Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Andrea Vitali. Dopo aver frequentato «il severissimo liceo Manzoni» di Lecco, si laurea in medicina all'Università Statale di Milano ed esercita la professione di medico di base nel suo paese natale. Scrittore molto prolifico, ha esordito nel 1990 con il romanzo breve Il procuratore, ispiratogli dai racconti di suo padre; nel 1996 ha vinto il Premio letterario Piero Chiara con L'ombra di Marinetti, ma il grande successo lo ha ottenuto nel 2003 con Una finestra vistalago (Premio Grinzane 2004). Nel 2006 ha vinto il Premio Bancarella con il romanzo La figlia del Podestà; nel 2009 il Premio Boccaccio e il Premio Hemingway.
Piera Carlomagno, giornalista professionista, scrive per Il Mattino di Napoli. Il suo romanzo “Una favolosa estate di morte”, pubblicato nella collana NeroRizzoli per Rizzoli, ha vinto il Premio Romiti Sezione Emergenti. I suoi racconti sono presenti in numerose antologie. E’ direttrice artistica del “SalerNoir Festival, le notti di Barliario”, che a luglio giunge alla settima edizione. E’ laureata in Lingua e letteratura cinese e ha tradotto un’opera teatrale del Premio Nobel Gao Xingjian. Il suo ultimo romanzo “Nero lucano”, edito da Solferino, è in libreria dal 6 maggio.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Stefania Cuccu
Titolo: L'utilizzo della punteggiatura
Genere Testo Regolativo
Lettori 148 1
L'utilizzo della punteggiatura
Vi è mai capitato di scrivere un testo e di avere dei dubbi sull'uso della punteggiatura?

Virgole, punti, punti e virgole, due punti... per non parlare poi dell'uso della punteggiatura nel discorso diretto!
Bhe, a me è capitato spesso! Per questo motivo ho deciso di studiare, di mettere insieme tutte le regole che stanno alla base dell'uso della punteggiatura e di realizzare un piccolo manuale da mettere a disposizione di tutti.

Nelle pagine di questo libro descriverò le regole attraverso degli esempi presi in prestito da varie tipologie testuali, proporrò degli esercizi e dei testi da correggere e fornirò le soluzioni affinché possiate utilizzarle per un facile un confronto con il vostro operato.

Il testo inizia con la spiegazione di cosa si intende per frase e periodo e degli elementi che la compongono per proseguire con la descrizione dei segni di punteggiatura che legano tra loro gli elementi di una frase.

1) Una frase minima è una frase che contiene il soggetto (talvolta non espresso e quindi sottinteso) e l'azione (definita anche verbo o predicato verbale).

Il bambino gioca.

- Il bambino è il soggetto (cioè colui che compie l'azione)
- gioca è il predicato verbale (ossia l'azione compiuta dal soggetto).

2) La frase minima si può espandere attraverso elementi che aggiungono informazioni al soggetto e al verbo

Il bambino gioca nella sua cameretta.

- Il bambino è il soggetto (cioè colui che compie l'azione)
- gioca è il predicato verbale (ossia l'azione compiuta dal soggetto).
- nella sua cameretta è una espansione (questa espansione, nell'analisi logica, andrà sotto il nome di complemento di luogo).

3) La frase può contenere inoltre degli elementi che si aggiungono al soggetto, al predicato e alle espansioni (anche dette complementi) per arricchirli
(...)

Ogni spiegazione è accompagnata da esempi, esercizi e soluzioni.
Ad esempio
Esercizio
Rileggi le regole del discorso diretto e cancella la frase scorretta.

1)
a) - Andrò a mangiare alle dieci. -

b) - Andrò a mangiare alle dieci - .

2)
a) - Vai a fare la spesa? -

b) - Vai a fare la spesa - ?

c) - Vai a fare la spesa? - .

3)
a) Mi chiese : “Posso andare a giocare?”

b) Mi chiese : “Posso andare a giocare”?

4)
a) Mi disse : “Andrò a giocare.”

b) Mi disse : “Andrò a giocare”.

c) Mi disse : “Andrò a giocare!”

d) Mi disse : “Andrò a giocare”!

Testi da correggere
Esempio
Inserisci i segni di punteggiatura. Dai particolare attenzione al discorso diretto!

Il batterio e lo scienziato1

Tanto tempo fa uno scienziato molto famoso fece una scoperta eccezionale Osservava i batteri al microscopio quando a un tratto uno di loro si mise a bussare sul vetrino
Ehi signor scienziato vorrei parlare con lei
Lo scienziato non credeva ai suoi occhi anzi alle sue orecchie
Dimmi piccolino, perché vorresti parlare con me
Sono stufo di finire nei libri di medicina che parlano di malattie
Devi sapere che noi batteri siamo una famiglia molto grande e non tutti siamo causa di malattie
Di questo sono consapevole ribatté lo scienziato
Ma non è abbastanza Noi siamo molto importanti siamo stati i primi esseri viventi a comparire sul pianeta Terra Miliardi di anni fa la Terra era un'enorme palla infuocata Fu grazie a una pioggia di meteoriti che cominciò a raffreddarsi Questa pioggia durò milioni di anni portò sulla terra minuscole gocce d'acqua e di sali minerali tanto da dare origine ai mari e agli oceani Fu proprio nell'acqua del mare che comparvero i miei antenati Si radunarono in colonie dette Stromatoliti e sfruttando la luce del sole cominciarono a produrre l'ossigeno che serve a voi per respirare
Oh Ma è bellissimo tutto questo
Noi proseguì il batterio siamo stati le prime forme di vita sulla Terra e grazie all'ossigeno si sono formati altri organismi pluricellulari Trilobiti Pesci Dinosauri sino ad arrivare all'Uomo Abbiamo cioè consentito l'Evoluzione della vita sulla Terra
E dimmi hai le prove di tutto questo
Certo Esistono ancora delle Stromatoliti fossili in Groenlandia
Ora dimmi chiese lo scienziato cosa posso fare per te
Vorrei che tu riportassi questo nei libri di storia di tutti i bambini perché senza di noi, oggi non ci sarebbe nessuno e nemmeno tu
Lo scienziato ci pensò un attimo e si mise subito a scrivere Da quel giorno tutti i libri di storia raccontano dell'importante ruolo svolto dai batteri nell'origine della Vita

Confronta il tuo lavoro con il testo che troverai nella pagina seguente.
Soluzioni
Inserisci i segni di punteggiatura. Dai particolare attenzione al discorso diretto!

Il batterio e lo scienziato2

Tanto tempo fa, uno scienziato molto famoso, fece una scoperta eccezionale! Osservava i batteri al microscopio, quando, a un tratto, uno di loro si mise a bussare sul vetrino.
– Ehi signor scienziato, vorrei parlare con lei!
Lo scienziato non credeva ai suoi occhi... anzi, alle sue orecchie!
– Dimmi piccolino, perché vorresti parlare con me?
– Sono stufo di finire nei libri di medicina che parlano di malattie!
Devi sapere che noi batteri siamo una famiglia molto grande e non tutti siamo causa di malattie!
– Di questo sono consapevole! – ribatté lo scienziato.
– Ma non è abbastanza! Noi siamo molto importanti; siamo stati i primi esseri viventi a comparire sul pianeta Terra! Miliardi di anni fa, la Terra era un'enorme palla infuocata. Fu grazie a una pioggia di meteoriti che cominciò a raffreddarsi! Questa pioggia durò milioni di anni, portò sulla terra minuscole gocce d'acqua e di sali minerali tanto da dare origine ai mari e agli oceani. Fu proprio nell'acqua del mare che comparvero i miei antenati. Si radunarono in colonie dette Stromatoliti e, sfruttando la luce del sole, cominciarono a produrre l'ossigeno che serve a voi per respirare!
– Oh! Ma è bellissimo tutto questo!
– Noi – proseguì il batterio – siamo stati le prime forme di vita sulla Terra e grazie all'ossigeno si sono formati altri organismi pluricellulari: Trilobiti, Pesci, Dinosauri... sino ad arrivare all'Uomo! Abbiamo cioè consentito l'Evoluzione della vita sulla Terra!
– E dimmi, hai le prove di tutto questo?
– Certo! Esistono ancora delle Stromatoliti fossili, in Groenlandia!
– Ora dimmi, – chiese lo scienziato, – cosa posso fare per te?
– Vorrei che tu riportassi questo nei libri di storia di tutti i bambini perché senza di noi, oggi non ci sarebbe nessuno... e nemmeno tu!
Lo scienziato ci pensò un attimo e si mise subito a scrivere! Da quel giorno tutti i libri di storia raccontano dell'importante ruolo svolto dai batteri nell'origine della Vita.

Esercizio
Inserisci i segni del discorso diretto con i simboli : “________” poi correggi le parole che hanno bisogno della lettera maiuscola.

Luigi e la grande città

luigi era un bravo bambino che viveva in una grande città, con alti grattacieli e strade trafficate e rumorose. Pensava ___
___ questa è la città più bella del mondo ! ___

Un giorno andò a trovare i nonni materni che vivevano in campagna, in una casetta immersa nel verde.
era una casetta molto piccola ma aveva tutto il necessario per vivere bene.
Non sentiva il traffico delle macchine, ma solo il canto degli uccellini che parlavano con lui ___
___ Ciao luigi, come stai? ___
Lui rispondeva sempre ___
___ Ora che vi ho conosciuto sto benissimo! ___
Non guardava più la tv ma la sera, faceva lunghe passeggiate nel bosco, insieme ai suoi nonni. il giardino di casa poi era diventato il suo regno; c'erano gardenie e gerani.
Luigi pensava ___
___ Non c'è niente che sia più rilassante di questi fiori! ___
La nonna poi amava cucinare e luigi spesso si svegliava col profumo della torta appena sfornata.
Arrivò l'autunno e dovete tornare in città.
Abbracciò i nonni con la dicendo ___
___ Aspettatemi! Tornerò presto a trovarvi ___

Confronta il tuo lavoro con la soluzione che troverai nella pagina seguente

Soluzioni
Inserisci i segni del discorso diretto con i simboli : “________” poi correggi le parole che hanno bisogno della lettera maiuscola.

Luigi e la grande città

Luigi era un bravo bambino che viveva in una grande città, con alti grattacieli e strade trafficate e rumorose. Pensava:
“Questa è la città più bella del mondo!”
Un giorno andò a trovare i nonni materni che vivevano in campagna, in una casetta immersa nel verde.
Era una casetta molto piccola ma aveva tutto il necessario per vivere bene.
Non sentiva il traffico delle macchine, ma solo il canto degli uccellini che parlavano con lui:
“Ciao luigi, come stai?”
Lui rispondeva sempre:
“Ora che vi ho conosciuto sto benissimo!”
Non guardava più la tv ma la sera, faceva lunghe passeggiate nel bosco, insieme ai suoi nonni. il giardino di casa poi era diventato il suo regno; c'erano gardenie e gerani.
Luigi pensava:
“Non c'è niente che sia più rilassante di questi fiori!”
La nonna poi amava cucinare e Luigi spesso si svegliava col profumo della torta appena sfornata.
Arrivò l'autunno e dovete tornare in città.
Abbracciò i nonni con la dicendo:
“Aspettatemi! Tornerò presto a trovarvi”.
Stefania Cuccu
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto