Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Valerio Carbone
Titolo: Una messa in scena posticcia
Genere Commedia Picaresca
Lettori 2234 19 35
Una messa in scena posticcia
Un piede avanti. Fermo, lo diresti quasi intento a prendersi una pausa di riflessione in attesa che l'altro piede, perché sempre di piedi stiamo parlando, concluda la sua parabola aerea atta a superarlo per posizionarsi un po' più avanti. Invece no, la sua non è l'attesa placida della posizione a bandiera sul bordo della vasca da bagno, quando i due piedi si toccano per l'inevitabile incrocio e rimangono lì, a godersi la pace e il calore, l'attesa di quel piede è rabbia, sconcerto e sconforto, emozioni che quelli bravi sintetizzerebbero in stizza ma, se potessero ascoltare i pensieri di quel piede, sentirebbero un'autentica incazzatura per il vedersi superare dall'eterno, speculare rivale che ha guadagnato preziose decine di centimetri. A questo punto non resta altro che riprendersi il primato, magari sbeffeggiando il rivale imitando in tutto e per tutto la manovra grazie alla quale ha conquistato l'immeritata prima posizione.
A seconda della velocità di ripetizione di questa apparentemente semplice manovra, la maggior parte dei vocabolari chiamano tutto questo camminata, camminata di buon passo, marcia, corsetta, corsa e in molti altri modi.
Sorcio e Banana stavano correndo con il diavolo alle calcagna, laddove il diavolo era momentaneamente rappresentato da diversi figuri intenzionati a far loro molto ma molto male. Tutto questo, maledicendo quella assurda credenza popolare secondo la quale fumare un pacchetto di Gauloises senza filtro al giorno mal si accompagna all'eccellenza nella corsa. Proprio l'uso, a dirla tutta, l'abuso, di quei rassicuranti cilindri di tabacco stavano causando un rallentamento della velocità di uno dei due.
- Se non vuoi farlo per me, fallo almeno per Alice. -
- Ma ci stanno ancora seguendo? - .
Sorcio spalanca i suoi larghi occhi sulla strada per meglio raccogliere ogni possibile informazione sul percorso di fuga. Scorgendo una stradina dietro l'insegna poubelle del vecchio mercato, prende per la spalla l'amico e lo sprona a un ultimo sforzo: nulla di meglio della calca turistica serale del Quartiere Latino potrà far loro da scudo.
- Arriviamo alla Mouffettard. - dice ridendo.
- Ora questa me la spieghi. - Banana avanza con andatura storta e dinoccolata, il fiato corto, i pensieri rossi di una rabbia che, lo sa bene, sarà presto smontata, distrutta e polverizzata da Sorcio. - Ci siamo... fatti... mezza Parigi a piedi... e tu ancora... -
- Shhh! Guarda, ascolta - .
Una mano unta e sudaticcia copre la bocca di Banana che, normalmente, avrebbe ben più di una cosa a che ridire su quell'inaspettato quanto sgradevole contatto. In questo caso, il naturale pensiero di mordere la mano amica e tornare indietro di un paio di passi per poter meglio calcolare la traiettoria perfetta allo sputazzo che avrebbe voluto dirigere verso il viso dell'amico deve necessariamente essere messo da parte a causa di un improvviso riflesso metallico proveniente, forse, dalle mani di entrambi gli inseguitori. Suo malgrado, Banana deve anche rinunciare alla domanda che ha preso fortemente a rimbombare nella sua testa: seppur di scottante attualità, chiedere per quale motivo al momento gli sembra superfluo e vigliaccamente pericoloso.
- Quei due coglioni hanno preso la strada per il fiume, li abbiamo seminati! - Sorcio non tenta nemmeno per un attimo di mascherare l'infantile divertimento che sta provando e parla con il tono di voce di chi ha appena vinto il primo premio a una sagra paesana. Su sette miliardi di persone, solo altre due avrebbero usato lo stesso tono dopo aver scampato un numero decisamente elevato di sberle, anche se meritate. Nessuna di queste altre due persone, però, può lasciare il proprio istituto senza permesso medico.
- Cosa cazzo ridi, idiota? Hai anche il coraggio di essere contento? Fare queste cazzate alla nostra età: noi dovremmo passare le serate con il plaid sulle gambe e un bicchiere di vino caldo al fianco, non rischiare la vita correndo per Parigi. -
- Finito? -
- No. -
- C'è altro? -
- Stronzo. - sorride. - Adesso ho finito. -
- Dovresti essere contento, amico! I mitici Sorcio e Banana ancora in azione, come ai vecchi tempi! -
- I vecchi tempi non comprendevano fughe... - .
Sorcio, per tutta risposta, apre il sacchetto di carta che ha stretto e difeso durante tutta la loro sfrenata corsa parigina e porge metà del contenuto all'amico.
- Santo Dionigi, Sorcio! Croissant?!? Sto vivendo un'esperienza di premorte per due cornetti del cazzo? - ora l'incazzatura è reale e non c'è traccia di ironia nella voce di Banana. In un lampo di consapevolezza, si rende conto che un tono di voce agitato o arrabbiato non ha mai scalfito quel dannato idiota a cui sembrerebbe legato quasi fin dalla culla, per questo enfatizza l'ultima frase togliendosi il berretto dalla testa rasata e lanciandoglielo in faccia. Come se non bastasse, aggrotta la fronte, chiude leggermente gli occhi, abbassa di poco la testa e storce la bocca, seminascosta dalla barba biondastra, in quella che reputa in tutto e per tutto la sua miglior faccia da guerra.
- Erano secoli che non ti sentivo più dire Santo Dionigi... non basterebbe anche solo questo a giustificare la nostra avventura? - l'espressione torva di Banana riesce a ottenere un debole ma significativo effetto, almeno a giudicare dall'inusuale cambiamento nel tono di voce di Sorcio. Improvvisamente si è fatto serio, calmo, sereno. Le ciocche scure dei capelli sembrano addirittura aver trovato naturalmente una sistemazione adeguata e non fanno più, come al solito, da cornice a due occhi fin troppo aperti sul mondo, tanto aperti che spesso glielo mostrano in una prospettiva ben diversa da quella reale.
- Sorcio, seriamente... - la voce non ammette repliche diverse dalla verità, ora gli anni di amicizia che li hanno resi quasi una cosa sola si sentono in pericolo, improvvisamente non ci sono più migliaia di cose in comune: anni di risate e mani tese l'uno verso l'altro sono diventati bicchieri in bilico su una mensola fissata male - ...abbiamo rischiato non so bene nemmeno io cosa... per due croissant? Il tuo grande piano per riconquistare Alice, quello per cui ti serviva assolutamente il mio aiuto, era portarle la colazione? E chi cazzo erano quelli? -
- Dettagli, dettagli, ti fissi sempre sui dettagli. Lascia stare i cornetti, quello che davvero è importante, il nostro Graal, è questo. - Sorcio estrae da una tasca dei pantaloni una busta giallina, di carta rimasta rigida e ruvida nonostante la piegatura. Una busta che, da sola, significa Importante. - Adesso puoi chiamarla, chiama Alice stasera stessa e dille che torniamo a vivere a Barcellona - .

- ...e cosa avresti da offrirle a Barcellona? Un ponte con vista panoramica? - chiede ironico Banana che sembra averci rimuginato per tutte quelle ore. - Oppure una meravigliosa cuccetta piena di pulci in un ricovero per indigenti? Senza contare la cosa più importante... -
- Sentiamo, quale sarebbe questa cosa? -
- La conosci mia sorella, purtroppo per me e per lei, la conosci molto bene: non tornerebbe da te per una vacanza o per sbattere ancora la testa contro un muro di fantasie. E poi, ormai, è quasi notte fonda... - .
Sorcio si avvicina all'amico e gli prende la faccia con entrambe le mani, gliela stringe a fondo ma con delicatezza, fino a fargli venir fuori le labbra. Si avvicina ulteriormente. Uno dei due sta pensando Se adesso mi bacia lo riconosceranno solo dal calco dei denti. Impossibile dire chi dei due. O forse no. Ma non è questo ora il punto focale della scena.
- Banana. -
- Dimmi. - parlare con la faccia deformata non è quanto di più facile abbia fatto in vita sua, pensa un incuriosito Banana.
- Io. Tua sorella. Me la sposo. -
- Eh? -
- Me la sposo! Diglielo, diglielo subito! Chiamala e dille che l'amore della sua vita non solo ha messo finalmente la testa a posto ma ha risolto tutti i problemi, ha abbattuto tutti gli ostacoli che si opponevano al nostro amore e me la sposo! Hai sentito Parigi? IO SPOSERÒ ALICE! - e scatta verso un lampione, tentando di riprodurre la leggiadria di Gene Kelly mentre canta sotto la pioggia e urla a pieni polmoni. - IO SPOSERÒ ALICE! E DOMANI ANDREMO A VIVERE FELICI A BARCELLONA! IO E LEI! E SAREMO... - .
Una improvvisa secchiata d'acqua, proveniente da un balcone vicino, interrompe quello che, sicuramente, sarebbe stato un lungo soliloquio.
- Potevi portacela ieri, a Barcellona, così evitavi di rompere i coglioni a me all'una di notte, stronzo! -
- Ben gentile. - l'acqua è servita per spengere più di un bollore ma non il buonumore di Sorcio, che torna sorridendo a stringere la busta tra le mani.
- Amico mio, guarda che stai sbagliando tutto, al solito hai costruito chissà quale castello di stronzate e ti aspetti che io ci caschi ancora? Pensi forse che sveglierò mia sorella a quest'ora per dirle che, dopo tanto tempo, non solo vuoi riprovarci ma addirittura sposarla? -
- Esattamente. Non avrei saputo dirlo meglio. -
- Ah, dimenticavo l'andare a Barcellona. Quindi dovreste lasciare entrambi i rispettivi lavori e... - .
Un lampo.
Accompagnato da un brivido.
Seguito da una mano che colpisce una fronte.
- La busta. Qualunque cosa ci sia, non è qualcosa che dovrebbe essere tra le tue mani ma chiusa al sicuro dentro... - .
Banana chiude gli occhi e si massaggia leggermente il naso nel punto in cui è più stretto, quel punto che sembra tanto duro da poter resistere a un'esplosione nucleare, mentre invece, come aveva scoperto tante volte, e tutte per colpa di Sorcio, basta un cazzotto di nemmeno tanta inaudita potenza a frantumare dolorosamente in più parti. Quando è stato svegliato dalla voce eccitata di Sorcio, stava sognando di stare per battere una punizione al limite dell'area nella finale mondiale: vedeva già i guantoni di quel dannato portiere italiano arrancare nell'aria nella vana ricerca del pallone. Mai e poi mai avrebbe pensato che, per l'ennesima volta, l'ennesima maledetta volta, il suo migliore amico avrebbe trovato il modo perfetto per mettersi (e metterlo) nei guai. Alzò la mano davanti alla bocca di Sorcio chiedendo in maniera non verbale di tacere: aveva bisogno di almeno tre secondi per capire se fossero nella merda o solo in un casino senza via d'uscita. Ogni volta che si trovava in questa situazione, provava a immaginare lo scenario peggiore che Sorcio sarebbe stato in grado di creare. Gli elementi che stavolta aveva a disposizione erano molti:
Valerio Carbone
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto