Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Andrea Vitali. Dopo aver frequentato «il severissimo liceo Manzoni» di Lecco, si laurea in medicina all'Università Statale di Milano ed esercita la professione di medico di base nel suo paese natale. Scrittore molto prolifico, ha esordito nel 1990 con il romanzo breve Il procuratore, ispiratogli dai racconti di suo padre; nel 1996 ha vinto il Premio letterario Piero Chiara con L'ombra di Marinetti, ma il grande successo lo ha ottenuto nel 2003 con Una finestra vistalago (Premio Grinzane 2004). Nel 2006 ha vinto il Premio Bancarella con il romanzo La figlia del Podestà; nel 2009 il Premio Boccaccio e il Premio Hemingway.
Piera Carlomagno, giornalista professionista, scrive per Il Mattino di Napoli. Il suo romanzo “Una favolosa estate di morte”, pubblicato nella collana NeroRizzoli per Rizzoli, ha vinto il Premio Romiti Sezione Emergenti. I suoi racconti sono presenti in numerose antologie. E’ direttrice artistica del “SalerNoir Festival, le notti di Barliario”, che a luglio giunge alla settima edizione. E’ laureata in Lingua e letteratura cinese e ha tradotto un’opera teatrale del Premio Nobel Gao Xingjian. Il suo ultimo romanzo “Nero lucano”, edito da Solferino, è in libreria dal 6 maggio.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Sophie Rouzier
Titolo: Happy road trip to you
Genere Romanzo Rosa Chick lit
Lettori 274 2
Happy road trip to you
Chantal e Louis negli Stati Uniti.

Oggi è il compleanno di Louis, il mio innamorato. Chiamarlo così sembra un po' infantile, ma non è né il mio fidanzato né il mio convivente. “Innamorato” è un termine che trovo carino, anche se suona più detto da una ragazzina che da una giovane dottoranda appena entrata nella vita lavorativa. Beh, oggi è il suo compleanno.
Per i miei amici, cerco sempre di trovare IL regalo che piacerà loro. Mi spremo le meningi per giorni, con un solo obiettivo... veder sorridere la persona che lo riceverà. Non c'è bisogno di cercare la luna o di svuotare il proprio conto in banca. La cosa più importante è sapere che con il proprio regalo si fa centro. Allora, devo dirvi che sono convinta che il mio Louis sarà al settimo cielo. È una persona piuttosto riservata, proprio come me, quindi probabilmente non farà salti di gioia fino al soffitto, ma mi inonderà con un fiume di parole e mi riempirà di ringraziamenti.
Sto preparando una serata galattica! Tiro persino fuori il servizio buono della prozia. La relazione tra me e Louis è in un periodo di stasi, vorrei convincerlo che è il momento di fare un passo in avanti. Non viviamo nemmeno insieme! Ma questo è un altro discorso.
Allora, come antipasto gli servirò delle capesante scottate nell'aceto balsamico, che lo faranno sciogliere. Poi, un pesce in crosta di sale servito con verdure croccanti, che lo farà impazzire. I formaggi della Valle di Munster e una torta ai mirtilli selvatici gli daranno il colpo di grazia. Per non parlare dei vini che accompagneranno tutti questi piatti! Siamo tutti e due originari dell'Alsazia e quindi la gastronomia svolge un ruolo importante nelle nostre vite. Ma ci concediamo queste attenzioni solo per le occasioni speciali, perché rispettiamo entrambi uno stile di vita molto salutare, che alcuni definirebbero troppo severo. Lo sport e una dieta equilibrata sono parte integrante della nostra vita quotidiana.
Dispongo i bicchieri sulla tavola con la meticolosità di un orologiaio svizzero. Sto allineando, con precisione millimetrica, i piattini pieni di arachidi e altre prelibatezze salate, quando suona il campanello. Mi liscio la gonna e mi passo una mano tra i capelli prima di aprire la porta d'ingresso. È un Louis arrabbiato e di cattivo umore che accolgo.
— Chantal, non indovinerai mai quale disavventura ho appena vissuto sotto casa tua!
Conoscendo Louis, avrà pestato una cacca di cane con i suoi mocassini. La scorsa settimana aveva trovato un post-it incollato sulla sua bici con il numero di telefono di un certo Johan, che lo trovava di suo gradimento. E questa è l'avventura più folle e inaspettata che mi ha raccontato dal nostro primo incontro. Non stando più nella pelle, finisco per porgli la domanda:
— Che cosa ti è successo?
— Allacciandomi le scarpe, ho notato che non indossavo le stesse calze! Ti rendi conto?! Ho messo quella azzurra del lunedì e quella verde del martedì!
Rimango delusa, difficile non reprimere un sorriso di fronte alla serietà e all'aplomb di cui dà prova Louis. Conduce un'esistenza più da cartone animato Bidochons che da Robinson, ma con che classe! Eppure la mia vita con lui brilla e mi riempie di felicità. Con il suo vocabolario molto ben curato e raffinato a volte ho l'impressione di frequentare un giovane castellano.
Mi spiega che la sua settimana è iniziata male e che questo non è di buon auspicio per il resto della settimana. Lo rassicuro e cerco di fargli pensare a qualcos'altro, perché dopo tutto è il suo compleanno. A furia di ripetervelo, ormai sarà entrato nelle vostre teste. Così finisco per convincere Louis che le sue piccole preoccupazioni non devono in alcun modo intaccare la nostra serata, che dovrebbe essere memorabile. Louis è intrigato e si lascia andare ai piaceri del palato.
I piatti si susseguono e io non vedo l'ora di passare al dolce. Non faccio nessuna insinuazione, non è da me. Una volta spente le candeline è il momento del regalo! Louis si prende tutto il suo tempo per finire di mangiare ed è lieto di vedermi trepidare.
— Chantal, vuoi smetterla di guardarmi così?! Mi fai sentire a disagio!
— E tu, sbrigati a finire la tua torta. Mi fai stare sulle spine! Vado a prendere il tuo regalo.
Mi alzo e mi dirigo verso la camera. Ricompaio qualche minuto dopo, travestita da eroina di videogiochi. Mi sono trasformata nella principessa Zelda. Gli occhi di Louis rimangono spalancati per alcuni secondi. Non coglie il mio messaggio. Provo a fargli indovinare la sorpresa, ma invano.
— Ma allora, Louis! Un raduno di persone in costume, a parte il carnevale, che cos'è?
— La Fiera del libro di Parigi, negli stand dei manga?
— Tu mi deprimi —sospiro.
— Perché?
— Mettici del tuo, cerca nella tua mente, fai funzionare il cervello. È un evento che si svolge ogni anno, ma non in Francia.
— Il gay pride?
— Ce n'è uno anche a Parigi.
— Persone mascherate all'estero una volta all'anno? A parte il Comic-Con, non ne ho la più pallida idea.
— Bingo, Louis! L'hai trovato.
— Eh?
— A volte mi chiedo perché tutti pensino che tu sia brillante. Tu e la logica non andate d'accordo. Il Comic Con, testone, ti porto lì. La nostra vacanza nel sud della Francia era solo una finta. A noi due San Diego, California e la costa ovest!
— Oh.
Ci vuole un po' di tempo perché reagisca, poi un lampo di lucidità attraversa la sua mente e il suo sguardo si illumina.
— Potrò indossare il mio costume da Superman in pieno giorno e passeggiare vestito così per la strada?
— Sono felice di poter realizzare il tuo sogno.
— Ma Chantal, non è ragionevole, solo i biglietti dell'aereo devono costare una fortuna!
— Louis, non ti preoccupare. Se si è un po' organizzati come me, si prenota con sufficiente anticipo per usufruire di tariffe vantaggiose.
— Non so come esprimerti la mia gratitudine! Mi riempi di felicità! Infinitamente grazie!
— Al suo servizio, mio caro.
Contro ogni aspettativa, Louis mi si avvicina e mi abbraccia. Mi dà un casto bacio sulla fronte. E mi sussurra all'orecchio:
— È il più bel regalo che mi sia mai stato fatto e ciò che è ancora più favoloso è che condivideremo questo momento insieme.
Le mie guance arrossiscono. Stasera ho davvero segnato dei punti. Spiego a Louis il programma delle vacanze. Il nostro arrivo a San José, in California. La visita delle sedi delle imprese della Silicon Valley, la Costa Ovest, gli elefanti marini, Santa Monica e la sua ruota panoramica, Los Angeles, il viale di Hollywood, Beverly Hills, Santa Barbara e infine San Diego. Il suo entusiasmo aumenta sempre di più man mano che elenco questi nomi. Come tutti, siamo cresciuti con film e serie ambientati in questi luoghi di culto. Ci immaginiamo già guardare, di notte, le luminose lettere di Hollywood in lontananza, mano nella mano, mentre camminiamo tranquillamente scoprendo per terra le stelle delle nostre star preferite e sorseggiando un frullato. Trascorriamo parte della serata a discutere di pianificazione, hotel e tragitti, poi andiamo a letto, sfiniti, ma felici.

O santo cielo, le vacanze sono tra una settimana! Il tempo vola! I preparativi sono in pieno svolgimento. Soprattutto per me. Questo è il mio primo grande viaggio. L'eccitazione mi travolge ma stranamente non la paura. Tanto meglio.
Ricapitolo ciò che mi resta da fare:
• Trovare un libro che mi accompagnerà durante il viaggio. Uno né troppo pesante, né troppo voluminoso, abbastanza divertente. La scelta nella mia biblioteca è vasta. Non sarà un compito facile.
• Prendere una borraccia che riempirò in aeroporto per evitare di dover aspettare che l'assistente di volo riempia il mio bicchiere. Ho letto che in alcune compagnie aeree le hostess non passano spesso tra le file. Non intendo morire di sete.
• Stampare i biglietti dell'aereo quando riceverò l'e-mail per il check-in online. Anche se odio farlo, non posso far conto su un biglietto elettronico. Immaginiamo che il mio cellulare sia scarico nel momento sbagliato, sarebbe una tragedia.

Il contenuto del bagaglio è stato scelto grazie a una lista trovata su un sito internet. Senza quella, non avrei mai saputo da dove cominciare. Alcune ragazze rimangono piantate davanti al loro armadio dicendo - Non ho niente da mettere - , io ero un po' nello stesso stato d'animo, ma per me è davvero così. Ho un guardaroba minimalista e la mia valigia, di colpo, mi è sembrata un po' troppo grande. Non sono una maniaca dello shopping, ma avrei sperato di avere almeno un bel vestito per sedurre Louis. Peccato.

Mi sento finalmente pronta. Ora che la valigia è chiusa, i giorni che mi separano dalla partenza non mi sembrano passare abbastanza velocemente. Louis, da parte sua, è di una calma olimpica. Non lascia trasparire nulla o quasi. Mi ha fatto una sfilata con i costumi da supereroe, non sapendo quale mettere in valigia. Abbiamo optato per Superman, il suo preferito. Batman è relegato al secondo posto, ma ha trovato lo stesso un piccolo posto nella mia valigia. Silenzio, è una sorpresa!
Non ho informato i miei colleghi della destinazione delle mie vacanze. Non ho fatto loro nessuna confidenza mentre preparavo questo viaggio. Sapete com'è, a volte vogliamo mantenere il nostro giardino segreto solo per noi. E poi, io non sono un tipo che chiacchiera e che si mette in mostra. Non mi piace neanche che mi venga chiesto della mia vita privata. Preferisco di gran lunga rispondere in modo evasivo e restituire la domanda al mio interlocutore. Il lavoro è lavoro. Cosa avrebbero immaginato i miei colleghi se avessi confidato loro che ci portiamo dei travestimenti? Penserebbero che io sia una fuori di testa. E l'immagine che hanno di me è tutt'altra. Traspiro serietà, non ho mai una piega storta, neanche un capello fuori posto. Sono convinti che sia tutta d'un pezzo. Non cerco di cambiare questa immagine. Sono proprio così con loro. Con Louis, mi lascio andare un po' di più. Mi permetto di essere me stessa. Il mio essere interiore, in realtà, è tutto fuoco e fiamme. Brucio d'impazienza e conto le ore che mancano alla partenza.
Questo è il mio primo viaggio in aereo, se non conto il mio primo volo quando ero molto piccola! Anche in un periodo di low-cost, non sono ancora salita su uno di questi apparecchi. Ho un bel ripetermi che ogni giorno orde di turisti e uomini d'affari prendono questo mezzo di trasporto senza problemi, sono comunque un po' a disagio all'idea di rimanere intrappolata in uno di questi uccelli di ferro per così tanto tempo. Sarò il tipo che ha le gambe pesanti? Che guarda film per tutto il viaggio? Che non riesce a dormire? Avrò un neonato strillante accanto a me o un vicino - ingombrante - ? Ma soprattutto, sarò terrorizzata o dimenticherò fin dai primi minuti che sto volando sopra la Terra?

Gli ultimi giorni sono passati ad alta velocità. Così, all'improvviso, mi ritrovo comodamente seduta al mio posto, con la cintura allacciata, pronta per il decollo. Cerco di occupare la mente come posso, per non fare aumentare lo stress. Ricordo i commenti di mio padre sui calzini, sulla mascherina per dormire, sulle salviettine, sullo spazzolino da denti, il tutto fornito gentilmente della compagnia aerea. Bene, devo dire che i tempi cambiano! Noi non abbiamo ricevuto nessun regalo. Neanche un menu stampato, infilato nella mini tasca appesa sul sedile davanti. Non posso che salutare questo gesto ecologico. Stop ai prodotti usa e getta. Correggerò la mia opinione sulla compagnia aerea quando dovrò valutare la loro generosità in termini di fazzolettini di carta e bicchieri di plastica. Le hostess li distribuiscono a tutto spiano. Solo le classi business hanno diritto a piatti veri. La protezione dell'ambiente ha il suo prezzo.
Il viaggio è partito senza intoppi, non avevo nemmeno capito che stessimo decollando. Louis mi rovina un po' questo momento brontolando in continuazione, a causa del suo vicino con cui deve condividere un bracciolo o anche perché le sue ginocchia toccano il sedile anteriore. E poi, senza dimenticare il signore obeso dietro di lui che gli ha gentilmente chiesto di non abbassare la poltrona, altrimenti avrebbe avuto troppo poco spazio. Il mio grande principe ha accettato per gentilezza, ma il suo cervello ribolle di nervosismo. Un insieme di ragioni che scombussolano il mio Louis. È quando si lancia nell'enumerazione di statistiche sulle nostre possibilità di uscire vivi da questo volo, che finisco per metterlo a tacere. Siamo in vacanza. Le idee macabre devono essere archiviate, proprio come il cattivo umore. Mi promette che aprirà bocca solo per dirmi cose positive. Risultato: non ha praticamente parlato durante tutto il viaggio, lasciandomi alla mia affascinante lettura del primo volume de Il Trono di spade di George R. R. Martin.

L'aereo atterra come era decollato, senza un rumore. Nessun scossa. Il pilota ha rispettato il suo contratto, siamo arrivati vivi sul suolo americano. Benedico la sua famiglia per generazioni.
- Welcome to America - , ci tufferemo su hamburger non vegani, fatti con carne con gli ormoni che non proviene dal mio piccolo produttore locale. Durante le vacanze, ho intenzione di fare un piccolo torto alla mia dieta vegetariana ma... silenzio, non bisogna dirlo troppo forte! A noi due bevande illimitate nei fast-food e soprattutto... a noi due doganieri noti per la loro impeccabile cordialità. Il panico aumenta man mano che la fila davanti alla dogana si accorcia, controllo cinquanta volte la data di scadenza del mio passaporto che ho dovuto fare per l'occasione. La mia foto appare sfocata e la firma della prefettura non è completa. E se sospettassero che è un passaporto falso e mi toccasse tornare a casa immediatamente? Una miriade di scenari si profilano nella mia testa. Louis mi stringe la mano e mi sento leggermente rassicurata.
Decidiamo di andare ad affrontare insieme il doganiere. Questi mi ispeziona dalla testa ai piedi, poi mi chiede con l'aria più naturale al mondo:
— Lei è venuta ad aiutare a costruire il muro che ci divide?
Ma cosa pensa? Che io sia messicana?
— Scusi?
— Non sapevo che anche i francesi li avessero nel loro paese —grugnisce nella barba.
Scelgo di non rispondere. Sapevo che a volte è difficile superare il controllo della polizia e che può essere spiacevole, ma non razzista. Stava cercando di farmi perdere le staffe. Dovete sapere, cari lettori, che ci vuole molto di più per farmi innervosire. Dopo alcune domande indiscrete sulla mia relazione con Louis e sulla produzione del formaggio francese, accetta di lasciarci andare, non senza lanciarci un'occhiata torva da farci gelare il sangue. Non crediate che, solo perché siamo a Las Vegas, la polizia sia più simpatica.
Il mal di stomaco mi concede qualche minuto di tregua, ma solo per riprendere, ancora più forte, quando arriviamo al nostro gate di imbarco. La nostra prossima destinazione: San José, nel nord della California, dove inizieremo il nostro viaggio. Ma c'è un grosso problema. Le temperature visualizzate sullo schermo non sono affatto quelle che ci aspettavamo. Non oso parlarne con Louis. Gli chiedo di andare a sedersi su uno dei posti liberi, sperando di poter fare LA domanda che mi attanaglia all'hostess di terra... Abbiamo davvero prenotato un volo per il giusto San José? Sbaglio o c'è scritto Costa Rica molto piccolo nell'angolo in basso a destra? Sapete, sembra quell'asterisco alla fine di un contratto, quello che dovremmo sempre leggere prima di firmare un documento. Prendo un respiro. Rilasso i muscoli muovendo le braccia in tutte le direzioni, spaventando un bambino piccolo che passava. Ma accidenti! Forza, vado dalla hostess, dotata di un perfetto chignon, e le faccio la mia domanda. Non vi farò languire a lungo. Ho proprio sbagliato San José.
Leggendo l'angoscia e le gocce di sudore sul mio viso, l'hostess cerca di aiutarmi:
— Allora, posso trovarle un posto su un volo per San José, ma per domani, non prima.
— Siamo in due.
— Hum, hum. Non è che ci siano molti voli. San José non è una grande città. San Francisco invece è proprio qui accanto.
Rimango in silenzio e la hostess continua:
— Per stasera non c'è posto. Posso prenotarvi un biglietto per domani per San Francisco. Dovrete partire nel pomeriggio e ovviamente pagare il sovraprezzo.
— Che ammonta a...?
— 1.000 dollari a persona, è il più economico che ho trovato e dove ho ancora due posti.
Mi manca il respiro.
— Scusi?
— Sì, ha capito bene. Che cosa volete andare a fare esattamente a San José?
— In realtà, volevo partire da laggiù, andare alla sede di Google, alla sede della Apple e seguire la costa fino ad arrivare a San Diego.
— La costa è carina, di sicuro. Andate al Comic-Con, immagino.
— Sì
— Non c'è dubbio.
Che cosa intende con questo? Sembro una geek? Eppure non ho la carnagione pallida di coloro che si chiudono per giorni e giorni con l'unico amico che hanno: il loro schermo. Se non lo sapevate, anche se il mio nome non lo indica, vengo dal Nepal. Ho la pelle un po' più abbronzata della media e gli occhi a mandorla. Da qui arrivano le riflessioni di quell'idiota di doganiere.
Che mi si prenda per una ragazza rigida, beh, non posso davvero dire che le persone abbiano torto, ma una geek! Assolutamente no! Se prendi a ceffoni un'hostess di terra, non è oltraggio a pubblico ufficiale, né violenza e percosse a persona che detiene un'autorità pubblica. Allora, questa megera vuole davvero che la prenda a schiaffi? A dire il vero, la menzione di Google e Apple le ha senz'altro messo la pulce nell'orecchio. Mi calmo. Lei coglie l'occasione per avvicinarsi a me e mi sussurra:
— Ho un'altra idea. Rimanete a Las Vegas. Io annullo il vostro biglietto e così recuperate una parte della somma. Questa città impressionerà il suo ragazzo, mi creda. Le slot machines, Los Angeles e poi andate agli Universal Studios di Hollywood per vedere i suoi eroi preferiti e infine andate verso San Diego. Serve solo noleggiare un'auto.
— Ah dannazione, ne avevo noleggiata una a San José!
— Al suo posto, verificherei quale San José —si diverte lei—. Con un po' di fortuna potete modificare la prenotazione gratuitamente, se si tratta di un'agenzia di noleggio a livello mondiale.
— Vorrei prendermi qualche minuto per riflettere.
— Io non mi muovo, rimango fedele al mio posto.
Mi fa un saluto militare. Un'impiegata molto strana, un po' originale nonostante la sua uniforme severa, ma molto utile. Louis è immerso nella lettura del Financial Times, nulla potrebbe disturbarlo. Allora mi siedo abbastanza lontano da lui per ricapitolare le mie opzioni. Prima: prendere un aereo per il giusto San José e avere meno tempo per percorrere la costa e raggiungere il Comic-Con. Seconda: volare a San Francisco, pagare un prezzo d'oro e perdere qualche ora. Terza: rimanere a Las Vegas e continuare il viaggio verso San Diego, meno stress, più tempo, ma addio alla Silicon Valley. Penso di aver fatto la mia scelta: buongiorno Las Vegas, città degli eccessi.
L'hostess mi spiega che, normalmente, avrebbe dovuto mandarmi al bancone vicino per fare le modifiche alla prenotazione. Le sarebbe piaciuto lavorare a quello sportello o in un'agenzia di viaggi, è per questo che mi ha aiutata. Si lascia davvero coinvolgere e chiama sua madre per trovarci un alloggio rapidamente. In pochissimo tempo, abbiamo una prenotazione in un hotel con vista sulla Torre Eiffel. Mi giro e cerco Louis con gli occhi, la mia assenza finirà per farsi sentire. Mi chiedo se noterebbe un asteroide che cade in mezzo ai passeggeri, talmente è immerso nella lettura. Molto bene. Ne approfitto per chiedere aiuto alla mia nuova amica per il noleggio dell'auto. Le consegno i miei documenti. Dispiaciuta, è costretta a mettermi in attesa e a prendersi cura di due clienti per cambiare il loro numero di posto sul volo per San José. Tutti e due portano camicie a fiori e bermuda. Per fortuna mi sono accorta di aver sbagliato destinazione prima di finire dentro l'aereo in mezzo a tutti questi cappelli e sandali. Anche se si dice che la Costa Rica sia splendida. Il suo unico difetto è che non ospiterà il Comic-Con questa settimana, altrimenti mi sarei lasciata tentare.
— Sono di nuovo da lei —l'hostess mi distoglie dai miei pensieri—. Chiamo l'agenzia di noleggio.
Parla molto rapidamente in un inglese con un accento tale che la mia formazione televisiva con i video in lingua originale non mi è utile per decifrare le sue parole. Riappende con un sorrisetto.
— Allora ?
— Allora va bene. La prenotazione è stata cambiata gratuitamente. Ma non potrete avere la macchina prima di dopodomani. Ad ogni modo, la città di Las Vegas si visita a piedi.
— Grazie mille!
— Di niente. Le darò il numero di mia mamma e il mio per ogni evenienza.
Mi porge il suo biglietto da visita e vi leggo il suo nome: - Lorelei Lee Jones - . Sul retro, ha scritto i recapiti di sua madre Samantha, medium. È sempre utile sapere che si può contare su qualcuno in caso di problemi. Dopo averle dato il mio indirizzo e-mail e il mio numero di telefono, ringrazio calorosamente Lorelei e la saluto per raggiungere il mio supereroe. Questi sta esaminando i prezzi del mercato azionario da cima a fondo. Sempre imperturbabile. Rimango in piedi davanti a lui per due minuti buoni, prima che percepisca la mia presenza.
— Ah, Chantal! Non ti avevo notato!
— Eccomi qui! Ok, ascolta Louis, sono andata a parlare con l'hostess che si occupa dell'imbarco, e mi ha segnalato un problema con i nostri biglietti aerei. Siamo costretti a essere flessibili e a cambiare i nostri piani.
— Oh! Io detesto questo tipo di sorprese.
— Lo so —sospiro— ma lei mi ha aiutato a riorganizzare il viaggio. L'importante è che saremo puntuali al Comic-Con come previsto.
— Mi sento sollevato. Qual è il programma?
— Restiamo qui a Las Vegas.
— Oh, nella città della dissolutezza —dice con disgusto.
Un essere normalmente costituito avrebbe scintille negli occhi, rivelando l'eccitazione. Quelli di Louis sembrano essere pieni di paura. Mentre ci dirigiamo verso i nastri trasportatori dei bagagli, gli spiego cosa visiteremo. È felice.
— Questa sarà davvero un'avventura! Non siamo abituati a questo tipo di vacanza.
Credo di scorgere finalmente un po' di entusiasmo nella sua voce, ma poi ci ripensa:
— Abbiamo già un piccolo intoppo e abbiamo appena iniziato il nostro soggiorno. Spero che questo non sia di cattivo auspicio per il resto del viaggio.

Speriamo che non porti iella! C'è solo un dettaglio a cui non avevo pensato —e nemmeno Lorelei—: le nostre valigie. Sono state caricate sul volo per la Costa Rica. Era impossibile tenere tutti i passeggeri in attesa che le nostre cose fossero trovate nella stiva e quindi scaricate. Quindi lasciamo l'aeroporto con solo il nostro bagaglio a mano. Con passo deciso ci dirigiamo allo stand dove c'è la fila di taxi in attesa. Saliamo su uno di questi e corriamo ad alta velocità verso il nostro hotel.
Quando arriviamo sul famoso viale, chiamato - strip - , i nostri occhi non sanno dove guardare. È primo pomeriggio e la città ha un aspetto veramente dissoluto. Sembra che di notte, con tutte le luci, sia ancora più impressionante. Anche nei miei sogni più folli, non avrei mai pensato di mettere piede qui. Il taxi si ferma davanti al nostro hotel. Stupiti, contempliamo la sua maestosa facciata, poi camminiamo sul tappeto rosso, senza prestare più attenzione al nostro autista che si sta già avvicinando a dei nuovi clienti.
La hall ci meraviglia, i soffitti sono vertiginosamente alti, i lampadari di vetro con i loro pendenti sono degni della Sala degli Specchi del castello di Versailles, dei finti arazzi sono appesi alle pareti. Mentre ci dirigiamo alla reception, vediamo in lontananza le slot machines e i giocatori che portano alle labbra cocktail uno più colorato dell'altro.
Consegnandoci la tessera magnetica per le nostre camere, la giovane alla reception ci dice:
— Visto che venite da parte di Lorelei e Samantha, vi offriamo due buoni da dieci dollari per le slot machines. Buona fortuna!
— Grazie mille, signorina, ma noi non ci abbassiamo a giocare, può tenerli —interviene Louis.
Gli do una gomitata tra le costole e prendo i coupon che Louis tende alla ragazza.
— Li prendiamo comunque. Grazie e buona giornata!
Una volta lontani dalla reception, è un Louis turbato che mi chiede:
— Ma dove hai la testa? Noi ? Dei giocatori?
— Beh, e perché no? Con lo stress di questa giornata, ho bisogno di alcol e roulette.
— Chi sei tu? Ciao, io cerco Chantal. Pronto? Pronto? Qui, base ... Houston, mi sentite? Oh, oh... —si diverte Louis, scuotendomi.
— Hai ragione, berrò una limonata e regalerò i coupon a qualcun altro.

Prendiamo un ascensore di vetro che ci porta al nostro piano. La moquette è spessa e vi affondiamo ad ogni passo. Vediamo un giovane con la divisa da fattorino d'albergo in fondo al corridoio, sembra che stia cercando una stanza. Si gira e arriva nella nostra direzione. Cammina con un vassoio pieno fino all'orlo. Immagino che debba essere nuovo per non riuscire a orientarsi in questo labirinto. Man mano che si avvicina, posso intravedere il contenuto del vassoio. Dei golosoni si delizieranno con due grandi gelati con salsa di fragole e una bella panna montata, li invidio. Anche il mio caro e tenero compagno cerca la porta giusta. È così concentrato sui numeri che non nota il fattorino. Vi lascio immaginare la scena. Il vassoio vola in aria. Il giovane cade a terra, seguito da Louis, che mi trascina nella caduta. La salsa di fragole si spande non solo per terra, ma anche su noi due. La panna montata adorna i miei capelli. Il gelato gocciola sulla mia maglietta, i pantaloni di Louis sono pieni di cioccolato. Perché sì, questa crema al cioccolato io non l'avevo vista, era in un pirottino dietro le coppe di gelato. Il fattorino si scusa profondamente, Louis si arrabbia, la stanchezza non aiuta. La fatalità, ve lo giuro.
Ci alziamo, seccati. Il giovane ci promette dei coupon per le slot machines. Di fronte alle nostre facce esasperate, ne aggiunge altri per il ristorante. Louis va avanti e cerca la nostra camera, non riesce più a sopportare il fattorino e le sue scuse. Quando vi arriva davanti, apre la pesante porta di legno con la scheda magnetica e scopre, insieme a me, una gigantesca suite con vista sulla Torre Eiffel! Una piramide si distingue in lontananza. Sotto, un'enorme piscina è la gioia di... zero turisti, senza dubbio tutti preoccupati di diventare miliardari. Decidiamo di fare la doccia e di partire all'assalto di questa città. È solo dopo essere uscita dal bagno, in accappatoio, che realizzo dell'assenza delle nostre valigie.
— Louis, come ci vestiremo? Con i nostri vestiti sporchi del viaggio?
— Per fortuna, ti avevo avvertito di mettere almeno la biancheria intima e lo spazzolino da denti nel bagaglio a mano. È già qualcosa.
— Sì, forse dovremmo andare a comprare dei vestiti in città. A meno che...
— A meno che cosa?
— Ho un'idea folle —sorrido.
— Quello sguardo non mi dice niente di buono.
— Nel mio zaino ho i nostri costumi. Avevo paura che le nostre valigie si sarebbero perse e che non avremmo avuto nulla da indossare per il Comic-Con.

È stato così che mi sono vestita da principessa Zelda e Louis ha indossato la sua calzamaglia da Superman e i suoi muscoli finti. Prima di lasciare la nostra camera, Louis mi lancia uno sguardo divertito:
— Siamo dei pazzi! Viviamo la nostra vita pienamente!
Ditemi un po', io non lo riconosco più. Lui che è così serio e che più di uno lo definirebbe noioso, persino tedioso... sarebbe già stato inebriato dalla magia di Las Vegas?
Diamo i nostri vestiti sporchi alla reception, la ragazza non ci guarda con gli occhi sgranati, come temevo. Deve essere abituata a vederne di gente strana. È con stupore che incontriamo molte donne corpulente nella hall dell'hotel. L'America è conosciuta per i suoi obesi, ma non avremmo mai immaginato fino a questo punto. In compenso, nessun uomo in vista. Queste donne sono tutte vestite con abiti aderenti o molto corti. Molto ben pettinate e truccate. Di fronte alle nostre bocche spalancate, una di loro ci informa di un concorso di bellezza: - Big and Beautiful - . Le auguriamo buona fortuna, non senza un pizzico di vergogna per il nostro atteggiamento. Le diamo i nostri coupon per le slot machines, sembra felice come se avesse vinto la competizione. La sentiamo scandire a destra e a manca - This is amazing -
Riprendiamo la visita del luogo e notiamo che siamo passati nell'hotel vicino senza accorgercene. Della gente cammina con una specie di bicchiere appeso al collo, tenuto da una cinghia. Dal bicchiere sporge una cannuccia. Quindi possono camminare e bere allo stesso tempo. Molto astuto.
— Sembra che si portino un biberon come ciondolo —ride Louis.
Due secondi dopo, ne compra uno.
— Questo sarà un meraviglioso souvenir!
Sono felice di vedere che non pensa alla Silicon Valley e che i sorrisi di bambini e ragazze davanti al suo costume lo rendono felice.
All'improvviso, mi tira la manica in modo che io guardi il soffitto. Vediamo opere degne di una chiesa italiana e splendidi affreschi. Siamo arrivati a Firenze o siamo in Vaticano? Non saprei dire. Il profumo della pizza riempie le nostre narici. Hum hum. Con una fetta di pizza in mano, lasciamo l'hotel per scoprire la città.
Louis mi conduce al Rialto e siamo a Venezia. Mi abbraccia con forza, poi osserviamo i passanti e il panorama per alcuni momenti. In lontananza si trova l'hotel Excalibur a forma di castello da fiaba, il Circus Hotel è facilmente riconoscibile per i suoi scivoli all'aperto. Siamo interrotti nella nostra contemplazione da una giovane coppia, che ci si rivolge direttamente in francese, senza dubbio avendoci sentito parlare.
— Buongiorno, possiamo fare un selfie con voi? Avete dei costumi belli da morire! Lavorate in uno degli hotel?
— Uh, no —balbetto mentre lui e la sua ragazza si intrufolano al nostro fianco.
— Un sorriso! E hop, fatto. Siete qui in vacanza?
— Sì
— Vi sposerete?
— Pardon?
— Beh sì, visto che siete travestiti, per cos'altro se no? Di sicuro è più moderno di Marilyn ed Elvis.
Non dandoci il tempo di rispondere, continua:
— Io e Sophia sogniamo di sposarci a Las Vegas e abbiamo bisogno di testimoni. Ovviamente l'abbiamo già fatto ufficialmente in municipio, ma con voi due sarà un matrimonio folle. Immagina, Sophia, le foto da far impallidire i colleghi! Potrai pubblicarle su tutti i tuoi social network.
Louis si raddrizza e incrocia le braccia, prima di esprimersi:
— Superman ha cose migliori da fare che partecipare a una cerimonia. Salvare il mondo non aspetta!
— Oh fantastico, si crede troppo, il ragazzo!
Mi prende per le spalle e ci allontaniamo insieme. Potrebbe non aver salvato il mondo, ma la mia credibilità di fronte ai miei colleghi, sì. Spero che nessuna foto di me con questo costume si ritrovi su Internet.
Abbraccio Louis e gli sussurro:
— Tu sei il mio eroe!
— Lo so, lo so. E come tutti gli eroi, ho bisogno del riposo del guerriero. E se tornassimo nella nostra camera in hotel, che ti mostro i miei poteri magici?
Arrossisco. Questo viaggio gli fa bene e questo travestimento lo disinibisce! Prima di fare pazzie coi nostri corpi, ci occupiamo di riporre i nostri vestiti forniti dal servizio di pulizia, dopo essere stati lavati, stirati e messi sul nostro letto king size.

Capitolo 4


Ci svegliamo all'alba. Gli effetti del jet lag si fanno sentire. Una volta divorata la nostra pantagruelica colazione in mezzo a una sala deserta, telefoniamo all'aeroporto. I nostri bagagli sono sul prossimo volo da San José a Las Vegas e arriveranno in giornata. Saranno consegnati direttamente in hotel.
Sollevati, ripartiamo alla scoperta della città. Un acquario con gli squali in un ristorante, una giungla lussureggiante, qui tutto sembra normale. Facciamo foto a tutto spiano. Camminiamo su e giù per i viali, incrociando limousine, auto di lusso e molti venditori di gadget. I nostri piedi iniziano a essere stanchi dopo queste ore di cammino e, per fortuna, è ora di pranzo. Ho organizzato un incontro con Samantha, la madre di Lorelei. Visto che è una medium, volevo che ci parlasse un po' del nostro futuro, solo per aggiungere al nostro soggiorno un tocco di magia o di stranezza, a seconda di cosa ci dirà. Samantha è felice di incontrarci per il pranzo in un hotel in una nave pirata. I camerieri del ristorante sono tutti in costume. Oggi noi non lo siamo e ne sono molto contenta.
Samantha assomiglia a sua figlia o viceversa. Poco importa, lei non sta zitta un attimo ed è piena di entusiasmo. Ci spiega le tappe che possiamo fare nei prossimi giorni, mentre sgranocchia avidamente le sue patatine dolci. Si accorge dei nostri sguardi sorpresi e si sente costretta a giustificarsi:
— Mangio insalata verde 24 ore al giorno, quindi non appena vedo un piatto come questo, non posso resistere e lo ingoio molto (troppo) rapidamente.
— Prego, faccia pure. Sono lieto che almeno uno di noi apprezzi il contenuto del piatto che ha davanti —risponde Louis, fissando le sue pannocchie di mais, come se gli OGM potessero esplodergli in faccia.
— Samantha —le dico— non voglio divagare. Vorrei che ci parlasse del nostro futuro.
— Non sono nata ieri, ragazza. Sapevo perché volevi incontrarmi. Ti ricordo che ho una sfera di cristallo.
Louis ridacchia, seguito da Samantha. Non capisco il motivo.
— Scherzi a parte —riprende Samantha— dovremo sistemarci in un posto tranquillo. Non faccio queste cose in pubblico. Richiede concentrazione.
Louis paga il conto, poi raggiunge me e Samantha vicino all'ingresso. Troviamo un bar tranquillo, lontano dalle slot machines. Quando entriamo nel locale, ci accoglie una musica di sottofondo. Troviamo posto a un tavolo rotondo. Samantha ordina le bibite e aspetta che il cameriere ce le porti per chiedergli di non disturbarci per i successivi trenta minuti. Prende un mazzo di carte dalla sua borsa. Innanzitutto devo dirvi che sono molto delusa dall'aspetto fisico di Samantha. Non indossa un gilet coi buchi né una gonna lunga a balze, e non porta orecchini a cerchio dorati. Non ha i capelli grigi e non è truccata con la matita nera intorno agli occhi. I suoi denti sono di un bianco brillante, non uno in oro o argento. Questo cliché avrebbe aggiunto un po' di autenticità all'atmosfera circostante. I pannelli della Coca Cola che lampeggiano sopra le nostre teste non aiutano.
Samantha vuole iniziare con me, invita Louis ad allontanarsi. Va bene così perché vorrei sapere se ho un futuro romantico con lui e se ci sposeremo. Mette le carte sul tavolo, poi le gira. Si gratta la testa.
— Vedo dei preparativi di matrimonio, questo è certo. Vedo anche Louis, ma vedo un altro uomo. Non mi nascondi per caso un amante, ragazza?
— Eh no, assolutamente no. Dai, non è da me.
— Che sia da te o no, lo vedo chiaramente, è più virile di Louis.
— Mio padre?
— No, no, un altro uomo. C'è anche freddo, molto freddo.
— L'Alsazia in inverno? Un maestro di sci? Ne conosco uno, ma da lì a ... beh... no... comunque!
— Probabilmente è lui. Ma hai ancora qualche mese. Il mio consiglio per te: se vedi la felicità, non lasciarla scappare. E soprattutto, non parlare mai di questa previsione con nessuno, altrimenti non diventerà mai realtà! Chiamami Louis, adesso.
— Spero che non gli chieda il suo futuro amoroso, altrimenti la nostra vacanza sarà rovinata.
— Non preoccuparti, mi farà una domanda sulla sua carriera professionale.

Mi allontano e lascio il posto a Louis, sono tutta scombussolata dalle previsioni della medium. Louis è il mio primo grande amore e dato il mio successo con gli uomini, la mia capacità di flirtare, la mia attitudine alla seduzione, non penso che un altro uomo vorrebbe questo sacchetto di ossa. Decido di dimenticare rapidamente questo episodio e aspetto pazientemente che Samantha legga le carte a Louis. Lui è molto concentrato. Lui, che di solito è cartesiano, si lascia volentieri intrigare dall'arte di Samantha. Dopo un po' mi fanno segno di raggiungerli.
— Chantal, finalmente avrò la promozione che aspetto da settimane!
— Ma è meraviglioso Louis! Complimenti!
Fedele a se stesso, non mi chiede nemmeno cosa ha predetto Samantha a me. Tanto meglio. Non avrei potuto spiegargli che c'è un matrimonio nell'aria nei prossimi mesi e che un altro uomo più virile mi girerà attorno. Ah sì, dimenticavo, ci sarà neve. In un certo senso, sono rassicurata. Non finirò zitella. Bisogna sempre vedere il lato positivo delle cose!
Salutiamo Samantha e torniamo in hotel. Le valigie dovrebbero essere lì. Vogliamo fare un tuffo in piscina prima di ritirare l'auto a noleggio.
Questo bagno ci fa un gran bene. Dopo questi giorni movimentati, avevamo bisogno di un po' di relax. Ora dobbiamo contattare alcuni hotel per sapere dove passare la notte. Optiamo per andare al Grand Canyon, niente meno! Fortunatamente, Samantha ci ha dato un elenco di luoghi che conosce. Louis si offre volontario e li chiama uno a uno. Il terzo ha una stanza libera, un prezzo equo, quindi prenotiamo. Facciamo una doccia e siamo felici di poter indossare ancora vestiti puliti. Non manca nulla nel nostro bagaglio. La dogana ha controllato la mia spada di plastica di Zelda e ha messo un adesivo sulla mia valigia per informarmi che era stata aperta. Gli imprevisti dei globe-trotters!
Paghiamo la nostra camera e il supplemento - late check out - per la nostra partenza tardiva e andiamo a ritirare l'auto a noleggio a due isolati di distanza. Louis si mette al volante e ci dirigiamo verso il Grand Canyon. Un sogno per molti di noi. Le strade sono come ve le immaginate. Grandi, lunghe, pochi veicoli e grandi aree deserte intorno. Non seguiamo nessun GPS, ma facciamo affidamento sul mio senso dell'orientamento e devo confessarvi che sono una super navigatrice. Eh no, noi non facciamo parte di quelle coppie che litigano ad ogni bivio. No, io do indicazioni molto bene. E poi, se posso confidarvi una cosa, è che io e Louis non abbiamo mai avuto motivo per litigare. Non riuscirei a dirne neanche uno. Non siamo una coppia monotona, è che non bisogna avere vergogna ad andare d'accordo, no? Ho già letto articoli sul fatto che i litigi sono positivi per la coppia, che se non si litiga non è normale e riconciliarsi sul cuscino è così bello. Beh, forse, ma non ho intenzione di provocare degli scontri solo per rientrare in una qualunque norma! Sarebbe un delirio.
A proposito di delirio, cosa sono tutti quei bus che vedo in lontananza? Mi viene da pensare che alla fine abbiamo sbagliato e siamo finiti a Disneyland in Florida. Centinaia di turisti si sistemano i cappelli, si allacciano le scarpe, si spalmano la crema solare! Sento già in lontananza - Ehi, Robert, vieni a vedere qui - , quando parcheggiamo a malapena la macchina. Con il finestrino abbassato posso sentire - Jacquot, andiamo, diamo un'occhiata al buco gigante più visitato al mondo! - o - Questi Yankees non sanno cosa è buono, cos'è questo vino californiano che abbiamo bevuto a mezzogiorno? Un vino da due soldi, te lo dico io, Jeannot - . Mi viene la nausea. Vado in vacanza per allontanarmi dai miei simili ed eccoci, siamo in mezzo a turisti che provengono dalle mie parti. Siamo conosciuti per essere dei grandi lamentosi e perché parliamo a voce alta. Ne ho una bella dimostrazione davanti a me in diretta. Togliendo le chiavi dal cruscotto, Louis mi lancia un'occhiata che la dice lunga sui suoi pensieri.
Prima di lasciare l'hotel, avevamo indossato le nostre scarpe da trekking e le nostre camicie anti UV. Una volta infilati i cappelli in testa, prendiamo il coraggio di uscire dalla nostra macchina per sfidare la folla. Dopo cinque minuti, Louis mi annuncia:
— Chantal, penso di essere allergico ai turisti. Mi sento male in mezzo a tutta questa gente. Non riesco più a respirare e mi sta venendo l'orticaria.
Accompagna le sue parole con gesti e si strofina vigorosamente le braccia. Sospetto che stia esagerando un po' la messa in scena. Come futura sposa (credo fermamente nelle previsioni di Samantha), devo andare in aiuto del mio principe:
— Torniamo alla nostra carrozza. Ci sono diversi punti panoramici. Questo è il più conosciuto con la sua passerella di vetro, ma niente ci costringe a rimanere qui. L'obiettivo è essere stupiti dal panorama, non esasperati dai nostri conterranei.
Ed è così che ci siamo rimessi in strada. Niente di veramente eccitante per i chilometri successivi. Mi immaginavo di trovare scene degne del selvaggio Far West con gli indiani che spuntano in ogni momento, cavalli selvaggi, balle di fieno che rotolano, città fantasma e saloon abbandonati. E invece niente. Se avessi studiato la mia guida di viaggio (avrei comunque dovuto pianificare di visitare questa zona), senza dubbio avrei imparato che, nonostante il mio dottorato e le mie conoscenze generali, di un livello molto buono rispetto alla media, avrei capito che quello che penso di sapere sugli Stati Uniti sono solo stereotipi! Un po' di buon senso mi avrebbe senz'altro fatto bene. Fortunatamente, non rivelo tutto ciò che penso a Louis, altrimenti mi prenderebbe per un'idiota.
Guidiamo qualche minuto quando ci imbattiamo, inaspettatamente, faccia a faccia con un indiano. Sì, proprio quello che avevo immaginato due minuti prima, ma senza le piume né il calumet della pace. Se ne sta, orgoglioso come un gallo, in mezzo alla strada. Il traffico non è molto intenso ma, a tali velocità, si può facilmente urtare un passante. Louis rallenta e finisce per fermare la macchina. Abbassa il finestrino e l'uomo si avvicina a noi con un grande sorriso. Puzza di autostoppista e di alcool. Cosa potrebbe mai fare in mezzo al nulla? C'è forse un villaggio nascosto sotto... terra?
— Buongiorno —ci dice.
Fin qui niente da ridire. Ci mettiamo più di un minuto per rispondergli, senza dubbio turbati dalla stranezza della situazione. Incatena rapidamente delle frasi, una più assurda dell'altra. Vi lascio giudicare da soli:
— Mi chiamo Mike, vengo da Las Vegas. Un camionista che fa degli show di travestiti là, mi ha dato un passaggio per un tratto di strada. Ad una pompa di benzina, ha incontrato uno dei suoi ex compagni di scuola che lo ha riconosciuto per il suo vestito stravagante. Hanno voluto mangiare un hamburger insieme, lasciandomi da parte. Non conoscendo né Susan né Linda, ancora meno Aaron, i loro comuni amici, sbadigliavo davanti alla loro conversazione e ho deciso di non aspettare fino alla fine della storia della nascita di Susan. Piantandomi nel mezzo della pompa di benzina, ho finito per trovare Anke, una ragazza tedesca molto simpatica che guidava una Chevrolet nuova di zecca. Stava andando alla Valle della Morte, lavora in un hotel che ha persino campi da tennis. Se mi chiedete la mia opinione, vi dirò che non sono sicuro che i terreni siano usati spesso. Se quella regione si chiama così, ci sarà un motivo. Non guardatemi con gli occhi sgomenti, le temperature sono così alte che vi brucerebbero sul posto. Cancro della pelle in tre minuti. Lì, la protezione solare non serve a niente. È meglio rimanere chiusi nel proprio veicolo. Non preoccupatevi, quando Anke mi ha lasciato al ristorante con gli sgabelli a forma di sella di cavallo, le ho fatto promettere di non uscire dalla macchina, a meno che non sia una questione di vita o di morte. Lei ha pensato che la stessi prendendo in giro, povera ragazza. I tedeschi credono solo a ciò che vedono. Spero che non tenterà il diavolo, la piccola...
Né io né Louis osiamo interromperlo. Ha una parlantina così veloce. Sono un po' delusa dal fatto che non abbia un nome tipo Serpente-piumato o Luna-dell'inverno-passato, ma mi trattengo dal farglielo notare. Arriva finalmente alla parte in cui Pedro il messicano lo ha lasciato in mezzo alla strada, perché il nostro caro Mike si è tracannato tutta la tequila che aveva nel vano portaoggetti. Un ospite di quelli che tutti amano, quelli che si servono da soli nel frigo e ti soffiano la bottiglia di whisky invecchiato dodici anni, che conservavi gelosamente per una grande occasione.
— Tutto questo per dirvi, cari amici, che sto andando dove state andando voi — conclude il nostro Mike, ubriaco.
— Molto bene, allora sali sulla nostra macchina, ma pulisci le scarpe prima di mettere i piedi sui tappetini —gli dice Louis.
Non capendo questo strano comportamento da parte del mio caro e tenero compagno, gli chiedo spiegazioni. Lui mi replica laconicamente:
— Samantha mi ha consigliato di non chiudere gli occhi davanti alla prima persona in difficoltà che mi si sarebbe presentata e di tendergli la mano. Sto solo facendo il mio dovere.
— Ma allora tu credi alle sue sciocchezze? —gli rispondo incredula.
— No, ma cerco di essere favorevole al destino. E poi è piuttosto divertente, il ragazzo! —sorride il mio Louis.
Se vi confesso che il piacere che Louis prova nell'interrogare Mike mi fa pensare al film le Dîner de cons , potete immaginare le scene che si svolgono davanti a me senza difficoltà, no?
Si scopre, figuratevi, che Mike sta effettivamente andando nello stesso posto in cui andiamo noi. La sua famiglia abita non lontano dalla residenza in cui andremo a dormire. Abbiamo avvertito Mike che ci fermeremo in diversi punti panoramici sul Grand Canyon e lui vuole indicarci i migliori. Quando, alla nostra prima fermata, lo vediamo correre verso il visitor center e deviare all'ultimo momento per entrare nel liquor store per trovare una bottiglia di liquore nel negozio, mettiamo in dubbio la sua capacità come guida. Non abbiamo investito in biglietti aerei per scoprire tutte le marche di tequila della zona. Perché è questo l'alcolico che preferisce di gran lunga. Quando vi dico che è loquace!
In attesa del suo ritorno dal negozio, seguiamo un piccolo sentiero poco ombreggiato. Dei pannelli ci annunciano un punto panoramico spettacolare. Ed è proprio così! Ritiro tutte le cattiverie dette a proposito di Mike. Io e Louis ci sediamo su una panchina libera. Certamente ci sono anche i turisti, ma sono silenziosi. Sono delle coppie e dei piccoli gruppi. Tutti apprezzano il paesaggio e rimangono a bocca aperta di fronte a tanto splendore. I colori verdi, arancioni e giallastri mi ricordano le immagini dei reportage sul Canada durante l'estate indiana o sul Connemara in Irlanda. Non viaggio abbastanza e mi sono resa conto, in quel momento, di non sapere nulla del nostro vasto pianeta. Ma è una vergogna? Io esisto attraverso i miei libri, che divoro a tutta velocità, attraverso le epoche, visito città immaginarie e incontro persone incredibili, ma rimangono su pagine oscure. Ma quelle esperienze non le vivo nella realtà. Ho un bell'essere affascinata da quello che vedo, ma so anche che una vita di avventura non fa per me. Per quanto mi renda conto di essere fortunata a poter contemplare una delle meraviglie del mondo, mi sento bene solo nel mio bozzolo familiare, nel mio piccolo appartamento a Strasburgo e nell'agriturismo dei miei genitori vicino a Munster. Non ho bisogno di altro per essere felice. O forse solo sapere chi è questo sconosciuto del Grande Freddo che mi girerà attorno nei prossimi mesi.
Ritorniamo lentamente alla macchina, chiudendo questa parentesi incantata. Mike chiacchiera con altre persone e io spero che preferirà la loro compagnia alla nostra. E invece no. Non appena il suo sguardo incontra il mio, i suoi occhi si illuminano e ci raggiunge con entusiasmo. Prendo il mio libro sugli Stati Uniti dallo zaino e lo sfoglio. Rapidamente trovo la pagina con la mappa dei dintorni. Delle piccole stelle segnano i luoghi molto turistici. Un riquadro intitolato - uscire dai sentieri battuti - attira la mia attenzione. Decidiamo di andarci. Salgo sul veicolo, seguita da Louis. Mike brontola, poi sale in macchina e inizia a sonnecchiare sul sedile posteriore, prima ancora che Louis parta, abbracciando il suo sacchetto di carta pieno di bottigliette di liquore.
Sophie Rouzier
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto