Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Luna Spapa
Titolo: Il Profumo dell'Inverno
Genere Romanzo Rosa
Lettori 2540 10 5
Il Profumo dell'Inverno
Il Ritrovamento Astrale.
Un Paese Avvolto dalla Neve.
La cittadina di Roseto era un dipinto invernale, un luogo dove le strade deserte si snodavano tra case dai tetti coperti di neve. Il silenzio era interrotto solo dal morbido scricchiolio sotto i passi di chiunque si avventurasse fuori. Le finestre illuminate sprizzavano un calore dorato nell'aria gelida, creando un contrasto affascinante con il paesaggio innevato.
In questo scenario incantato, la locanda di Aurora sorgeva come un rifugio accogliente. Le pareti di pietra, imbiancate dal gelo, sembravano abbracciare chiunque si avvicinasse. Le tende pesanti e rosse alle finestre filtravano una luce soffusa che rendeva l'interno ancora più invitante. Il fumo sottile di un camino danzava nell'aria, portando con sé il profumo avvolgente del legno che ardeva.
La neve aveva trasformato Roseto in un paese fiabesco, avvolgendolo in un silenzio che sembrava sospeso nel tempo. Era come se ogni fiocco bianco portasse con sé un segreto, e le strade vuote nascondessero storie da raccontare. Era in questo quadro incantato che la storia di Aurora e Leonardo stava per prendere vita, sotto il cielo invernale che teneva stretti i suoi abitanti in un abbraccio freddo ma amorevole.
Leonardo Moretti, lo Scrittore in Cerca d'Ispirazione
Il vento freddo che sibilava tra le strade deserte di Roseto sembrava portare con sé una promessa di nuove storie, e in quel momento giunse Leonardo Moretti. Era uno scrittore di fama nazionale, conosciuto per i suoi romanzi che avevano catturato l'immaginazione di lettori di ogni angolo del paese. Tuttavia, dietro la sua maschera di successo, si nascondeva un'anima inquieta e assetata di nuove avventure letterarie.
Leonardo era un uomo di trent'anni dalla figura slanciata e portamento distinto. I suoi capelli castano scuro, disordinati con noncuranza, si univano perfettamente alla barba leggermente incolta che conferiva un'aria di fascino misterioso. Occhi profondi, di un colore indefinibile tra il verde e il grigio, riflettevano la sua passione per la vita e per le storie che cercava di raccontare.
Vestito con un cappotto lungo e scuro che si adattava alla solennità dell'inverno, Leonardo portava con sé un bagaglio che non si limitava solo a vestiti e carte. Nei suoi occhi si intravedeva la ricerca, la sete di nuove ispirazioni che solo un luogo incantato come Roseto avrebbe potuto offrire.
La sua fama era in parte dovuta alla sua abilità nel cogliere l'essenza umana, nel dipingere emozioni e relazioni con una maestria unica. Eppure, nonostante il suo successo, il cuore di Leonardo era un terreno fertile in cui crescevano dubbi e incertezze. Aveva bisogno di una nuova storia, di un'iniezione di vita che potesse scuotere la sua anima e ispirare il suo prossimo capolavoro.

Entrò nella locanda di Aurora con la grazia di chi è abituato a muoversi tra mondi immaginari. L'atmosfera calorosa e l'odore avvolgente di legno bruciato lo accolsero, ma fu il sorriso discreto di Aurora dietro al bancone che attirò la sua attenzione. La giovane donna aveva un'aria di riservatezza, ma nei suoi occhi si celava una curiosità che fece nascere un legame silenzioso tra loro.
Leonardo era affascinato non solo dalla bellezza di Roseto, ma anche dalla possibilità di trovare qualcosa di nuovo, qualcosa che avrebbe potuto risvegliare la sua creatività assopita. Aveva scelto la piccola cittadina invernale come rifugio dalla monotonia delle sue giornate, desideroso di immergersi in un ambiente diverso, lontano dalle pressioni del successo letterario.
La sua presenza aggiunse una nuova dinamica alla quiete di Roseto. Mentre la neve continuava a cadere fuori, dentro la locanda, le pagine in bianco del prossimo romanzo di Leonardo sembravano destinare un nuovo capitolo, uno che avrebbe portato con sé la magia dell'inverno e forse anche la scoperta di un amore inaspettato.
Primi Incontri nella Locanda
Il caminetto scoppiettava, diffondendo un calore rassicurante nell'atmosfera intima della locanda di Aurora. Le luci soffuse delle lampade color ambra creavano un'aura di magia mentre Aurora, dietro al bancone, stava servendo una tazza di cioccolata fumante a Leonardo, lo scrittore in cerca d'ispirazione.
"È strano," mormorò Leonardo, sollevando la tazza tra le mani per sentirne il calore. "La tua locanda sembra un rifugio fuori dal tempo."
Aurora sorrise leggermente, i suoi occhi misteriosi catturati dalla luce danzante delle fiamme. "È così che ci piace pensarla qui a Roseto. Un luogo dove il tempo scorre più lentamente, lasciandoci spazio per apprezzare le piccole gioie."
Leonardo annuì, ma il suo sguardo rimase fisso su Aurora. Era affascinato non solo dal calore del camino, ma anche da quella donna enigmatica di fronte a lui. C'era qualcosa nei suoi modi tranquilli e nella riservatezza con cui si muoveva che lo attrasse in modo irresistibile.
"Mi hai detto poco di te," disse Leonardo, cercando di colmare il divario di silenzio che separava i loro mondi. "Cosa ti ha spinto a gestire una locanda in un luogo così appartato?"
Aurora sorrise ancora, ma questa volta i suoi occhi mostrarono una traccia di malinconia. "La vita mi ha portato qui, credo. Ci sono cose che preferisco lasciare indietro, e Roseto mi offre la quiete di cui ho bisogno."
Leonardo la guardò attentamente, i suoi occhi penetranti alla ricerca di risposte non dette. "E il tuo cuore?" chiese improvvisamente, quasi come se il suo istinto da scrittore lo spingesse a scavare più a fondo. "Cosa cerca, Aurora?"
La giovane donna si irrigidì leggermente, ma poi abbassò lo sguardo, come se stesse cercando di nascondere un segreto delicato. "Il mio cuore cerca la pace," rispose con voce dolce ma misurata.
Leonardo notò la risposta evasiva, ma non volle insistere oltre. Invece, cambiò argomento con un sorriso accattivante. "E tu, Leonardo Moretti, cosa cerca il tuo cuore?"
La risposta di Leonardo fu un sospiro leggero, e il suo sguardo si perse in quello di Aurora. "Credo che stia cercando qualcosa di nuovo, di autentico. Un'ispirazione che vada oltre le pagine dei miei romanzi."
Un breve silenzio si abbatté tra loro, ma il calore del caminetto sembrava risuonare con l'energia crescente tra Leonardo e Aurora. Nel silenzio che seguì, i loro sguardi si intrecciarono, e la tensione romantica nell'aria divenne palpabile. In quel momento, Leonardo Moretti comprese che l'ispirazione che cercava poteva non provenire solo dalle storie che avrebbe scritto, ma anche da quella che stava iniziando a vivere con Aurora.

La Magia dell'Inverno nei Racconti
Il caminetto ardeva vigorosamente, danzando con allegria mentre le fiamme creavano ombre danzanti sulle pareti della locanda. Leonardo Moretti e Aurora si trovavano accanto al fuoco, avvolti nella magia dell'inverno e nel calore dell'amicizia appena nata. Era il momento perfetto per racconti e confidenze, e Aurora sentì un impulso improvviso di condividere i suoi segreti più profondi con lo sconosciuto scrittore che aveva varcato la soglia della sua locanda.
"Sai, Leonardo," cominciò Aurora con un sospiro leggero, "questo paese è pieno di storie dimenticate e promesse infrante. Ma è anche un luogo di rinascita, di speranza che può sbocciare tra i fiocchi di neve."
Leonardo la guardò con attenzione, i suoi occhi curiosi rivelando un interesse sincero. "Raccontami la tua storia, Aurora. Cosa ti ha portato qui, in questa tranquilla cittadina?"
Aurora esitò un istante, come se stesse valutando la profondità delle sue parole. Poi, con una grazia silenziosa, iniziò a raccontare.
"Sono cresciuta qui, tra queste strade silenziose e le montagne maestose che circondano Roseto. La mia famiglia gestiva questa locanda da generazioni, ma la vita mi ha portato via per un po'." Un velo di tristezza sfiorò i suoi occhi, ma presto svanì, sostituito da una determinazione silenziosa.
"Ho vagato per il mondo, cercando qualcosa che forse non avrei mai trovato. Ho vissuto amori e delusioni, ho visto posti meravigliosi, ma alla fine, il richiamo di casa è stato più forte di qualsiasi altra cosa."
Luna Spapa
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto