Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Mariateresa Rotola
Titolo: Poesia con l'anima
Genere Poesia Erotica
Lettori 1588 13 14
Poesia con l'anima
Il luogo dell'anima in cui si incontrano gli amanti
Esiste un luogo in cui io e te siamo una cosa sola.
Quel luogo in cui nulla e tutto suonano all'unisono

Aria
Gli amanti respirano
Dallo stesso naso e dalla stessa bocca
L'aria é leggera se respiro con te
Manca l'aria se tu non respiri
Se manchi tu manca l'aria
L'aria è sempre buona ed abbondante
quando sei con me
Resta qui aria.

Silenzi di donna
Il tuo silenzio mi parla di
Fantasia gioia e sofferenza
Mi conduce in luoghi lontani
Mi prende per mano e mi fa danzare
Nel tuo mondo melodioso
Mi conduce in sapori nascosti e proibiti
Posso toccarlo
Il tuo silenzio
Non so se potrò comprenderlo fino in fondo
Perché è profondo e misterioso
Il tuo silenzio indossa un sorriso
Che nasconderle lacrime d'amore

La mia vibrazione
Ascolto te
E riesco a sentire parlare il cuore mio
Lui che batte più forte
Al suono della mia vibrazione gemella
Ed il mio respiro
Ascolto lui che ha da interloquire
È quello di donna
Che riceve amore incondizionato
Con convinzione dedizione e totalità
È il respiro affannato del sentimento vibrante
Che pervade il corpo l'anima e la mente
Come trinità umana e terrena
Ascolto te
E riesco a sentire parlare il cuore tuo
Anche lui batte più forte
Scosso dalla gioia di ricevere l'affetto profondo
Tanto anelato per mari e laghi
E monti colline e giardini
Ed essere qui insieme è il dono
Riservatoci dall'universo
Nelle sue infinite vibrazioni
Rammenta le nostre.

Il gioco delle anime
Le nostre anime bambine
Si inseguono
Si abbracciano e si inseguono ancora
Loro galleggiano nel tempo e nello spazio
Non temono nulla
Loro non conoscono altro se non amore
Non temono di essere separate
Perché ben sanno che non potrà mai accadere
Le nostre anime eterne
Giocano al gioco dell'amore
Ne conoscono il valore più intenso
E ne apprezzano la giocosità più profonda
La mia anima e la tua
Fuse per un tempo indefinito
In uno spazio non confinabile
Danzano nel gioco della complicità eterna

Rapiscimi
Cosa fai?
Mi baci
Qui davanti a tutti
Ma sei pazzo
Sì pazzo di te delle tue labbra morbide
Dei tuoi occhi profondi
Delle tue mani delicate
Del tuo corpo tutto
Solo la passione del tuo bacio
Può saziare il desiderio
E
Travolgere i miei sensi
Rapisci me ed il mio cuore
Conduci me ed il mio corpo
Nel vortice naturale dell'amore
Con il tuo famelico bacio

Il bacio ritrovato
Luce della mia anima
Passionale amore romantico
Sognante timido e surreale
Audace e concreto
Troppe son le sfumature
dell'amor di cui è intriso il bacio
che mi doni
Fotografa le mie labbra
nei sensi e negli occhi tuoi
Perché le tue giornate
Da questo ricordo
Si ispireranno e ciberanno
Minuto dopo minuto
ora dopo ora
giorno dopo giorno
In tutti gli stadi che la tua anima vivrà
e le epoche che il tuo corpo attraverserà
Finché mi ritroverai

Il bacio di Rodin
Vi siete trovati riconosciuti
Sfiorati in un attimo lungo un istante
Eppure lungo una vita intera
Ed infine.. persi?
Mai! Neppure se sopraggiunge l'ascia fredda e Nera!
Meglio una vita nei raggi di eternità
Ma insieme che una vita terrena e corporea Separati
Ed ora per quanto tempo resterete lì fissi labbra Nella carne?
Per sempre nei vostri cuori stracolmi di eterno
Mai più nei vostri corpi pieni di materia.

L'antico castello
Lo sfondo del mio amore
È l'androne del mio cuore
Fermati lì
So che mi puoi ferire a morte
Una volta nel mio castello
Il tuo intento svela anzitutto a te stesso
La tua passione protesa verso di me
Se ancor più tendi le corde
Del per me straniero desiderio
Potrò solo completamente
Abbandonarmi all'estasi d'amore
Ma no
Non mi è concesso
L'instabilità dei tuoi occhi
È il presagio dell'imminente partenza
Fermati lì nell'androne del mio cuore.

Le sfumature dell'amore
Sboccia una sfumatura
Sconosciuta al mio cuore
Quell'amore dai colori freddi
Trasmuta in luce splendente
I nostri volti erano nascosti ed avvolti
In un abbraccio nostalgico
Clandestini e romantici
Diventano ben delineati a noi e fuori di noi
La fusione tra noi avverrà comunque
L'indecisione è tensione di paura
Di abbandonarsi
Ed essere inglobati nell'amore
Questo amore dipanerà
I dubbi e l'irrequietezza
Mariateresa Rotola
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto