Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Grazia Verasani si diploma all'Accademia dell'arte drammatica all'età di vent'anni. Le sue prime esperienze avvengono col Teatro Stabile dell’Aquila e col Teatro Stabile di Torino. Dopo l'incontro con Tonino Guerra, che la incita a scrivere, nel 1987 pubblica alcuni dei suoi primi racconti grazie a Roberto Roversi, che definisce la sua scrittura "immaginifica". Il suo romanzo più conosciuto è "Quo vadis baby?" da cui è stato tratto il film omonimo, con la regia di Gabriele Salvadores. Nella sua ultima opera "Come la pioggia sul cellofan" continua a raccontare la storia di Giorgia Cantini.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
"I have a dream", ripeteva Martin Luther King Jr. il 28 agosto 1963 davanti al Lincoln Memorial di Washington. "Io ho un sogno" è parte integrante della speranza di ognuno di noi, perché senza sogni resteremmo schiavi delle convenzioni. E non importa quanto sia piccolo o grande un sogno, la questione basilare è non arrendersi mai.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Writer School
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Salvatore Scalisi
Titolo: Tribolazioni
Genere Narrativa contemporanea
Lettori 206 1 1
Tribolazioni
Era una splendida giornata di metà novembre, sembrava primavera, esattamente un lunedì, ed io, dopo una settimana che avevo terminato il mio ultimo romanzo, mi accingevo a scrivere una nuova storia. Di solito inizio a lavorare di mattina molto presto, intorno alle otto, ma quel giorno me l'ero presa comoda, visto che la mia mente non mi offriva nessuno spunto creativo. Per carità, mi era successo altre volte di iniziare, come si suol dire, in affanno per mancanza di idee. Dovevo solo avere pazienza, alla fine qualcosa di buono sarebbe venuto fuori. L'inizio per me è sempre stato complicato, c'è poco da fare, non me ne sto lì ad aspettare l'ispirazione. L'unica cosa che so con certezza, e che devo scrivere, estraniarmi dalla realtà, riempiendo la mia vita di storie alternative. E poco conta se esse sono inventate, importante è che mi facciano sentire vivo. Non vorrei sembrare un caso patologico, ognuno di noi è fatto a una certa maniera, e io sono fatto così, con i miei pregi e difetti. Amo la solitudine; sì, lo so, si dice che è una caratteristica di chi scrive, del romanziere, e su questo posso essere anche d'accordo. Certo, poi c'è chi esagera e finisce per diventare una specie di eremita. No, non è il mio caso, io sto nel mezzo, senza alcun compiacimento o senso di frustrazione. Ci sto e basta. Comunque, ritornando a quella mattina, le ore scorrevano senza riuscire a buttare giù un solo rigo, nonostante gli sforzi che mi avevano causato un fastidioso mal di testa. Alcuni pensano che fare lo scrittore non comporti nessuna fatica; a livello fisico, sicuramente, ma lo stress mentale è notevole, e in alcuni momenti si ha la sensazione che il cervello schizzi fuori da un momento all'altro. Per lenire questa sofferenza amo ascoltare Beethoven. Ho un buon impianto stereo che mi permette di ascoltare la musica in qualsiasi punto della casa mi trovi. Perfino in bagno. Quel giorno mi ero intestardito nel voler scrivere anche solo le primissime parole del mio nuovo lavoro, così decisi di fare un tentativo nel pomeriggio.

***

Era dura, più dura del previsto. Per un attimo provai a distrarmi, pensando a Maria, l'unica donna della mia vita che io avessi amato veramente. Ci siamo lasciati quattro anni fa, ma è come se fosse ieri, dopo essere stati insieme sette anni. Sì, ogni tanto ci penso, e quando succede provo una grande tristezza. Forse non eravamo fatti l'uno per l'altra, ma stavamo bene insieme, almeno fin quando non sorgevano i soliti problemi. Mi accusava di essere troppo preso dal mio lavoro, dalla scrittura, di non avere una mia vita ... o di averne un'infinita. Sì, il riferimento alla mia attività, e di conseguenza alle storie che scrivo non era puramente casuale. In pratica, per lei impersonavo gli svariati personaggi dei miei lavori. In certi momenti non mi vedeva come una persona normale, ma come un alieno. Ognuno esterna le proprie emozioni in maniera diversa, magari io sarò meno plateale di altri, ma ho un cuore anch'io. Nonostante queste divergenze, io l'amavo e sono sicuro che anche lei provasse lo stesso sentimento. E allora, perché ci siamo lasciati? Non ricordo nemmeno come sia successo, chi abbia preso per primo l'iniziativa. Cosa importa ormai ... è andata così, e so che non si potrà più tornare indietro. L'ultimo giorno che ci vedemmo, mi disse: sei cambiato, non sei più la stessa persona che ho conosciuto. Forse aveva ragione. Non so più nulla di lei, probabilmente si sarà rifatta una nuova vita, ed è giusto così.

***

Niente da fare, non riuscivo a scrivere nemmeno una parola, stavo per mollare, quando a un certo punto sento suonare al citofono. Andai a rispondere.
- Chi è? -
- Il signor Gabriele Rizzo? –
- Sì, sono io. Con chi ho il piacere di parlare? –
- Sono un suo ammiratore e un suo grande lettore. –
- Sì, in cosa posso esserle utile? –
- Ecco, mi piacerebbe conoscerla di persona, parlare dei suoi libri. Ne ho una copia con me. –
- Immagino vorrebbe una dedica firmata. –
- Anche. –
- Be', stavo lavorando .... –
- Se vuole, passo qualche altra volta. –
- ... va bene, la faccio salire. –
- Grazie. –

***

- Salve – dice l'uomo, un quarantenne di bell'aspetto, uno zainetto in spalla, fermo nel pianerottolo.
- Buongiorno – risponde Gabriele. – Entri. –
- Grazie. –
I due raggiungono il soggiorno.
- Si accomodi. Le va qualcosa da bere? –
- No, grazie. –
Gabriele e il suo inatteso ospite si siedono sulle due poltrone.
- Posso chiederle come ha fatto a sapere che abitavo qui? –
- Abito nella zona, alcuni giorni addietro l'ho vista mentre usciva da un centro commerciale, così l'ho seguita con l'intenzione di fermarla e ... poter scambiare due parole. Ma non ce l'ho fatta, l'unica cosa che ho ottenuto è stato conoscere dove abitasse. –
- Spero che non sia un ladro. –
- No, può stare tranquillo. –
- Posso tirare un sospiro di sollievo. Alla fine ha avuto il coraggio di farsi avanti. –
- Già. Be', non è stato facile. –
- La volontà è stata premiata – dice Gabriele.
- Sì, è così – replica l'uomo.
- Posso sapere il suo nome? –
- Mi scusi, non mi sono nemmeno presentato; sono Francesco. –
- È un bel nome. Possiamo darci del tu, se per lei va bene. –
- Per me è un onore. –
- Ok. Non sarai mica un giornalista? –
- No, sono un ingegnere informatico. Lavoro in un'azienda di software. –
- Interessante. Un ingegnere con la passione della lettura. –
- Diciamo di sì. –
- Nient'altro? –
- Cioè? –
- Forse, hai in mente di farmi concorrenza – dice Gabriele, con il sorriso sulle labbra.
- Non ci penso nemmeno, non ne sarei capace – risponde Francesco.
- Mai dire mai, molti grandi lettori ci si cimentano, pensando di esserne all'altezza solo per il fatto di essere dei divoratori di libri, ma le cose non vanno proprio così. Ehi, con questo non voglio disilluderti, nel caso vorresti ... -
- Scrivere? – No, non fa per me. Ognuno con il suo lavoro. –
- Sagge parole. Hai letto molti miei libri? –
- Sì, quasi tutti. –
- Complimenti! Sono io che devo ringraziarti. Be', ora non mi dirai che ti sono piaciuti tutti, perché non credo. –
- Fanno pensare, riflettere, ma in alcuni casi sono contraddittori e lasciano un senso di ...-
- Di vuoto? –
- Sì, è il termine giusto. Ho letto e riletto ogni singola frase e parola, per meglio capirne il significato, dove il pensiero dell'autore volesse arrivare. –
- Non credi che i personaggi possano avere una loro autonomia? –
- Non lo so, a volte sì, in altre invece si vede che sei tu a manovrarli, come se fossero dei burattini. –
- Sono famoso per essere un narratore onnisciente, ma non un burattinaio.
- Non volevo offenderti. –
- Stavo scherzando. Mi hai passato ai raggi x, questo è poco ma sicuro. –
- Già. –
- Un lavoro impegnativo. –
- Sì. –
- Immagino che questo ti abbia portato a una conclusione. Senti, io ho sete, mi prendo qualcosa da bere. Vuoi farmi compagnia? –
- Va bene. –
- Cosa preferisci, un caffè o una bevanda analcolica? Io prendo un succo di frutta all'arancia. –
- Anche per me, grazie. –
Gabriele si allontana e poco dopo ritorna con due bicchieri di aranciata, porgendone uno a Francesco, per poi sedersi.
- Sei sposato? –
- No – risponde il suo ospite.
- Io sono separato da circa quatto anni, e al momento non ho in mente di ricominciare una nuova vita di coppia, mi godo il mio status da single, che non è male. Sei d'accordo? –
- Non lo so, non saprei rispondere, visto che fino ad ora non sono stato sposato e ... non ho nessuna esperienza di coppia. –
- È una tua scelta di vita? –
- Non credo, non ho trovato la persona giusta. –
- Hai detto persona e non donna. –
- Credevo che fosse sottinteso. –
- Al giorno d'oggi bisogna stare attenti a quello che si dice, per non rischiare di essere fraintesi. Per carità, non ho nulla in contrario sulle proprie inclinazioni sessuali. –
- Sicuro? – gli chiede sornione, Francesco.
- ... Cristo! – esclama Gabriele. – Ho capito a cosa ti riferisci, al mio libro. –
- Già. –
- È una storia inventata, un romanzo, nulla a che vedere sulle mie reali opinioni. –
- Il punto è proprio questo: un autore, riesce attraverso i suoi scritti a rimanere imparziale? –
- Sei venuto per farmi il terzo grado, e non per la dedica firmata, sii sincero. –
- Te l'ho detto, i tuoi libri ... -
- Sono contraddittori e lasciano un senso di vuoto, sì, l'hai detto. Non sono un saggista, ma un romanziere. Non scrivo con la pretesa che i miei testi vengano letti come se fossero dei trattati di sociologia, e nemmeno mi interessa. Quello che voglio è che la gente leggendo i miei libri riesca a distrarsi, nulla di impegnativo. Commetto un peccato? –
- No. –
- È questo il libro che hai portato? –
- Sì. –
- Immagino che non sarà l'unico. –
- È così. –
- Questa poi ... quanti ne hai in quello zainetto? –
- Non molti. –
- Già, quanto basta per riempirlo – dice Gabriele, bevendo tutta d'un sorso la sua aranciata. – Cos'altro hai in serbo per me? –
- Sono un tuo grande lettore, dovresti essere abituato ... - replica Francesco.
- Alle critiche? Certo, fanno parte della vita. In qualche modo sono anche utili ... non sempre, a dire il vero, sono mosse con la giusta oculatezza. Ma questo è un altro discorso. Comunque, non mi sono mai sottratto a nessuna critica, parlo ovviamente di quelle negative, dovresti saperlo. –
- Non ne hai ricevute molte. –
- Cosa vuoi che ti dica, sono stato fortunato. Ed era destino che sarebbero piovute tutte in una volta. La vita è davvero sorprendente. A te non interessa la dedica firmata, sei venuto a crocifiggermi, non è così? – gli chiede con un lieve sorriso, Gabriele.
- Sono un tuo fan. –
- E questo ti dà diritto di esprimere quello che desideri in tutta tranquillità, un'occasione da cogliere al volo. Quando hai iniziato a leggere i miei libri? –
- Circa un anno e mezzo fa. –
- Un anno e mezzo ... quanti ne hai letti? –
- Quasi tutti. –
- Tra romanzi e racconti, la mia produzione è di centoventi titoli. La tua dedizione nei miei confronti è notevole. –
- Sì, in pratica non ho fatto altro che leggere solo i tuoi libri. –
- Hai dovuto fare parecchio straordinario. –
- Non ho battuto la fiacca. –
- Già. –
- Conosco ogni passo di ogni tuo singolo libro. –
- Straordinario! Io tendo a dimenticare tutto quello che scrivo, ho una pessima memoria. Non so cosa pensare, la cosa è davvero sorprendente ... -
- Da scriverci su un romanzo. –
- Già, proprio così. Non vorrai propormi questo? –
- E se fosse? –
- Non è una cosa che può nascere così su due piedi, richiede tempo e riflessione, e non è detto che possa andare in porto. Non è fattibile al momento, mancano gli elementi cardine della storia, è una questione di Pathos, capisci? –
- Sì. –
- E non so neppure a cosa andremo incontro. Forse tu avrai le idee più chiare. –
- Sì. –
- Ci avrei scommesso. Ok, se ne riparlerà, senza impegni, non amo nessun tipo di vincolo. Voglio sentirmi libero, è così che mi piace lavorare. Credo che non sia urgente. Almeno per me. –
- Neanche per me. –
- Finalmente qualcosa su cui andiamo d'accordo – dice Gabriele.
- Non sarei così ottimista – Replica Francesco.
- Ammiro la franchezza. Cos'altro c'è? –
- Leggendo i tuoi scritti ho potuto notare una certa predilezione per la media e alta borghesia. –
- Non è vero. –
- Sì, invece. Basta vedere l'ambientazione dei tuoi lavori, in cui non parli mai delle fasce più deboli, della povera gente. –
- Mi stai accusando di far parte della casta? –
- Sì. –
- Non ci posso credere. Sai da dove provengo? –
- Non ha importanza quelle che sono le nostre origini, ma la strada che abbiamo scelto di percorrere. –
- Ciò che scrivo non ha nessuna correlazione con quello che penso realmente; i miei libri sono solo finzione, lo vuoi capire?! Il mio lavoro è frutto di fantasia, tutto qui. –
- Noi siamo quello che diciamo e scriviamo, la nostra personalità rispecchia qualsiasi cosa che facciamo. –
- In linea di massima è così, ma non è una regola, soprattutto per un romanziere, il cui unico interesse è quello di raggiungere una vasta platea di lettori. –
- Tutto chiaro – commenta Francesco. – La povera gente ha ben altro a cui pensare che leggere un libro. Il discorso non fa una piega, è tutta una questione di interesse. –
- Mettiamola pure così – replica Gabriele. – Altrimenti per chi dovrei scrivere? Dovrei raccontare storie di ghetti malfamati, di anime perse senza speranza, per ottenere che cosa? Magari un premio di riconoscimento da parte di una delle tante associazioni che si battano per la difesa dei diritti umani? È tutta una pagliacciata! Una forma di totale ipocrisia. Un modo come un altro per tenersi impegnati, come andare a pesca, tirare due calci a un pallone, o seguire quelle interminabili telenovele in televisione; ma quest'ultimi, quantomeno, sono coerenti con quello che fanno, mentre i primi ... sono semplicemente ridicoli. La cosa può farti male, ma è la verità. Non so dove tu voglia arrivare, ma qualsiasi abbia in mente, sei totalmente fuori strada. I miei scritti hanno un ampio respiro, devono rappresentare uno stimolo per chi non ce l'ha fatta ed è rimasto indietro. –
- Una specie di salvagente – dice Francesco.
- Chiamalo come vuoi. Sono un romanziere e non un sociologo, non dimenticarlo. Se cercavi delle risposte sui problemi che attanagliano il nostro pianeta, hai sbagliato persona. A parte la dedica firmata, stai sprecando il tuo tempo. –
Salvatore Scalisi
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto