Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Salvatore Basile svolge attività di sceneggiatore dal 1992. Tra le sue sceneggiature ricordiamo: Ultimo, San Pietro, Cime tempestose, La cittadella, Sarò sempre tuo padre, L’uomo sbagliato, Fuga per la libertà, Giovanni Paolo II, Sotto copertura, Il sindaco pescatore, I fantasmi di Portopalo, Gli orologi del diavolo, La fuggitiva, Il Commissario Ricciardi. È ideatore di serie tv come: Il giudice Mastrangelo, Il Restauratore, Un passo dal cielo e Una pallottola nel cuore. Il suo ultimo romanzo "Cinquecento catenelle d’oro" è uscito con Garzanti ad aprile del 2022.
Patrizia Carrano è una giornalista, scrittrice, autrice radiofonica e sceneggiatrice televisiva italiana. Ha lavorato frequentemente anche ai microfoni di Radio2, e per Raiuno ha scritto alcune fiction di grande ascolto fra cui "Assunta Spina" e "Rebecca", ambedue con la regia di Riccardo Milani, e infine la serie "Butta la luna", con otto puntate dirette da Vittorio Sindoni. Dopo diversi libri che affrontano i temi della condizione femminile e quelli storici, si presenta al pubblico col suo ultimo romanzo, edito da Vallecchi Firenze: "La Bambina che mangiava i comunisti".
Daria Bignardi è una giornalista, conduttrice televisiva e scrittrice italiana. Nel 2009 esordisce con la sua biografia, intitolata "Non vi lascerò orfani". Segue il romanzo "Un karma pesante" pubblicato nel novembre 2010 e due anni dopo "L'acustica perfetta" che viene tradotto in undici Paesi. Nell'ottobre 2014 è la volta del romanzo "L'amore che ti meriti". Nel maggio 2015 esce il suo quinto libro: "Santa degli impossibili". Nel 2020 pubblica "Oggi faccio azzurro". Il suo ultimo lavoro è: "Libri che mi hanno rovinto la vita" per Einaudi.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Salvatore Scalisi
Titolo: La mansarda
Genere Thriller
Lettori 818 1 3
La mansarda
Ottavo episodio di Parker.

Dopo le sue ultime fatiche di lavoro e, soprattutto, dopo essersi scrollato di dosso quell'opprimente incubo, popolato da orripilanti mostri che hanno minato per diverse notti la sua quiete, Parker, senza concedersi il meritato riposo, ritorna sul campo di battaglia. Jennie, conoscendolo bene, non fa una piega, ma tuttavia non riesce ad esimersi nello stuzzicarlo.
«Il buon esempio del titolare: essere puntale sul posto di lavoro» dice la donna, accennando un sorriso.
«Di chi stai parlando?» replica, sulla stessa falsariga, il detective, accomodato dietro alla sua scrivania.
«Prova a indovinare?»
«Nemmeno ci provo. E non insinuare che posa esserlo io, perché non ne ho la stoffa. Me lo devi concedere.»
« ... ok.»
«Piuttosto, se proprio dovremo trovarne uno ... » Parker, viene interrotto dall'entrata nell'ufficio di Ted.
«Salve!» saluta l'amico.
«Buongiorno» replica Parker.
«Ciao» dice Jennie.
«Bene, di cosa parlavate?» chiede Ted, sedendosi.
«L'argomento del giorno è una semplice parola: titolare» risponde il detective.
«Che significa?»
«Con Jennie c'è una diversità di opinioni ... su chi possa occupare il ruolo di titolare in questa agenzia.»
«Cos'è un gioco?»
«No, un modo come un altro per discutere tra vecchi amici ... »
«Fino a prova contraria sappiamo che il titolare sei tu» afferma, con un'aria sorridente, Ted.
«Esatto, fino a prova contraria.»
«Ehi, cos'è questa storia?» sul volto di Ted traspare un'espressione dubbiosa. «Spero ... »
«Cosa?»
«Non starai pensando a me?»
«A cosa ti riferisci?»
«Al ruolo di titolare dell'agenzia.»
«Perché dovrei?»
«Perché ti conosco ... e so dove vuoi arrivare» dice Ted, mostrandosi alquanto convinto di quanto ha elaborato.
«Sarebbe?» chiede Parker.
«Non ci sono dubbi che qui dentro il titolare sei tu» risponde Ted.
«Davvero? interessante!» osserva tra il serio e il faceto, Parker.
«Be', certi privilegi, come essere irrispettoso nei confronti degli orari, andare in ufficio quando te la senti, possono permetterselo solo i titolari. Dico giusto?»
«Guarda caso è proprio quello che pensavo anch'io» risponde, col ghigno sorridente, il detective.
«Io vorrei tanto essere puntuale, ma è più forte di me ... »
«Capisco, gli impegni familiari e tutto il resto ... »
«Cerco sempre di migliorarmi ... »
«Si fa quello che si può» dice Parker, con velata ironia.»
«Ottima conversazione» interviene Jennie. «Meno male che non ho di queste pretese e lascio a voi la competizione. So cosa ci vuole per mettere tutti d'accordo!»
«L'unica persona saggia di tutti noi» osserva Parker.
«Sì, è proprio così» si unisce Ted.
«Adulatori!» replica la donna, alzandosi dalla sedia. «Vado a preparare il caffè.»
«Non si poteva prendere migliore decisione!»



***


Superato il magico momento in compagnia della bevanda scura, i tre amici ritornano con i piedi per terra per organizzare al meglio gli impegni lavorativi.
«È ora di rimboccarci le maniche» dice Parker.
«Abbiamo l'imbarazzo della scelta» replica Jennie.
«Cosa ci consigli?»
«Riprendere il caso dei due fidanzatini.»
«Me l'aspettavo. So che ci lavori da un po' di tempo.»
«Te ne sei accorto?»
«Certo!»
«Ho voluto approfondire alcune cose ... »
«Tipo?»
«L'intera vicenda non mi convince del tutto e sono stati tralasciati a mio avviso diversi aspetti importanti ... » dice Jennie.
«Del patrigno, della mamma e via discorrendo. Insomma, di tutti i componenti della famiglia. Anzi, delle due famiglie. Abbiamo fatto un pessimo lavoro, è questo il nocciolo del discorso» dice Parker.
«Non proprio ... forse, è come se fossimo stati un po' troppo indulgenti» replica la donna.
«Ma noi non siamo indulgenti con la feccia della terra.»
«Sì, lo so.»
«Se devo esprimere il mio giudizio, be', qualcosa non quadra nemmeno a me» interviene Ted.
«Bene, vince la maggioranza» osserva il detective.
«Non vorrai farci credere che tu ne sia fuori?» dice l'amico. «Anche tu ci stai lavorando sotto.»
«Cosa?»
«Credi che non me ne sia accorto che da un po' di tempo hai ripreso ad esaminare tutti i dati riguardanti la triste fine che hanno fatto quei due ragazzi. Sono un investigatore, o l'hai dimenticato?»
«Come potrei, sei un valido investigatore. Sì, è vero, ho voluto dargli un'occhiata ... » ammette Parker.
«Abbiamo avuto tutti lo stesso pensiero» dice Jennie. «Siamo un'ottima squadra.»
«Ma perché ce ne siamo stati zitti?»
«Forse perché volevamo prima delle certezze.»
«Ok, mettiamola così. Le vostre conclusioni?»
«Uguali alle tue» risponde la donna.
«Ok, riapriremo il caso, non fosse altro, per quei poveri ragazzi ... e per noi, aggiungerei.»
«Hai in mente qualcosa?» chiede Ted.
«No, nulla di decisivo, ma so che saremo costretti a intrufolarci nella routine delle loro famiglie e qualcuno non sarà affatto contento.»
«Questo è sicuro» osserva Jennie.
«Potrebbero anche non essere più disposti a collaborare, per loro il caso è chiuso e riaprirlo significherebbe ripercorrere strade intrise di dolore. Useremo la massima discrezione. Ognuno di noi porterà avanti le proprie indagini, che confronteremo giornalmente. Nessuno prenderà iniziative solitarie, quindi, ogni idea verrà esaminata e discussa in gruppo.»
«Quest'aspetto mi piace» dice Jennie.
«Non è escluso che potremmo trovarci la polizia contro. Il caso è chiuso e loro, i poliziotti, sono i primi a non tollerare chi si ridicolizza il loro operato; tanto meno dagli investigatori privati.»
«Stai pensando a Golden?» domanda Ted.
«Lui sta dalla nostra parte, fin quando gli è possibile, il problema riguarda le sfere più alte, e lì il nostro amico, anche volendo, non può ripararci dai duri attacchi.»
«Faremo di tutto per non creargli troppi guai.»
«Questo glielo dobbiamo. Avete qualcosa da dire?»
«Per quel che riguarda me, è tutto chiaro»
«Anche per me» dice Jennie.
«Ottimo! Possiamo iniziare.»
«Con vero piacere!»
«Non vedevo l'ora» dice Ted



***


È bello trovarsi d'accordo su un argomento così delicato, ma Parker sa benissimo che ritornare sui propri passi richiede coraggio e grande forza d'animo. In verità ha sempre pensato, appena subito dopo che la polizia e lo stesso investigatore privato avevano chiuso il caso, che la storia del suicidio di Chloe e Jose non andava chiusa. Ricorda benissimo che la vicenda presentava diversi punti oscuri, anche se la scena del triste epilogo sembrava che non lasciasse dubbi sulla dinamica della morte dei due ragazzi. Ma ha un senso ritornare sui propri passi?
«Sì, per me ha un senso. Sembrerebbe strano, ma il pensiero che il caso mi possa essere sfuggito di mano, a tal punto di aver emesso un giudizio sbagliato, mi perseguiterebbe per tutta la vita» dice Parker, seduto su una poltrona nell'accogliente soggiorno.
«Io non so cosa dirle ... sono passati ... »
«Due anni.»
«Il tempo dovrebbe lenire la sofferenza, ma non è così, è come se fosse successo ieri» afferma la donna, accomodata sul divano con accanto a lei il compagno.
«Ha degli indizi che approvano la sua tesi?» chiede il patrigno di Chloe.
«È tutto il quadro in sé che non mi è chiaro» risponde il detective. «Certo, potrei anche sbagliarmi, e in questo caso saremmo in tre, visto che sono appoggiato dai miei collaboratori.»
«La polizia ... »
«Sì, lo so, non hanno avuto dubbi su tutta la dinamica del caso, come noi d'altronde. Ma, dopo varie riflessioni, siamo giunti alla conclusione che forse le cose sono andate diversamente.
«Diversamente ... cosa significa?» dice la donna.
«È quello che intendiamo scoprire.»
«Mia figlia Chloe aveva diciotto anni, compiuti da poco ... io non vedo cos'altro ci sia da scoprire ... »
«Capisco cosa prova, e se non vuole che io non vada avanti nelle indagini, le chiederò scusa per averla disturbata.»
«Ha parlato ... »
«Con la famiglia di Jose? No, non ancora. Ma basta che una delle due parti non sia d'accordo, ed io proverò a dimenticare tutto.»
«Crede di farcela?»
«La vita continua.»
«Se dovesse sbagliarsi, non avrà fatto altro che riaprire le nostre ferite» dice l'uomo.
«Sì, è così. Potete decidere serenamente; mi darete la risposta quando lo riterrete più opportuno.»



***


Che non sarebbe stato un compito facile ne era convinto, ora non gli rimane che attendere la loro decisione; e qualsiasi essa sia, dovrà rispettarla fino in fondo. L'uomo ha voglia di concedersi una pausa, prima di continuare le sue visite. Ma soprattutto ha desiderio di vedere una persona: Norah. Magari sarà impegnata; e l'unico modo per accettarsene e chiamarla al cellulare. I due si danno appuntamento in una via del centro della città.
«Sicuro che non ti ho disturbata?» dice Parker.
«Figurati! Speravo che qualcuno mi invitasse a fare due passi» risponde Norah.
«Uno qualsiasi?» replica col ghigno sorridente il detective.
«Naturalmente io avrei le mie preferenze ... »
«Ti è andata bene? Sì, intendo la mia chiamata, è stata quella giusta?»
«Tu cosa ne pensi?»
«Be', come faccio a dirlo ... »
«Sì, è stata quella giusta.»
«Mi sento sollevato.»
«Se non fosse stata quella giusta, ti assicuro che in questo momento non sarei qui con te. Ti è chiaro?»
«Sì, ora mi è molto chiaro.»
«Cosa avevi in mente di fare?»
«Vederti ... avevo voglia di vederti.»
«Ok. Siamo qui.»
«Come va?»
«Bene.»
«La mamma?»
«Dopo le ultime vicende, ci penserà su due volte prima di far entrare delle persone in casa, compresi i vecchi amici.»
«Già. Il lavoro?»
«Non ho più l'entusiasmo che avevo all'inizio, pian piano va scemando; te ne avrò parlato. Non lo so, non si è mai contenti di quello che si fa ... è una cosa che vado ripetendo da un po' di tempo, rischiando di rendermi noiosa.»
«Ti capisco perfettamente.»
«Sono tentata continuamente di lasciar perdere tutto; poi, mi rendo conto che non serve a nulla, sarebbe una resa inutile; ma, ti assicuro, la tentazione è forte.»
«Se molliamo noi è la fine» dice, con un velato sorriso, Parker. «Il dipartimento dei servizi sociali un giorno ti sarà riconoscente.»
«Magari ai posteri sarà possibile vedere una mia foto nell'ufficio dove ho prestato per lunghi anni il mio onorato servizio. Dovrei esserne fiera. Perché non mi parli di te? Hai voluto staccare la spina?» gli chiede Norah.
«Mi sono concesso una pausa, ed ho subito pensato a te.»
«Carino da parte tua; hai tra le mani un caso difficile?»
«In verità credevo di averlo chiuso due anni fa, ed invece, mi ritrovo a rivedere tutto daccapo.»
«Avrai i tuoi buoni motivi.»
«Sì, più che buoni, altrimenti l'avrei già rimosso dalla mia mente.»
«Riuscirai a venirne a capo?»
«È quello che desidero.»
«Sei abbastanza tosto da riuscire in tutto ciò che desideri, o sbaglio?»
«Incominci a conoscermi bene.»
«Già.»
Salvatore Scalisi
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto