Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Gina Marcantonini
Titolo: La reviviscenza di Ania
Genere Fantasy Spirituale
Lettori 3172 13 19
La reviviscenza di Ania
Premessa dell'autore
Questo testo nasce dal sogno fatto in una notte ispirata e, solo molto dopo averlo terminato, mi sono resa conto del vero scopo per cui il mio spirito lo ha generato.
In ogni famiglia, in ogni vita, ci sono ferite da guarire, situazioni da sanare, demoni da abbracciare e illuminare. Alcune riguardano un breve periodo della propria esistenza; altre si tramandano di generazione in generazione, creando catene di sofferenza inconsce che si protraggono finché nasce qualcuno che, consapevolmente o meno, le riconosce e trova il modo di interromperle.
Per questo, il breve racconto che segue fa parte di uno di questi meravigliosi processi che alleggerirà il karma della mia famiglia e darà ai suoi componenti la possibilità di poter scegliere, e percorrere, strade nuove.
Cari lettori,
ora, con la fiduciosa speranza che possiate trarne un qualsiasi vantaggio, vi lascio alla sua lettura.


Con affetto.
Gina Marcantonini

Due anni dopo.

La maniglia della porta si piegò e l'uomo subito tese l'udito. I cardini girarono su se stessi producendo un lievissimo cigolio che non poteva sfuggire ai sensi acuiti del cieco. Era seduto sul bordo del letto e scorreva con le dita un libro in linguaggio braille.
La porta si aprì appena, poi un altro poco.
- Chi c'è? - .
Tre passi leggeri risuonarono nel silenzio della stanza, poi si bloccarono. Un leggero alito di vento mattutino, proveniente dalla finestra socchiusa, sollevò le punte dei capelli della giovane donna.
- Ciao Ania, come stai? - .
- Cresco zio - .
- Sei diventata ancora più alta? E dove vuoi arrivare? - . Cercò di scherzare l'uomo. - Ma non rimanere lì. Ci dovrebbe essere una sedia vicino alla scrivania, se non l'hanno spostata.
- Non posso smettere di crescere. Ne ho bisogno per guarire - .
L'uomo abbassò la testa e chinò le spalle, come se un peso enorme vi si fosse posato sopra.
- Sei venuta a rivoltare il coltello nella piaga? - .
- L'ho mai fatto in tutte le volte che sono scesa a trovarti? - .
- No, e mi chiedo come tu riesca a farlo, dopo che... - .
- Se non vuoi, se per te è ancora troppo difficile, rispetterò la tua scelta - .
- No, ti prego. Sei l'unica visita gentile da quando si è saputo tutto. Solo tu, proprio l'unica che non mi sarei mai aspettato, continui a tornare - .
- So che anche altri vengono ogni tanto - .
- Si, una o due volte l'anno. Però lo fanno per pietà o per continuare a ricordarmi ciò che ho fatto e ad accusarmi, anche solo con il tono della voce o lo sguardo pesante... come se non bastassero le udienze del processo, gli avvocati, i medici e tutti gli altri - .
- Puoi biasimarli? - .
- No, certo che no. Però continuo a chiedermi come faccia tu. Come puoi riuscire a venire, da sola per giunta, a trovare il mostro che ti ha violata? - .
- Vedo che ora riesci almeno ad ammetterlo - .
- Ti fa sentire meglio? Vuoi che te lo ripeta? - sbottò all'improvviso l'uomo alzando la voce.
- Se lo fai per me, vuol dire che non hai ancora capito nulla - .
- Ecco un'altra cosa che non comprendo. Come fai a essere sempre così calma? E poi perché hai chiesto al giudice di non farmi marcire in carcere per il resto dei miei giorni? - .
Un silenzio assordante invase la stanza.
- Quindi alla fine hai saputo - .
- Si, me lo ha detto l'avvocato la settimana scorsa che sei stata proprio tu a fare una richiesta esplicita - .
- A me hanno detto che non si sa se la rispetteranno perché sono state fatte indagini. I poliziotti hanno fatto domande a tutte le persone che sono entrate in contatto con te e si sono fatte avanti altre due famiglie che hai frequentato - .
- Ho saputo anche questo - .
- Avevo immaginato di non esser stata l'unica - .
- Non volevo farvi del male Ania, devi credermi! - .
Un brivido scosse la schiena muscolosa della ragazza.
- Se davvero non volevi, potevi farti curare - .
- Io? E mio padre che veniva nel mio letto ogni volta che beveva? Chi pensi mi abbia reso cieco, in un giorno che mi sono ribellato? Mi ha picchiato talmente forte, nella pancia e in testa, che quella volta ho creduto di morire! - .
- Quindi è stato lui... - .
- Si. Lui è il vero mostro! Se non lo avesse ucciso la cirrosi giuro che... - .
- Giuri cosa! - .
Ania, per la prima volta da quando aveva deciso di iniziare quelle visite, si sentì ribollire dalla rabbia e balzò in piedi stringendo i pugni.
- Ora voglio proprio sentire cosa avresti fatto. Lo avresti preso a pugni come hai fatto con la guardia che è venuta ad arrestarti? O forse lo avresti ucciso? Facile così, vero? - .
L'uomo drizzò le spalle, sorpreso e in parte spaventato dalla forte reazione improvvisa.
- Violenza, violenza... possibile che non capisci? Pensi che tuo padre sia il mostro, e tu cosa sei diventato? Non ti è proprio venuto in mente che anche lui sia stato, prima di noi, vittima innocente? Magari da bambino come te e come tutti quelli che hai... - . La voce le tremò, spezzandosi un istante, poi riprese il controllo di sé e tornò a sedersi ammutolendosi.
- Tu cosa avresti fatto? - .
Ania sospirò, appoggiandosi allo schienale della sedia e incrociando le gambe.
- Non lo vedi? Ecco perché ti vengo a trovare. Per dimostrarti che esiste un'alternativa. Pensi che non avrei voluto anche io prenderti a cazzotti? - .
- Lo so che ne avevi voglia, l'ho sentito, a volte, nella tua voce, e mi sono sempre chiesto come potessi resistere - .
- Perché ho capito che non mi avrebbe fatto stare davvero bene. Che la rabbia, quella che ancora logora te e ti fa star male fino a un livello che non ho intenzione d'immaginare, io non la voglio. Non ho nessuna volontà di arrivare alla tua età senza essere riuscita a lasciarmi alle spalle questa storia, e a crearmi una vita vera - .
- Ma io sto bene. Solo che poi succede che... bhé si, tornano quelle sensazioni che non riesco a controllare e... - .
- A chi stai raccontando questa scusa, a me o a te stesso? - .
Sempre più sorpreso dalle risposte di quella ragazza che stentava a riconoscere, di quello che era stato uno scricciolo facile da usare per le sue pulsioni, non riuscì a rispondere.
- Vuoi davvero sapere come riesco a venirti a trovare? - .
Il cieco fece un timido gesto di assenso con la testa.
- Con il lavoro su me stessa. Ho capito che non posso decidere ciò che mi succede nella vita, ma scegliere come reagirvi si. E io ho deciso che voglio stare bene. Me lo ripeto ogni giorno e ogni volta che mi prende il groppo alla gola. Per me è diventata la prima scelta di ogni mattino appena apro gli occhi - .
- Ancora mi ricordo il giorno in cui tornasti dall'ospedale. I tuoi genitori avevano organizzato una festa di “bentornata a casa” e nessuno capiva perché, appena arrivata nel giardino, non scendevi dalla macchina. Poi arrivò la polizia - .
- Perché stai cambiando discorso? - .
- Perché solo ora ho capito che tu avevi già deciso quel giorno. Ricordo lo sguardo di fuoco di tuo padre e tu che mi voltavi le spalle - .
- Era ancora troppo presto - .
- Poi i poliziotti si misero a parlare con lui. L'altro tuo nonno, quello che non mi aveva mai sopportato, disse a tutti di stare calmi e di aspettare. Lo avevate avvisato, vero? - .
Senza aspettare la risposta continuò.
- Si, finalmente ora mi è tutto chiaro. Già quel giorno era cambiato qualcosa in te. Magari il coma... si, deve essere stato il coma a farti tornare la memoria, nonostante tutte le mie accortezze e precauzioni - .
Una risata isterica scosse il petto e la pancia dell'uomo.
- Quello stramaledetto ragnaccio mi ha fatto un bello scherzetto - .
- Quegli esseri sono migliori di quanto possa sembrare a noi umani, così pieni di ego e sempre pronti a sentirsi superiori - .
- Ecco vedi? Non lo avresti mai detto prima di quel giorno. Si, deve essere proprio così - .
- Ciao zio - .
- E bravo il ragnetto... - .
La ragazza si alzò e lasciò l'uomo a rimuginare.

I

L'autoambulanza era appena arrivata nel piazzale della casa, quando la ragazza svenne. Dal momento in cui era accorsa, in preda a dolori fortissimi agli arti e alla testa, cui era seguito vomito e un febbrone da cavallo, la madre non l'aveva mai lasciata sola.
Ania, mentre barcollava, le aveva mostrato subito la mano con i due puntini che iniziavano ad arrossarsi, ma lei gli aveva dato importanza solo quando, mentre la aiutava a sdraiarsi, un inconfondibile ragnetto nero con le macchie rosse, era uscito dalla manica della maglietta, si era fermato un attimo quasi volesse esser notato, poi era fuggito come un lampo prima che riuscisse a schiacciarlo.
La donna, avendo riconosciuto la vedova nera, abitante piuttosto comune di quelle campagne, corse subito al telefono per chiamare i soccorsi, e al freezer a prendere la tavoletta ghiacciata da mettere sulla mano della figlia. Voleva cercare di rallentare il diffondersi del veleno nel suo corpo.
L'ambulanza ci mise venti, interminabili minuti, prima di essere avvistata in fondo al viale della fattoria. Nel frattempo i sintomi si erano aggravati facendo sentire mamma Luisa impotente e spaventata; sapeva di non poter far di meglio che stare accanto alla figlia ed evitare che cadesse dal divano per i tremori che le agitavano l'esile corpo dopo lo svenimento.
L'infermiere e il medico dell'ambulanza si diedero subito da fare controllando i parametri vitali della paziente, poi la caricarono sulla barella e corsero il più velocemente possibile per le impervie vie della montagna, diretti verso l'unico ospedale che aveva l'antidoto adatto.
- Sta entrando in coma - le dissero mentre la caricavano e la intubavano, - ma faremo del tutto per evitare il peggio - .
La madre li seguì con la macchina, concentrata sulla guida come non aveva mai fatto prima, mentre il suo cuore andava in frantumi.
- Oh Ania, tu e la tua fobia per i ragni! Quante volte ti ho detto di non distruggere le loro tane e le loro ragnatele? Capisco che in casa non volevi averli, ma che motivo c'era di farlo anche nella stalla e in giardino? In fondo anche loro fanno parte del creato e poi ti abbiamo spiegato molte volte, quanto siano utili a tener a bada tanti insetti ben più fastidiosi.
Signore, per favore, ti prego. Salva mia figlia! - .
In pensieri, nel cuore e nella mente della donna, scorrevano veloci come le ruote dell'ambulanza, e lei li lasciava passare per evitare d'impazzire per la preoccupazione. Poi d'improvviso un pensiero le sorse dal petto e lei ci si aggrappò con tutte le sue forze e lo portò con sé: ce la farà, deve farcela, andrà tutto bene e presto tornerà a casa.
Gina Marcantonini
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto