Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Riccardo Bruni, da un piccolo sito web negli anni 90, su cui pubblicava i primi racconti, fino ad arrivare alla presentazione del suo romanzo "La notte delle Falene" al Premio Strega. Ha partecipato a vari progetti collettivi, tra cui YouCrime di Rizzoli, in collaborazione con il Corriere della Sera. Scrive sul quotidiano La Nazione, su Giallorama.it, di cui è uno dei fondatori, e collabora con varie realtà del web, tra cui Toscanalibri.it. In questa intervista racconta la sua storia a Writer Officina.
Oriana Fallaci, l'intervista impossibile a una scrittrice mai morta. Prima di approdare al romanzo e al libro, Oriana Fallaci si dedicò prevalentemente alla scrittura giornalistica, quella che di fatto le ha poi regalato la fama internazionale. Una fama ben meritata, perché a lei si devono memorabili reportages e interviste, indispensabili analisi di alcuni eventi di momenti di storia contemporanea. La raccolta delle sue grandi interviste con i potenti della Terra venne poi inglobata nel libro "Intervista con la storia".
Vito Catalano è nato a Palermo nel 1979. Da anni Lavora ai documenti d'archivio del nonno, Leonardo Sciascia. In una vita fra Italia e Polonia (dove per anni ha tenuto lezioni di scrittura italiana agli studenti di Linguistica Applicata dell'Università di Varsavia), ha pubblicato numerosi articoli sui quotidiani Il Messaggero, Il Riformista, La Sicilia e quattro romanzi: L'orma del lupo (Avagliano editore 2010), La sciabola spezzata (Rubbettino 2013), Il pugnale di Toledo (Avagliano editore 2016), La notte della colpa (Lisciani Libri 2019).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Antonio Chirico
Titolo: Ramondo lo scudiero
Genere Storico Avventura
Lettori 719 69 13
Ramondo lo scudiero
L'avventurosa storia di Raimondello Orsini del Balzo.

Ramondello aveva un intenso mondo interiore dentro di sé, ma gli faceva rabbia che, proprio quando serviva, non riuscisse a esprimersi a dovere. Colpa forse della minore età, oppure della troppa fiducia negli altri, che lo portava a restare facilmente deluso, tanto deluso da rimanere senza parole. Durante la discussione in casa successiva alla lettura del testamento, non aveva saputo replicare niente al padre, o ben poco rispetto a tutta quella massa di pensieri che gli aveva affollato di colpo il cervello sino a voler quasi esplodere. Ora, senza darsi tempo, né farsi scrupoli, il padre s'era preso la briga di andare a parlare con il conte d'Aquino, causando la sfuriata di quest'ultimo, lì, al molo e l'allontanamento di Isabella. Stavolta, Ramondello aveva evitato proprio di affrontarlo. Avrebbe imparato solo molto più tardi, con l'esperienza e a forza di accumulare delusioni, a essere più assertivo ed esprimere meglio le proprie emozioni. Ma in fondo, poi, nel caso di specie, che cosa c'era da dire al padre che servisse davvero dire? Non lo poteva capire da sé che non era giusto decidere in sua vece il suo futuro? Non ci arrivava da solo a comprendere che non era equo comportarsi così con lui, che era suo figlio? Se non si rendeva conto che era scorretto disonorare gli accordi con lo zio e venir meno alla promessa fatta, tanto più perché si trattava delle ultime volontà di un moribondo, cos'altro c'era da dire o specificare? Ora Isabella sarebbe stata messa sotto stretto controllo da quel despota che era Tommaso d'Aquino. Anzi, con molte probabilità sarebbe stata tenuta segregata e non avrebbe più avuto la possibilità di nuovi incontri con lei, né al molo né in qualunque altro posto. C'era da aspettarsi che adesso il conte di Belcastro si sarebbe dato da fare per procurare un marito alla sua unica figlia che fosse degno del suo rango. Ramondello era sicuro dell'amore che Isabella provava per lui, confidava che lei non avrebbe ceduto alle pressioni del padre, ma quanto avrebbe potuto resistere? Bisognava trovare una soluzione. Nella locanda dei “Tre Pescatori”, nel porto di Napoli, faceva a ripetizione questi ragionamenti senza riuscire a trovare il bandolo della matassa. Gli sembrava come se il cervello si fosse inceppato. Di buon mattino aveva infagottato gli effetti personali e racimolato i propri risparmi, oltre ad alcuni gioielli lasciatigli dalla defunta nonna, Sveva. Si era lasciato alle spalle il castello di Nola senza una parola né un saluto se non con Roberto, e senza voler prendere nulla di quel che apparteneva ai genitori, nemmeno un cavallo per viaggiare più comodo. Il contadino che, vedendolo camminare a piedi sul ciglio della strada, si era offerto di dargli un passaggio con il suo carretto, quando aveva capito di aver preso a bordo un rampollo del conte, aveva provato a invertire la marcia per riportarlo al castello, dove avrebbe potuto ricevere una congrua ricompensa, ma il suo zelo era stato gelato da Ramondello che, insospettito dall'improvviso cambio di direzione, gli aveva puntato il coltello alla gola invitandolo a proseguire verso la meta iniziale.
Nella locanda non c'erano molti avventori, solo qualche pescatore, alcuni uomini di mare e viaggiatori di passaggio verso la Spagna.
La porta si aprì ed entrò un cavaliere con quattro compagni al seguito. Il loro ingresso distolse Ramondello dai suoi pensieri fissi. Lo colpì, di quello straniero, il viso sfigurato da una profonda cicatrice sulla guancia destra, che lo segnava quasi fin sotto l'occhio. Aveva una cotta di maglia con una sopravveste bianca e una croce nera appesa al collo. Dagli abiti e armamenti che indossava, capì che doveva trattarsi di un rinomato condottiero. L'uomo e i suoi accompagnatori si sedettero a un tavolo vicino al suo e ordinarono da mangiare. Continuò a osservare il forestiero mentre cenava con i suoi commilitoni e rievocavano vecchie battaglie, poi si risolse di soddisfare la propria curiosità chiedendo informazioni direttamente a lui.
- Signore, posso domandarvi dove siete indirizzati? - lo interrogò senza alzarsi dal tavolo.
Il cavaliere dal volto sfregiato puntò su di lui i suoi occhi neri, sottili come punte di spillo.
- In Prussia. Andiamo a combattere per l'Ordine teutonico nelle crociate contro i lituani. -
- Esistono forse delle crociate in Lituania? - Lo spirito di curiosità aveva ormai preso il sopravvento.
- Certo. Le crociate giù in Terrasanta, conclusesi purtroppo con una sconfitta, erano state intraprese per recuperare alla cristianità i luoghi frequentati da nostro Signore Gesù Cristo e sottrarli agli infedeli, mentre in Lituania si combatte per salvare le anime dei pagani convertendoli al cristianesimo, in obbedienza al messaggio del Cristo che ha mandato i suoi apostoli per il mondo a evangelizzare tutti i popoli della terra. Davvero non hai mai sentito parlare dell'Ordine teutonico? -
- Sinceramente no. -
Il cavaliere portò la caraffa del vino alle labbra e ne bevve un ampio sorso. Si asciugò la bocca umida con il dorso della mano e poi riprese a spiegare.
- L'Ordine teutonico, o meglio, l'Ordine dei cavalieri dell'ospedale di Santa Maria in Gerusalemme, che è il suo nome esatto, è un Ordine di monaci-cavalieri, come i templari per intenderci. Esso nacque in Terra Santa, in origine, quale ospedale militare per i crociati di nazionalità tedesca. Al termine delle crociate nell'Oriente meridionale, l'Ordine teutonico ha spostato il baricentro della sua attività nell'Oriente settentrionale, per dedicarsi a una crociata contro gli slavi pagani che abitano la Prussia e le terre limitrofe. È lì, dunque, che andiamo anche noi, sia per acquistare con il nostro contributo alla cristianizzazione indulgenze per l'aldilà, che di sicuro non guastano, sia – ed è la cosa che più conta per me, umile mercenario – per conquistare gloria, onori e bottino. -
A Ramondello sembrò che quelle parole avessero acceso una lanterna all'interno dei suoi pensieri e portassero luce in ogni angolo più lontano e nascosto del suo cervello.
- Portatemi con voi - disse resoluto.
Lo sfregiato volse i suoi occhi magnetici tutt'attorno, scrutando uno per uno gli astanti del locale.
- Tuo padre dov'è? - gli chiese.
- Non ho un padre. -
- E tua madre? -
- Neppure. -
- Non hai una famiglia? -
- Sono senza famiglia. -
Il cavaliere lo fissò di nuovo per cercare di capirci meglio.
- Non hai dunque nessuno che si occupi di te? -
- Ce l'avevo - rispose - ma le due persone che mi volevano bene sono morte e una di loro non l'ho mai conosciuta. - Si riferiva al pro-zio e a sua madre, quella vera.
- Sai cucinare? - lo interrogò ancora lo straniero.
- So imparare in fretta. -
- Sai strigliare i cavalli? -
- Quello sì, lo so fare bene. - In realtà, più che strigliarli, li sapeva cavalcare, perché a strigliarli, in casa degli Orsini, ci avevano sempre pensato i servi, ma lui glielo aveva visto fare ed era più che sufficiente.
Il cavaliere scambiò un rapido sguardo con i suoi amici, poi allargò il palmo della mano in segno di assenso.
- E sia, verrai con noi come mio scudiero. Avrai vitto e alloggio gratis e in più la paga di mezzo fiorino d'argento al mese. -
- Mi sta bene. Come vi chiamate, signore? Devo pur conoscere il nome dell'uomo che mi ha assunto al suo servizio. -
- Il mio nome è Guy de Chavigny, sono il signore di Chateauroux nel Berry e guido una compagnia di ventura costituita da un centinaio di nobili e soldati mercenari. Il nostro campo è montato appena fuori le mura della città. E tu, invece, come ti chiami, mocciosetto? -
- Il mio nome è Ramondo Orsini del Balzo. -
Il cavaliere scrollò la testa. Non credeva a tutte le panzane che gli aveva rifilato quel ragazzino ma, nella sua stranezza, gli ispirava simpatia.
- Figliolo, è poco verosimile che tu non abbia una famiglia quando poi ti ritrovi addirittura due cognomi. -
- Avete ragione, signore. In realtà mi sono sbagliato, perché, al momento, non li ho ancora quei due cognomi. Sono Ramondo, un semplice vagabondo, per servirvi. Se mi chiamate Ramondello, come mi chiamano tutti, andrà più che bene. Ditemi, quando si parte? -
Sul volto del cavaliere apparve un sorriso di compiacimento. Quel misterioso ragazzo lo aveva stregato. Il suo modo di porsi lo divertiva.
- Domani all'alba. Ora va' a dormire. Il viaggio sarà lungo e faticoso. Domattina voglio che il mio cavallo sia già pronto e tirato a lucido. -
- Sarà così, signore. -
Iniziava la sua nuova vita da scudiero.
Antonio Chirico
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto