Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Annabella Di Vita
Titolo: Appunti rosso magma
Genere Romanzo Sentimentale
Lettori 3914 294 1576
Appunti rosso magma
Le vite accordate alle richieste del mondo sono spellate da ogni fantasia.

Sarah

Stromboli, 10 giugno 2009

Esco in terrazza. Sulla collina di fronte c'è una luna, spezzata in due, che ha fretta di crescere e la scia luminosa di un aereo che fa uno strappo nel cielo.
Domani uscirà la prima edizione del mio libro, tu ci sei dentro tuo malgrado.
Non ci sentiamo da un pezzo. Forse ti scriverò una e-mail. Allegherò alcune pagine a caso.
Mi sono infilata in questa storia sgualcita che non posso indossare in pubblico. A pensarci, non è una storia, perché priva di trama. Episodi sporadici che per te sbiadiscono sul bagnasciuga e dentro me si conficcano come aguzzi frammenti di corallo.
Gli amici dicono: «Sembri rinata!»
Non ti devo alcun grazie per questo. Tu o chiunque altro rientrate in una strategica casualità.
In questa giornata piena di scompensi spacco un frutto di melograno e sgrano, uno a uno, i chicchi rosso rubino; ognuno è un ricordo succoso e trasparente del mio volerti a tutti i costi.
Oggi mi chiedo se, per te, sono stata una scorribanda mentale per evadere da una quotidianità ostinatamente pianificata, o una spassosa alternativa per aprire la cerniera senza aver voglia di fare pipì.
Perché non si può vivere una vita senza regole, accanto a quella standard, senza far male a qualcuno?
Se ci spostiamo da un luogo all'altro, con un traghetto, senza che questo sconvolga il mare, perché il mio viaggio tra te e lui è sempre in burrasca?
Ogni abbraccio, tra noi, è incompatibile con i nostri punti fermi. Sbanda nei tornanti di un apparente equilibrio. Scaraventa oltre il guardrail ciò che sembrava definito e ferisce. Scegliere di opporsi è difficile, lasciare che accada è da stupidi.

Palermo, 9 giugno 2004 (Cinque anni prima)

«Allora, domani parti e mi lasci sola a Palermo per tutta l'estate?» sbuffa Cristina imbronciata. Per assicurarsi che starò bene mi convince a seguirla da una chiromante che definisce eccezionale.
Non credo alle anticipazioni sul futuro, però c'è sempre un po' di curiosità.
La gitana, mento appuntito, naso sottile. Le sue pupille, due trivelle prive di luce, scavano nel mio avvenire. Cosparge il palmo della mia mano di polvere marrone, la rimescola con i polpastrelli delle dita ossute. Esamina attentamente le linee della vita che in troppi punti quasi s'interrompono infiacchite dalle attese. Poi proseguono e diventano nuovamente marcate, forti di rabbia e di entusiasmo, rinvigorite dal bisogno di esistere ancora. Attendo ansiosa, ma infastidita da questa invasione nel mio privato. Comincio a pentirmi aspettando il responso. Lei non solleva mai la testa, neanche quando inizia a parlare e predice: «Vedo fiammelle scintillarti negli occhi. Tanto fuoco arderà dentro e vicino a te. Confonderai fuochi fatui e falò d'estate. Questo c'è nel tuo futuro».
Aveva chiuso la mia mano a pugno, con la sua, e ora tendeva verso me l'altra mano aspettando il compenso per lo sforzo compiuto.
Le pago la somma pattuita.
Lei ringrazia, abbassa la fronte e afferra impaziente due lembi dell'ampia gonna che le arriva ai piedi. Questo gesto la direziona verso un luogo che, sicuramente, l'aspetta perché è molto decisa quando si allontana.
Mi giro delusa verso Cristina: «Scusa, che voleva dire?»
«Qualsiasi cosa sia, ti assicuro si avvererà, ha indovinato il futuro a tutte noi. Entro sette mesi, al massimo da oggi, ci sarà il cambiamento che lei ti ha predetto.»
«Sì Cris, cerca di essere un po' razionale, cosa hai capito di quello che ha detto? Cosa dovrei aspettarmi? Fiammelle, fuochi e magari un'eruzione? Sarà l'eritema che mi viene a ogni cambio stagione?»
Cristina fa spallucce: «Non essere prevenuta, aspetta. Se non succede niente ti darò indietro i cinquanta euro che le hai dato.»
«Dai, smettila, cerca invece di organizzarti per raggiungermi ad agosto.»

Stromboli, 10 giugno 2004

Ancora due pennellate di blu oltremare e un marinaio dell'aliscafo griderà: «Ultima fermata! Stromboli!»
Le casette bianche, a forma di cubo, sembrano costruzioni giocattolo lasciate cadere, sulla pietra lavica, da un gigante bambino.
Ancora adesso, dopo tanti anni dal mio primo sbarco, questo posto continua a stregarmi.
Mi dirigo alla pensione dove ho prenotato. La mia camera, per errore, è stata data a un'altra persona. A giugno è già difficile trovare posti per dormire, l'unica possibilità un bed and breakfast distante dal mare e comunque vicino al centro di osservazione vulcanologica.
Ore 15.00. Trentotto gradi all'ombra, la strada è in salita, le ruote del mio trolley shuttle s'imbizzarriscono fra le scanalature del pavé.
Dal nulla si materializza, come birra gelata sul bancone del bar, un cancelletto con la scritta I gatti al chiaro di luna.
Non vedo la reception, mi guardo intorno. Sbuffo. I monolocali sembrano tutti occupati. Da una scala scende un uomo di statura media, ha i capelli cortissimi e brizzolati.
«Buongiorno, sto cercando una camera, posso chiedere a lei?»
Ha occhiali scurissimi, con l'indice li fa scivolare sulla punta del naso:
«Non a me, non posso ospitarla nella mia singola» risponde radiografandomi con due fari blu ghiaccio.
Gli punto contro il mio sguardo lupara e il suo tono di voce s'incivilisce: «Dovrebbe chiedere alla signora Maria, la trova in veranda». Corruga la fronte spaziosa. «Mi sembra comunque difficile, c'è un convegno sullo Stromboli in questi giorni.»
“Lo so – vorrei dirgli – sono qui proprio per questo.” Ma perché informarlo dei miei programmi?
Richiamata dalle nostre voci, la signora Maria non tarda ad arrivare. Mi viene incontro finendo di asciugarsi le dita grassottelle sul grembiule: «Mi scusi – dice accogliendo le mie mani fra le sue – stavo trafficando in cucina, posso fare qualcosa per lei?»
Ha un sorriso aperto e un viso rubicondo e simpatico.
Le spiego l'accaduto.
«Allora siamo fortunate. Ho appena avuto una disdetta, l'accompagno al primo piano per mostrarle la sistemazione.»
La stanza è accogliente, c'è una terrazza con tantissime piante e una vista sul mare impagabile.
«Per qualsiasi cosa – aggiunge – trova me o mio marito al piano terra, quel portoncino a destra dell'ingresso. Per la colazione può scendere dalle otto alle undici. Dopo non ci trova più, andiamo a fare la spesa. Se volesse cenare da noi, per favore, vorrei saperlo entro le cinque del pomeriggio.»
La ringrazio. Prendo dalla valigia un ricambio pulito, faccio una doccia e sono già le 18.00. Tra mezz'ora inizia la conferenza, mi vesto ed esco. La sala è quasi al completo, trovo un posto in seconda fila, mi siedo e cerco nello zainetto il blocco per gli appunti.
Sul palco presentano i tre relatori: una donna del centro ricerche di Firenze, un geologo francese e un vulcanologo che, ironia della sorte, è il ghiacciolo dei Gatti al chiaro di luna.

Stromboli, 30 luglio 2004

Durante questi mesi l'ho incontrato un po' ovunque, d'altronde l'isola non è grandissima. Ho cercato di carpirgli il maggior numero di informazioni per scrivere i miei articoli.
Sembra gentile e disponibile con tutti, ma credo sia un tipo da prendere con le pinze.

Stromboli, 1 agosto 2004

Ho spedito le due e-mail di lavoro a Mario, storico amico e da alcuni anni anche mio editore. All'uscita dal punto internet la grandine mi coglie impreparata. Mi riparo sotto la tettoia turchese del ristorante Grand Soleil.
Per strada non c'è un'anima, sarò l'unica che non ha ascoltato il meteo. Sono in ritardo per il congresso con gli scienziati americani.
La strada in discesa è scivolosa. Inizio a correre come una papera. Non è serio per una freelance, ma la scelta è salvare le gambe o l'immagine. Arrivo inzuppata di pioggia. Il portiere del Park Hotel La Sirenetta mi squadra, mi chiede di mostrargli l'invito. Tiro fuori il cartoncino, lo strizzo e glielo porgo. In cambio ottengo un telo di spugna accompagnato da un «prego» velatamente schifato. Mi asciugo sommariamente ed entro nel salone.
Non so quante persone ci siano. Una a una si girano verso me. Sono davvero troppe.
Perché non sono una talpa? Potrei scavare un tunnel per dileguarmi nel ventre della terra.
A questo punto arriva il cavaliere che viene a salvarmi. Si toglie il mantello azzurro – vedi giacca griffata dell'abito blu – e mi aiuta a indossarla. Gli sono grata. Confido che anche Claudio Ribelli, il vulcanologo iceberg, abbia un cuore, se non altro in leasing. Lo ringrazio con un filo di voce e lui di rimando: «Non l'ho fatto per lei. Non posso rivolgermi a 600 persone se i loro occhi sono puntati sulla sua camicetta trasparente e non su di me».
Solo allora mi rendo conto che la mia casacca aderisce al reggiseno in modo imbarazzante.
Abbottono la giacca mentre Narciso sale sul pulpito accompagnato dagli applausi della platea. Bleaah! Chissà cosa mangia. Involtini di maiale sbollentati in salsa d'ego?
Annabella Di Vita
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto