Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Maristella Lippolis ha esordito nella narrativa pubblicando racconti sulla rivista Tuttestorie diretta da Maria Rosa Cutrufelli. Nel 1999, con la raccolta di racconti "La storia di un’altra" ha vinto il Premio Piero Chiara.
Seguono i romanzi "Il tempo dell’isola", "Adele né bella né brutta" (finalista al Premio Stresa 2008), "Una furtiva lacrima", "Raccontami tu", "Non ci salveranno i Melograni", "Abbi cura di te". È componente del direttivo nazionale della Società italiana delle Letterate. Il suo ultimo romanzo è "La notte dei bambini", edito da Vallecchi Firenze.
Salvatore Basile svolge attività di sceneggiatore dal 1992. Tra le sue sceneggiature ricordiamo: Ultimo, San Pietro, Cime tempestose, La cittadella, Sarò sempre tuo padre, L’uomo sbagliato, Fuga per la libertà, Giovanni Paolo II, Sotto copertura, Il sindaco pescatore, I fantasmi di Portopalo, Gli orologi del diavolo, La fuggitiva, Il Commissario Ricciardi. È ideatore di serie tv come: Il giudice Mastrangelo, Il Restauratore, Un passo dal cielo e Una pallottola nel cuore. Il suo ultimo romanzo "Cinquecento catenelle d’oro" è uscito con Garzanti ad aprile del 2022.
Patrizia Carrano è una giornalista, scrittrice, autrice radiofonica e sceneggiatrice televisiva italiana. Ha lavorato frequentemente anche ai microfoni di Radio2, e per Raiuno ha scritto alcune fiction di grande ascolto fra cui "Assunta Spina" e "Rebecca", ambedue con la regia di Riccardo Milani, e infine la serie "Butta la luna", con otto puntate dirette da Vittorio Sindoni. Dopo diversi libri che affrontano i temi della condizione femminile e quelli storici, si presenta al pubblico col suo ultimo romanzo, edito da Vallecchi Firenze: "La Bambina che mangiava i comunisti".
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Martine Vanderschueren
Titolo: Silvia, la zingarella
Genere Avventura Giallo Ragazzi
Lettori 997 7 9
Silvia, la zingarella
I. Corsa nella notte

- “Ivo, Ivo, svegliati. Presto!”
Il ragazzo borbotta alcune parole incomprensibili e si raggomitola sotto le coperte.
- “Ivo, Ivo!”
Il signor Santoro scuote suo figlio con impazienza.
- “Ivo, se non ti sbrighi, avremo grossi guai...!”
Stavolta il ragazzo apre gli occhi e guarda il padre perplesso.
- “Perché? Cosa succede?”
- “E' Rebecca, la cavalla grigia. Devi correre dal veterinario al villaggio. Io non mi posso muovere da qui...vai, vai a chiamarlo!”
Stavolta Ivo è ben sveglio. Calza in fretta i jeans, gli stivali, la maglia e scatta.
Presto! Ecco la bicicletta!
- “Speriamo che arrivi in tempo! Speriamo che ce la faccia!”, pensa il ragazzo disperatamente.
Rebecca, la cavalla grigia, la sua preferita, la sua prediletta... Non può morire per colpa sua.
Ivo pedala con più forza.
Come gli sembra lontano il villaggio stasera!
Finalmente alla svolta della strada, il ragazzo intravede la casa del veterinario. Tutto è tranquillo, dormono tutti...
- “Signor Felice, Signor Felice!” grida Ivo. “Signor Felice, si svegli! La prego Signor Felice!”.
Improvvisamente qualcuno appare al balcone del primo piano.
- “Che cos'è tutto questo baccano alle due di notte?”, chiede una voce innervosita.
- “Oh! Signor Felice, finalmente, venga presto, altrimenti sarà troppo tardi! Rebecca, la cavalla grigia, deve partorire!”.
- “Aspetta un attimo, scendo subito...”, dice l'uomo con un sorriso.
Un paio di minuti dopo il veterinario si mette alla guida della sua macchina.
- “Vieni con me, lascia la tua bicicletta qui!”
Ivo non se lo fa ripetere due volte. Chiude lo sportello e la macchina parte velocemente.
- “Giorgio, il garzone di stalla, se ne è andato per due giorni dalla mamma che non sta bene. Papà e mamma sono soli a casa”, spiega Ivo. “Devono rimanere con Lei”.
- “E' la tua preferita, eh ragazzo?” dice l'uomo don dolcezza.
- “Sì, signore, è così bella e dolce! Papà mi ha promesso che il puledro sarà mio. Mi auguro che tutto vada bene “.
- “Farò del mio meglio, piccolo” dice l'uomo con un sorriso rassicurante.
Il signor Felice tace... Il suo pensiero torna indietro nel tempo quando anche lui aveva l'età di Ivo. Come si riconosce in quel ragazzo: stessi occhi dolci, stessa sensibilità, stesso amore per i cavalli... Presto aveva deciso cosa avrebbe fatto da “grande” e infatti si era laureato con 110 e lode in medicina veterinaria. Al villaggio il lavoro era duro. In questa zona si erano stabilite diverse scuderie e la popolarità del signor Felice si era estesa ben oltre i limiti della contea. La gente del villaggio lo apprezzava perché era un lavoratore instancabile e un grande amico degli animali.
Ancora adesso, sebbene avesse 80 anni compiuti, si recava dagli allevatori che continuavano ad appellarsi a lui in caso di bisogno. E il veterinario, che aveva il mestiere nel sangue, non riusciva a lasciare tutti i suoi “pazienti”.
Un anno prima, poco distante di casa sua, si era stabilito un giovanotto, come si chiamava...ah si... Giuseppe. Anche lui veterinario. Era bravo ma mancava di esperienza. Il signor Felice l'aveva incontrato un paio di volte casualmente, era un giovanotto promettente.
Il vecchio sospira. Aggiusta il berretto che lo segue dappertutto, d'estate come d'inverno. Sott'occhio guarda la sagoma del ragazzino seduto vicino a lui in macchina. È evidente che non sta più nella pelle. Gli è sempre piaciuto questo ragazzo, forse perché assomiglia tanto a sé stesso...
La strada è buia e la fattoria isolata, ma eccoli arrivati...
La macchina entra nel cortile. Nell'oscurità una lucetta vacilla illuminando fiocamente il box di Rebecca.
Il signor Santoro, sentendo rumori di passi, esce precipitosamente dalla stalla.
- “Ah! Eccola! Signor Felice, grazie di essere venuto così presto”.
- “Non ringraziatemi, è tutto merito del vostro figliolo”.
Il signor Santoro guarda il figlio con un sorriso.
- “Grazie ragazzo!” gli dice picchiettando le spalle. “Venga signor Felice, bisogna far presto! Ivo, rientra a casa e rimani vicino alla mamma e a tuo fratello”.
- “Oh, no, papà ti prego, lasciami stare qui con voi! Luca è ben capace di stare da solo con mamma e io...”
- “No, Ivo, ho detto di tornare a casa. Questo parto può durare per diverse ore. È notte, è meglio che vai!”
Tristemente il ragazzo rientra in casa.
- “Non vedrò nascere il puledro della “Grigia”, il MIO puledro, accidenti!”
Lacrime di rabbia gli montano agli occhi, ma le ricaccia indietro coraggiosamente.
- “Ma va! Non piangerai mica come una ragazzina!” pensa velocemente. E scatta in sala da pranzo.
- “Ah, eccoti qua, Ivo” gli dice la mamma. È arrivato anche il signor Felice?”
- “Si” borbotta Ivo di malumore.
Dopo alcuni minuti di silenzio ...
- “Mamma, credi che ci riuscirà?” chiede Ivo nervoso.
- “Certo che sì! Vedrai andrà tutto bene. Quando c'è il vecchio Felice possiamo essere tranquilli. Su, forza, siediti a tavola. Ho preparato un po' di latte caldo. Vieni anche tu, Luca, su...”
- “Mamma” dice Luca sbadigliando, “quando sarò grande come Ivo, cioè quando avrò 15 anni, regalerete un puledro anche a me?”
- “Ne riparleremo fra un paio di anni!”

II – Un avvenimento importante

I bambini non riescono più a dormire. Fuori il giorno è spuntato pian piano. Nessuno parla. L'orologio conta uno ad uno i minuti che scorrono.
Improvvisamente si sentono dei passi nel cortile e i due uomini entrano in casa parlando ad alta voce. Il signor Santoro si ferma sulla soglia e guarda il viso di suo figlio sconvolto dall'ansia.
- “Ivo” dice dolcemente “tu...tu puoi cercare un nome per la TUA puledra!”
- “Grazie papà! Come sono felice, è meraviglioso! Grazie!” e gli salta al collo.
- È grigia come sua madre” aggiunge il signor Felice entrando anche lui. “Ha le gambe lunghe e fini, è una puledra che promette!”
- “Grazie anche a voi, signor Felice” risponde il ragazzo. “Avevo tanta paura!”
- “Certo che non è stato facile, i miei timori non erano del tutto infondati, ma fortunatamente è andato tutto bene!”
- “Vorrei vederla papà...”
- “No, aspetta un altro poco. Lascia che Rebecca si riposi un tantino.”
- “Sono così impaziente!” esclama Ivo. “Questa puledra è MIA, non ci posso credere! Che felicità!”
- “E allora questo nome? Ci hai pensato? “dice sorridente il veterinario.
- “Ah, sì, dimenticavo... diciamo... la chiamerò Sandra.”
- “Aggiudicato!” esclama la mamma. “Andiamo! Tutti a tavola per la prima colazione. Ho preparato del caffè per rimetterci dalle emozioni.”
- “Grazie signora” aggiunge il signor Felice “ci farà molto bene!”
Tutti si mettono a tavola discutendo con animazione.
Il signor Santoro è contento, stanco ma contento.
Guarda la moglie. Tra di loro c'è quella intesa fatta di sorrisi e di sguardi che vogliono dire molto. Loro sanno quanto questo cavallino sia importante agli occhi di Ivo. Il ragazzo aspettava da tanto!
C'era quel puledro nero, la primavera scorsa. Ivo si era affezionato tanto a lui che il signor Santoro glie l'aveva regalato. Ma poi, per una brutta malattia, non visse più di due mesi e il ragazzo era caduto in una silenziosa malinconia. Mangiava poco, non dormiva quasi più, era sempre fuori in qualche stalla a pensare e a rimuginare il suo dolore.
I genitori avevano invano cercato il dialogo con lui, ma non ci erano riusciti.
Dopo alcuni mesi, si era annunciata un'altra nascita nella scuderia e il signor Santoro aveva deciso di regalare questo nuovo puledro a suo figlio, con la speranza che il ragazzo si riprendesse.
Infatti, a poco a poco, Ivo era ritornato ad essere il ragazzo sveglio e dolce che era sempre stato e viveva i mesi di attesa con molto interesse. Poi si trattava del puledro di Rebecca, la sua cavalla preferita.
Così, dopo tutti questi mesi di tensione, il signor Santoro è contento.
Mentre si scambiano le impressioni, il sole è spuntato del tutto. Gli uccellini si svegliano e iniziano a cantare.
- “Ivo, Luca!” esclama la signora. “Sono le sette e mezzo. Sbrigatevi, farete tardi a scuola!”
- “Oh, no!” gridano i fratelli. “Neanche un giorno come questo possiamo fare festa a scuola?”
- “Non se ne parla proprio! Fra poco iniziano le ferie estive e in questi giorni dovete fare i compiti in classe.”
I ragazzi, brontolando, salgono di sopra e poco dopo tornano lavati e vestiti per bene.
- “Uffa! La mia bicicletta è rimasta a casa vostra” dice Ivo al veterinario.
- È vero! Andiamo ti porto con la macchina fino a lì”.
- “E Luca come farà?”
- “Per una volta lo porterai sul portapacchi della tua bicicletta. Andiamo, è tardi. Salite! Signor Santoro arrivederci! Verrò domani a vedere come vanno le cose.”
- “Vado un attimo a salutare Sandra e Rebecca, vengo subito!” e Ivo scatta attraverso il cortile.
Dell'altra parte ci sono i box. Piano piano, per non spaventare i cavalli, Ivo si ferma davanti ad una porta verniciata. All'altezza degli occhi c'è una targhetta bianca sulla quale si legge un nome inciso “Rebecca”. Tira il lucchetto e s'infila dentro. Un nitrito lo accoglie. Ivo chiude la porta e si avvicina alla cavalla che lo ha riconosciuto.
- “Rebecca, bella mia, sono felice!”
Rebecca guarda il ragazzo con degli occhi dolcissimi, poi lo sguardo cade sulla piccola creatura stesa nella paglia. A Ivo sembra che gli sta dicendo: “Te lo affido... ho fiducia in te”
Martine Vanderschueren
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto