Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Matteo Di Gennaro
Titolo: La casa malata- Il male avanza
Genere Fantasy
Lettori 520 3 2
La casa malata- Il male avanza
La Vecchia Strega Zoppa.

Da tempo remoto cammina indisturbata per le strade del mondo; il passo claudicante come l'esile corporatura instillarono fin da subito tenerezza negli sventurati che incrociarono il suo sguardo ingannati dal dolce suono della voce e dalle maniere gentili: armi terrificanti raffinate con meticolosa perseveranza.
Nel suo lungo peregrinare incantò innumerevoli cuori con parole accuratamente misurate promettendo speranza e amore offrendo sontuose pietanze, ospitalità e premurose attenzioni impadronendosi silenziosamente delle loro vite. Gracile e indifesa venne da tutti protetta e aiutata, considerata fonte di saggezza alla quale attingere; ahimè poveri ingenui, mai compresero l'amaro destino al quale sarebbero andati incontro. La sua oscura arte consisteva nel penetrare con garbo la mente dell'Uomo ammaliandola con soffici sicurezze, sussurrando ciò che ognuno voleva sentirsi dire accondiscendendo opportunamente all'innato bisogno di conforto. Lo sguardo penetrante divenne col tempo, un padrone suadente che offuscò gli occhi di inermi schiavi ormai in balia della menzogna.
Ci fu un tempo però, in cui anime impavide scorsero il malefico giogo della Vecchia Strega Zoppa intuendone il disegno finale. Coraggiosamente s'adoperarono per risvegliare il mondo diradando la pesante coltre di nebbia dagli occhi dei malcapitati, ma il loro ardore fu spento dall'ignorante ottusità sparsa in modo irreversibile in ogni angolo del mondo. Uomini d'intelletto e di buon cuore furono torturati, uccisi, bruciati sotto il ghigno sprezzante del Male e, quei pochi che riuscirono ad eludere tale mattanza, furono costretti a vagabondare senza meta braccati da stolti ipocriti assetati di sangue.
La Vecchia Strega Zoppa sapeva chi cercare, dove trovare i suoi nemici. Furtivamente, nascosta dall'ombra della notte, li scovò uno ad uno frantumando per sempre ogni forma di ribellione riversando su di loro con demoniaca brutalità il nero sussurro del Male; come sempre faceva, con chi osava smascherarla, girata di spalle allontanandosi zoppicando sputò frasi impregnate di malvagità, che entrarono dritte nei cuori delle sue vittime dilaniandone la purezza.
Per secoli cercò un luogo sicuro dove nascondersi, dal quale emanare indisturbata il suo macabro respiro: attraversò sconfinate pianure, navigò gli oceani, camminò dentro fitte foreste e giungle incontaminate, fino a quando, una fredda mattina d'inverno, alla fine di un'impervia salita scorse una casa abbandonata. Lentamente vi entrò, salendo le scale che in pochi passi la portarono sul terrazzo; davanti a lei, la vallata e l'ignaro paesino di montagna che ben presto avrebbe conosciuto il subdolo potere dell'inganno.
Accorsero in molti ad aiutare la simpatica vecchietta: muratori, giardinieri, falegnami, desiderosi di portare sostegno a quell'indifesa creatura. Tutto cominciò di nuovo e, un sinistro sorriso, percorse il volto della Vecchia Strega Zoppa.

Madame Borderline

Povera sventurata creatura messa al mondo non per amore, ma per appagare lo squallido desiderio della madre di dare continuità alle sue malefiche menzogne; partorita dalla meschina indifferenza di un essere senza cuore.
Una delle tante abilità della Vecchia Strega Zoppa era di saper trasformare non solo il Bene in Male, ma anche le proprie sembianze. Una notte evocò malefiche entità che ne rigenerarono il corpo, ormai divenuto vecchio e stanco facendola rifiorire in una giovane donna dall'irresistibile bellezza; fra tanti scelse un uomo, il più buono e puro, perché nella sua contorta logica era anche il più manovrabile e, dopo alcuni mesi, diede alla luce una bambina paffuta dall'incantevole sorriso. Negli anni a venire La Vecchia Strega Zoppa iniziò un lento logorio psicologico nei confronti del marito; ormai non serviva più poiché aveva assolto il suo compito, quindi andava eliminato. Il pover'uomo continuò a lavorare duramente per soddisfare ogni richiesta della moglie, ma non bastava mai voleva sempre di più; ogni parola detta come ogni azione compiuta veniva sapientemente rimodellata per farlo apparire meschino, cattivo, inutile: l'unica gioia dello sventurato era il sorriso carico d'amore della figlia. Ben presto però, anche questo dono non basto più, all'improvviso, una sera d'autunno il suo cuore cessò di battere, e il sorriso della bambina si spense assieme al cuore del padre; la madre riprese le sue vere sembianze e, da quel momento, la bambina divenne Madame Borderline. Gli insegnamenti della Vecchia Strega Zoppa e una personalità fragile sdoppiarono la sua natura facendola divenire ora dolce e indifesa, ora meschina e subdola. Le lacrime, che a getto continuo ne bagnavano il volto impietosivano chi aveva la sventura di posare gli occhi su di lei velando una maschera sapientemente costruita nel tempo. Madame Borderline insegnava ai bambini, si prendeva cura delle persone indifese dispensando umanità senza mai tirarsi indietro, ma non c'era amore nelle sue parole, nelle sue carezze, nelle sue emozioni, solo l'incontrollato bisogno di soddisfare un ego malsano. L'altro aspetto della sua personalità, quello più perverso e nero, veniva consumato nell'ombra del compromesso accoppiandosi fugacemente come un animale impazzito gridando volgarità che imbrattarono con osceni orgasmi l'essenza del vero amore. Soddisfatti i torbidi bisogni tornava alla vita di sempre, come se nulla fosse accaduto, donando ancora lacrime di commozione e tenera comprensione.
Protetta dallo sguardo attento della madre Madame Borderline continuò per anni la sua effimera esistenza, fino a quando, giunse il momento di dare nuova linfa all'oscuro messaggio del Male.
Con parsimonia si mise alla ricerca di un'anima ingenua da circuire, trovandola, anestetizzando con lacrime opportunamente disegnate sul volto, il senno del pover'uomo; si mostrò fragile, vittima di un mondo crudele fomentando nello sventurato l'idea d'essere un cavaliere giunto a salvare la sua principessa dalle fauci dell'orco cattivo. Trascorsi pochi mesi rimase incinta dando alla luce un bambino sano ma, usando lo stesso metodo della madre, lentamente sgretolò le sicurezze del marito devastandolo giorno dopo giorno fino a che, allo stremo delle forze, abbandonato da tutti, perfino dal figlio che mai comprese la grandezza del padre fuggì in preda all'oblio. Il figlio crebbe sotto l'infausto giogo di coloro che avrebbero dovuto proteggerlo, divenendo anch'egli, parte del malefico piano della Vecchia Strega Zoppa. Oppresso da un malessere persistente e soggiogato dalle parole diaboliche opportunamente inserite nella sua mente, quel grazioso bambino, si trasformò nel Ragazzo Deviato.

Ragazzo Deviato

Continui bisbigli, parole soffiate delicatamente nel perpetuo consumarsi dei giorni, piano, piano; lentamente, il Male mise le radici dentro l'anima innocente di quel povero bambino uccidendone per sempre la purezza.
Lacrime di desolazione scorsero lungo il viso del Ragazzo Deviato, perchè in cuor suo sapeva ciò che la Vecchia Strega Zoppa e Madame Borderline stavano facendo, ma era ancora un bambino e non poteva, non voleva credere che le due persone più vicino a lui fossero l'incarnazione del sopruso, dell'inganno, del tradimento, quindi, non ebbe altra scelta che arrendersi, lasciandosi avvolgere dalla meschinità abietta di un'oscurità senza fine. L'unica persona che avrebbe potuto salvarlo impazzì dal dolore rifugiandosi nell'oblio della disperazione: era un brav'uomo, un padre esemplare, ma non aveva né le capacità, né la forza, per combattere un nemico così subdolo e potente.
Il bambino rimase solo in balia dell'amaro destino sviluppando col passare degli anni, un latente malessere che nel tempo s'impadronì della sua mente dirottandola in un susseguirsi di domande placate da nefaste risposte, che distorsero in lui la visione della vita.
Divenuto ragazzo provò a liberarsi dalla subdola manipolazione. Vedendo il mondo e parlando con altri ragazzi il dubbio che forse, la vita fosse in realtà leggerezza, comprensione e amore s'insinuò nel suo intimo, ma fu subito richiamato all'ordine: la Vecchia Strega Zoppa e Madame Borderline non ammettevano cedimenti e, come il più feroce dei tiranni, imposero con calcolata perseveranza la loro dittatura ricucendo con precisione chirurgica il flebile grido di libertà appena sbocciato.
Il suo disagio crebbe sempre più degenerando in improvvisi eccessi di rabbia consumati con implacabili scontri verbali e fisici, per tornare poi, all'improvviso, ad essere il ragazzo mansueto di sempre. Come la madre, una volta soddisfatta la propria bestialità tornava ad essere, con inquietante normalità, il ragazzo gentile e disponibile di sempre. La grossa mole dovuta alle prelibate pietanze preparate dalla Vecchia Strega Zoppa, unico rifugio dalle continue violenze mentali di Madame Borderline, oscurò ogni centimetro di mondo pesantemente calpestato, generando confusione e distorsione della realtà: inconsapevoli poteri del Ragazzo Deviato.
Matteo Di Gennaro
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto