Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Letizia Finato
Titolo: Archai - Viaggio su Neviv Eloisel e Adrok
Genere Fantascienza Romance
Lettori 259 1
Archai - Viaggio su Neviv Eloisel e Adrok
Spin off.
Tichemp, l'arrivo.

Cammino. Un'immensa distesa erbosa, un mare frusciante giallo verde si disperde a vista d'occhio attorno a me. Il sole accecante scalda le mie spalle e mi ferisce gli occhi. Laggiù, lontano si intravedono delle montagne, quasi nere su questo giallo sfolgorante.
- Dove sono? Che posto è questo? - il panico quasi mi assale, forse è solo un incubo.
- Siamo nelle pianure di Tichemp - una voce gentile, delicata e mi giro.
Di fronte a me, una ragazza mi sorride.
- Sei su Neviv. Bene arrivata, da tanto tempo ti aspettavamo. -
La guardo stranita. “Aspettare me? E perché poi?” mi domando.
“Perché le tue mani racconteranno una storia e la porterai con te sul tuo pianeta, sulla Terra. Così sapranno ... che non sono soli nell'universo.”
Le sue labbra non si sono mosse e ride della mia sorpresa.
- Il mio nome è Heèri, vieni con me e conoscerai ogni cosa. -

Whurd, la città fortezza

Finalmente. Sono molto stanca. È stata una lunga marcia. Quel sole implacabile ci ha accompagnato tutto il giorno, nemmeno una nuvola in questo cielo azzurro. Il Sole, no, scusami il Solail, così si chiama la stella che scalda le terre di Neviv...
Come ti dicevo, il Solail sta per tramontare e siamo sotto le mura della città di Whurd. Già da lontano mi aveva messo soggezione, così maestosa, aggrappata alla montagna, circondata da non uno ma ben tre anelli concentrici di robuste mura. E ora sono qui, sotto la prima cinta, davanti al portale della torre di vedetta ovest ... Fa davvero impressione e mette una certa inquietudine.
- Forza, entriamo. Fra poco chiuderanno il portale e preferirei dormire in un morbido letto - mi sollecita la mia compagna di viaggio.
- Eccomi! - esclamo e la raggiungo.
Oltrepasso un solido ponte di legno. Sembra costruito da poco. Mi sporgo un attimo dalla balaustra e sotto si spalanca un orrido senza fondo, con un brivido mi ritraggo e mi mantengo ben al centro.
Gli armigeri salutano con deferenza Heèri, nel loro sguardo mi pare ci sia anche molto affetto, quasi adorazione. Si spostano per lasciarci passare.
Qualche passo oltre le mura e quasi mi scontro con un grosso animale peloso. Un balzo indietro. Per la miseria che spavento! Non ho mai visto una bestia simile: sembra un grosso, enorme, gigantesco gatto dal pelo lungo. E di un gatto ha tutto: baffi, denti e anche artigli! Alzo gli occhi e con mio stupore sopra ci vedo seduto un uomo.
- Tranquilla, non ti farà nulla. Ѐ un khinor - mi tranquillizza Heèri.
- Nel tuo mondo sono molto più piccoli, vero? - dice sorridendo - Ѐ grosso, ma è un animale mansueto: è stato addestrato negli allevamenti nelle campagne della città di Rodar, come fate voi con i cavalli. Allo stato brado è pericoloso, ma una volta domato ci serve per spostarci e per il lavoro nei campi. -
Io le faccio un cenno con la testa, ma me ne tengo alla larga.
- Non perdiamo tempo! - esclama Heèri con fare deciso - Andiamo a mangiare qualcosa alla taverna di Burduk, fanno uno stufato di verdure magnifico ... Diamine! Ho una fame ... -
La seguo, passando tra i soldati che affollano la larga strada acciottolata, frastornata dai rumori caotici della città dopo il silenzio delle vaste pianure di Tichemp.
Arriviamo alla locanda. Appena entrata un odore di fumo e stufato mi aggredisce le narici, le mie orecchie si riempiono di un vociare quasi assordante: risate, discussioni. Laggiù, un folto gruppo di avventori seppellisce un piccolo tavolo. Chissà cosa stanno facendo: forse stanno giocando a qualcosa.
Stranamente nessuno si è girato al nostro ingresso: vista la reazione delle guardie al portale d'entrata della città, mi sarei aspettata che qualcuno ci notasse.
Nell'angolo più lontano, la mia nuova amica individua un tavolo, il meno affollato. Ci avviciniamo e tre avventori dall'aspetto truce si scansano per lasciarci un po' di spazio. Mi guardo attorno, le pareti sono annerite dal fumo, in fondo a questa enorme stanza si intravede un largo bancone, dietro delle botti con sopra qualche scaffale colmo di grossi boccali di legno. Alcune lampade fumose illuminano l'ambiente, dalle due uniche finestre non entra più luce, il sole è tramontato e la notte ha avvolto la città con il suo mantello.
Sono seduta su una vecchia panca, dura e per nulla confortevole, ma sono talmente stanca che mi sembra un gran privilegio. Appoggio le mani sul tavolo, il legno è scuro, lucido e consumato, ma pulito e ben tenuto.
Bene, mi sento piuttosto fortunata, temevo di passare la notte all'addiaccio e invece eccomi qui, con un tetto sulle spalle e questo profumo di stufato mi sta ricordando che ho una gran fame. Affondo il cucchiaio in una zuppa scura e densa, ma appena ne ingoio un boccone avverto un sapore forte, quasi sgradevole e mi blocco. La lingua mi pizzica.
- Beh! Non mangi? Non ti piace? - mi chiede Heèri che ha già terminato la sua scodella di zuppa.
- Sì, sì, mi piace - mento, imbarazzata, e mando giù qualche cucchiaiata, sperando di abituarmici. Ha davvero un gusto strano, ma non mi azzardo a chiederle cosa ci sia dentro, mi auguro sia solo qualche misteriosa spezia locale.
- Che città è questa? - le chiedo, per cambiare argomento, - Ho notato che è ben protetta, ho visto soldati e ... -
- Whurd è la più antica città Kiruk, non abbiamo memoria di quando sia stata edificata, praticamente risulta che ci sia da sempre - mi risponde - È la sede del Consiglio del popolo Kiruk, per questo è ben protetta. Due volte l'anno il Consiglio, al quale partecipano i rappresentanti di tutte le città - stato del territorio, si riunisce a palazzo per discutere, per confrontarsi. Così i Kiruk riescono a coordinare gli sforzi e ad affrontare le crisi dovute magari a momenti di carestia. -
“Che strano” penso “Parla dei Kiruk come se non fosse il suo popolo.”
La osservo meglio ed effettivamente non assomiglia molto ai tipi che affollano questa taverna: lei è sottile, più alta delle altre donne, i suoi lineamenti sono delicati, la pelle è chiara e soprattutto quei capelli ... no, non ne vedo altre così.
Non oso interromperla e attendo che mi dia qualche altra indicazione. Mi sento piuttosto spaesata: ho la sensazione di esser stata catapultata nel medioevo.
- Burduk! Portaci della cheba! - chiede quasi urlando per sovrastare il vociare caotico che rimbomba tra le pareti della sala, e poi riprende a spiegare: - Non c'è un unico regno per i Kiruk, ma ogni città ha un suo modo di amministrarsi. La maggior parte, fra le quali anche Whurd, hanno un governatore, ma un paio, Kilok e Narib hanno un re. -
- Accidenti! - esclama poi all'improvviso - Si è fatto tardi e domani dobbiamo alzarci presto, ho un mucchio di cose da fare ... non possiamo rimanere a lungo qui a Whurd, dobbiamo raggiungere Wèi'Tesaeeh. -
- Dobbiamo? - chiedo frastornata.
- Si, certo, non vorrai restare qui? Ho molte cose da mostrarti lassù, molto più interessanti della vita di città - mi risponde sorseggiando la cheba.
- Se devo essere sincera, i Kiruk sono un po' noiosetti. Ottimi contadini e allevatori, ma così aggrappati alle loro regole! I Tesay, invece ... Beh! Conoscerai entrambi i popoli e capirai. Comunque, rimarremo ancora uno o due giorni qui. -
L'aria è fresca stamattina e lungo le vie c'è ancora una certa calma. La mia guida cammina rapida davanti a me. Abbiamo incontrato solo qualche soldato, un panettiere e un paio di ubriachi che s'erano addormentati ai lati della strada.
Stiamo andando a Palazzo, oggi Heèri deve incontrare il Governatore. Mi lascerà nelle mani di Mamal, ha detto. Non so chi sia questa Mamal, penso una sorta di “Capo” delle donne di servizio di palazzo.
Siamo quasi arrivate, percorriamo una strada acciottolata, stretta fra muretti e basse case di pietra. La gente indaffarata che incrociamo, cammina rapida, ma trova comunque il tempo di girarsi incuriosita al nostro passaggio. I loro occhi scandalizzati mi osservano, scuotono la testa andandosene ... non capisco: cosa c'è che non va in me? Non mi sembra di essere poi così diversa, anche se, lo devo riconoscere, la mia pelle è più chiara come pure i miei capelli.
Oh! Adesso ho capito! Non c'è una donna che giri con i pantaloni. Tutte infagottate in ampie tuniche, strette in vita da una cintura e con appresso una sacca legata a un fianco. Portano, stretta alla fronte, una fascia sui loro capelli ricci e scuri come i loro occhi curiosi.
Comincia a essermi chiaro che i Kiruk sono una società di tipo patriarcale e non molto avvezza ad accettare cose che escano dai loro rigidi schemi.
“Paese che vai usanze che trovi” ... chiederò a Mamal di fornirmi di abbigliamento adeguato. Accidenti!
Dovevo rimanere qui solo una mattinata, al massimo fino a sera, e invece, sono già due giorni che girò fra le numerose stanze di palazzo. È un edificio stupendo, costruito con pietra bianca, maestoso e imponente, circondato da giardini ombreggiati e profumati da una notevole varietà di piante e fiori. Mamal, la governante, è stata gentile con me, tutti sono gentili con me, le cameriere, i giardinieri, perfino le guardie, non mi posso lamentare.
Ma li trovo ovunque! Ogni volta che muovo un passo, mi sento quasi controllata: qui non si può entrare, là non si può guardare, guardare ma non toccare, l'inchino, la deferenza e poi ... basta, non ne posso più, per fortuna Heèri è tornata!
Mi affretto, quasi mi ammazzo giù per gli scalini (dannata gonna) e la raggiungo.
- Ma che diamine! - esclama con disappunto Heèri guardandomi come se adesso davvero fossi diventata un'aliena.
Io la fisso a mia volta: ero convinta di avere la sua approvazione, in fondo ho solo indossato un abito tipico Kiruk, non pensavo davvero di suscitare una tale reazione contrariata.
Poi, con mio estremo imbarazzo, si mette a ridere e spiega: - Scusami, non volevo essere sgarbata, ma mi hai preso di sorpresa. -
Infine, smette di ridere - Beh! Per oggi potrà andare anche bene, ma penso che ti troverai piuttosto impacciata, non credo tu sia abituata a muoverti con quella tunica che ti arriva fino ai piedi, domani dovrai rimetterti i pantaloni: si va a Tesaeeh. -
Il suo sguardo cade sulla sacca appesa al mio fianco e aggiunge: - Quella ci può fare comodo, ho dimenticato la mia alla locanda. Andiamo da Urak, è il miglior fornaio di Whurd, non vedo l'ora di addentare uno dei suoi saporiti panini del viaggiatore. Ce ne dovremo procurare un bel po', il viaggio sarà lungo. -
- Panini del viaggiatore? - chiedo.
Volontariamente, per la mia salute fisica e sanità mentale, sorvolo sulla parola “lungo” associata a viaggio.
- Si, piccoli panini rotondi, golosi, pieni di frutta secca, semi e dolcissimo nettare, impastati con la cheba e profumati di spezie, molto energetici quando si devono affrontare lunghi percorsi. -
Rassegnata a quella parola “lungo” che continua a perseguitarmi, la seguo lungo i vicoli, schivando quel brulichio di gente indaffarata. Perlomeno adesso nessuno si volta più a guardarmi, è già qualcosa!
Letizia Finato
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto