Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Raul Montanari è autore di 17 libri di successo. Vive a Milano, dove tiene dal ‘99 corsi di scrittura creativa fra i più quotati a livello nazionale. Collabora con i principali editori italiani e ha pubblicato numerose traduzioni dalle lingue classiche e moderne. Dal 2008 al 2016 ha diretto il festival letterario Presente Prossimo. Nel 2012 ha ricevuto l'Ambrogino d'oro, il massimo riconoscimento istituzionale della città di Milano. Nel maggio del 2021 è uscito per Baldini+Castoldi la sua ultima opera: Il vizio della solitudine.
Patrizia Rinaldi si è laureata in Filosofia all'Università di Napoli Federico II e ha seguito un corso di specializzazione di scrittura teatrale. Vive a Napoli, dove scrive e si occupa della formazione dei ragazzi grazie ai laboratori di lettura e scrittura, insieme ad Associazioni Onlus operanti nei quartieri cosiddetti "a rischio". Dopo la pubblicazione dei romanzi "Ma già prima di giugno" e "La figlia maschio" è tornata a raccontare la storia di "Blanca", una poliziotta ipovedente da cui è stata tratta una fiction televisiva in sei puntate, che andrà in onda su RAI 1 alla fine di novembre.
Cinzia Tani è giornalista e scrittrice, autrice e conduttrice radiotelevisiva. Dopo la maturità classica consegue la laurea in Lettere Moderne e il diploma come interprete e traduttrice di lingua inglese, francese e spagnola. Debutta nel 1987 come scrittrice con il libro “Sognando California” con cui vince il Premio Scanno. Notata dalla RAI, entra nella tv di stato come inviata di Mixer. In seguito debutta come autrice e conduttrice di alcuni programmi tv: “Chi è di scena”, “L’occhio sul cinema”, “Il caffè”, “Italia mia benché” e “Delitti“. Il suo ultimo romanzo è "L'ultimo boia". .
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Recensioni
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Cinzia Muroni
Titolo: Da farfalla a bruco
Genere Poesia Narrativa
Lettori 261
Da farfalla a bruco
Metamorfosi di una poesia.

Cominciamo così.

Siamo tutti esseri un po' speciali ognuno a modo suo, nel bene e nel male. E pur essendo intimamente convinti di appartenere alla prima categoria, le occupiamo entrambe nostro malgrado. Mi piace paragonare ogni persona al portiere della reception di un albergo e adoro sedermi sul divanetto a righe colorate, posizionato nel piccolo atrio semibuio per rimanere in silenzio a guardare tutti i personaggi, che uno dopo l'altro entrano e lo raggiungono, per poi appoggiarsi al grande bancone di legno consumato. Ne sono passati molti negli anni ed ognuno di loro, ha lasciato sempre qualcosa riempiendo, colorando, impoverendo, profumando o stritolando l'anima del nostro albergatore. D'altronde tutti prima o poi, ci siamo trovati ad occupare quella postazione vedendo entrare dalla porta girevole chi per qualche ragione, ci ha attraversato la vita magari travolgendola a volte calpestandola e se abbiamo avuto fortuna, semplicemente accarezzandola. Credo che in tutti noi abiti chi sta dietro al bancone, ma anche ognuno di quelli che spingeranno la porta per entrare, che potranno essere di ogni tipo e tra i più disparati: strani, bizzarri, allegri e anche bastardi! Voglio dirti una cosa, che forse non ti piacerà per niente ascoltare: noi durante la vita, dovremo imparare ad accettarli tutti, specialmente quelli che non vorremmo proprio diventare e che spesso, ci faranno vergognare! In qualche modo fanno già parte di noi e respingerli, servirà solo a dar loro più forza, facendoci stare sempre peggio. Ma guai a tentare di spiegarlo a chi crede di appartenere alla categoria delle anime celesti! Non provarci nemmeno, non servirebbe. A nessuno infatti, piacerà mai ricordare di essersi comportato male, di aver fatto soffrire qualcuno, di aver tradito, di aver invidiato o di aver fatto azioni anche peggiori. E nemmeno ci piacerà mai ammettere, che in ognuno di noi, possa dimorare la creatura più innocua, ma anche la più pericolosa e che potremmo passare dall'una all'altra in men che non si dica. Dipenderà solo dal contesto dove ci troveremo o dai pericoli che minacceranno la nostra persona o ancor peggio chi amiamo. Eh si ... basterà questo per veder balzar fuori in un attimo, personaggi aggressivi ed inaspettati, che mai avremmo creduto di poter diventare. Eppure prima o dopo, dovremo imparare a conoscerli tutti e con ognuno di loro, ad affrontare i nostri giorni anche se in alcuni casi, saremo proprio noi che volutamente, andremo a cercarli e scegliendo proprio quelli peggiori!Non sempre si agisce per cattiveria, ma purtroppo ignoranza, incoerenza, immaturità, inesperienza, superficialità o paura, potranno trasformarci in tremendi carnefici fisici ed immorali. E siccome non c'è mai fine al peggio, queste saranno anche le stesse caratteristiche che ci vedranno diventare vittime, quando le fantastiche qualità apparterranno agli altri, che inevitabilmente ci feriranno. Spesso felicità e sofferenza sono solo strade che ci troviamo a percorrere, figlie di scelte fatte mentre le persone ci regalavano o ci rubavano qualcosa, influenzando e trasformando in modo drastico il nostro destino.
Però, non bisognerebbe mai permettere a nessuno di invadere la nostra mente togliendoci l'equilibrio, fino al punto di farci sbagliare tutto nella vita. Ma purtroppo succede e spesso, anche se la stessa azione, può essere percepita in modo diverso a secondo del momento e se siamo tristi o felici. Ed allo stesso modo anche le persone, le parole, le frasi o una poesia, possono arrivare al cuore di qualcuno, oppure non raggiungerlo mai. Siamo esseri mutanti, deboli e forti nello stesso tempo e niente potrà mai essere uguale per tutti. Tranne che in qualche caso e quando questo accade,
ecco che arrivano i grandi doni che la vita ci offre come l'Amicizia, l'Amore, l'Empatia e la Compassione. Ma è molto più facile e sicuramente meno faticoso far finta di non capire, piuttosto che impegnarsi a farlo! Quando poi si parla di momenti intimi,
che descrivono sofferenze sottili e sensazioni quasi impercettibili, allora le cose si complicano. Questo è il motivo per cui ho deciso di scrivere le mie poesie, ma raccontandole. L'ho fatto per consentire alla mia anima ed alla tua di allinearsi, riuscendo ad essere un po' meno distanti di come forse, sarebbero state. Le mie farfalle ti aiuteranno ad alzarti per volare, ma i miei bruchi ti faranno rimanere per capire. E insieme ti racconteranno emozioni profonde, che lente, scivoleranno una dopo l'altra e che se vorrai, potrai raccogliere e custodire. Piccoli fiori profumati che passando avrò lasciato sul sentiero, con la speranza di regalarti la leggerezza e la forza delle quali abbiamo tanto bisogno, per poter proseguire il nostro Cammino.
Ci saranno sempre banconi di legno dove aspettare qualcuno che arriverà e porte di vetro da attraversare. Quindi se puoi, infila quei fiori tra i capelli, non smettendo mai di volerti bene e chiunque tu sia in questo momento ... cerca solo di essere felice!

Non ho mai pensato che il fatto di essere nata in un corpo umano, potesse darmi la supremazia assoluta per agire o decidere del destino di altre creature. Infatti da sempre odio la violenza, i soprusi, le cattiverie e le ingiustizie di ogni genere ed al contrario amo qualsiasi forma di vita esistente, che spesso anche se piccola e apparentemente ripugnante, ha molta più ragione di esistere che certi individui superiori di mia conoscenza. Ma purtroppo non tutti la pensiamo allo stesso modo e quella con cui mi trovo a combattere ogni giorno, è l'assurda idea radicata in molte persone del tutto convinte, che ogni animale sia venuto a questo mondo solo per soddisfare le proprie esigenze, come quella di poterli mangiare, vestirsi con la loro pelle o peggio ancora sentirsi più fashion con una lussuosa pelliccia strappata da una creatura ancora viva, magari inserendole nell'ano una tubo di ferro che spara una dolorosissima scarica elettrica come succede alle volpi, visto che altrimenti la tanto ambita pelle, non si staccherebbe mai dai loro poveri corpi! Lo so che come primo argomento di un libro che parla di poesia è un po' crudo, ma devi capire subito che quello che scrivo, molto spesso fluisce da situazioni che mi hanno colpita e che non riescono proprio ad essere tradotte dalla mia testa come normali.
“Il colore della luce” nasce proprio dalla disperazione e dal senso di impotenza che provo, sapendo di non poter fare nulla per nessuno di loro e per fermare tutta questa normalità che mi stringe la gola e il cuore dentro ad una morsa da molto, troppo tempo. Ma dimmi come può essere normale uccidere? Come può essere sano mangiare animali che sapendo di morire dopo qualche ora, urlano la loro disperazione per un'intera notte tanto da esaurire tutta la voce, nella speranza che qualcuno li aiuti a scappare da quella loro maledetta Auschwitz? Come può essere normale tagliare la gola ad un maiale o macellare mucche e cavalli, che aspettano disperati in un corridoio buio e senza ritorno di essere uccisi, mentre le loro orecchie vengono perforate dalle grida strazianti e le narici dall'odore acre del sangue di compagni che stanno morendo prima di loro? Con quale diritto continuiamo ancora a farci chiamare umani se poi strappiamo il fegato e le piume delle oche, la bile agli orsi, soffochiamo i pesci dentro a sacchetti di plastica, tiriamo il collo alle galline o tritiamo i pulcini ancora vivi, solo perché hanno avuto la sfortuna di nascere maschi? Se non possiamo mangiarli decidiamo comunque di ucciderli, riuscendo anche a chiamare sport i massacri perpetuati nei confronti di minuscoli uccellini, che hanno l'unica colpa di cantare felici. E quando non sappiamo più come far loro del male magari diamo fuoco alle formiche, avveleniamo e spezziamo la spina dorsale di piccoli topi alla ricerca di un po' di cibo e schiacciamo indistintamente tutti gli insetti, solo perché ci fanno paura, volano, ronzano e ci infastidiscono tanto!
Ora dimmi ti sembra umano tutto questo? Davvero lo ritieni normale? Se la tua risposta è si fammi un favore: chiudi subito questo libro, riportalo dove lo hai preso e fattelo cambiare con un altro più adatto al tuo modo di pensare, dato che se questa per te è normalità ... hai appena comprato il libro di una pazza!

I COLORI DELLA LUCE

Se per un attimo un solo attimo
ci mettessimo al posto di ogni creatura
tentando di cambiare la nostra prospettiva,
per diventare più piccoli, più indifesi, più soli.
Se avessimo la Compassione necessaria
per guardare di che colore sono gli occhi
quando hanno paura.
Di che forma la disperazione
e quanto renda pesante ogni cuore
l'orrore che provano un attimo prima
che il loro tutto si spenga.
Mentre noi forti
e barricati dietro alla nostra ignoranza
ed alle nostre convinzioni
calpestiamo, mortifichiamo,
terminiamo un'esistenza
senza pensare, senza capire
che in un istante
stiamo dilaniando la loro unica vita
e che nessuno
gliene potrà mai più dare un'altra.
E tu
ti sei mai fermato per un attimo,
un solo attimo
a domandarti qual è il tuo colore
o la tua forma,
mentre annienti quella creatura indifesa?
Blocca la tua mano ancora priva del suo sangue
e fai entrare la devastazione della sua anima
dentro alla tua.
Non colpire.
Rimani nella luce.
Apri i tuoi occhi ed il cuore.
Gioisci adesso del suo respiro vivo,
anziché dello strazio di una vita morta.
Non mortificare il suo corpo.
Non insanguinare la tua anima
per sempre.

SECONDO RACCONTO

Ci sono giorni che nascono insieme ad un sole grande dove, non appena apri gli occhi al mattino, hai subito la sensazione che con un cielo così bello niente di negativo potrebbe mai succedere. E vai avanti con quell'idea per tutta la giornata, ricaricandoti dell'energia di quei raggi che pur essendo limitati dal loro splendere di novembre, riescono ad essere percepiti dalla pelle come se fossero quelli che ci riscaldano a primavera. Poi lentamente arriva la sera e quel tepore che ti aveva accompagnato a lungo, lascia il posto ad un'aria più fredda, che induce a rifugiarsi subito al calduccio.
Non so te, ma io sono parecchio freddolosa e quella sera, con il vento che all'improvviso aveva cominciato a tagliarmi la faccia, tornai a casa quasi correndo. Appena entrata mi accolse il tepore del riscaldamento, una cena calda e la mia immancabile tuta di pile. Tutto sembrava tranquillo ma poco prima di andare a dormire, decisi di accendere la televisione e dare un'occhiata ai programmi della serata. Quello fu il momento esatto nel quale capii che il vento era decisamente cambiato, anzi esploso. La mia giornata era stata perfetta, fino a quel maledetto istante nel quale avevo deciso di premere il tasto del telecomando. Infatti poco prima, probabilmente mentre mi stavo infilando la mia tuta calda o quando assaporavo la cena ignara di quello che stava succedendo, qualcuno a circa novecento chilometri di distanza in una delle città che più amo, aveva compiuto un terribile massacro, provocando la morte di moltissime persone!
Come poteva essere successa una cosa così orrenda, in una giornata così perfetta? Non riuscivo a credere a quello che stavano vedendo i miei occhi. Una sequenza fuori controllo data da immagini tremende di gente che correva terrorizzata, di ambulanze che sfrecciavano come fossero impazzite, fuoco e fumo in ogni inquadratura. Ovunque posassi lo sguardo si vedevano feriti, morti, urla, polizia e orrore.
E la cosa più scioccante di tutte, che in quel momento mi creava sgomento ed inquietudine, era il fatto che ad essere colpite dalle bombe, fossero state le persone comuni, quelle che camminavano per strada con la sola intenzione di tornarsene a casa o anche chi se ne stava tranquillamente seduto al tavolino di un locale, pensando di rilassarsi in un venerdì sera sereno, magari dopo aver lavorato per tutta la settimana.
Anch'io avevo camminato lungo quelle strade di Parigi in una sera di novembre e proprio come loro, mi ero seduta davanti a quei bar ed in quei ristorantini, soltanto per mangiare e passare un momento tranquillo ...

* Dedicata alle centotrenta vittime innocenti della
“Strage di Parigi 13 Novembre 2015”

ERO LÌ

Ero lì
solo due anni prima
e come loro mi sentivo felice,
travolta da un fiume di gente che scorreva veloce
divorando l'asfalto nascosto dai passi.
Ero lì
a respirare vetrine di luci intermittenti
catturando Parigi e la sua notte,
mentre la pelle
straripava di Emozioni e Follia.
Ero lì
quella sera, tra milioni di visi diversi
ubriaca di freddo, colori e rumori,
con il cuore pulsante di una gioia già provata
davanti ad una vecchia giostra
in una vigilia di Natale.
Ero lì
sorriso presente occhi di luce
e l'anima gonfia di poesia.
Ero lì
indifesa e felice
proprio come tutti loro
ma io
sono tornata a casa!
Cinzia Muroni
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto