Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Riccardo Bruni, da un piccolo sito web negli anni 90, su cui pubblicava i primi racconti, fino ad arrivare alla presentazione del suo romanzo "La notte delle Falene" al Premio Strega. Ha partecipato a vari progetti collettivi, tra cui YouCrime di Rizzoli, in collaborazione con il Corriere della Sera. Scrive sul quotidiano La Nazione, su Giallorama.it, di cui è uno dei fondatori, e collabora con varie realtà del web, tra cui Toscanalibri.it. In questa intervista racconta la sua storia a Writer Officina.
Oriana Fallaci, l'intervista impossibile a una scrittrice mai morta. Prima di approdare al romanzo e al libro, Oriana Fallaci si dedicò prevalentemente alla scrittura giornalistica, quella che di fatto le ha poi regalato la fama internazionale. Una fama ben meritata, perché a lei si devono memorabili reportages e interviste, indispensabili analisi di alcuni eventi di momenti di storia contemporanea. La raccolta delle sue grandi interviste con i potenti della Terra venne poi inglobata nel libro "Intervista con la storia".
Vito Catalano è nato a Palermo nel 1979. Da anni Lavora ai documenti d'archivio del nonno, Leonardo Sciascia. In una vita fra Italia e Polonia (dove per anni ha tenuto lezioni di scrittura italiana agli studenti di Linguistica Applicata dell'Università di Varsavia), ha pubblicato numerosi articoli sui quotidiani Il Messaggero, Il Riformista, La Sicilia e quattro romanzi: L'orma del lupo (Avagliano editore 2010), La sciabola spezzata (Rubbettino 2013), Il pugnale di Toledo (Avagliano editore 2016), La notte della colpa (Lisciani Libri 2019).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Valentina Procopio
Titolo: Il mondo sotto accusa
Genere Saggio
Lettori 274
Il mondo sotto accusa
Mi dovrete perdonare se vi getterò nello sconforto di riflessioni preoccupanti e angoscianti, ma è tanto triste quanto importante porre me stessa e i miei, semmai ce ne saranno, lettori innanzi a questo processo, dove noi tutti siamo gli imputati e i colpevoli, dove saremo noi tutti a tessere il filo narrativo e tormentato di questo libro.
È un'accusa al mondo, un'accusa ad un futuro che si ostina a ripercorrere continuamente percorsi di un passato triste dal quale non si riesce a scollare.
Avrei voluto iniziare e concludere questo libro con dei buoni consigli per la realizzazione di un mondo migliore, ma sarebbe così ridicolo che l'impossibilità del solo pensiero mi farebbe ormai soltanto da ridere, per quanto stupido e irraggiungibile possa essere.
Sarebbe come ascoltare una stupida barzelletta che non èper niente divertente, ma che fa ridere lo stesso per quanto è stupida.

Avevo solo vent'anni quando ho cominciato a scrivere questo banale manoscritto di una ragazzina qualunque,
e anche se avessi avuto tutte le speranze di questo mondo, mi sono dovuta convincere, nel periodo più fiorente della mia vita, che le storielle che ci raccontavano da piccini erano tutte balle e che dalle favole sarei passata ai cantastorie della politica e della televisione che ci ingannano, tingendo, coi colori dell'arcobaleno, la merda in cui, fra un paio di anni, mi avrebbero buttata. Prima di parlare del futuro esaminiamo insieme il presente: oggi è diventata un'arte saper uccidere senza lasciare tracce, oggi è di “moda” lanciare aerei contro grattacieli umani e quante altre cose ancora succedono, e quanto ormai, davanti a tutto ciò, la nostra meraviglia, il nostro disprezzo, il nostro stupore siano diventati una squallida normalità?

Le persone nascono e muoiono, vengono e vanno e a noi poco importa del perché profondo e spaventoso di simili eventi.
Viviamo in un clima di generale indifferenza e apatia, dove anche la tragedia più devastante finisce per essere un'ultima ora che smette di preoccupare con la fine del telegiornale.
Sono sicura che nel futuro potrò prenotare un albergo a cinque stelle nello spazio per una vacanza galattica, ma vedrò sempre qualcuno morire di fame. Sicuramente nel futuro la scienza avrà fatto passi da giganti nella continua lotta contro malattie incurabili, ma cosa importa? Tanto ci sarà sempre qualcuno che vorrà “giocare” alla guerra, che magari non si farà più con le armi, ma sempre guerra sarà.

Ora ditemi, chi è che impedisce al mio e al nostro futuro di essere un futuro migliore? Purtroppo, è l'uomo ad essere sotto accusa.

È il singolo uomo, così sciocco e piccolo, a determinare il futuro dell'intera umanità; è il singolo uomo con il suo poco senso di responsabilità a decidere la storia che si scriverà.

Ma se un uomo resta indifferente di fronte alle sue stesse azioni, chi ci rimetterà dopo?
Noi tutti siamo i bersagli della stupidità umana.

Se proprio devo parlare del futuro, dovrò parlare di come sarà domani e non credo sarà molto diverso da oggi.
Il futuro mi terrorizza; mi terrorizza l'idea di un presente che diverrà passato e di un passato che paradossalmente diverrà futuro.

Il futuro fa paura perché implica la fine di ciò che nel presente è storia e l'inizio imprevedibile di una storia simile ad una storia passata che rimane indifferente e persino dimentica la storia del suo presente.

L'amore di oggi finirà all'alba del nuovo giorno, ma al tramonto di quello stesso giorno nascerà una nuova storia d'amore; porterai sempre nel cuore le cicatrici dell'amore passato e quel nuovo sentimento avrà un po' il sapore del vecchio ,ma per te sarà nuovo e bello.

Tuttavia, al nuovo sorgere del sole magari ne seguirà un altro ancora e allora cadrai nell'angoscia di chi vuol certezze ma resta incapace di riappacificare il vento del futuro e il ramoscello del presente che vittima del vento cade a terra e secca, diventando parte della terra che è il tempo passato.

Un governo cadrà, ma presto ne nascerà un altro e anche questo prometterà un futuro diverso, ma in realtà sarà semplicemente un passato visto già troppe volte; ciò nonostante, lo chiamerà futuro perché il futuro ha il fascino ammaliatore del mistero e della speranza.
Trionferà un nuovo Hitler, un nuovo Mussolini, un nuovo Saddam, un nuovo Bin Laden, un nuovo Totò Riina, trionferanno nuove guerre del tutto simili a quelle passate, che, rimaste indifferenti alla tragedia delle battaglie presenti, altro non saranno che un futuro già visto e vissuto.

Volete sapere cosa provo davanti a questo schifo di presente? Ho paura di un futuro che fa copia e incolla del presente, tuttavia questa paura ho voglia di combatterla a testa alta perché io ho la vita dalla mia parte, che chiede di essere riscattata.
Solo se erediteremo il coraggio e i valori di chi ha dato un giusto senso alla sua vita, alla sua lotta per la vita e alla storia, ci si potrà salvare con un senso di pace che sarà realmente futuro, perché la vera pace il passato non ha mai saputo cosa fosse.

Sarebbe bene, prima di fare una bella previsione del futuro, riordinare il presente; imparare a educare noi stessi, ascoltare noi stessi e i nostri cuori quando questi ci urlano che si sta sbagliando, e nessuno è giustificato dal non fare ciò, perché ogni persona che ha parola in questo mondo ha un cuore dove soggiorna la propria umanità.
È banale dirlo, ma sarebbe bellissimo ritornare bimbi, per guardare al futuro come a un mondo fatto di possibilità, dove pensare che tutto sarà bello, che tutti i sogni si realizzeranno e che tutto sarà facile.

Spero che ognuno di noi resti un po' bambino per poter continuare a sorridere delle piccole ma così grandi cose.
Ho paura, anche perché il futuro è avvolto da una nube di mistero, e forse neanche ci sarò più in un futuro prossimo, vi guarderò dal cielo, spero in buona compagnia e vi guiderò, ma forse è meglio non parlare di questo.
Parliamo della nostra bella società, dove a capo abbiamo “grandi” uomini che ci assicurano continuamente un futuro di pace, ma poi alla fine sono gli stessi uomini che della pace non sanno che farsene.

In questo caso dovremmo parlare di come ci stiamo condannando all'apocalisse da soli, non capendo l'importanza di partecipare anziché fare gli opinionisti dei poveri.

Per il momento mi conviene alzarmi la mattina senza pensare, ringraziando, malgrado tutto, di essere ancora qua, in questo mondo dove tutto è difficile, mentre tutto potrebbe essere così semplice se solo regnassero quei giusti ideali e valori dentro e fuori di noi.
Certamente, tutto sembrerà più bello finché ci saranno persone in grado di ascoltarti, aiutarti, saper piangere e sor-ridere con te, ovunque essi siano... Che siano vicini a te o lontani... tanto lontani da te.

Solo in una cosa voglio sperare: che nel futuro nessun bambino nasca più piangendo; piangendo perché ha fame o ha paura.
Paura di un futuro troppo buio per i suoi occhi troppo piccoli.

È sempre un continuo ritorno, una storia che si ripete, un evento che si rivive, un dejà vu nascosto dietro un'apparente novità; sono sempre gli stessi sbagli che si commettono.

Come può salvarsi un mondo che non è riuscito a rimediare nonostante quel suo ripetersi incessante, quel suo circolo tanto monotono quanto inutile? L'uomo perde tempo a rincorrere un futuro che come tale deve restare, l'uomo perde tempo incurante del suo presente.

L'uomo è un inetto nel suo rapporto con il tempo, inconsapevole che il suo futuro in ogni caso sarà il suo passato che avrà sfiorato l'attimo fuggente e decisivo del presente, se è vero che oggi esiste in quanto ieri, domani esisterà in quanto oggi?

Era il tempo del pianto.
Era il tempo dell'attesa, attesa fatta di agonia, attesa di pace.
Attesa di un sole, un sole che stanco non sorge più.
Era il tempo dell'odio.
Era il tempo della guerra. Era il tempo di ieri.
È il tempo di oggi .
Valentina Procopio
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto