace dirlo, ma le prime conversazioni non c'è traccia... se non nella memoria mia.

Ovviamente pe na' questione de privacy, non citerò nomi e cognomi... è chiaro eh...ricordo ancora il primissimo messaggio:
Anonimo: Ehi ciao grazie per l'amicizia

Io: ciao grazie a te

A: che fai nella vita?

Io: costruisco siti web e gestisco i social per le aziende e/o i professionisti

A: accidenti bello! Io sono una guardia giurata invece e lavoro anche con la quarantena

Io: eh almeno lavori, il mio lavoro ahimè ha subito un rallentamento d'altronde le aziende sono chiuse

E qui poteva sembrare una normale conversazione fra due persone che entrano in contatto virtuale per la prima volta, nulla di preoccupante insomma, d'altronde c'è il Virus... non se po uscì manco pe du chiacchiere in amicizia, quindi la questione s'è spostata sul virtuale!

A: certo lo capisco, sono sposato ed ho tre figli e tu?

Io: sposata anche io e due figli

A: mmmm ma un caffè.... finita la quarantena si intende, potremmo prenderlo insieme? O una cena magari

Io: eh non penso, quarantena a parte, che mio marito sia felice di sapere che vado a cena con un altro... e nemmeno tua moglie di sicuro

A: beh ma non glielo diciamo, se no dov'è il divertimento?

Io: no guarda non mi interessa.
Chiara Priorini
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto