Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Salvatore Basile svolge attività di sceneggiatore dal 1992. Tra le sue sceneggiature ricordiamo: Ultimo, San Pietro, Cime tempestose, La cittadella, Sarò sempre tuo padre, L’uomo sbagliato, Fuga per la libertà, Giovanni Paolo II, Sotto copertura, Il sindaco pescatore, I fantasmi di Portopalo, Gli orologi del diavolo, La fuggitiva, Il Commissario Ricciardi. È ideatore di serie tv come: Il giudice Mastrangelo, Il Restauratore, Un passo dal cielo e Una pallottola nel cuore. Il suo ultimo romanzo "Cinquecento catenelle d’oro" è uscito con Garzanti ad aprile del 2022.
Patrizia Carrano è una giornalista, scrittrice, autrice radiofonica e sceneggiatrice televisiva italiana. Ha lavorato frequentemente anche ai microfoni di Radio2, e per Raiuno ha scritto alcune fiction di grande ascolto fra cui "Assunta Spina" e "Rebecca", ambedue con la regia di Riccardo Milani, e infine la serie "Butta la luna", con otto puntate dirette da Vittorio Sindoni. Dopo diversi libri che affrontano i temi della condizione femminile e quelli storici, si presenta al pubblico col suo ultimo romanzo, edito da Vallecchi Firenze: "La Bambina che mangiava i comunisti".
Daria Bignardi è una giornalista, conduttrice televisiva e scrittrice italiana. Nel 2009 esordisce con la sua biografia, intitolata "Non vi lascerò orfani". Segue il romanzo "Un karma pesante" pubblicato nel novembre 2010 e due anni dopo "L'acustica perfetta" che viene tradotto in undici Paesi. Nell'ottobre 2014 è la volta del romanzo "L'amore che ti meriti". Nel maggio 2015 esce il suo quinto libro: "Santa degli impossibili". Nel 2020 pubblica "Oggi faccio azzurro". Il suo ultimo lavoro è: "Libri che mi hanno rovinto la vita" per Einaudi.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Roberto Alvisi
Titolo: Fupy tra due mondi
Genere Fantasy
Lettori 1353 95 302
Fupy tra due mondi
“Tock! Tock!” sentì Roberto alla finestra del bagno,nonostante la musica a tutto volume.
Allora Roberto posò la lametta sul bordo del lavandino,poi andò ad aprire la finestra e disse “Potevi usare la porta”,facendolo entrare subito dopo.
“Lo so! Ma che senso ha avere le ali se ogni tanto non posso entrare anche dalla finestra” disse Fupy mentre entrava.
Subito dopo notò che Roberto si stava facendo la barba e che nel frattempo stava ascoltando della musica,che stranamente gli sembrava familiare.
“Cosa ascolti di bello?” domandò Fupy,con tono curioso.
“La canzone si chiama – Sorridi al mondo – e la canta Mona Levil” rispose Roberto,mostrandogli una foto della cantante.
“Mona Levil,hai detto?” pensò Fupy ad alta voce e questo perché quel nome gli sembrava familiare.
“Come ti sei trovato da mia sorella?” chiese Roberto,mentre finiva di farsi la barba.
“Bene! Mi ha chiesto alcune cose,me ne ha dette altre e così via” rispose Fupy,continuando però a pensare a quella cantante e a quella sua bella voce.
“Tipo?” chiese Roberto,curioso di sapere cosa aveva scoperto.
“Vediamo,cos'è che le avevo detto?” pensò Fupy ad alta voce e mentre si grattava il becco per ricordare,ci riuscì.
“Gli ho detto come passiamo le giornate,come ti comporti e come stanno i vostri genitori” disse Fupy,in modo molto vago.
Ma Fupy non aveva finito di parlare e così quando lo sentì dire “Mi ha anche detto di quel sogno che fai sempre e che è per questa ragione che secondo lei tu non hai una fidanzata”,Roberto si tagliò la guancia.
“Ahi!” disse Roberto a causa del taglio,ma invece di preoccuparsi per il sangue che usciva sulla guancia,disse “Non è vero che lo faccio sempre quel sogno e poi non doveva dirlo a nessuno era una confidenza che gli avevo fatto”. Poi Fupy,preoccupato per quel taglio,andò a cercare qualcosa per disinfettare la ferita e qui Roberto lo fermò.
“Tranquillo! Sembra più grave di quello che è realmente” disse Roberto per rassicurare Fupy,spiegandogli anche che presto il sangue si sarebbe fermato e poi per riprendere il discorso di prima disse scherzando “Io la strozzo”,riferendosi alla sorella.
“Ma no! Non c'è niente di male ad aspettare la donna dei tuoi sogni” disse Fupy e non appena si rese conto di cosa aveva detto,si scusò per il gioco di parole involontario.
“Non la strozzerò davvero. Comunque,mentre tu non c'eri,ho pensato a come si poteva sviluppare la storia sul coronavirus” disse Roberto,poi si ripulì il viso e disse a Fupy “Vedi! Non esce neanche più una goccia di sangue” e infine spense anche la musica.
La bozza che gli mostrò subito,non piacque a Fupy che disse “Come? Vuoi che il virus mi mangi?”,con sguardo contrariato.
“Sì! Ma poi lo distruggeresti dall'interno” rispose Roberto,pensando che gli potesse andare bene e nel guardare Fupy,capì che non era così.
Allora Fupy gli disse “No! E poi non ha alcun senso logico con la storia precedente”,incrociando le ali.
“Hai ragione!” ammise Roberto,strappando il disegno appena fatto e gettandolo nel cestino vicino alla foto della sua famiglia,posta sulla scrivania. Poi un lampo di genio gli fece capire quale era il collegamento che mancava ed iniziò a disegnare.
Nel vedere il suo creatore così immerso in ciò che faceva,Fupy disse “Io vado ...”,ma quando si accorse che non lo stava ascoltando,non finì nemmeno la frase e se ne andò.

“Ecco! Ho finito!” disse Roberto,alzando la testa dal suo lavoro e poi cercò Fupy.
Non vedendolo nei paraggi,Roberto scese giù e qui vide Fupy fare un po' di stretching.
“Ala su! Ala giù! Ala su! Ala giù!” diceva Fupy mentre compiva l'esercizio.
“Cosa fai? Vieni su! Ti devo mostrare il mio lavoro” disse Roberto,impaziente di mostrargli ciò che aveva ideato.
“Perché non vieni qui tu e fai un po' di ginnastica con me?” rispose Fupy,facendogli notare quella pancetta che aveva accumulato.
“Non saprei? Devo finire il capitolo del mio ultimo libro e poi dovrei disegnare la tua prossima avventura,quindi ...” disse Roberto,esitando nell'accettare
“Poche storie! Vieni qui a buttare giù un paio di chili” disse Fupy,prendendo un paio di pesi che aveva trovato in garage e che appartenevano proprio a Roberto.
“Ok! Come posso dire di no a quel faccino” disse Roberto,mentre si avvicinava a Fupy.
“Iniziamo con gli addominali” disse Fupy,appoggiando nuovamente i pesi a terra. Così iniziarono fare l'esercizio aiutandosi a vicenda.

Dopo pranzo,Fupy era troppo stanco per mettere in scena l'idea di Roberto,così andò a dormire e nel frattempo Roberto riprese in mano il libro che stava scrivendo.
“Chi sa che cosa sogna?” si domandò Roberto,guardando Fupy.
Però Roberto non riusciva a concentrarsi e così uscì di casa pensando di trovare quella concentrazione che tanto bramava. Una volta fuori,il forte vento che tirava e che ad altri avrebbe dato fastidio,per Roberto era come una leggera brezza che gli calmava lo spirito e così si sedette per godersi quel momento di pace.
“Come si sta bene” pensò Roberto chiudendo gli occhi.
In quel momento Roberto prese sonno e iniziò a sognare di essere sul fondale marino.

Dentro il sogno di Roberto – Lui era agitato per paura di non riuscire a risalire il fondale prima di finire la poca aria che sentiva di avere e mentre guardava in alto,pensava “AIUTO!”.
Improvvisamente una figura femminile comparì sopra di lui come se sapesse che lui era in difficoltà e aveva bisogno di lei.
“Lo so che sei tu” pensò intensamente Roberto,riferendosi a lei e al fatto che era la stessa donna delle altre volte.
“Sì! E anche tu” gli rispose lei,avvicinandosi a Roberto.
Anche se vicina,l'unica cosa che Roberto riusciva a vedere di lei erano i suoi lunghi capelli biondi,un sorriso magnetico e una lunga coda da sirena.
Il suo aspetto,anche se diverso,non lo disturbava e anche se non sapeva come aveva fatto a sentirlo,era felice che lei fosse lì.
Nonostante la tranquillità che lei gli trasmetteva,ad un certo punto Roberto non riusciva più a trattenere l'aria che aveva in corpo e poi la buttò fuori perché non riusciva più a trattenerla. In quel momento però,la sirenetta lo prese tra le sue braccia e poi lo baciò per passargli l'ossigeno,ma in quel bacio c'era più che un semplice scambio di ossigeno ed era così per entrambi.

Al risveglio di Fupy,quest'ultimo era pronto a mettere in scena il seguito della storia sul coronavirus ideato da Roberto. Poi si accorse che fuori stava piovendo e mentre andava a chiudere la serranda,vide Roberto che dormiva sotto la pioggia con la bocca aperta e muoveva le mani come se stesse annegando.
D'istinto Fupy aprì la finestra e volò di sotto per svegliare Roberto.
La pioggia si faceva sempre più intensa e una volta arrivato da lui,tentò di scuoterlo senza successo e allora provò a tappargli il naso.
“Svegliati!” gli ripeteva Fupy,mentre gli teneva il naso chiuso con fatica.
A quel punto Roberto si svegliò di soprassalto,scaraventando di conseguenza Fupy a terra e buttando fuori tutta l'acqua che gli si era accumulata in bocca.
“Ma cosa succede?” domandò Roberto,mentre tossiva a singhiozzo.
“Ohi! Ohi!” disse Fupy steso a terra,mentre si teneva l'ala che gli faceva male a causa della caduta.
“Non volevo!” disse Roberto,resosi conto che Fupy era caduto a causa sua.
Come prima cosa,anche se scioccato per l'accaduto,Roberto raccolse Fupy da terra con molta delicatezza e lo portò in casa per cercare aiuto.
“Aiuto!” gridò Roberto,nel tentativo di attirare l'attenzione dei genitori.
Dato che il nonno,ormai morto,possedeva dei pappagallini e che curava amorevolmente,Roberto sperava che anche il padre avesse assimilato qualche conoscenza sull'argomento,in modo che potesse attuare le cure di primo soccorso a Fupy.
“Tutto bene?” chiese il padre da lontano.
“No! Corri!” rispose Roberto,mentre appoggiava Fupy sul divano.
Appena il padre sentì quelle parole,corse dal figlio preoccupato per lui.
“Cosa succede?” gli chiese e Roberto gli rispose con tono agitato “Aiutalo!”,riferendosi a Fupy.

Ore 20:30,salotto – Roberto entrò nella stanza con un vassoio in mano e lo appoggiò di fianco a Fupy,dicendo “Scusami ancora per la tua ala”.
“Lo so che non l'hai fatto apposta e poi tuo padre mi ha assicurato che è solo una slogatura” disse Fupy,ricordandogli inoltre che gli incidenti possono capitare e che non c'è l'aveva con lui per quello che era successo.
“Nonostante tutto,per farmi perdonare,sono andato a fare una enorme scorta di cioccolato” disse Roberto,ancora dispiaciuto per l'accaduto.
“Hai detto cioccolato!” disse Fupy sgranando gli occhi verso Roberto.
“Sì! È tutto per te” disse Roberto,avvicinandogli il vassoio. Ma non appena Fupy provò ad allungare le ali verso di esso,sentì un dolore atroce e si strinse nuovamente l'ala che gli faceva male,anche se fasciata per tenerla ferma.
“Aspetta! Lascia che ti aiuti io” disse Roberto,afferrando un pezzo di cioccolato per poi portarlo davanti alla bocca di Fupy perché lo mangiasse.
“Grazie!” disse Fupy,poi prese un morso ed esclamò “Buono!”
Alla televisione,la notizia che il coronavirus e che quindi il lockdown,sarebbero rimasti finché non si sarebbe trovato il vaccino,ma che comunque il governo si stava preparando per la fase di allentamento del lockdown per far riprendere l'economia dell'Italia. Tra le notizie,poi c'era anche una controversia sull'uso del Mes,ma ne a Fupy e ne a Roberto interessava la notizia e così cambiarono canale.

Durante la notte,quando tutti ormai erano nel mondo dei sogni,Roberto non riusciva nemmeno a chiudere gli occhi da quanti pensieri gli passavano per la testa.
“Ho capito. Questa notte la passerò in bianco” pensò Roberto,essendogli già successo altre volte e così andò nello studio,accese la luce e iniziò a buttare giù qualche idea che gli stava passando per la testa in quel momento. Tra queste c'era qualche idea per nuovi romanzi,l'inizio di una poesia e un progetto che aveva pensato di costruire.
Roberto Alvisi
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto