Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: NiCMe (Niccolò Mencucci)
Titolo: Prima dell'esame
Genere Narrativa Autobiografica
Lettori 1489 9 13
Prima dell'esame
Una bolla d'aria sale; due bolle salgono; tre; cinque; dieci bolle volano intorno alla mia faccia. Non sento nulla al di fuori del rimbombo sordo del vuoto. Le mie orecchie sentono un gorgogliò di blub provenire dai lati, dal fondo, mentre gli occhi chiusi aspettano solo di riaprirsi.
Non riesco più a respirare, devo risalire.
- Fosco! Fosco! – sento provenire dal fondo della piscina – Qualcuno ti chiama!
- Ok, Ma, arrivo! – ed esco dalla piscina, ancora intontito per l'acqua entrata nei condotti acustici. Con una camminata veloce mi precipito sotto l'ombrellone, per prendere il cellulare. L'ho in mano: smette di suonare. Sbuffo all'aria, maledicendo questo soggetto anonimo. Prendo l'asciugamano tappezzato con il disegno di una banconota di diecimila lire e mi rilasso nello sdraio, in attesa che costui mi richiami subito. Do un'occhiata al panorama della piscina: a parte i soliti vecchietti dal color scamorza ci sono due gruppetti di giovani, uno dedito a calciare un pallone per gli angoli della piscina, giocando oltre a calcio anche con la pazienza dei bagnanti, e l'altro a tuffarsi compulsivamente, tanto per bagnare gli altri e i vicini, ovvero io e mia madre. Squilla di nuovo il telefono. – Chi è?
- Fosco? Ci sei? – è una voce famigliare, ma non riesco a decifrarla, -Oh, mi senti?
- Chi è? – gli chiedo ingenuamente.
- Mi prendi in giro? Sono io, Ernesto! Ernesto Sparvieri! Il tuo autore!
- Ernesto? O che succede? C'è qualche problema col tuo ultimo libro? – riferendomi all'ultima raccolta di racconti, “Giorni tranquilli”, in cui rimette in scena il suo alter-ego, Bartò.
- Sì, cioè no...nel senso l'opera va bene, anche se, come al solito, l'editing non è dei migliori...
- Scusa, ma anche tu, con quella email assurda: non me la puoi inviare così, poco prima di pubblicare la raccolta, con quelle disposizioni così formali...
Tanto si può modificare, sì? – mi chiede quasi preoccupato.
- Quello sempre, tranquillo. Cosa mi vuoi chiedere allora?
- Ecco...adesso vado in ferie. – mi afferma quasi vergognandosi.
- Bene! Era l'ora che ti prendessi una vacanza! Hai scritto una montagna di roba! Ferma un po' il tuo cervello!
- Beh, sai che non posso, in realtà; sono una macchina a vapore, e quando parto non mi ferma più nessuno nello scrivere.
- A meno che tu non deragli, come accadde per alcuni racconti un po' pessimi... – gli dico cinicamente.
- Vabbè, erano i primi tempi. Poi hai sempre fatto te la curatela, no? E non è stata malvagia!
- Ma se prima m'avevi detto...
- Comunque la situazione non è semplice: ti ricordi il programma di questo mese?
- Sì, devo pubblicare l'altra raccolta, ma quella è mia, non tua. Di tuo c'è il secondo romanzo di Bartò, Una questione privata, che devi pubblicare a fine mese.
- Ecco... – e tace.
- Ernesto? Cos'è quel silenzio? Che vuoi fare?
- Non credo di farcela...
- Ma è un romanzo semplice, dai! Come non ce la fai? Dobbiamo prepararlo anche in vista del concorso della RAI-ERI, via! Che fai da fare?
- Altro. Vorrei riposarmi davvero. E sai che non mi fido dei concorsi letterari. Sono tutte mezze truffe, senza poi un valore critico effettivo e una...
- Risparmiami la storiella: almeno loro ti pagano la pubblicazione, furbo. Saranno anche inutili e privi di valore, ma sono sempre un'ottima fonte di pubblicità.
- Che io non voglio. Senti, bisogna pubblicare altro, non quel libro.
- E che si pubblica per questo mese?!
- Altro.
- E basta con sto altro, Cristo! Non mi far imbestialire, Ernesto, o addio editing!
- Scrivi te! Scrivi te!
- Cosa? Come scrivo io? Che cavolo dici?
- Hai già scritto, sai scrivere! È tuo il romanzo “L'avventura di un sognatore”, o sbaglio. E anche “I Montaltesi”, quello che vuoi pubblicare. Sono tuoi, come “Paolo” e “La Dialettica di Carlo”.
- Vabbè, quelli sono per l'università, non c'entrano.
- Ma cosa scrivo?
- Te! Scrivi su di te! Come faccio io, col mio Bartò!
- Come su di me?!
- Devo andare, scusa. Ci si sente dopo. – e stacca.
- Ernesto! Testa di cacchio!
- Oh, Nì, ma che ti prende? – chiede mia madre vedendomi paonazzo. Si mette seduta sullo sdraio, e indirizza il suo sguardo verde sul mio castano.
- Niente, lavoro. Quell'idiota di Ernesto... - Ancora lavori per lui? Manco ti pagasse, poi.
- Hai ragione, ma lo faccio per me, più che altro, per il futuro.
- Il tuo futuro è studiare, non scrivere. Lascialo ad altri, come ti rammenta anche tuo padre.
- Non mi fido degli altri. Voglio scrivere solo perché lo voglio fare, non perché voglio diventare un grande scrittore.
- Sì, raccontala ad altri. – Torna supina, a prendere il sole.
Incavolato come un mulo ma subito ispirato prendo il mio tablet, lo accendo, aspetto che si carichi, aspetto, lo riaccendo, aspetto, lo rispengo e lo riaccendo, apro sulla home e cerco l'app per la scrittura. Appena l'apro mi dimentico quello che volevo scrivere. Per fortuna ritorna l'idea, e scrivo sulla tastiera digitale, sbagliando ogni parola di continuo. Penso: tanto, errore più, errore meno, non sarò peggio di quelli che pubblicano nei siti online. Finisco il primo abbozzo; sapendo di non avere altri lettori a cui affidarmi lo invio a Ernesto, alla sua casella postale. Dopo nemmeno cinque minuti mi risponde.

Signor Cerbo

Prima di tutto “Buon giorno”. Ho saputo che vorrebbe usare il mio Bartò per una sua storia. Le dico subito di no; non s'azzardi. Le consiglio invece di usare lei stesso, come si fa nelle autofiction. Lei è in vacanza. Parli di lei, in vacanza. Credo basti.

Dio ti maledica, Ernesto. Mi tocca ricominciare da capo.
NiCMe (Niccolò Mencucci)
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto