Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Tommaso Carbone
Titolo: Il sole dietro la collina
Genere Romanzo
Lettori 2508 8 13
Il sole dietro la collina
Adriana diede un'occhiata alla cartina: mancavano ancora duecento chilometri.

L'aveva trattenuta per più di tre ore e adesso non ce la faceva più. La vescica era gonfia come un pallone e avvertiva dolorose fitte. L'autista si sarebbe arrabbiato. Durante la sosta nell'area di servizio di Contursi si era raccomandato di approfittarne, perché dopo non si sarebbe più fermato.

Adriana si fece coraggio e avanzò lungo il corridoio barcollando come se camminasse sul ponte di una nave con mare in burrasca.

Jacob guidava da cani, con improvvise accelerazioni e brusche frenate.

L'autista imprecò. Accostò e aprì la portiera.

Soffiava un gelido vento di tramontana.

Adriana si allontanò una decina di metri, scavalcò il guard-rail, calò i pantaloni fino al ginocchio, rabbrividì, si accucciò ai piedi di un albero e finalmente si liberò.

Nel pullman c'era un piacevole tepore. Raggiunse il suo posto e tentò di dormire un po'.

Lasciata la statale Appia proseguirono lungo una strada sterrata piena di buche.

I continui sobbalzi avevano finito per svegliarla.

Il pullman si fermò in una radura ai margini del bosco. Adriana e le altre, stanche e assonnate, scesero alla spicciolata. L'autista, un uomo sulla quarantina, alto e magro, con sottili baffetti, diede un sorso alla fiaschetta e si accese una sigaretta.

- Mişcativă cu bagagjele!1 - disse.

Prese il telefonino, compose il numero e attese.

- Pronto?! Sì, siamo dove detto tu. Quando venire? Aspettare. Okay, aspettare, capito - .

Schiacciò con la punta della scarpa la cicca e iniziò a tossire.

L'aria era fredda e dal cielo cadevano volteggiando radi fiocchi di neve. Sulla collina di fronte si vedevano le luci di un grumo di case spalmate sul versante della montagna.

Adriana aprì il borsone e scartò uno dei panini che la mamma le aveva preparato due giorni prima. Il pane era secco e il salame aveva un colore bluastro. Lo divorò.

Dieci minuti dopo arrivò un Ford Transit bianco. Scese un uomo con la testa calva insaccata nel bavero del giaccone.

- Ciao Jacob, come stai? - .

- Bene, Michele. E tu? - .

- Non mi posso lamentare. Com'è andato il viaggio? - .

- Tutto okay. Niente polizia, niente controlli... tutto okay - .

- Tieni. Contali - .

- Mi fido - .

- Quando il prossimo viaggio? Ho un sacco di richieste... - .

- Repede 2. Dieci, quindici giorni. Trovare altre donne e partire subito - .

- A presto, allora - .

- Ciao - .

Gheorghita le fece segno di sedersi accanto. Era sulla cinquantina, corpulenta e goffa nei movimenti, con un faccione tondo e due occhi piccoli e grigi. Lavorava in Italia da tre anni. Abitava in un villaggio vicino. Suo cugino Stefan l'aveva pregata di trovarle un lavoro. Le disse di non preoccuparsi, che tutto sarebbe andato bene.

Adriana abbozzò un sorriso. Con il dito disegnò un oblò sul vetro appannato e restò a fissare il buio.

Strette come sardine, dopo un viaggio che le sembrò lunghissimo, giunsero a una masseria.

Michele suonò ripetutamente il clacson.

Dalla porta laterale della vecchia costruzione in pietra e mattoni uscì un uomo smilzo con il viso rovinato dall'acne. Si diresse verso un capannone e aprì la porta scorrevole.

- Venite, che si gela - disse a Gheorghita.

Adriana passò accanto all'uomo che le lanciò uno sguardo carico di desiderio.

- Ciao, Gheorghita - .

- Ciao, Pasquale - .

- Ora abbiamo anche il bagno - disse ironico. - È in quella baracca di legno laggiù - .

- Con tutti i soldi che ci guadagni, è il minimo - .

- Una percentuale onesta. Ricordati che lavorate grazie a noi - .

Nel capannone erano allineate delle brande. Su un tavolo di assi di legno c'erano alcuni cartoni con tranci di pizze, panini, bibite e un po' di frutta.

Dalle bocche uscivano nuvole di vapore.

- Visto che bella accoglienza? - disse l'uomo. Aveva gli occhi lucidi e un ghigno beffardo. - Avrete tutte un lavoro. Comportatevi bene. Non voglio rogne. Domani sveglia alle sette. Buonanotte e sogni d'oro - .

Gheorghita tradusse.

Molte, sfinite dal lungo viaggio, si addormentarono subito. Qualcuna russava.

Il guanciale era giallo di sporco. Avrebbe dormito senza cuscino. Tirò la ruvida coperta fino a coprire la testa. Nonostante fosse stanca non riusciva a prendere sonno. Pensava alla famiglia, a suo padre malato, ai sacrifici fatti per raccogliere i soldi per il viaggio. Li immaginò seduti davanti al camino nella piccola casa di campagna immersa nel verde con i monti dalle cime imbiancati di neve che toccavano l'orizzonte.

Si rannicchiò sulla branda. La fatica e la tensione ebbero il sopravvento e sprofondò in un sonno inquieto e intermittente.


Un pallido sole entrava dai finestroni del capannone. L'aria era gelida.

- Sveglia! - gridò Pasquale. - Dopo la colazione si parte - .

Adriana uscì fuori. Vicino al capannone c'era un recinto con un centinaio di pecore e una tettoia di eternit sotto la quale erano accatastati grandi cilindri di paglia.

Il bagno era una lurida latrina con il cesso alla turca. L'odore era nauseabondo. Si lavò la faccia e uscì.

Pasquale fece segno a Gheorghita di seguirlo.

- Siediti - le disse. - Vuoi un caffè? - .

- Sì, grazie - .

Riempì le tazze.

- Quella ragazza bionda... quella alta. Dille che se vuole può lavorare per me. Le do settecento euro, molti di più di quelli che guadagnerebbe facendo la badante o qualsiasi altro lavoro - .

- Lasciala stare. È una mia parente - rispose Gheorghita, mentendo. Lo aveva già fatto con altre ragazze. Sceglieva le più carine, le blandiva con soldi e regali, e dopo che se l'era portate a letto le costringeva a prostituirsi.

- Come non detto - .

Adriana, seduta su una panca, fissava l'orizzonte.

Gheorghita la raggiunse. - Lavorerai presso una vecchia signora. È malata e ha bisogno di assistenza. Riceverai cinquecento euro al mese, più vitto e alloggio. Se hai bisogno di me chiamami in qualunque momento. Questo è il mio numero - .

Adriana l'abbracciò commossa.

Gheorghita prese dei soldi e glieli porse. Adriana non voleva accettarli.

- Prendili, possono servirti - .

- Grazie - .


Il piccolo paese era circondato da alte montagne ricoperte di boschi di cerri. Le strade erano strette e le case addossate le una alle altre.

La signora Mariangela Blasi abitava in un antico palazzo seicentesco nel centro storico, un dedalo di strette viuzze di impronta araba, nei pressi della cattedrale romanica.

Adriana suonò al citofono.

- Chi è? - .

- Adriana, la ragazza rumena - .

- Ti stavamo aspettando, sali - .

Il portone si aprì. Sulla volta dell'atrio era dipinto lo stemma gentilizio su cui capeggiava un leone d'oro attraversato da una fascia azzurra ornata di tre conchiglie e sormontato da una corona marchesale. Attraversò il cortile interno con al centro una cisterna col parapetto ottagonale e giunse ai piedi della scala in pietra che conduceva, biforcandosi, al piano superiore.

In cima l'attendeva la governante, una donna magra con i capelli grigi tagliati a caschetto.

- Accomodati, prego. Io mi chiamo Antonietta - le disse porgendole la mano. - Parli italiano? - .

- Poco. Se lei parla piano, io capisco - .

- Allora parlerò piano. Andiamo a conoscere la signora Mariangela - .

Bussò alla porta, attese un attimo e girò la maniglia.

- Signora, è arrivata la ragazza rumena - disse restando sull'uscio.

- Falla entrare - .

La stanza, con la volta a crociera dalla quale pendeva un enorme lampadario di Murano, era ampia e illuminata. C'era odore di lavanda. La signora Blasi, sostenuta da due guanciali, leggeva un libro.

- Come ti chiami? - le chiese fissandola.

- Adriana, signora - .

- Antonietta, le hai spiegato quali sono i suoi compiti? - .

- Sì, signora - .

- Bene, potete andare - e riprese a leggere.

- Buonanotte, signora. Vieni, ti mostro la casa, così potrai muoverti con più facilità - .
Tommaso Carbone
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto