Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Riccardo Bruni, da un piccolo sito web negli anni 90, su cui pubblicava i primi racconti, fino ad arrivare alla presentazione del suo romanzo "La notte delle Falene" al Premio Strega. Ha partecipato a vari progetti collettivi, tra cui YouCrime di Rizzoli, in collaborazione con il Corriere della Sera. Scrive sul quotidiano La Nazione, su Giallorama.it, di cui è uno dei fondatori, e collabora con varie realtà del web, tra cui Toscanalibri.it. In questa intervista racconta la sua storia a Writer Officina.
Oriana Fallaci, l'intervista impossibile a una scrittrice mai morta. Prima di approdare al romanzo e al libro, Oriana Fallaci si dedicò prevalentemente alla scrittura giornalistica, quella che di fatto le ha poi regalato la fama internazionale. Una fama ben meritata, perché a lei si devono memorabili reportages e interviste, indispensabili analisi di alcuni eventi di momenti di storia contemporanea. La raccolta delle sue grandi interviste con i potenti della Terra venne poi inglobata nel libro "Intervista con la storia".
Vito Catalano è nato a Palermo nel 1979. Da anni Lavora ai documenti d'archivio del nonno, Leonardo Sciascia. In una vita fra Italia e Polonia (dove per anni ha tenuto lezioni di scrittura italiana agli studenti di Linguistica Applicata dell'Università di Varsavia), ha pubblicato numerosi articoli sui quotidiani Il Messaggero, Il Riformista, La Sicilia e quattro romanzi: L'orma del lupo (Avagliano editore 2010), La sciabola spezzata (Rubbettino 2013), Il pugnale di Toledo (Avagliano editore 2016), La notte della colpa (Lisciani Libri 2019).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Elisa Averna
Titolo: L'Aquila d'Oro - Sulle tracce del Quarto Reich
Genere Storico
Lettori 503 9 3
L'Aquila d'Oro - Sulle tracce del Quarto Reich
Mi chiamo Blanche Weizman, ho ventisei anni e sono una cacciatrice del Quarto Reich. Ora finalmente posso dare un perché ai fatti che hanno tormentato la mia vita. Dalla più tenera età, sono stata turbata da sogni ripetitivi e angoscianti di cui allora non capivo il senso. La cosa strana è che ho sempre saputo che tali sogni avessero un significato. Questa convinzione cominciò a farsi strada nel mio subconscio fin da piccola. La spaventosa verosimiglianza di quelle immagini e di quei rumori mi indussero a sospettare che contenessero in sé una spiegazione. Da adulta, il sospetto è divenuto certezza. Dare un'interpretazione a ciò che vedo in sogno è ora la mia missione, in barba al dolore, alla paura e alla collera. Devo affrontare questa verità con tutta la mia forza.
Dall'età di tredici anni studio la storia del nazismo. Il nonno di mia madre, il dottor Reinecke Kästner, è stato un chimico nucleare del Terzo Reich. Io l'ho saputo per caso quando avevo quattordici anni. La mia vita da allora è cambiata radicalmente.
Così inizia il diario-racconto di mia sorella Blanche. Vorrei ripercorrere la sua incredibile storia, narrandovela. Laddove possibile, lo farò con le sue stesse parole, riportando estratti dal suo diario. Blanche, infatti, aveva l'abitudine di appuntare tutto ciò che riteneva importante.
Blanche ed io eravamo molto uniti. Lei era un punto di riferimento per me come io, il suo “adorato fratello” Mark, lo ero per lei. La nostra infanzia è stata costellata da peripezie e vicende amare, a causa di una famiglia disfunzionale. Che la ricchezza non faccia la felicità è un assunto che ci viene ripetuto da sempre, almeno da quando Erodoto raccontò la storia di Creso, il più ricco tra tutti i re, ma non riconosciuto da Solone come l'uomo più felice. È vero, la nostra ricchezza ci ha permesso di affrontare meglio gli imprevisti della vita e di soddisfare un maggior numero di desideri, ma non è stata in grado di lenire la nostra sofferenza. Nostro padre, funzionario all'ambasciata italiana di Berlino, in seguito divenuto uno dei maggiori azionisti di una società finanziaria, è sempre stato un uomo molto impegnato nella carriera e ligio ai doveri familiari, soprattutto dal lato economico. La sua figura, però, nelle nostre vite, dal lato affettivo, ha avuto il peso di un ologramma. Nostra madre, di famiglia berlinese da più generazioni, ha sofferto per anni di depressione, forse a causa del suo matrimonio infelice. Avrebbe ceduto volentieri tutti i suoi averi, anche le cose più care e significative, in cambio di una maggiore fedeltà da parte di nostro padre. La tristezza la devastava, dolorosa come una piaga mai guarita.
Mia sorella ed io eravamo sballottati spesso da una residenza di famiglia all'altra. A volte rimanevamo anche settimane intere con i nostri nonni materni, verso i quali non avevamo il benché minimo affetto. Perché? Perché i loro modi glaciali ed eccessivamente severi li rendevano restii al dialogo. Nella loro casa vigevano rigide regole, prima fra tutte quella di non fare domande. Chiedere a Blanche di non fare domande era come chiederle di non respirare. Fin da piccola, infatti, Blanche era molto curiosa e l'atteggiamento dei nonni non fece che alimentare in lei quest'aspetto del suo carattere. Più proibizioni e più divieti le si imponevano e più la curiosità cresceva in lei. Nostra madre, dopo lo svezzamento, ci nutrì della sua maggiore saggezza, ripetendoci la frase di Charles Dickens: “Non fare domande, e non ti verranno dette bugie”.
Dato il clima familiare, Blanche ed io imparammo subito a essere indipendenti e autonomi. Ci facevamo bastare il nostro reciproco affetto, senza elemosinarne ad altri. Ad ogni “perché” sapevamo trovare una risposta, meno a quello che più ci tormentava: perché i nostri vicini e in genere tutta la gente del quartiere non amava intrattenersi con noi? Per invidia? Per diffidenza? L'atteggiamento distaccato dei nostri vicini e l'isolamento cui eravamo soggetti non fecero che aumentare la depressione di nostra madre. Quale ombra pesava sulla nostra famiglia? Blanche ed io potemmo dare una risposta a questa domanda solo quando, divenuti più grandi, scoprimmo il coinvolgimento della famiglia di mia madre nel Terzo Reich. Questo “coinvolgimento” era più di una generica adesione al regime totalitario del Partito Nazionalsocialista. Era un che di non perdonabile, anche se inquadrato in un'epoca in cui era “normale” pensare, dire e fare certe cose. Era un che di non legato al ruolo del nostro bisnonno, perché della sua attività a Berlino, come altrove, non si è mai saputo nulla, essendo questa top secret. Sto parlando dell'attività del fratello del nostro bisnonno, il capitano Frank Kästner. Questi era tra i peggiori torturatori delle SS, uno di quelli che sfuggirono al Processo di Norimberga. Prima di morire in Argentina nel 1953, lasciò una lettera nella quale ribadiva la fedeltà al suo passato. Fu un duro colpo scoprire che la gente, e non solo i parenti delle vittime dell'“epurazione etnica”, accusava la famiglia di mia madre di non aver mai preso una posizione netta nei confronti dei suoi membri nazisti. Era un fatto: mio nonno e sua sorella, nel corso della loro vita, non si espressero mai in tal senso. Per questa ragione la famiglia di mia madre era ancora nel mirino della comunità.
Blanche, contrariamente a me, fece fronte alle problematiche familiari cercando la sua valvola di sfogo nello studio. Conosceva molti luoghi, religioni e costumi. A sedici anni parlava correntemente già tre lingue: tedesco, italiano e inglese. A ventidue anni imparò anche il francese e lo spagnolo. Si laureò giovanissima a pieni voti in Scienze Politiche. Ammiravo mia sorella per la sua intraprendenza e la sua determinazione. Blanche sapeva far prevalere la sua voglia di lottare contro la malinconia, che pure la contraddistingueva. Nella sofferenza il nostro rapporto si rafforzava. Ora che lei non c'è più, la sofferenza mi scortica l'anima.
Accettare la morte di Blanche mi è impossibile.
Ogni accadimento si è svolto esattamente come io lo riporterò. Nulla qui sarà frutto della mia immaginazione, né i dialoghi, né gli episodi della nostra vita. Questo memoriale si basa dunque sui documenti ancora in mio possesso, sui ricordi dei testimoni oculari e sulle mie osservazioni personali.
Il sipario si aprirà sulla vita di persone normali che hanno condotto una vita anormale.
Dovete sapere che Blanche era una donna forte e coraggiosa ma oltremodo testarda. A ventisette anni, a seguito della cospicua eredità lasciataci da nostro padre, decise di investire tutto ciò che aveva per seguire quella che lei chiamava “la sua missione”, missione nella quale io mi lasciai coinvolgere. Non pretendevamo certo di riabilitare il cognome di nostra madre, ma in qualche modo speravamo di realizzare ciò che i nostri parenti non avevano mai fatto e che mia madre, troppo vulnerabile per un compito del genere, non era in condizione di attuare: prendere le distanze dal passato in modo netto e inequivocabile e ricercare la verità, tutta la verità sulla famiglia Kästner. Dovevamo delle scuse e ci tenevamo a porgerle per ogni singolo atto che aveva coinvolto i Kästner. C'erano ancora troppe cose oscure da chiarire, soprattutto riguardo all'attività del nostro bisnonno. Se l'attività di suo fratello Frank era ben nota, quella del nostro bisnonno era tutt'altro che palese. Indagare sul suo passato oscuro divenne per Blanche, ma anche per me, una vera ossessione. La figura ambigua del nostro bisnonno di scienziato del Terzo Reich era un dolore che si aggiungeva al peso della memoria di suo fratello. Non volevamo sottovalutare il peso che i trascorsi familiari avevano nelle nostre vite. Sentivamo la nostra salvezza solo nel liberarci dall'incresciosa fama legata alla nostra famiglia. Ciò avrebbe significato sacrificare molto del presente, ma ci avrebbe permesso di vivere un futuro migliore, almeno questo è ciò che speravamo.
Toccava a Blanche e a me scoperchiare le pentole di tutte le responsabilità dell'attività del dottor Reinecke Kästner. Volevamo scoprire chi diamine fosse realmente il nostro bisnonno e di quali colpe si fosse macchiato in vita per tormentare tanto il sonno di Blanche con quei maledetti incubi; e sì, perché mi ero convinto anch'io che dietro ai sogni di Blanche ci fosse lui, la sua anima con il rimorso per ciò che evidentemente aveva commesso. Fu nel 2014, dopo l'ultima desecretazione dei documenti da parte dei servizi segreti americani, che Blanche correlò i suoi sogni con l'attività del nostro bisnonno e che prese a considerarli come indizi per conoscere la verità sul suo conto.
Mia sorella non era una schizofrenica allucinata o una folle visionaria o altre assurdità del genere, né tanto meno, come qualcuno potrebbe ipotizzare, era la reincarnazione del nostro bisnonno; se non altro perché questi, con il suo vissuto, avrebbe avuto ben altro karma che rinascere in una fanciulla come Blanche. Mia sorella sapeva di poter escludere queste ipotesi per una verità di ragionamento, di percezione e di fede. Non tutto può avere una spiegazione scientifica, bisogna avere l'umiltà di accettarlo. Certe cose si sentono, sono sedimentate nel nostro inconscio. Ipersensibile e razionale a un tempo, Blanche non dubitò mai della sua salute mentale, né tanto meno io ne dubitai. Entrambi credevamo che il nostro bisnonno avesse scelto l'esperienza onirica come canale di comunicazione con Blanche perché per lei meglio acquisibile, in quanto meno traumatizzante rispetto agli altri canali. Mia sorella non era una medium e rifuggiva dallo spiritismo. La certezza che i suoi sogni non fossero casuali, la fecero smettere di essere clinofobica. Il desiderio di comprendere il significato di ciò che andava sognando prevalse sulla paura. Blanche imparò presto a trattare con la stessa attenzione problemi e coincidenze. In effetti, nel tempo molti nodi vennero al pettine.
Che cosa possedevamo per la nostra ricerca? Un'agenda appartenuta al nostro bisnonno, una documentazione accumulata in anni di ricerche e studi e, appunto, il rilevante patrimonio onirico di mia sorella.
A seguito di un incubo che perseguitava Blanche in modo particolarmente insistente, e cioè la visione di un tunnel arancione, nel 2020 mia sorella ed io decidemmo di dare avvio alle nostre indagini.
Elisa Averna
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto