Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Raul Montanari è autore di 17 libri di successo. Vive a Milano, dove tiene dal ‘99 corsi di scrittura creativa fra i più quotati a livello nazionale. Collabora con i principali editori italiani e ha pubblicato numerose traduzioni dalle lingue classiche e moderne. Dal 2008 al 2016 ha diretto il festival letterario Presente Prossimo. Nel 2012 ha ricevuto l'Ambrogino d'oro, il massimo riconoscimento istituzionale della città di Milano. Nel maggio del 2021 è uscito per Baldini+Castoldi la sua ultima opera: Il vizio della solitudine.
Patrizia Rinaldi si è laureata in Filosofia all'Università di Napoli Federico II e ha seguito un corso di specializzazione di scrittura teatrale. Vive a Napoli, dove scrive e si occupa della formazione dei ragazzi grazie ai laboratori di lettura e scrittura, insieme ad Associazioni Onlus operanti nei quartieri cosiddetti "a rischio". Dopo la pubblicazione dei romanzi "Ma già prima di giugno" e "La figlia maschio" è tornata a raccontare la storia di "Blanca", una poliziotta ipovedente da cui è stata tratta una fiction televisiva in sei puntate, che andrà in onda su RAI 1 alla fine di novembre.
Cinzia Tani è giornalista e scrittrice, autrice e conduttrice radiotelevisiva. Dopo la maturità classica consegue la laurea in Lettere Moderne e il diploma come interprete e traduttrice di lingua inglese, francese e spagnola. Debutta nel 1987 come scrittrice con il libro “Sognando California” con cui vince il Premio Scanno. Notata dalla RAI, entra nella tv di stato come inviata di Mixer. In seguito debutta come autrice e conduttrice di alcuni programmi tv: “Chi è di scena”, “L’occhio sul cinema”, “Il caffè”, “Italia mia benché” e “Delitti“. Il suo ultimo romanzo è "L'ultimo boia". .
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Biblioteca Top
Biblioteca All
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Aligi Pezzatini e Simone Gambineri
Titolo: Sole d'Argento
Genere Dark Fantasy
Lettori 685 62 17
Sole d'Argento
Il mio nome è Efrem Lenaria e ho ventisette anni.
Molti invidiano la mia vita privilegiata, perché sono nato in una famiglia ricca e nobile del borgo di Gelso, nel Regno di Falena. In effetti, prima di quella dannata sera, non mi ero mai preoccupato del mio futuro: volevo solo divertirmi con gli amici e, soprattutto, con le amiche. Mio padre si occupava di trasporti e di un corpo di vigilanza apprezzato da molti; sinceramente non me n'ero mai interessato e lo sapevo soltanto perché uno dei miei amici lavorava per lui. Mia madre era una grande devota della dea Veria e andava ogni giorno ad aiutare le sacerdotesse del tempio vicino casa nei loro servizi di carità. Mia sorella maggiore Danica era l'unica con cui avevo un autentico legame: era il mio punto di riferimento e la mia consigliera di fiducia. Aveva sempre avuto un nutrito seguito di ammiratori e di spasimanti e le piaceva sentire il mio parere, spesso irriverente, su ciascuno di loro; come me, voleva divertirsi prima di accettare i doveri della società, incatenandosi a un ruolo che non desiderava. Tuttavia, ogni volta che dicevo una volgarità non mancava di riprendermi colpendomi la fronte con un gesto secco del medio, insistendo che un simile linguaggio non era adeguato al rango della nostra famiglia; in effetti, non l'avevo mai sentita esprimersi con parole irriverenti. Nonostante le mie pesanti critiche, aveva scelto di fidanzarsi con Keldar, uno dei miei amici, ma questo fatto non aveva intaccato il nostro legame.
Due anni fa, però, la mia vita venne distrutta...

... Ero appena rientrato in casa, dopo una serata di festa con gli amici. Avevo bevuto un po' troppo: solo dopo aver chiuso il portone d'ingresso della nostra villetta realizzai che c'era troppo silenzio e che, contrariamente al solito, nessuno della servitù era venuto ad accogliermi.
Un grido acuto e improvviso mi fece sobbalzare per lo spavento. Qualcosa rotolò pesantemente dalla cima delle scale: era il corpo di una delle cameriere, orribilmente mutilato. Urlai terrorizzato.
Tremante, mi guardai intorno: c'erano altri corpi smembrati. Riconobbi tre servitori e due cameriere, riversi a terra, mentre mio padre e mia madre erano seduti ai due capi della lunga tavola nel salone: il pavimento sotto le loro sedie era un lago di sangue e potevo vederne gli intestini fuoriuscire dai loro ventri. Vomitai senza riuscire a trattenermi.
Dei rumori giunsero dal piano di sopra. Mi sembrò di riconoscere i passi di Danica e, con un filo di speranza, salii le scale aggrappandomi al corrimano come se temessi di cadere da un momento all'altro: la testa mi girava, non solo per l'effetto dell'alcol, e avevo lo stomaco ancora in subbuglio.
Qualcuno stava parlando con mia sorella. Con il cuore che batteva all'impazzata mi avvicinai alla porta della sua camera, ma quando vidi un uomo di spalle che la teneva in braccio, apparentemente addormentata, mi bloccai. Il grande specchio, in cui Danica si divertiva a rimirarsi a ogni cambio d'abito, rifletteva la loro immagine. L'uomo aveva gli occhi verdi e i capelli rossi, corti e un po' disordinari come i miei; vista la disinvoltura con cui la reggeva, doveva essere piuttosto forte. Aveva le mani sporche di sangue e, al centro dei polsi, erano conficcati i grandi anelli terminali di una lunga catena di ossidiana che gli legava le braccia.
Sarei dovuto andare ad aiutarla, ma ero immobilizzato dal terrore. L'uomo alzò leggermente la testa e il suo riflesso sembrò guardarmi direttamente negli occhi. Sorrise e le sue labbra si mossero sussurrando qualcosa che non riuscii a udire. Un forte brivido mi scosse tutto il corpo, mentre sentii i miei pantaloni bagnarsi e l'urina calda che mi scendeva lungo le gambe. Non riuscii a trattenere le amare lacrime della vergogna.
Lo specchio si illuminò e l'uomo vi entrò, scomparendo con mia sorella. Pochi attimi dopo, la lastra argentata si frantumò e la casa cadde in un silenzio innaturale.
Gridai tutta la mia disperazione, la mia angoscia, la mia rabbia. Caddi in ginocchio e sbattei con forza i pugni per terra, pieno di odio e di vergogna.
- Dannata Veria! A cosa serve pregarti se non ci sei quando abbiamo bisogno di te? Mia madre ti ha sempre onorata: dove sei ora, maledetta? Perché hai permesso che quel bastardo massacrasse la mia famiglia e portasse via Danica? Se sei la dea della protezione, perché non ci hai difesi? Dove cazzo sei, dannata Veria? - Mi interruppi per un attimo, con un groppo in gola, poi a voce più bassa aggiunsi con amarezza: - Perché non mi hai dato il coraggio di aiutare mia sorella? Perché mi hai abbandonato nella mia vigliaccheria? -
Il mio sguardo fu attirato da uno dei frammenti dello specchio infranto sul pavimento vicino a me. Lo fissai e un lontano ricordo mi tornò alla mente: si trattava di un vecchio racconto che avevo sentito più volte da bambino e che metteva in guardia dal pericolo di certi desideri.
Maledissi di nuovo la dea Veria e afferrai il frammento acuminato. Lo guardai per un lungo minuto, mentre rifletteva parte del mio viso e un ciuffo di capelli rossi che mi copriva l'occhio destro dall'iride verde; poi strinsi i denti e me lo conficcai profondamente nel palmo della mano sinistra, gridando:
- Ovunque tu sia, io ti invoco, Numen delle Brame! Ti offro il mio sangue per richiamarti, ti offro il mio sangue per pagare la mia richiesta! La dea è sorda alle mie invocazioni di aiuto: vuoi essere pari a lei? -
Non sapevo se le parole fossero giuste, né se quella vecchia storia fosse vera, ma non avevo nulla da perdere.
Rimasi in attesa per diversi minuti, nel silenzio più assoluto, poi un cospicuo flusso di sangue scivolò sul pavimento dal corridoio ed entrò nella stanza, unendosi alle gocce del mio e formando rapidamente una larga pozza. Quel denso liquido rosso iniziò a ribollire per poi sollevarsi e compattarsi, fino ad assumere la forma di una figura femminile. La donna di sangue aprì gli occhi e mi sussurrò:
- Sono passati centinaia di anni dall'ultima volta in cui sono stata evocata. Mi stupisce che un uomo come te abbia avuto il coraggio di eseguire il rituale per invocarmi. -
Non mi meravigliai, né feci particolare attenzione alle sue parole: mi interessava solo che qualcuno mi avesse risposto.
- Rendimi ciò che ho perduto, Numen! Restituiscimi la mia famiglia! Riportami mia sorella! -
La donna mi guardò.
- Non posso sostituirmi a te nelle azioni che delineeranno la tua strada, ma posso concederti il mezzo per raggiungere ciò che desideri. -
- Indicami la via che dovrò percorrere: qualunque essa sia! Non mi tirerò indietro se mi porterà dove desidero! -
Mi prese la mano trafitta nella sua e rimase in silenzio a guardarmi, mentre un sorriso compiaciuto le compariva sul volto...


... Quella notte, il mio mondo perfetto andò in pezzi. L'Efrem che ero stato morì e diventai qualcos'altro. Accertai, così, la verità di un antichissimo detto: quando una divinità ti abbandona, arriva sempre un Numen a salvarti.
Mi alzai in piedi, deciso a lasciarmi la vigliaccheria alle spalle. Sapevo cosa avrei dovuto fare per essere pronto ad affrontare una sfida che non avevo creduto possibile neanche nel peggiore degli incubi. 


CAPITOLO 1

Il lavoro di un Epuratore


I lunghi capelli corvini le ricadevano scarmigliati sul corpo sinuoso, mentre si dimenava ansimando sopra di me. Le molle del letto su cui ero sdraiato cigolavano sinistramente a ogni suo deciso movimento di bacino. Non ero riuscito a trattenermi e avevo le mani sui suoi seni prosperosi. Rimiravo il suo corpo sinuoso che luccicava per il sudore nella penombra della stanza.
- Mi piace sentirti tutto dentro di me, Efrem... - mormorò con un tono suadente. - Sei davvero bravo, continua così... resisti ancora un po'... -
Cominciò a muovere il bacino più velocemente, forse vicina all'orgasmo, e io, per resistere all'eccitazione sempre più intensa, mi costrinsi a concentrarmi sul fastidioso cigolio del letto: non volevo essere il primo a venire.
- Le mie amiche non crederanno mai che sono stata con il famoso Efrem, il grande Epuratore - mugolò in estasi.
- Sono sicuro che moriranno d'invidia, Crila - le risposi in un sussurro.
La donna si curvò e mi appoggiò le mani calde sul petto, continuando a muovere il bacino.
- Peccato che tu, invece, non potrai raccontare a nessuno di essere stato con me! -
Le sue mani divennero improvvisamente gelide e una strana bava biancastra cominciò a uscirle dalla bocca. I capelli le si accorciarono rapidamente fino a dissolversi, il naso sparì, gli occhi divennero otto, completamente neri e molto sporgenti. Erano disposti su due file, con i quattro centrali molto più grandi degli altri. Il labbro inferiore si trasformò in due ganasce appuntite. Le gambe si unirono in un addome allungato, mentre dalla schiena le spuntavano otto lunghe zampe articolate, nere e lucide, che si conficcarono nel materasso stringendosi intorno a me e bloccandomi sul letto.
Mi piantò le unghie appuntite nel petto e iniziò a intrappolarmi le gambe tessendoci attorno un filo piuttosto resistente.
- Illusa! - Sogghignai e subito agii: le mie braccia erano ancora sollevate verso quello che era stato il petto della donna ed erano quindi libere dalla presa delle zampe.
Allungai la mano destra verso il bordo della testiera del letto e afferrai l'elsa della spada corta che avevo nascosto lì. La conficcai in uno di quei grossi occhi neri e un fiotto di sangue denso e scuro mi si riversò addosso.
Il Vortan emise un verso acuto e si allontanò da me.
- Ne hai altri sette - brontolai mentre cercavo di liberarmi le gambe dalla ragnatela, - di cosa ti lamenti? -
La creatura non gradì la mia ironia: tese le due ganasce ai lati della bocca verso di me e mi sputò addosso la sua bava biancastra. Ero ancora in parte prigioniero, quindi non potevo evitarla e usai la spada per fermarla. La lama ne intercettò la maggior parte e sfrigolò in modo preoccupante, ma alcuni schizzi mi caddero sul petto nudo provocandomi alcune piccole ustioni piuttosto dolorose. Strinsi i denti e terminai di liberarmi le gambe, poi mi rimisi in piedi.
Nel frattempo, il Vortan aveva tessuto, con inquietante rapidità, una sfera grande quanto la mia testa e l'aveva legata a una corda. La roteò un paio di volte in aria, poi me la lanciò contro.
Mi gettai a terra, schivandola per un soffio. La testiera del letto si schiantò all'impatto. Mentre il Vortan recuperava la sua arma, feci uno scatto e colpii la corda con la spada. Sapevo che non l'avrei tagliata, ma ero certo di poter guadagnare l'attimo che mi serviva. Infatti riuscii ad arrivargli davanti incolume. Gli appoggiai la mano sinistra sul petto e la cicatrice lineare sul dorso si allargò, fino ad assumere la forma di un sole argentato. Sul corpo del Vortan si formarono delle crepe che si sviluppavano a raggiera dal punto in cui lo stavo toccando.
- Ti concedo una scelta: dimmi dove si trova l'uomo con le catene e, se non ti farai più rivedere in questa città, prometto che ti lascerò andare. -
Il mostro emise alcuni suoni gutturali, poi parlò con una voce bassa e roca che aveva ben poco di umano:
- Non lo so, sono due anni che non si fa vedere... -
- Vedere da chi? - Gli gridai. - Sei in contatto con altri Vortan? -
L'essere schifoso cominciò a scuotere la testa, stridendo.
- Non conosco nessun altro. Lasciami andare, non tornerò più in questa città. Hai promesso! -
- Vaffanculo! - Esclamai serio. - È il momento di pagare per tutti quei poveracci che ti sei divorato! -
Mi concentrai sul Sole d'Argento nella mano sinistra e le crepe sul corpo del Vortan iniziarono a luccicare. Il mostro esplose, emettendo un suono simile a qualcosa di viscido che veniva schiacciato, mentre il Sole sulla mia mano si richiudeva e tornava a essere una semplice cicatrice sul dorso. Il sangue scuro e le interiora del mio avversario erano sparsi per tutta la stanza e su di me.
Per un istante provai un forte mal di testa, e nella mia mente si formò l'immagine di un occhio con l'iride d'argento e la pupilla simile a un sole. Non era la prima volta che lo vedevo, ma non ne capivo il significato. Sollevai la mano per toccarmi la fronte, ma mi fermai quando fu davanti ai miei occhi, perché notai che era ricoperta del sangue del Vortan.
- Che schifo! - Esclamai disgustato, avvertendo anche il fetore di cui si era impregnata l'aria.
Appoggiai la spada sul letto e spalancai la finestra. Mi concentrai di nuovo sulla cicatrice e il Sole d'Argento si riaprì. Il sangue scuro del Vortan si sollevò in aria in una miriade di gocce, che vennero assorbite dalla mia mano. Lentamente, le bruciature, inferte dalla bava acida del mostro, si risanarono.
Aprii l'armadio e vidi con sollievo che la brocca con l'acqua, il catino e l'asciugamano erano ancora integri e incontaminati. Ne approfittai per darmi una ripulita. Prima di rivestirmi, mi guardai allo specchio nell'anta interna dell'armadio. Ero soddisfatto della mia corporatura muscolosa e atletica: unita agli occhi verdi e ai capelli rossi, mi rendeva facile trovare una donna se volevo divertirmi. Il più delle volte erano loro a cercare me, anche se solo poche attiravano il mio interesse. In fin dei conti, perfino il Vortan aveva fatto il primo passo, cadendo nella mia trappola.
Quanti ne dovrò far fuori prima di scoprire dove sia quel maledetto? Mi domandai sospirando. Oggi ho liberato il borgo da un altro mostro schifoso, ma non è stata una vittoria per me.
Recuperai il cambio di vestiti, che avevo messo nell'armadio, e li indossai rapidamente, concludendo con un lungo soprabito rosso scuro: il mio preferito. Gli indumenti che avevo quando ero entrato in camera, giacevano sul pavimento, irrimediabilmente rovinati. Poi, guardandomi un'ultima volta allo specchio, mi sistemai i capelli, anche se sapevo che non sarebbero rimasti in ordine a lungo.
Raggiunsi il letto e impugnai la spada, guardandone la lama con attenzione. Purtroppo la bava del mostro l'aveva corrosa, rendendola inutilizzabile. La gettai sulle coperte e mi avvicinai alla porta. Prima di uscire, lanciai una rapida occhiata alla stanza: le interiora del Vortan ne decoravano perfino il soffitto. Un pezzo di intestino cadde a terra proprio in quel momento.
Scossi la testa e uscii dalla stanza, richiudendo la porta dietro di me. Raggiunsi il fondo del corridoio e scesi le scale. Dietro il bancone, il locandiere mi guardò con un'espressione che era un miscuglio tra timore, riverenza e speranza.
- Il sospetto di quelle voci era fondato, Lannir - gli dissi mentre mi pulivo sulla tovaglia del tavolo vicino a me la mano con cui avevo aperto la porta. - Era davvero un Vortan... -
- Grazie alla dea Veria, ce n'è uno di meno! - Esclamò il locandiere visibilmente sollevato.
- Ringrazia pure chi vuoi, ma non dimenticare che sono stato io a farlo fuori! -
L'uomo sospirò e tirò fuori da sotto il bancone un sacchetto pieno di monete d'oro. Aveva capito perfettamente la mia allusione al fatto che mi doveva pagare per l'epurazione, avvenuta nel suo locale.
Presi la ricompensa con un sorriso compiaciuto, soppesando il sacchetto nella mano. Sembravano esserci tutti i cinquanta pezzi d'oro: era una cifra piuttosto alta per le persone comuni, ma era risaputo che essere un Epuratore comportava dei rischi, oltre a dei costi. Mi avviai verso l'uscita, incurante degli altri tre avventori che sedevano nella sala comune, ma, prima di lasciare la locanda, aggiunsi:
- A proposito, c'è un po' da pulire di sopra... -
Sarebbe stato divertente rimanere a guardare Lannir che vomitava anche l'anima subito dopo aver visto lo stato della camera, ma preferii andare a svagarmi all'Osteria di Quieto.
La locanda di Lannir si trovava ai confini del borgo di Gelso, dalla parte opposta rispetto all'osteria, che era in una zona più centrale: mi aspettava una buona mezz'ora di cammino tra la gente starnazzante che a quell'ora affollava le vie prima di tornare a casa per cenare.
Aveva finito da poco di piovere e il selciato era sporco di fango. Attraversai il borgo senza fare particolare attenzione a chi mi passava accanto, stando solo attento a non avvicinarmi troppo agli altri, in modo da non sporcarmi con gli schizzi di melma.
Ancora prima di entrare nell'osteria, riconobbi la voce profonda di Quieto che sovrastava tutte le altre: mai nome più sbagliato fu scelto per una persona! Era un uomo grande e grosso, con una voce potente, e sapeva come mantenere la calma tra i suoi clienti anche quando bevevano troppo, come evidentemente era appena successo.
Entrai e dovetti spostarmi subito di lato perché un uomo di mezz'età veniva “accompagnato” fuori non troppo gentilmente da Quieto. Dopo essersi sbarazzato dell'ubriaco, l'oste robusto e calvo, con una folta barba scura, si fermò davanti a me e mi sorrise.
- Ho saputo che hai appena concluso un lavoro: ben fatto! -
Mentre lo guardavo tornare al bancone, mi chiesi per l'ennesima volta come riuscisse a essere sempre così informato su quello che accadeva in città. In realtà gliel'avevo domandato più volte, ma mi aveva sempre dato risposte diverse, però perfettamente plausibili rispetto alle circostanze, così alla fine avevo smesso di domandarglielo.
Il locale non era pieno come avevo temuto e il mio solito posto, all'angolo più lontano dall'ingresso, era libero. Mi sedetti e Ilia, la giovane cameriera figlia di Quieto, mi portò subito un boccale di birra. La ringraziai con un sorriso: per sua fortuna aveva preso più dalla madre che dal padre, soprattutto i lunghi capelli neri che teneva sempre legati in una coda.
- Qualcuno ti ha cercato questa mattina - mi disse la diciottenne prima di andare verso un altro tavolo.
- Chi era? Cosa voleva? -
- Ci ha parlato mio padre: so solo che era una donna. -
- D'accordo, sentirò lui. - Per ringraziarla le diedi un pezzo d'argento.
La ragazza lo prese e mi sorrise, poi se lo mise nella tasca del grembiule bianco e si allontanò.
Rimasi una decina di minuti in silenzio, godendomi il momento di calma e sorseggiando lentamente quella birra corposa, mentre aspettavo che fosse pronta la mia solita cena. Sapevo che, quando Quieto avrebbe rivolto la propria attenzione su di me per avere notizie sulla mia impresa, la pace sarebbe finita.
Poco dopo, l'oste si accomodò al mio tavolo, subito raggiunto da Nuvim e Radek. I tre, con altri amici che frequentavano l'osteria, erano ossessionati dalle mie gesta: mi consideravano il migliore Epuratore dell'Ordine e non esitavano a raccontare a chiunque ogni mia vittoria.
- Allora dobbiamo aggiungere un'altra tacca - esordì Quieto indicando con un cenno della testa lucida il ripiano di pietra sopra l'ampio camino, ora spento. Si notavano chiaramente i cinquantadue segni, ciascuno corrispondente a un Vortan che avevo distrutto nell'ultimo anno, da quando, cioè, avevo concluso l'addestramento dell'Ordine.
- Nessun altro Epuratore può vantare tanti successi in così poco tempo - aggiunse lo snello e moro Radek con entusiasmo, - non sei soltanto bravo a ucciderli, ma sei infallibile nello stanarli! Dovrebbero farti salire di grado! -
- Ma cosa dici? - Lo riprese Nuvim, magro e brizzolato, con voce gracchiante. - L'Ordine della Spada di Veria fa capo alla Chiesa, non all'esercito: non ci sono gradi! -
- E allora? Anche la Chiesa ha una sua gerarchia! E comunque, per la sua bravura potrebbero anche fare un'eccezione! -
Mi piaceva vedere i miei amici discutere animatamente. Se ci fossero stati anche gli altri, molto probabilmente Quieto sarebbe stato costretto a buttarci fuori tutti, come accadde ai festeggiamenti organizzati per il cinquantesimo Vortan ucciso.
D'un tratto Radek si alzò in piedi e, rivolgendosi anche agli altri clienti del locale, disse a gran voce:
- Signori, devo comunicare a tutti voi che per me è un grande privilegio essere amico di Efrem, il grande Epuratore! -
Sospirai e mi avvicinai a Quieto per dirgli all'orecchio:
- Gli hai annacquato la birra, vero? -
- Di solito lo faccio, ma stavolta l'ha servito mia figlia... -
Scossi la testa sconsolato, mentre Radek continuava a parlare:
- Ho appena saputo che Efrem ha rispedito un altro Vortan da Mitus. Che il dio della notte e del riposo lo custodisca per sempre nel suo regno. Purtroppo non conosco ancora i particolari, quindi vi racconterò di un'altra sua spettacolare caccia, alla quale ero presente! -
- Che cazzo ci facevi con lui? - Domandò un uomo robusto seduto al tavolo accanto al nostro. - Gli portavi la sporta con il pranzo? -
Ci furono diverse risate, poi un altro avventore aggiunse:
- O forse te ne stavi infrattato da qualche parte mentre ti cacavi sotto ed è venuto a salvarti? -
Erano clienti abituali dell'osteria e non era la prima volta che commentavano così i racconti di Radek, che proseguì come se non avesse sentito:
- Due mesi fa siamo andati alla fattoria dei Drenic: dovevo consegnare delle botti e ne approfittai per accompagnare con il mio carro Efrem, che era stato chiamato da Asdar. La mia speranza era, naturalmente, di vederlo finalmente combattere contro un Vortan e poter raccontare in prima persona le sue gesta... Non vi annoierò con i discorsi tra loro, ma passerò subito alla parte più importante della storia: lo scontro. È avvenuto nella parte del loro campo più lontana dal borgo. Efrem era in piedi davanti a me, armato di tutto punto, mentre dall'altra parte c'era il Vortan: aveva l'aspetto di un grande spaventapasseri, ma al posto delle mani aveva due falci molto affilate... -
- Non credo che tu fossi così vicino a lui - lo interruppe Nuvim, scettico.
Radek lo fulminò con un'occhiataccia.
- Non ho mai detto che ero vicino a lui. Naturalmente Efrem mi aveva detto di restare lontano per sicurezza, ma ho visto tutto lo stesso. - Mentre parlava, iniziò a gesticolare, mimando la scena: - Si scambiarono parecchi colpi mentre si muovevano attraverso il campo. La spada di Efrem si incrociò più volte con le falci del Vortan, generando scintille che alla fine appiccarono il fuoco alla paglia dello spaventapasseri. A quel punto il Vortan fece qualcosa di strano con le braccia e si sollevò un forte vento che spense le fiamme e buttò a terra Efrem. Il Vortan ne approfittò per gettarsi su di lui, con le falci pronte a dilaniarlo. Ero terrorizzato quando ho visto che Efrem non si era spostato, ma poi sul corpo del Vortan sono comparse delle strane crepe argentate. Dopo poco è esploso, spargendo tutto intorno paglia e interiora insanguinate. Spettacolare, nonostante la crudezza della scena! - Mi indicò con la mano destra e aggiunse: - Non so come tu abbia fatto, ma sei il migliore! -
Tutti gli ascoltatori applaudirono, e qualcuno emise anche qualche grido di incitamento. Non era la prima volta che Radek raccontava quel particolare evento, ma nessuno aveva il coraggio di farglielo notare, conoscendo la sua irascibilità. Quieto si alzò in piedi con lo sguardo torvo e la calma tornò nel locale. Il mio amico si rimise a sedere con un'espressione soddisfatta e mi disse:
- Certo che sei cambiato rispetto a due anni fa. Eri un damerino che pensava solo a quello che c'è sotto le gonne, ora sei un eroe che protegge il popolo dai Vortan... -
- E ora sono le donne a pensare sempre a te e alla tua “grande” capacità! - Concluse Quieto ridendo. Ci unimmo a lui, poi brindammo insieme. Nuvim aggiunse a gran voce:
- Sono certo che anche la dea Veria si sarà bagnata ad assistere alle tue spettacolari imprese! Dev'essere per questo che oggi ha piovuto! -
L'oste si fece serio e sbatté il pugno sul tavolo.
- Nuvim! Sai bene che non ammetto bestemmie nel mio locale! -
Per un lungo istante, la sala cadde in un silenzio quasi innaturale. Poi, mentre gli avventori riprendevano a parlare, Nuvim si scusò:
- Hai ragione, perdonami. Sai che rispetto le tue idee, ma ti ho anche detto più volte come la penso: Veria e Mitus erano solo dei grandi eroi di un lontano passato che hanno combattuto innumerevoli e gloriose battaglie. La chiesa li ha innalzati a dèi per soggiogare la mente della gente comune. - Mi indicò e aggiunse in tono più deciso: - Probabilmente, tra mille anni, si racconteranno le gesta di Efrem e molti lo adoreranno come un dio! -
Ancora più infuriato, Quieto strinse i pugni e lo riprese:
- Ti rendi conto che stai ancora bestemmiando, vero? -
Nuvim sollevò entrambe le braccia in segno di resa.
- Sai che per me si tratta solo di superstizione, ma ti concedo il beneficio del dubbio. -
L'oste rimase interdetto, probabilmente indeciso se fosse una nuova bestemmia. A me piaceva Quieto: il suo carattere burbero era in netto contrasto con la sua fede in Veria, ma era un uomo di cui ci si poteva fidare a occhi chiusi. Naturalmente non intervenni in quella discussione, perché mi sarebbe dispiaciuto offenderlo, dato che la pensavo esattamente come Nuvim.
Risolta la discussione, l'oste si rivolse a me:
- A proposito: l'informazione che ti avevo passato era corretta, vero? Il Vortan era Crila, la figlia di Nisko, il sarto che si è suicidato tre mesi fa? -
Di nuovo mi chiesi come Quieto riuscisse a ottenere certe notizie, ma lasciai perdere, perché mi importava solo che mi concedesse sempre l'esclusiva su quanto veniva a sapere.
- Sì, anche se non mi avevi detto che era piuttosto bella... -
I miei tre amici fecero un sorriso di complicità, poi Radek mi domandò ammiccando:
- Non mi dire che te la sei scopata? -
- Preferisco non parlarne - tagliai corto, ripensando agli otto occhi e alle otto zampe che le erano spuntate, e bevvi tutto d'un fiato il resto della birra.
- Comunque non capisco - intervenne Nuvim, - si dice che siano i maghi a diventare Vortan: non mi risultava che lei lo fosse. -
- Purtroppo se nel tuo sangue c'è una minima impronta di magia - gli spiegai, - anche se non ne sei consapevole, sei un mago e puoi essere trascinato nell'oscurità. -
- È vero - confermò Quieto, - è il sangue a fare i maghi! C'è chi è pieno di magia e possiede grandi poteri, e chi, invece, ne ha solo qualche traccia e non può fare niente, o quasi, ma si tratta comunque di maghi. -
- Per evitare che i maghi diventino Vortan - ripresi - la Chiesa ha creato alcuni Ordini di supporto che li aiutano a controllarsi così che non si spingano oltre i limiti, mediante l'utilizzo di particolari gioielli carichi di magia, definiti tecnicamente catalizzatori. Non tutti, però, accettano di vedere soffocati i propri poteri, così si isolano e praticano la magia senza controlli. Questi individui sono più a rischio di diventare Vortan. La cosa triste è che anche chi non è consapevole di essere un mago può diventarlo. -
- Quindi, secondo voi Crila non sapeva di essere una maga? - Chiese Nuvim, incredulo. - Ma non dovrebbero esserci dei controlli...? -
- Se fosse così facile individuare un mago - intervenne Radek, - non ci sarebbero gli Epuratori incaricati di stanarli e consegnarli alla Chiesa. Se ricordi, anche Efrem lo ha fatto in passato. Forse Crila, dopo il trauma del suicidio del padre e della morte della madre, è riuscita in qualche modo ad attivare la propria magia e ha perso il senno. -
Guardai i miei amici e aggiunsi con voce cupa:
- Oppure è anche possibile che si fosse trasformata in Vortan già da tempo e che li abbia divorati, inscenando poi il suicidio del padre e la morte della madre per distogliere l'attenzione da se stessa. -
- Peccato - commentò Nuvim prendendo il boccale che la figlia di Quieto aveva appena portato al tavolo a ciascuno di noi. - Era così sensuale... -
- Uomini! Avete solo una cosa in mente! - Fu la pronta replica di Ilia.
Io, Nuvim e Radek scoppiammo a ridere, mentre Quieto aggrottava la fronte e si preparava a rispondere alla figlia, quando d'un tratto il locale piombò in uno strano silenzio: tutti gli avventori si erano voltati verso la porta ed erano rimasti stupiti dalla splendida donna bionda appena entrata.
- Giusto - sussurrò Quieto dimenticandosi della figlia e voltandosi verso di me. - Quella signorina ti ha cercato già due volte oggi. -
La donna si guardò intorno, poi si soffermò su di noi. Per un attimo, spalancò gli occhi, come se fosse sorpresa e, quando riprese un atteggiamento normale, mi parve di intravedere una luce di tristezza.
- Credo che ti abbia visto - mi sussurrò Ilia, divertita. - Dopo raccontami cosa voleva da te! - Si allontanò e raggiunse il bancone.
Accompagnata dal brusio dei commenti, la bionda si avvicinò, con andatura elegante, al nostro tavolo. Una corrente d'aria le fece svolazzare la lunga gonna bianca dai due spacchi laterali e, per un secondo, mostrò fin troppo bene le sue gambe tornite.
Ilia mi portò in un vassoio diverse costine di maiale con patate e commentò in un sussurro:
- Esibizionista! -
La donna si fermò dietro Radek, guardandomi.
- Voi siete Efrem Lenaria, il miglior Epuratore di Gelso, giusto? -
La voce era contemporaneamente dolce e severa. Il viso era splendido: aveva gli occhi di un blu che lasciava senza fiato, mentre i capelli biondi erano raccolti in una lunga treccia che teneva in avanti e che le scendeva sotto il seno florido, nascondendo quasi del tutto un sottile girocollo argentato e il suo ciondolo.
- Chi lo vuole sapere? - Le domandai, mantenendo un certo distacco.
- Mi chiamo Lunarea Alboria e vengo da Biancore per ingaggiarvi. -
La guardai per diversi secondi negli occhi, mentre Quieto si alzava in piedi e le dava il benvenuto nel locale. Afferrai una delle costine e iniziai a mangiare. Forse imbarazzato dal mio silenzio, Radek mi diede una leggera gomitata e disse piano:
- Avanti, dille qualcosa! -
Gettai su una parte del vassoio l'osso che avevo appena spolpato, presi un'altra costina e risposi, senza alzare lo sguardo:
- Non sono interessato, grazie. -
Radek insistette:
- Non posso credere che rifiuti così un ingaggio! -
La donna mi rispose con sicurezza:
- Posso pagare qualunque cifra chiederete: non sono venuta a cercare il migliore senza essere preparata a ogni evenienza. -
Sbattei l'osso sul vassoio con una certa violenza e replicai, guardandola negli occhi:
- Sparisci! Ho detto che non sono interessato! -
Quella sostenne il mio sguardo e mi ribatté, con un sorriso beffardo:
- Non pensavo che Efrem, il grande Epuratore, avesse paura! Evidentemente le voci che girano su di voi non sono veritiere. Forse vi ho sopravvalutato... -
Mi alzai di scatto facendo cadere a terra la sedia dietro di me. Il tonfo zittì tutti i presenti.
- Mi hai rotto le palle! - Le gridai con rabbia. - Non sono interessato a essere ingaggiato da te! -
La donna non sembrò colpita dalla mia reazione e continuò a sostenere il mio sguardo, ma Quieto intervenne:
- Efrem, calmati! Che fine hanno fatto le buone maniere? Questa signorina vuole il tuo aiuto: dovresti usarle un po' di gentilezza... -
- Bontà, cortesia, gentilezza, educazione... le ho perse due anni fa quando la mia famiglia è stata massacrata! Mi sono state strappate via insieme a mia sorella! - Buttai all'aria il vassoio e aggiunsi con rabbia, rivolto alla donna: - Mi hai anche fatto passare l'appetito! -
Tra gli sguardi stupefatti dei miei amici e degli altri clienti, raggiunsi la porta e uscii.
Aligi Pezzatini e Simone Gambineri
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto